Sicurezza Agricoltura e selvicoltura

Linee guida e pubblicazioni

Se la normativa di prevenzione rappresenta uno strumento utile per attuare iniziative e controlli da parte del servizio pubblico in determinate tipologie di aziende agricole e forestali, più difficile è raggiungere quella altissima percentuale di imprese familiari e di hobbisti che costituiscono l'ossatura produttiva in Toscana. Perciò, accanto ad azioni di vigilanza e controllo è necessario affiancare una costante attività di informazione e promozione della salute.

Se pur alcune pubblicazioni hanno qualche anno riportano comunque utilissime informazioni

In materia di salute e sicurezza dei lavoratori non si può improvvisare e l'informazione, la formazione e l'addestramento sono strumenti fondamentali di prevenzione anche nel comparto forestale.
L'analisi degli infortuni dimostra che nei cantieri forestali molti infortuni sono causati da errore umano, da una cattiva organizzazione del lavoro e da una scarsa conoscenza dei rischi.
Questo manuale vuole costituire un giusto punto di equilibrio tra gli interessi della produzione e la tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori.
La pubblicazione vede la collaborazione di esperti provenienti dal mondo accademico, impegnati nella ricerca volta ad incrementare la resa lavorativa, ed esperti dei dipartimenti di prevenzione delle USL toscane, che analizzano sotto il profilo del rischio le modalità operative messe in atto nei cantieri forestali.

Linee guida e pubblicazioni

Linee guida per la prevenzione e sicurezza nei lavori forestali in Toscana ►►
 
Linee guida adeguamento dei trattori agricoli o forestali ai requisiti minimi di sicurezza per l'uso delle attrezzature di lavoro previsti di cui all'Allegato V del D. Lgs. 81/08 ►►
 
 
Indirizzi operativi regionali sicurezza e salute nei cantieri forestali ►►


 Filiera bosco legna energia. Elementi di sicurezza sul lavoro. Cippatrici

 
Filiera bosco legno energia, elementi di sicurezza sul lavoro. Gru a cavo 

Filiera bosco legno energia, elementi di sicurezza sul lavoro. Harvester 


SICUREZZA e SALUTE nei CANTIERI FORESTALI (video completo)

F.A.Q REGIONE TOSCANA


Di seguito sono riportate le risposte ai quesiti posti dagli operatori dei Dipartimenti di prevenzione delle Aziende Usl al Gruppo regionale "Tutela della salute dei lavoratori in agricoltura e selvicoltura "  circa l'interpretazione applicativa del D.Lgs. 81/2008.


Riferimento comunitario per ULA- art. 4 comma 4 D. Lgs. 81/2008
Per la applicazione del computo riportato nell'art. 4 comma 4 del D. Lgs. 81/2008 s.m.i a quale determinazione CEE si deve far riferimento? 
Il riferimento comunitario aggiornato è la raccomandazione 2003/361/CE recepito dal e Decreto Ministeriale 18 aprile 2005.
Prot. n. AOOGRT/307528/Q.100.70 del 26.11.2009 - 
 
Sulla impresa familiare - art. 21 D.Lgs. 81/2008
In merito alle esenzioni dall'applicazione degli adempimenti previsti dal DLgs 81/2008, indicate all'art. 21 del decreto stesso per le imprese familiari ai sensi dell'art. 230-bis del CC, si chiede se un'impresa individuale in cui presta il proprio lavoro e partecipa agli utili anche il fratello del titolare dell'impresa stessa, secondo regolare atto scritto, possa essere ritenuta un impresa familiare esente secondo il citato art. 21 da alcuni obblighi, tra cui la nomina del RSPP, del RLS e delle figure di addetto alla lotta agli incendi e al pronto soccorso".
L'impresa familiare è un impresa individuale alla quale partecipano i parenti entro il terzo grado dell'imprenditore e gli affini entro il secondo grado; i familiari non sono né soci, né dipendenti ma collaboratori e come tali hanno diritto al mantenimento e alla partecipazione agli utili in proporzione al lavoro prestato.
Tale istituto è specificamente regolato dall'art. 230/bis del c.c. e presenta le seguenti caratteristiche:
- l'impresa viene gestita in forma individuale
- il familiare effettivamente presta la sua attività in modo continuativo e prevalente rispetto alle altre attività eventualmente svolte all'esterno dell'impresa, esclusivamente nell'impresa e senza che sia configurabile alcun tipo di rapporto (es. lavoratore dipendente).
Nel caso specifico se l'impresa individuale presenta le caratteristiche di cui sopra è da ritenersi un'impresa familiare.
Prot. AOOGRT/307500/Q.100.70 del 26.11.2009 -


Attività di formazione dei lavoratori e collaborazione comitati paritetici art. 37 comma 12 D. lgs. 81/2008


Il d.lgs 106, nell'ambito dell'attività di formazione dei lavoratori e dei loro rappresentanti, all'art. 37, comma 12, stabilisce che tale formazione deve essere somministrata in collaborazione con i comitati paritetici ove presenti pertanto si chiedono indicazioni su come agire nel caso di assenza di questi; si chiede inoltre una specifica del significato da dare alla dizione "in collaborazione".
L'art. 37 comma 12 al quale si fa riferimento nel quesito cita che la formazione dei lavoratori e dei loro rappresentanti deve avvenire in collaborazione dei comitati paritetici e non esplicita soluzioni alternative in caso di assenza come invece viene fatto al comma 7 bis) dello stesso articolo che è inerente la formazione dei dirigenti e preposti; nel comma 7 bis) infatti si rimanda alle associazioni sindacali dei datori di lavoro o dei lavoratori nel caso in cui i comitati paritetici non siano presenti.
In attesa di chiarimenti a livello nazionale per la corretta applicazione del comma 12, per il settore agricoltura dove effettivamente possano al momento verificarsi casi di assenza su alcuni territori dei comitati paritetici si ritiene che la formazione dei lavoratori e dei loro rappresentanti debba avvenire anche in assenza dei comitati paritetici.
Per quanto riguarda la definizione della collaborazione per la attività formativa dei lavoratori e dei loro rappresentati richiamata nell'art. 37 comma 12 gli ambiti della collaborazione si ricavano dall' art. 51 comma 3 bis) in cui si recita che gli organismi paritetici svolgono o promuovono attività di formazione e dall'art. 2 comma ee) in cui si individuano come sede privilegiata per la programmazione di attività formative, pertanto qualora i comitati paritetici siano presenti la collaborazione riguarderà gli aspetti della programmazione, svolgimento, promozione ed è opportuno che vengano coinvolti tramite una dettagliata informativa.
Prot. AOOGRT/0307495/Q.100.70
 
Contratti di lavoro con aziende terze
Propongo all'attenzione i seguenti due casi in cui le aziende stipulano contratti di lavoro con altre aziende terze, in merito a specifici impegni di produzione o di lavoro, e la cui componente principale e comune è che le imprese alle quali è affidato il lavoro operano in ambienti e con attrezzature di proprietà della propria committente, per avere indicazioni sui necessari adempimenti da attuare.
Nello specifico: è possibile che
- fra aziende agricole siano sottoscritti contratti di affitto come, ad esempio, spazi della cantina, con attrezzature ad uso promiscuo (ciò da parte di entrambi i due soggetti): in questo caso abbiamo operatori di altre aziende che vinificano nei tini concessi ad uso proprio (in virtù del contratto di affitto), ma la lavorano con attrezzature impiegate anche da dipendenti dell'azienda committente
- fra aziende produttive in genere, dove invece che commissionare lavorazioni all'esterno, stipulano accordi per cui i dipendenti dell'azienda che ha in affidamento il lavoro specialistico, operano negli spazi e con le attrezzature della committente, ed anche in questo caso le attrezzature sono usate da entrambi i soggetti.
Una precisazione: nel settore agricolo il problema si pone anche nelle occasioni in cui il compartecipante prende in gestione una superficie per la raccolta delle olive, e l'azienda a lui fornisce: scale, teli, cassette ed a volte agevolatori.
Nel quesito vengono individuate due situazioni:
1- nella prima ci troviamo di fronte ad un'azienda che, attraverso un contratto di affitto, concede ad un'altra l'utilizzo di locali ed attrezzature
2- nella seconda abbiamo l'affidamento di lavori a terzi che svolgono tali attività per conto dell'azienda committente, utilizzando anche attrezzature dell'azienda committente
Nel primo caso l'azienda che concede in affitto locali, impianti ed attrezzature dovrà dichiarare, il buono stato ed il rispetto delle norme di sicurezza per quanto concesso in uso. I beni assoggettati a procedure di attestazione alla conformità, devono essere accompagnati, a cura del concedente, dalla relativa documentazione (art.23 del D.lgs 81/2008).
Chi concede in uso o locazione finanziaria macchine, apparecchi o utensili costruiti o messi in servizio al di fuori della disciplina di normative di prodotto, deve attestare, sotto la propria responsabilità, che le stesse siano conformi, al momento della consegna, ai requisiti di sicurezza (art.72 D.lgs 81/08, all. V).
Chi concede in uso attrezzature di lavoro senza operatore dovrà inoltre ricevere, dalla ditta utilizzatrice, una dichiarazione con l'indicazione dei lavoratori incaricati del loro utilizzo e della formazione specifica per l'utilizzo in sicurezza di tale attrezzatura ricevuta da tali lavoratori (art.72 d.lgs 81/08).
Dovranno essere inoltre regolamentate le modalità di utilizzo dei locali e delle attrezzature, al fine di evitare problemi di sicurezza ed igiene del lavoro derivanti dalla presenza di due attività in un unico ambiente.
In questo primo caso non siamo nel campo di applicazione dell'art. 26 del D. lgs 81/2008 relativo agli obblighi connessi ai contratti di appalto o d'opera o di somministrazione, e quindi viene meno l'obbligo di verificare l'idoneità tecnico professionale dell'azienda con cui viene stipulato il contratto di affitto, e del documento di valutazione dei rischi da interferenze.
Il documento di valutazione del rischio delle due aziende dovrà evidenziare le misure adottate al fine di ridurre o eliminare i rischi che possono presentarsi in una tale situazione lavorativa.
Nel secondo caso si tratta di una attività in regime di appalto od opera. Quindi ne deriva la necessità di verificare l'idoneità tecnico professionale dell'azienda a cui viene affidato il lavoro e l'obbligo di effettuare una valutazione delle possibili interferenze ed elaborare il documento previsto dall' art. 26 del D.lgs 81/2008 (DUVRI).
Anche in questo caso il datore di lavoro che concede in uso macchine, apparecchi o utensili costruiti o messi in servizio al di fuori della disciplina di normative di prodotto, deve attestare, sotto la propria responsabilità, che le stesse siano conformi, al momento della consegna, ai requisiti di sicurezza (art.72 D.lgs 81/08, all. V).
Qualora si conceda in uso attrezzature di lavoro senza operatore si dovrà richiedere, alla ditta utilizzatrice, una dichiarazione dalla quali risultino i lavoratori incaricati del loro utilizzo e la formazione in materia di igiene e sicurezza del lavoro ricevuta da tali lavoratori (art.72 d.lgs 81/08).
I lavoratori delle aziende appaltatrici dovranno essere muniti di tesserino di riconoscimento (art.26 del D.lgs 81/2008).
L'argomento relativo alla presenza di lavoratori in regime di compartecipazione verrà affrontato successivamente in quanto la questione è attualmente oggetto di approfondimento da parte del gruppo di lavoro del Tavolo Tecnico Regionale "Tutela della salute dei lavoratori in agricoltura e selvicoltura". 
Prot. AOOGRT/114728.Q.100.80.20 del 27.04.2010 -
 
Messa a disposizione di macchinari da parte della ditta committente
Un'azienda Committente affida ad un'azienda che offre dei servizi l'esecuzione di interventi per la realizzazione di un nuovo impianto di vigneto. L'azienda in appalto interverrà con i propri mezzi e con il proprio personale. Quale attuazione delle disposizioni in vigore provvedo a:
- richiedere una visura CCIAA dell'azienda che ha l'appalto, per la verifica della capacità professionale
- inoltrare all'azienda che ha l'appalto, una richiesta informazioni su i rischi che introdurrà nella mia azienda, che possono quindi essere interferenti, e con le relative misure di prevenzione
- redigere e di conseguenza consegnare in occasione di una riunione inizio lavori, il DUVRI con la documentazione e le informazioni previste.
Qualora l'azienda che ha l'appalto non disponesse di un mezzo movimento terra, che al contrario il Committente possiede, e considerando che per certi interventi di manutenzione e realizzazione fosse questa una macchina essenziale e determinante per l'esecuzione dei lavori, come posso regolare la posizione per concederlo in uso gratuito all'azienda che esegue le diverse lavorazioni? Come posso fare apparire la concessione e la relativa regolarità dell'azione all'interno del DUVRI?La messa a disposizione di macchinari da parte della ditta committente per necessità della ditta appaltatrice, si ritiene che sia da specificare nel contratto di appalto, non nel DUVRI.
L'Art. 23 (Obblighi dei fabbricanti e dei fornitori) del D.lgs 81/2008 vieta "il noleggio e la concessione in uso di attrezzature di lavoro" non rispondenti alle norme in materia di salute e sicurezza sul lavoro.
Chi concede in uso attrezzature di lavoro deve attestarne la conformità ai requisiti di sicurezza (D.lgs 81/2008 art.72 comma 1). Chi concede in uso attrezzature di lavoro senza operatore, oltre ad attestarne il buono stato di conservazione, manutenzione ed efficienza ai fini della sicurezza, deve acquisire e conservare una dichiarazione del datore di lavoro che riporti i nominativi dei lavoratori addetti al loro utilizzo, i quali devono risultare adeguatamente formati (D.lgs 81/2008 art. 72 comma 2).Prot.AOOGRT/22702/Q.100.80.20 del 27.01.2010
 
Stagionali e sorveglianza sanitaria
Stagionali assunti per brevi periodi. Ad oggi per quanto attiene la sorveglianza sanitaria, sottoponiamo a visita preventiva solo gli operai assunti con mansioni che li espongono a rischi particolari (rumore, chimico, vibrazioni, etc.). Escludiamo dalle visite mediche gli addetti assunti a tempo determinato e stagionale, che non sono esposti a rischi specifici. Qualora la mia valutazione del rischio, redatta in collaborazione con il medico del lavoro, entrasse in maniera specifica in questa impostazione, posso mantenere la procedura descritta e considerarla corretta, oppure solo perché la mia attività è sottoposta a sorveglianza sanitaria allora tutti gli stagionali devono passare la visita preventiva?
La sorveglianza sanitaria attraverso le visite preventive viene attuata mediante protocolli sanitari che tengono conto delle mansioni svolte e dei rischi per la salute corrispondenti. Ne deriva quindi che non è l'attività svolta dall'azienda a determinare il protocollo sanitario, ma la mansione svolta dal singolo lavoratore, per la quale nel documento di valutazione dei rischi sono indicati i rischi per la salute corrispondenti.
La visita preventiva andrà effettuata, quindi, per i lavoratori che saranno adibiti a mansioni per le quali, nel documento di valutazione dei rischi, sia individuato un rischio per il quale è previsto l'obbligo della sorveglianza sanitaria, indipendentemente dalla tipologia contrattuale. Prot. AOOGRT /22702/Q.100.80.20 - 

Fonte Regione Toscana aggiornamento 17/03/2017


documenti gratuiti sicurezza sul lavoro

MESSAGGIO INFORMATIVO SUL NOSTRO SERVIZIO DI NEWSLETTER PROFESSIONAL:

Gli iscritti alla nostra Newsletter Professional hanno accesso all'area condivisione gratuita dove trovare oltre 7000 file gratuiti  utili sulle tematiche prevenzione e sicurezza negli ambienti di lavoro e cantieri temporanei e mobili.

Abbonarsi alla nostra newsletter è conveniente e permette di ricevere via mail notizie, approfondimenti,software freeware,documenti in materia di prevenzione e sicurezza negli ambienti di lavoro...e non solo.

L'iscrizione alla newsletter darà diritto a ricevere le mail contenenti notizie in materia di prevenzione e sicurezza, ad accedere al download del software freeware condiviso gratuitamente con tutti gli iscritti (Trovi il materiale condiviso gratuitamente, Fogli excel utili per la gestione sicurezza, software freeware, Dwg per layout in Autocad,Schede di sicurezza
..Manuali..Approfondimenti...e altro ancora).

L'iscrizione da' diritto anche a particolari scontistiche su vari servizi offerti.

L'iscrizione alla Newsletter Professional non ha scadenze o rinnovi annuali da sostenersi.

MAGGIORI INFORMAZIONI SU COME ISCRIVERSI




Servizi online sicurezza sul lavoro

 

Safety Shop



Risorse Inserite sul Sito di Testo Unico Sicurezza dot Com

Ultimi Inserimenti sul sito:
Testo unico sicurezza 81-2008 versione desktop compatibile Windows Mac e Linux
Semiotica Bombole 2019
Linea guida uman 2019 Rev. 6.2019
Regione Lombardia D.g.r. 31 luglio 2019 - n. XI/2048
OT23 2020 ex OT24 INAIL
Interpello N. 5 / 2019
Prevenzione e Protezione CEM
POP, regolamento 2019/1021 In vigore dal 15 luglio
protezioni da utilizzare in atmosfera esplosiva.
Linee di indirizzo 2019 su ondate di calore e inquinamento atmosferico
Linee Guida per la raccolta e lo smaltimento di piccole quantità di Manufatti Contenenti Amianto
Linee Guida per incidenti che coinvolgono auto elettriche-ibride
Modifica 2019 alla regola tecnica sulle strutture ricettive all'aperto
La gestione della sicurezza nelle cave a cielo aperto
Il primo soccorso nei lavori in quota
Schede Analisi Infortuni
Medico competente e promozione delle pratiche vaccinali nei luoghi di lavoro.
La protezione attiva antincendio
fAQ STRESS LAVORO CORRELATO
criteri di valutazione R ambiente per pavimenti in fibre di amianto
CALCOLO MICROCLIMATICO ONLINE ISO 11079
Ambienti Moderati Severi Cadi/Freddi
Effetti sulla salute dei sistemi di illuminazione che utilizzano diodi emettitori di luce (LED)
Opuscolo in lingua cinese
Quando si può sbarcare in quota dalla Ple?
Formazione per operatori di carrelli industriali semoventi senza sedile
Decreto dirigenziale n. 189 del 29 maggio 2019
test di autovalutazione sicurezza aziendale
La manutenzione per la sicurezza sul lavoro e la sicurezza nella manutenzione
Rimozione in sicurezza delle tubazioni idriche interrate in cemento amianto
Interpello n. 4/ 2019
scale portatili secondo il testo Unico sicurezza
Chek List "SCALE PORTATILI"
Verifica periodica Idroestrattori, carrelli semoventi a braccio telescopico, piattaforme di lavoro autosollevanti su colonne e ascensori e montacarichi da cantiere
Prezzario Regionale 2019 Regione Emilia Romagna
Prezzario 2019 Regione Marche
Prezzario 2019 ANAS
Linea Guida 2019 Per la corretta manutenzione dei sistemi antincendio
verifica periodica su Impianti di messa a terra e impianti di protezione contro le scariche atmosferiche
Sicurezza per le macchine e L'essenziale per la riduzione del rischio
Lista di controllo Vibrazioni sul lavoro
Lista di controllo cantieri edili con bonifica di amianto in word+slide powerpoint seminario
Corsi sulla sicurezza e attestati falsi
installazione videosorveglianza sui luoghi di lavoro
Guida ai servizi di verifica di attrezzature, macchine e impianti
servizi di certificazione e verifica di impianti e apparecchi si richiedono on line attraverso il servizio CIVA inail
Valori degli indici di Sinistrosità Med
Revisione 2019 delle tariffe Inail
EBook Rischio Chimico e cancerogeno
decreto del 12 aprile 2019 del Ministero dell'Interno contiene modifiche al DM 03/08/2015
Linee guida per l’applicazione delle raccolte ISPESL VSR-VSG-M-S
La resistenza al fuoco degli elementi strutturali
rischio EMC lavoratori portatori di pacemaker
Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro: disponibile la nuova versione di APRILE 2019
Funi per apparecchi di sollevamento
normative applicabili e consigli Scaffalature industriali
Interpello n. 3/2019 su formazione e aggiornamento
illuminazione di luoghi di lavoro
responsabilità e obblighi del dirigente scolastico
Calcolatore GVR
GUIDA ADR 2019
MUD 2019
Procedure di sicurezza operazioni con elicottero
Modello editabile word relazione annuale amianto
Etichettatura prodotti disinfettanti
Indicazioni preliminari per la stesura di PEI e PEE
determinazione delle esposizioni sporadiche e di debole intensità (ESEDI) all'amianto
indicazioni-operative-somministrazione-fraudolenta.html
La gestione degli Spazi Confinati nel settore delle costruzioni
Calcolo dell’orario medio Lavoro Notturno
MANUALE DELLA CIRCOLAZIONE DELLE MACCHINE AGRICOLE
Linee guida per la gestione operativa degli stoccaggi negli impianti di gestione dei rifiuti
Database in excel Schede di sicurezza editabili in word sostanze chimiche
Decreto segnaletica stradale 2019
Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro Febbraio 2019
Interpello n. 1/ 2019
Elenco incompatibilità tra agenti chimici diversi
classificazione e l'etichettatura delle sostanze notificate e registrate nonché l'elenco delle classificazioni armonizzate
Chiarimenti Ministero Lavoro su Apprendistato e formazione in distacco
app android Decreto 81/2008
Cambia la direttiva 2004/37/CE
Tabella delle voci armonizzate disponibili nell'allegato VI del CLP
Codici statistici delle unità amministrative territoriali 2019
Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro Gennaio 2019
Linea guida sulla sicurezza degli impianti elettrici
calcolo degli spettro di risposta sismica NTC 2018
REGISTRO DEI CONTROLLI ANTINCENDIO 2019 IN WORD
SCHEDA TECNICA RESPONSABILI SICUREZZA LASER
Verbalizzazione accertamenti e mezzi di impugnazione
Rischio sismico, idrogeologico e vulcanico Comuni Aggiornata la mappa dei rischi naturali
La bonifica delle coperture in cemento amianto
BONIFICA DEI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO IN MATRICE FRIABILE
Linea Guida Apparecchi a pressione Tubazioni
Significato frasi pericolo chimico multilingua
Database excel Valore accellerazione massima al suolo comuni italiani
Blocchi Autocad Gratuiti
Prezzario Opere Edili ed Impiantistiche regione Liguria Anno 2019
Prezzario 2019 Regione Sicilia editabile in word
Prezzario 2019 dei Lavori pubblici della Toscana
Prezzario regionale Lombardia edizione 2019
aumentati gli importi delle sanzioni per violazioni in materia di lavoro
Istruzioni per la valutazione della robustezza delle costruzioni
NUOVO DM ANTINCENDIO BOZZA AGGIORNATA A GENNAIO 2019
Scheda per l'analisi di un infortunio in Pdf Editabile, word ed Excel
Sicurezza Dispositivi di attacco rapido per escavatori
Programma didattico per lavoratori temporanei
la prevenzione delle cadute da coperture di edifici Regione Marche 2018
Tabelle Rimborsi chilometrici ACI 2019 Excel
Maternità flessibile dopo la gravidanza
Quiz delle Verifiche di idoneità del Responsabile Tecnico dicembre 2018
Schede sicurezza in word gratuite valutazione dei rischi edili
Raccolta modelli in excel e word Regolamento Generale sulla ProtezioneDei Dati
Movarisch vers. pro 2019 Excel

kit Didattico Rianimazione Cardio Polmonare
Prevenzione incendi alberghi: prorogata la SCIA se l’attività è sospesa o è al di sotto di 25 posti letto
Gli adempimenti sulla sicurezza per gli enti del terzo settore
sicurezza delle caldaie a vapore
Circolare MATTM Prot. 4064 del 15 Marzo 2018
Delibera del Consiglio SNPA. Seduta del 03.10.18 Doc.n. 41/18
UNI/PdR 51:2018 Responsabilità sociale nelle Micro e Piccole Imprese
Dossier sicurezza scuola Inail 2018
Analisi permeazione degli indumenti di protezione chimica
Applicazione MultiVapor ™ Versione 2.2.5
Norme in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro delle strutture destinate per finalità istituzionali a compiti in materia di ordine e sicurezza pubblica
Linee guida europee sul rumore
VAI ALL'ELENCO DELLE NEWS INSERITE IN ORDINE CRONOLOGICO
Risorse e servizi online offerti su Testo Unico Sicurezza dot com:

Tutte le news pubblicate dal 2010 ad oggi
Modelli in word di Documento Valutazione dei Rischi
Modelli in word di Documenti specifici per l'edilizia
Excel a supporto della sicurezza
Modello di Piano Emergenza ed evacuazione in word
Modelli di Duvri in word
Materiale didattico per la formazione
Tutto Excel, calcolo dei rischi specifici
Newsletter Professional
Testo unico sicurezza Aggiornato