Valutazione del rischio da ordigni bellici inesplosi

Valutazione semplificata in excel

Valutazione del rischio da ordigni bellici inesplosi

Le attività di indagine per il rinvenimento di tali ordigni inesplosi, in caso di realizzazione di scavi, a lungo lasciate allo spirito di iniziativa dei soggetti interessati, è stata disciplinata, sotto il profilo della sicurezza sul lavoro, con la promulgazione, da parte del Parlamento, della Legge 1 ottobre 2012, n. 177 recante “Modifiche al decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, in materia di sicurezza sul lavoro per la bonifica degli ordigni bellici” 

con l’entrata in vigore di tutte le modifiche al testo unico sulla sicurezza, introdotte con
la citata Legge 177, i principali riferimenti normativi sono i seguenti articoli dell’81/08:
 
•   art. 28 comma 1 (Oggetto della valutazione dei rischi);
•   art. 91 (Obblighi del coordinatore per la progettazione);
•   art. 100 comma1 (Piano di Sicurezza e Coordinamento)
•   art. 104 - (Modalità attuative di particolari obblighi)
•   allegato XI (Elenco dei lavori comportanti rischi particolari per i lavoratori)
•   allegato XV 2.2.3. (Contenuti del piano di sicurezza e coordinamento)

Le modifiche a tali articoli,riguardano sostanzialmente l'obbligo diretto a carico del CSP (Coordinatore per la Sicurezza in fase di Progettazione) di eseguire la valutazione del rischio di rinvenimento di ordigni bellici inesplosi e valutazione del rischio di esplosione derivante dall’innesco accidentale di un ordigno bellico inesploso rinvenuto durante le attività di scavo.

Il rischio derivante dal rinvenimento di un ordigno bellico inesploso non è quasi mai escludibile a priori. 

A tale scopo abbiamo realizzato un semplice foglio di calcolo per semplificare la valutazione del rischio da ordigni bellici inesplosi.

Il foglio excel e' gratuito e riservato agli iscritti della nostra newsletter professional.

ACCEDI AI CONTENUTI GRATUITI