Sicurezza degli impianti tecnologici e di servizio

Sicurezza degli impianti tecnologici e di servizio - Focus sulla misura S.10 del Codice di prevenzione incendi

INAIL

Il “Codice di prevenzione incendi”, nella sezione S “Strategia antincendio”, prevede dieci capitoli dedicati alle “Misure” di riduzione del rischio di incendio.

Il capitolo S.10 del Codice, dedicato alla sicurezza degli impianti tecnologici e di servizio, “restringe” il campo di applicazione ai soli impianti tecnologici e di servizio per l’attività, sottolineando che per gli impianti tecnologici di processo (non quelli destinati a servire il fabbricato) è necessario procedere alla valutazione del rischio incendio specifica per l’impianto considerato, evidenziando, inoltre, l’eventuale possibilità di effettuare anche la valutazione ATEX.

La progettazione della sicurezza antincendio nelle attività soggette alle visite ed ai controlli dei Vigili del Fuoco e, in generale, nei luoghi di lavoro, al fine di ridurre l’insorgenza di un incendio e di limitarne le conseguenze, è sancita dal d.p.r. 1 agosto 2011 n. 151 per le attività soggette, mentre nei luoghi di lavoro è prescritta dall’art.
17 del d.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i. (Testo unico per la sicurezza).
Le suddette misure, che si basano sulla preliminare valutazione del rischio incendio, possono essere individuate a partire da un approccio progettuale di tipo prescrittivo o di tipo prestazionale.
Si ribadisce che tali obblighi valgono anche in attività che non sono luoghi di lavoro in virtù del d.lgs. 139 dell’8
marzo 2006 e s.m.i..
La progettazione antincendio, nel rispetto della normativa vigente in materia, può essere effettuata elaborando soluzioni tecniche flessibili e aderenti alle specifiche caratteristiche ed esigenze delle attività soggette al controllo di prevenzione incendi (metodo prestazionale).
In questo contesto si inserisce il Codice di prevenzione incendi (Co.P.I.) il quale, senza effettuare uno strappo rispetto al passato, si propone come promotore del cambiamento, privilegiando l’approccio prestazionale, in grado di garantire standard di sicurezza antincendio elevati mediante un insieme di soluzioni progettuali, sia conformi che alternative.
In sostanza, il Codice rappresenta uno strumento finalizzato all'ottenimento degli obiettivi di sicurezza antincendio, caratterizzato da un linguaggio allineato con gli standard internazionali.
La strategia antincendio in esso rappresentata, in dipendenza dei livelli di prestazione scelti, garantisce i prefissati obiettivi di sicurezza, mediante diverse soluzioni progettuali, grazie alla compresenza ed all’apporto delle varie misure antincendio.
Si segnala che il d.m. 12 aprile 2019, modificando il d.m. 3 agosto 2015, prevede l'eliminazione del cosiddetto “doppio binario” per la progettazione antincendio delle attività soggette al controllo da parte dei VV.F.; in particolare sono stati introdotti due elementi:

• l'ampliamento del campo di applicazione del Codice (sono state inserite alcune nuove attività dell'allegato I al d.p.r. 1 agosto 2011 n. 151);
• l'obbligatorietà dell'utilizzo del Codice per la progettazione delle attività non normate, in luogo dei
"criteri tecnici di prevenzione incendi".

In definitiva, risultano 491 le attività soggette comprese nel citato allegato I, per le quali la Regola Tecnica
Orizzontale (RTO) del Codice rappresenta l'unico riferimento progettuale possibile.
Peraltro, è recentemente entrato in vigore il d.m. 18 ottobre 2019, Modifiche all'allegato 1 al decreto del Ministro dell'interno 3 agosto 2015, recante «Approvazione di norme tecniche di prevenzione incendi, ai sensi dell'articolo 15 del decreto legislativo 8 marzo 2006, n. 139». (19A06608) (GU Serie Generale n. 256 del 31 ottobre 2019 - Suppl. Ordinario n. 41).
Le motivazioni di tale revisione si leggono in premessa all’articolato:

Ritenuto necessario proseguire il percorso di aggiornamento delle vigenti disposizioni tecniche in materia di prevenzione incendi sulla base dei più aggiornati standard internazionali;
Ravvisata l'opportunità', in ragione dell'entità delle modifiche apportate, di sostituire integralmente alcune sezioni dell'allegato 1 al decreto del Ministro dell'interno del 3 agosto 2015, anche per favorire una più immediata lettura del testo.

Da ultimo si segnala la pubblicazione del d.m. 14 febbraio 20202 recante “Aggiornamento della sezione V dell’allegato 1 al decreto 3 agosto 2015, concernente l’approvazione di norme tecniche di prevenzione incendi”. (20A01155) (GU Serie Generale n. 57 del 6 marzo 2020), che aggiorna le cinque RTV finora pubblicate permettendo un completo allineamento con le modifiche introdotte dal d.m. 18 ottobre 2019.
In realtà le “nuove” RTV non riportano alcuna variazione sostanziale e, anche per questo motivo, nel prosieguo della pubblicazione, si continueranno a menzionare i decreti originari afferenti alla pubblicazione delle RTV. Sono stati poi emanati il d.m. 6 aprile 2020, che ha corretto dei refusi in V.4 e V.7 ed introdotto la V.9 (RTV Asili Nido), il d.m. 15 giugno 2020, che ha introdotto la V.6 (RTV Autorimesse), cogente dal 19 novembre 2020, il d.m. 10 luglio 2020, che ha introdotto la V.10 (RTV Musei, gallerie, esposizioni, mostre, biblioteche ed archivi in edifici tutelati) e il d.m. 29 marzo 2021, che ha introdotto la V.11 (RTV Strutture Sanitarie)

Prodotto: Volume
Edizioni: Inail - 2021

SCARICA IL DOCUMENTO INAIL


Come realizzare la piantina emergenza ed evacuazione senza cad

SOFTWARE ANTINCENDIO EVACUAZIONE GRATIS
GRATIS

Le  Planimetrie per l’emergenza   contengono informazioni relative ai presidi antincendio, alle vie di fuga, all’evacuazione e al soccorso degli occupanti l’edificio. Possono essere utilizzate anche dalle forze di intervento in caso di emergenza.
Le planimetrie sono destinate ad essere esposte in aree pubbliche e nei luoghi di lavoro.

A tale scopo abbiamo realizzato delle libreria da abbinare ad un software vettoriale che permette di realizzare Diagrammi professionali e open source utilizzabile senza alcuna registrazione ed installazione. 

...Ma non solo.

Permette anche di realizzare veloci piantine di emergenza ed evacuazione pur non essendo nato esclusivamente a tale scopo.

Il software freeware sara' accompagnato da una serie di librerie precaricate e altre da noi implementate da caricarsi per lo scopo di realizzare le vostre planimetrie in pochi minuti.

La realizzazione di planimetrie normalmente viene realizzata in cad ma non e' il sofware piu' facile da utilizzarsi in assoluto.

Non tutti hanno autocad o un cad e altrettanti magari non lo sanno utilizzare al meglio.

A tale scopo mettiamo a disposizione questo software opensource di terze parti in abbinamento alle librerie antincendio ed emergenza.

Anche questo software puo' lavorare con i Layer (chi usa cad sa' cosa sono).

La versione desktop autonoma, non richiede una connessione Internet ed è disponibile per Windows, MacOS e Linux.

Questo software non e' un cad e permette di realizzare standalone planimetrie di emergenza ed evacuazione caricando un file immagine della planimetria del quale si vuole inserire la simbologia di emergenza ed evacuazione semplicemente caricando le nostre librerie gratuite e posizionando i vari simboli/cartelli di sicurezza selezionandoli dall'elenco grafico.

È possibile aggiungere un file SVG  semplicemente trascinando il file SVG dal file system e rilasciandolo nell'area del diagramma. Anche il trascinamento dell'URL su un SVG funziona. La stessa idea funziona per PNG, JPEG, BMP, ecc.

Per ridimensionare un oggetto (renderlo più piccolo o più grande), puoi semplicemente spostare uno qualsiasi degli 8 punti blu sull'oggetto.
Per ridimensionare proporzionalmente un oggetto, tenere premuto il tasto "Maiusc" mentre si spostano i punti. Clicca qui  per vedere come funziona.
Fare clic sul simbolo di rotazione per ruotare l'oggetto nella direzione desiderata.
Per ridimensionare o ruotare con precisione un oggetto, utilizzare il pannello Formato forma sul lato destro quando l'oggetto è selezionato. Fare clic sulla scheda "Disponi", quindi è possibile modificare le dimensioni, la posizione e l'angolazione dell'oggetto selezionato.
Puoi anche ruotare un oggetto modificandone l'angolazione o usando Capovolgi.

Con un click l'immagine vettoriale con il simbolo scelto verra' aggiunto sulla planimetria e potra essere ridimensionato e posizionato dove si ritiene debba esserlo visivamente reso in fase di stampa.

Puoi inserire il testo direttamente in qualsiasi oggetto. Fai clic sull'oggetto, quindi inserisci il testo. Il testo e l'oggetto sono sempre raggruppati insieme. Ad esempio, non è necessario selezionare sia l'oggetto che il testo singolarmente prima di spostare l'oggetto.

Ultimato il lavoro lo potrai esportare iso ISOA4/A3 in vari formati tra cui Jpg, png, svg (formati immagini) ed integrarli nei tuoi lavori/piani emergenza evacuazione, oppure in formato PDF oppure in HTM

Riepiloghiamo brevemente come realizzare velocemente una piantina di emergenza ed evacuazione partendo da una immagine di una planimetria gia' realizzata con altri software o semplicemente scannerizzata:

APRI IL SOFTWARE E SELEZIONA "NUOVO" (Apparira' una finestra dove ti verra' proposto di creare un nuovo diagramma o di caricarne uno gia' esistente).

SELEZIONA IMPORTA  e carica l'immagine di base con la planimetria sulla quale volete lavorare.

IngranditeIrimpicciolite l'immagine della dimensione di stampa finale desiderata.

Selezionare APRI LIBRERIA e caricare una delle nostre librerie o tutte le librerie (Appariranno tutti i pitogrammi sul lato sinistro e pronti per essere utilizzati)

Fai doppio click o semplicemente trascina sul foglio il pittogramma che si vuole aggiungere.

Riducilo alal dimendione desiderata con il mouse e trascinalo sulla piantina nella posizione dove deve essere rappresentato.

Aggiungi testo...utilizza tutte le funzionalita' del software e ultima il lavoro grafico pronto per esse esportato nel vari formati Jpg, png, svg (formati immagini) ed integrarli nei tuoi lavori/piani emergenza evacuazione, oppure in formato PDF oppure in HTM.

In alternativa puoi salvare il lavoro nel formato nativo del software o stamparlo.

FACILE NO?

Come vedete pur non essendo nato a tale scopo, abbinandolo alle nostre librerie, potrai utilizzarlo facilmente e al meglio per realizzare piantine di emergenza ed evacuazione in pochi minuti.

Puoi  utilizzare il software anche per altri scopi, tra i quali creare diagrammi, mappe mentali e di flusso...e altro ancora

Quanto costa tutto questo? Naturalmente nulla!!

Lo trovi in area condivisione gratuita riservata agli iscritti della nostra Newsletter professional.

MAGGIORI INFO SU COME ISCRIVERSI


ReCaptcha

Questo servizio Google viene utilizzato per proteggere i moduli Web del nostro sito Web e richiesto se si desidera contattarci. Accettandolo, accetti l'informativa sulla privacy di Google: https://policies.google.com/privacy

Google Analytics

Google Analytics è un servizio utilizzato sul nostro sito Web che tiene traccia, segnala il traffico e misura il modo in cui gli utenti interagiscono con i contenuti del nostro sito Web per consentirci di migliorarlo e fornire servizi migliori.

YouTube

I video integrati forniti da YouTube sono utilizzati sul nostro sito Web. Accettando di guardarli accetti le norme sulla privacy di Google: https://policies.google.com/privacy

Google Ad

Il nostro sito Web utilizza Google Ads per visualizzare contenuti pubblicitari. Accettandolo, si accetta l'informativa sulla privacy di Google: https://policies.google.com/technologies/ads?hl=it