Rischio Lavoratori esposti al freddo

I Lavoratori esposti a temperature severo Freddo



Nel concetto di «lavoro al freddo» rientrano quelle attività in cui il lavoratore è esposto a condizioni climatiche fredde. 
Comunemente si tende a pensare che «al freddo» significhi a temperature gelide o al di
sotto del punto di congelamento. 
In realtà, per l’uomo il lavoro al freddo comincia già a una temperatura di +15°C. Posti di lavoro di questo tipo si trovano soprattutto nelle fasi di produzione, carico, trasporto e vendita di prodotti alimentari, ma anche in lavori all’aperto, dove le correnti d’aria, la pioggia e l’alta concentrazione
di umidità inaspriscono la situazione e aumentano la percezione del freddo.
Nei luoghi di lavoro all’aperto o in locali non riscaldati, il freddo provoca rischi per la salute e un calo del rendimento professionale.

Lo stato di salute del lavoratore è strettamente correlato alle condizioni climatiche del posto di lavoro. 
La mancanza di condizioni climatiche confortevoli provoca disagi o freddo addirittura insopportabile che possono causare una diminuzione dell’efficienza.
Il raffreddamento può costituire un pericolo per la salute e un maggior rischio di incidenti (ad es. diminuzione delle capacità motorie, minore concentrazione, etc.).
Basse temperature atmosferiche colpiscono principalmente la testa, il viso, le mani e i piedi. Lavorando in ambienti freddi sono soprattutto le mani che, a causa della ridotta irrorazione sanguigna, subiscono una diminuzione di mobilità, sensibilità e destrezza. 

Allo stesso modo, una sensibile perdita di calore e la sensazione di freddo si percepiscono
soprattutto nella zona dei piedi. 
Inoltre, un notevole abbassamento della temperatura può provocare congelamenti locali mentre una lunga e duratura permanenza al freddo estremo può cagionare un’ipotermia fatale.
L’esposizione al freddo può, a lungo termine, causare malattie croniche dell’apparato locomotore (reumatismi), delle vie respiratorie (raffreddamenti), delle vie urinarie e del sistema  nervoso periferico (ad es. nervi o vasi sanguigni).


Alcune categorie di persone sono particolarmente sensibili all’esposi-
zione al freddo. Il rischio deve essere rilevato individualmente:
• donne incinte:
possono eseguire lavori pericolosi o gravosi soltanto se, in base a una
valutazione dei rischi, non risultano minacce concrete per la salute
della madre e del bambino o se è possibile ovviare a tali minacce
mediante adeguate misure di protezione 
Il lavoro al freddo (al di sotto di -5°C) si inserisce nella categoria di attività pericolose
o gravose per le quali è necessario prendere le consuete misure di protezione
(abbigliamento, bevande calde);
• persone che eseguono lavori fisici pesanti (formazione di sudore freddo, malattie muscolari e articolari);
• persone che con il freddo soffrono di asma indotto;
• persone di età superiore ai 55 anni;
• persone cagionevoli di salute in seguito a malattie cardiocircolatorie,
diabete, ipertensione, artrite, reumatismi, disturbi renali, epilessia e
simili;
• persone che soffrono di insufficiente irrorazione sanguigna nelle dita (sindrome di Raynaud) a seguito di una precedente esposizione al freddo o che soffrono per effetto di una lunga esposizione a vibrazioni
(ad es. lavori forestali con la motosega);
• persone che assumono medicinali (ad es. calmanti, antidepressivi);
• persone che fanno un consumo eccessivo di tabacco o alcool;
• persone con lesioni o ferite causate dal freddo;
• persone con la pelle danneggiata (non rispetto delle misure per la 
protezione della pelle, insufficiente cura della stessa);
• persone che hanno subito ferite complesse (disturbi della circola-
zione, nervi inclusi);
• Le persone fortemente sottopeso non dovrebbero svolgere compiti 
che richiedono una lunga permanenza in luoghi (molto) freddi. 


Misure di protezione generali per temperature al di sotto di +15°c 
Nello svolgimento di lavori al freddo deve essere verificata l’applicazione delle seguenti misure tecniche, organizzative e personali 


Misure tecniche
Prevedere un riscaldamento locale (raggi infrarossi) e sistemi di aerazione che evitino la formazione di correnti d’aria, spegnere l’aerazione durante le fasi di lavoro in locali freddi, prevedere strumenti di comando maneggevoli e termicamente isolati, superfici sulle quali sedersi e tappetini termicamente isolati, prevedere mezzi di movimentazione con sedile del conducente
riscaldato, coprire le superfici esterne (come ad esempio quelle in metallo, che non isolano dal freddo), fornire una sufficiente illuminazione per garantire un lavoro sicuro, fornire mezzi ausiliari per ridurre i lavori faticosi  (per evitare un’eccessiva sudorazione), ecc.
Si raccomanda prudenza nell’uso di fonti di calore quali radiatori: non creare differenze di temperatura troppo elevate ( distorsione della percezione e disagio termico).

Misure organizzative  
Osservare i tempi minimi di pausa (da calcolare come tempo di lavoro) e trascorrerli in ambienti termicamente confortevoli, offrire la possibilità di effettuare pause quando il lavoratore ne sente l’esigenza, realizzare locali per la pausa adeguati, alternare le attività al freddo con altre da
svolgersi in locali più caldi, fornire bevande calde, prevedere una formazione di igiene corporale (ad es. pulizia della pelle, lavoro con gli alimenti, etc.), organizzare corsi per i neoassunti, lasciare che sia il datore di lavoro a occuparsi della pulizia dell’abbigliamento protettivo mentre il
lavaggio della biancheria intima termica (ad es. canottiera) spetta al lavoratore.
Evitare di lavorare a lungo in posizioni forzate o statiche.   

Misure personali 

Il datore di lavoro deve mettere a disposizione, in quantità sufficiente,abbigliamento adeguato che protegga dal freddo e da condizioni atmosferiche avverse.


Lavori al chiuso
Per i locali nei quali si effettuano attività ripetitive e la temperatura per motivi tecnici è mantenuta pari o inferiore ai +15°C, esistono raccomandazioni di norme specifiche .
In base alla temperatura dell’aria si propone la definizione di livelli di freddo, dei relativi tempi massimi di permanenza e dei tempi minimi di recupero in locali con una temperatura confortevole, così come misure ergonomiche al fine di garantire buone condizioni lavorative.
Il tempo da trascorrere in un ambiente più caldo indicato nella norma è da intendersi come valore indicativo, viene considerato una «regola tecnica riconosciuta» e si basa sull’osservazione dei fattori di rischio.
Tale tempo viene considerato tempo di recupero e vale come tempo di lavoro.


Lavori all'aperto
A differenza del lavoro al chiuso, il lavoro all'aperto presenta l'ulteriore svantaggio del vento e dell'umidità che aumentano la percezione del freddo e i rischi sul posto di lavoro.
A seconda della temperatura, deve essere verificata la necessità di ulteriori misure di protezione. Rientrano fra queste ad esempio dispositivi di protezione dal vento, tettoie, strutture quali container o capanni, fonti di calore, abbigliamento antivento, fasi di lavoro più brevi con frequenti pause (da contare come tempo di lavoro), sufficiente apporto di liquidi (bevande calde e analcoliche), ecc.
Quale sia la misura più idonea è da decidere di volta in volta in base al tipo di attività fisica da svolgere.


L’abbigliamento giusto permette di ridurre al minimo i pericoli per la salute che potrebbero derivare da un ambiente di lavoro freddo. 
Tuttavia,il raffreddamento della pelle è strettamente legato alla temperatura e alla forza del vento.


Lavoro in spazi coperti
Con spazi coperti si intendono spazi di lavoro esposti al vento (correnti) e alle temperature esterne, ma che garantiscono un riparo dalle precipitazioni.
Rientrano in questa categoria gli spazi semiaperti (chioschi con apertura sull’esterno per la vendita, bancarelle e altri punti vendita) o altri luoghi all’esterno ma in un punto riparato (all’interno di una stazione ferroviaria, di una galleria commerciale).
Gli sbalzi di temperatura sono maggiori nei luoghi di lavoro coperti
rispetto ai locali chiusi e ciò sottopone il corpo a una maggiore sollecitazione.
Per i luoghi di lavoro al coperto sono da prendere le seguenti misure:
• superficie di lavoro minima ;
• locali per effettuare le pause ;
• una durata delle pause adeguata alla temperatura esterna (in caso di tempo freddo, da trascorrersi in locali riscaldati);
• spogliatoi con docce e servizi;
• pavimento isolato (per ridurre la perdita di calore dai piedi);
• misure contro le correnti d’aria (prevedere delle pareti);
• prevedere la possibilità di sedersi, ev. anche un tavolo;
• abbigliamento contro il freddo (deve essere messo a disposizione dal datore di lavoro).


Caso particolare: le bancarelle 
Il lavoro come ambulante, ad esempio al mercato, è considerato lavoro all’aperto. Le condizioni di lavoro di chi ha una bancarella al mercato sono molto dure soprattutto in inverno, a causa della protezione contro il freddo ridotta ai minimi termini. 
La condizione stessa dell’ambulante,che cambia sempre luogo di lavoro, rende molto difficile mettere a disposizione locali per la pausa e servizi igienici.
Nella riorganizzazione degli spazi urbani dedicati al mercato si sta delineando la tendenza a costruire strutture fisse che permettono ad esempio di adeguare lo spazio di vendita a seconda della stagione (d’inverno all’interno, d'estate all’esterno) e di prevedere spogliatoi e servizi igienici.
L’infrastruttura e le condizioni di lavoro per gli ambulanti vengono in tal modo notevolmente migliorate.


Locali per la pausa e bevande
In presenza di basse temperature è necessario che i lavoratori abbiano la possibilità di effettuare pause e riscaldarsi in un luogo di lavoro o in un locale per la pausa adeguato. Il datore di lavoro deve mettere a disposizione bevande calde analcoliche.
Inoltre,i lavoratori devono poter trascorrere le pause in locali che offrano un riparo dalle condizioni atmosferiche e garantiscano, durante l’inverno, una temperatura almeno di + 18°C (= valore empirico)


Abbigliamento contro il freddo e condizioni atmosferiche avverse
Il datore di lavoro deve mettere a disposizione di tutti i lavoratori esposti al freddo un abbigliamento adeguato in dotazione personale (che protegga dal freddo e da condizioni atmosferiche avverse). È molto importante una buona protezione delle parti del capo esposte al freddo.
I lavoratori dovrebbero poter scegliere personalmente l’abbigliamento a loro più adeguato (la percezione del freddo è soggettiva!).
A disposizione di ogni lavoratore devono essere messe diverse paia di scarpe e guanti da lavoro, in modo da garantire sempre un ricambio asciutto.
Le scarpe devono poter prendere aria almeno un giorno intero prima di essere nuovamente indossate. 
I capi d’abbigliamento che non garantiscono più la protezione contro il freddo (ad es. giacca, guanti, protezione per la testa e le orecchie) devono essere sostituiti. 
Gli indumenti devono essere adeguati allo scopo. 
L’abbigliamento per lavorare al freddo presenta, tra l’altro, le seguenti caratteristiche:
• abbigliamento invernale traspirante;
• maglieria intima termica
(ad es. microfibra, lana merinos);
• giacca, cappotto e gilet con elementi catarifrangenti (in caso di scarsa visibilità);
• tessuti antivento per il lavoro al freddo e all’aperto;
• guanti protettivi per luoghi freddi delle fasce I e II: si sono rivelati  efficaci i guanti sottili in pile termico con finitura antiscivolo;
• per le calzature, suole e plantari termici con uno strato di alluminio.


Per raggiungere un buon compromesso tra la necessità di proteggere dal freddo e la traspirazione è opportuno indossare più indumenti sottili (abbigliamento «a cipolla»). 
Tale abbigliamento, rispetto a pochi strati di vestiti pesanti, permette un migliore isolamento termico e un processo di sudorazione ottimale.
Il numero di strati deve essere deciso in maniera individuale, in base al livello di freddo e agli sforzi fisici previsti.
Al lavoratore è così garantito il giusto equilibrio fra l’emissione e l’immissione di calore, con effetti
positivi sulla sua salute e sulle sue prestazioni.
Per lavori a temperature interne molto fredde bisogna prevedere negli spogliatori apparecchiature per asciugare e riscaldare in fretta l’abbigliamento.


Variazione delle sollecitazioni climatiche 
Frequenti variazioni climatiche e correnti d’aria stancano l’organismo e dovrebbero quindi essere evitate il più possibile. 
A tal fine si rivelano misure adeguate ad esempio: 
• per i camion, rampe per il trasbordo di merci dotate di un collegamento adatto a ogni clima;
• carrelli elevatori e mezzi di movimentazione con cabina e sedile dell’autista riscaldati e strumenti di comando isolati termicamente.
Attenzione, non riscaldare troppo la cabina: una differenza di temperatura troppo elevata tra l’interno e l'esterno è infatti mal sopportata dall’organismo soprattutto in caso di frequente cambio dell’attività.
L’abbigliamento
deve essere adeguato alla temperatura;
• tappetini isolanti e che fungano da ammortizzatori, in particolare per le attività da svolgere sempre nello stesso posto;
• pannelli per la protezione da correnti di aria fredda (soprattutto per attività da svolgere sempre nello stesso posto).



Servizi online sicurezza sul lavoro

 

Safety Shop



Risorse Inserite sul Sito di Testo Unico Sicurezza dot Com

Ultimi Inserimenti sul sito:
Testo unico sicurezza 81-2008 versione desktop compatibile Windows Mac e Linux
Linea Guida 2019 Per la corretta manutenzione dei sistemi antincendio
verifica periodica su Impianti di messa a terra e impianti di protezione contro le scariche atmosferiche
Sicurezza per le macchine e L'essenziale per la riduzione del rischio
Lista di controllo Vibrazioni sul lavoro
Lista di controllo cantieri edili con bonifica di amianto in word+slide powerpoint seminario
Corsi sulla sicurezza e attestati falsi
installazione videosorveglianza sui luoghi di lavoro
Guida ai servizi di verifica di attrezzature, macchine e impianti
servizi di certificazione e verifica di impianti e apparecchi si richiedono on line attraverso il servizio CIVA inail
Valori degli indici di Sinistrosità Med
Revisione 2019 delle tariffe Inail
EBook Rischio Chimico e cancerogeno
decreto del 12 aprile 2019 del Ministero dell'Interno contiene modifiche al DM 03/08/2015
Linee guida per l’applicazione delle raccolte ISPESL VSR-VSG-M-S
La resistenza al fuoco degli elementi strutturali
rischio EMC lavoratori portatori di pacemaker
Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro: disponibile la nuova versione di APRILE 2019
Funi per apparecchi di sollevamento
normative applicabili e consigli Scaffalature industriali
Interpello n. 3/2019 su formazione e aggiornamento
illuminazione di luoghi di lavoro
responsabilità e obblighi del dirigente scolastico
Calcolatore GVR
GUIDA ADR 2019
MUD 2019
Procedure di sicurezza operazioni con elicottero
Modello editabile word relazione annuale amianto
Etichettatura prodotti disinfettanti
Indicazioni preliminari per la stesura di PEI e PEE
determinazione delle esposizioni sporadiche e di debole intensità (ESEDI) all'amianto
indicazioni-operative-somministrazione-fraudolenta.html
La gestione degli Spazi Confinati nel settore delle costruzioni
Calcolo dell’orario medio Lavoro Notturno
MANUALE DELLA CIRCOLAZIONE DELLE MACCHINE AGRICOLE
Linee guida per la gestione operativa degli stoccaggi negli impianti di gestione dei rifiuti
Database in excel Schede di sicurezza editabili in word sostanze chimiche
Decreto segnaletica stradale 2019
Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro Febbraio 2019
Interpello n. 1/ 2019
Elenco incompatibilità tra agenti chimici diversi
classificazione e l'etichettatura delle sostanze notificate e registrate nonché l'elenco delle classificazioni armonizzate
Chiarimenti Ministero Lavoro su Apprendistato e formazione in distacco
app android Decreto 81/2008
Cambia la direttiva 2004/37/CE
Tabella delle voci armonizzate disponibili nell'allegato VI del CLP
Codici statistici delle unità amministrative territoriali 2019
Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro Gennaio 2019
Linea guida sulla sicurezza degli impianti elettrici
calcolo degli spettro di risposta sismica NTC 2018
REGISTRO DEI CONTROLLI ANTINCENDIO 2019 IN WORD
SCHEDA TECNICA RESPONSABILI SICUREZZA LASER
Verbalizzazione accertamenti e mezzi di impugnazione
Rischio sismico, idrogeologico e vulcanico Comuni Aggiornata la mappa dei rischi naturali
La bonifica delle coperture in cemento amianto
BONIFICA DEI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO IN MATRICE FRIABILE
Linea Guida Apparecchi a pressione Tubazioni
Significato frasi pericolo chimico multilingua
Database excel Valore accellerazione massima al suolo comuni italiani
Blocchi Autocad Gratuiti
Prezzario Opere Edili ed Impiantistiche regione Liguria Anno 2019
Prezzario 2019 Regione Sicilia editabile in word
Prezzario 2019 dei Lavori pubblici della Toscana
Prezzario regionale Lombardia edizione 2019
aumentati gli importi delle sanzioni per violazioni in materia di lavoro
Istruzioni per la valutazione della robustezza delle costruzioni
NUOVO DM ANTINCENDIO BOZZA AGGIORNATA A GENNAIO 2019
Scheda per l'analisi di un infortunio in Pdf Editabile, word ed Excel
Sicurezza Dispositivi di attacco rapido per escavatori
Programma didattico per lavoratori temporanei
la prevenzione delle cadute da coperture di edifici Regione Marche 2018
Tabelle Rimborsi chilometrici ACI 2019 Excel
Maternità flessibile dopo la gravidanza
Quiz delle Verifiche di idoneità del Responsabile Tecnico dicembre 2018
Schede sicurezza in word gratuite valutazione dei rischi edili
Raccolta modelli in excel e word Regolamento Generale sulla ProtezioneDei Dati
Movarisch vers. pro 2019 Excel

kit Didattico Rianimazione Cardio Polmonare
Prevenzione incendi alberghi: prorogata la SCIA se l’attività è sospesa o è al di sotto di 25 posti letto
Gli adempimenti sulla sicurezza per gli enti del terzo settore
sicurezza delle caldaie a vapore
Circolare MATTM Prot. 4064 del 15 Marzo 2018
Delibera del Consiglio SNPA. Seduta del 03.10.18 Doc.n. 41/18
UNI/PdR 51:2018 Responsabilità sociale nelle Micro e Piccole Imprese
Dossier sicurezza scuola Inail 2018
Analisi permeazione degli indumenti di protezione chimica
Applicazione MultiVapor ™ Versione 2.2.5
Norme in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro delle strutture destinate per finalità istituzionali a compiti in materia di ordine e sicurezza pubblica
Linee guida europee sul rumore
VAI ALL'ELENCO DELLE NEWS INSERITE IN ORDINE CRONOLOGICO
Risorse e servizi online offerti su Testo Unico Sicurezza dot com:

Tutte le news pubblicate dal 2010 ad oggi
Modelli in word di Documento Valutazione dei Rischi
Modelli in word di Documenti specifici per l'edilizia
Excel a supporto della sicurezza
Modello di Piano Emergenza ed evacuazione in word
Modelli di Duvri in word
Materiale didattico per la formazione
Tutto Excel, calcolo dei rischi specifici
Newsletter Professional
Testo unico sicurezza Aggiornato