Ripartizione delle spese dei consumi di energia termica nei condomini

GUIDA ENEA 2021 “Ripartizione delle spese dei consumi di energia termica nei condomini”

2021

La ripartizione dei consumi si applica “nei condomini e negli edifici polifunzionali riforniti da una fonte di riscaldamento o raffreddamento centralizzata o da una rete di teleriscaldamento o da un sistema di fornitura centralizzato che alimenta una pluralità di edifici”. È utile pertanto richiamare alcune definizioni:

• per condominio si intende un “edificio con almeno due unità immobiliari, di proprietà in via esclusiva
di soggetti che sono anche comproprietari delle parti comuni”;

• per edificio polifunzionale si intende un “edificio destinato a scopi diversi e occupato da almeno due soggetti che devono ripartire tra loro la fattura dell’energia acquistata”.

La necessità di ripartire i consumi energetici e di acqua calda sanitaria sorge, pertanto, ogni qual volta più edifici o unità immobiliari condividano un medesimo impianto o sistema di riscaldamento, raffrescamento e/o produzione di acqua calda sanitaria.

Difatti, l’energia necessaria alla climatizzazione invernale e/o estiva e/o alla produzione di acqua calda sanitaria può essere prodotta in loco (i.e. in specifici locali tecnici) con un generatore centralizzato (caldaia, pompa di calore etc.), come mostrato in Figura 1 (a), oppure essere prelevata da una rete di teleriscaldamento e/o teleraffreddamento, che è un’infrastruttura di trasporto dell'energia termica, da una o più fonti di produzione, verso una pluralità di edifici o siti di utilizzazione

Con il decreto legislativo n. 73 (GU Serie Generale n.175 del 14-07-2020) di modifica del decreto legislativo n. 102 del 2014, è stata data attuazione alla direttiva (UE) 2018/2002 che modifica la direttiva 2012/27/UE sull'efficienza energetica.

Il decreto legislativo n. 102 del 2014, in coerenza con quanto disposto dall’art. 9. della Direttiva, stabilisce che per favorire il contenimento dei consumi energetici, la ripartizione delle spese per il consumo di calore, raffreddamento o acqua calda per uso domestico di ciascuna unità immobiliare sia effettuata in base ai consumi effettivi. Prevede inoltre che, al fine di incentivare l’istallazione di contatori individuali di misura, i consumatori siano informati sui vantaggi della contabilizzazione da remoto e della ripartizione delle spese in base ai reali consumi individuali.

La presente Guida è pertanto finalizzata a fornire:

▪ una specifica informativa agli utenti riguardo la ripartizione delle spese negli impianti termici centralizzati;

▪ indicazioni sulle opportunità di risparmio ed efficientamento energetico connesse al rispetto del decreto e sulle sanzioni in merito alla mancata applicazione;

▪ specifici casi esemplificativi atti a comprendere meglio la ripartizione delle spese e la finalità della direttiva europea e del collegato decreto.

La Guida, redatta da ENEA e approvata dal Ministero della Transizione Ecologica ai sensi dell’articolo 9, comma 5-quater, del decreto legislativo n. 102 del 2014, è rivolta principalmente al cittadino che si trova nelle condizioni di dover applicare quanto stabilito dal decreto, ma anche a tutte le altre figure coinvolte nel processo decisionale (amministratori di condominio, tecnici, etc.) riguardante la contabilizzazione e la ripartizione delle spese energetiche.

Essa fa inoltre riferimento, quando necessario, alla normativa tecnica elaborata dal Comitato Termotecnico
Italiano Energia e Ambiente (CTI), ente di normazione del Sistema UNI competente per il settore energetico.

INDICE DELLA GUIDA:

PREMESSA 
1 INFORMATIVA AGLI UTENTI RIGUARDO LA RIPARTIZIONE DELLE SPESE 
1.1 Quando si applica la ripartizione dei consumi
1.2 Cosa sono e come funzionano i sistemi di contabilizzazione 
1.3 Come si ripartiscono le spese di riscaldamento, raffrescamento e ACS
1.4 Come devono essere informati gli utenti 
1.5 Quali sono le opportunità di risparmio ed efficientamento 
1.6 Come si effettua lo studio di fattibilità
1.7 Quali sono le sanzioni amministrative .
2 APPLICAZIONE DEI METODI DI RIPARTIZIONE DELLE SPESE PER I PRELIEVI DI ENERGIA TERMICA NEI CONDOMINI
2.1 La ripartizione dei consumi mediante sistemi di contabilizzazione diretti 
2.1.1 Caso studio 1 (Riscaldamento e ACS) 
2.1.2 Caso studio 2: (riscaldamento e raffrescamento centralizzato) 
2.1.3 Caso studio 3: (riscaldamento e raffrescamento centralizzato) 
2.2 La ripartizione dei consumi mediante sistemi di contabilizzazione indiretti 
2.2.1 Caso studio 4: contabilizzazione indiretta 
3 CONCLUSIONI 
4 APPENDICE 

AUTORI: Dipartimento Unità Efficienza Energetica ENEA
EDITORE: ENEA
FORMATO: Manuale
PAGINE: 50
DATA PUBBLICAZIONE: ottobre 2021

Fonte: ENEA

SCARICA LA GUIDA ENEA

d.v.r standardizzato art.29 comma 5 + D.V.R art.28 D.lgs 81/2008 specifico per un condominio con dipendenti.

Richiedi il nostro servizio base online per la redazione del Documento valutazione dei rischi editabile in word con presente gia' al suo interno un analisi dei rischi specifici a questo settore ateco.
Richiedendo il servizio potrai accedere alla nostra area clienti e scaricare tutti i documenti editabili in word da rendere maggiormente attinenti alla vostra realta' aziendale.
Potrete scegliere se realizzare il vostro documento valutazione dei rischi mediante la procedura standardizzata prevista dall'art 29 comma 5 del decreto legislativo 81/2008 e successive modifiche ed integrazioni.
Potete scegliere se utilizzare il Dvr "classico" valido per tutte le aziende come previsto dall'art 28 del decreto legislativo 81/2008 e successive modifiche ed integrazioni..
Servizio di consulenza base online valida 12 mesi.

MAGGIORI INFO

d.v.r standardizzato art.29 comma 5 + D.V.R art.28 D.lgs 81/2008 specifico per uno studio di Amministrazione condominiale.

dvr amministratore condominio

Richiedi il nostro servizio base online per la redazione del Documento valutazione dei rischi editabile in word con presente gia' al suo interno un analisi dei rischi specifici a questo settore ateco.
Richiedendo il servizio potrai accedere alla nostra area clienti e scaricare tutti i documenti editabili in word da rendere maggiormente attinenti alla vostra realta' aziendale.
Potrete scegliere se realizzare il vostro documento valutazione dei rischi mediante la procedura standardizzata prevista dall'art 29 comma 5 del decreto legislativo 81/2008 e successive modifiche ed integrazioni.
Potete scegliere se utilizzare il Dvr "classico" valido per tutte le aziende come previsto dall'art 28 del decreto legislativo 81/2008 e successive modifiche ed integrazioni..
Servizio di consulenza base online valida 12 mesi.

MAGGIORI INFO

ReCaptcha

Questo servizio Google viene utilizzato per proteggere i moduli Web del nostro sito Web e richiesto se si desidera contattarci. Accettandolo, accetti l'informativa sulla privacy di Google: https://policies.google.com/privacy

Google Analytics

Google Analytics è un servizio utilizzato sul nostro sito Web che tiene traccia, segnala il traffico e misura il modo in cui gli utenti interagiscono con i contenuti del nostro sito Web per consentirci di migliorarlo e fornire servizi migliori.

YouTube

I video integrati forniti da YouTube sono utilizzati sul nostro sito Web. Accettando di guardarli accetti le norme sulla privacy di Google: https://policies.google.com/privacy

Google Ad

Il nostro sito Web utilizza Google Ads per visualizzare contenuti pubblicitari. Accettandolo, si accetta l'informativa sulla privacy di Google: https://policies.google.com/technologies/ads?hl=it