Responsabilità del Coordinatore per l’Esecuzione (CSE) per difetto di coordinamento.

RESPONSABILITA' PENALE COORDINATORE ALLA SICUREZZA PER MANCATO COORDINAMENTO.


Il coordinatore per l’esecuzione dei lavori è responsabile, unitamente al datore di lavoro dell’impresa appaltatrice, dell’infortunio occorso ad un dipendente di quest’ultimo, quando ometta di svolgere quell’azione di coordinamento derivante dal suo ruolo e necessaria in ipotesi di compresenza di più soggetti operanti nel medesimo cantiere; nondimeno, deve escludersi qualsiasi legittimo affidamento del datore di lavoro sul comportamento del lavoratore, non essendo ravvisabile una situazione di abnormità nel comportamento di quest’ultimo, in quanto chi è responsabile della sicurezza del lavoro deve avere sensibilità tale da rendersi interprete, in via di prevedibilità, del comportamento altrui.
Interessante decisione della Cassazione sul delicato tema dei rapporti intercorrenti tra i diversi soggetti gravati di obblighi di protezione dell’incolumità degli operai operanti su un medesimo cantiere.

I Supremi Giudici, chiamati ad affrontare l’ennesimo caso di infortunio mortale sul lavoro dovuto a inescusabile trascuratezza del coordinatore per l’esecuzione e del datore di lavoro della vittima, sottolineano con particolare vigore l’esistenza dell’inderogabile obbligo di coordinamento gravante sul coordinatore per l’esecuzione, cui spetta, anche in base alla nuova disciplina attuativa della “direttiva cantieri”, un ruolo di centrale importanza a tutela dell’altrui incolumità sul luogo di lavoro in caso di compresenza di più lavoratori dipendenti da imprese diverse.




MESSAGGIO INFORMATIVO SUI NOSTRI SERVIZI ONLINE PER LA SICUREZZA IN EDILIZIA:

Servizi online sicurezza cantieri e settore dile

Testo unico sicurezza dot com offre a titolo di consulenza base online documenti avanzati sulla sicurezza  editabili in word per la redazione in autonomia della documentazione necessaria per la gestione della sicurezza nei cantieri edili temporanei e mobili e nell'azienda che opera nel settore Edile.

Tutti i piani hanno a corredo le schede dei rischi fasi lavorative e attrezzature/macchinari.

Tutto il materiale e' editabile e modificabile in Word.

POS PIMUS PSC FASCICOLO  DVR EDILIZIA TUTTO EDITABILE IN WORD

PIANI OPERATIVI DI SICUREZZA CANTIERI (P.O.S.)

PIANI DI SICUREZZA E COORDINAMENTO CANTIERI (P.S.C)

PIANO DI MONTAGGIO USO MANUTENZIONE SMONTAGGIO PONTEGGI (PI.M.U.S.)

DOCUMENTO VALUTAZIONE DEI RISCHI SETTORE EDILE (D.V.R. EDILIZIA)

RACCOLTA COMPLETA PER IL SETTORE EDILE

Non una semplice vendita ma un vero servizio professionale online offerto da chi conosce il settore da oltre 25 anni.

SCOPRI TUTTI I SERVIZI OFFERTI PER LA SICUREZZA IN EDILIZIA

 



 

Il caso

In particolare, la vicenda in questione traeva origine da un incidente sul lavoro verificatosi all’interno di uno stabilimento industriale di cui era titolare una società a responsabilità limitata; quest’ultima, dopo aver nominato un coordinatore per l’esecuzione dei lavori, aveva commissionato ad una ditta esterna, della quale l’operaio successivamente deceduto era dipendente, l’esecuzione di alcuni lavori “in quota” riguardanti il rifacimento della copertura di un capannone.

L’operaio della ditta esecutrice era quindi salito sul tetto, la cui copertura era costituita in parte da pannelli in vetroresina traslucidi non calpestabili, senza alcun mezzo di protezione né individuale (in particolare, cinture di sicurezza con bretelle collegate a dispositivi di trattenuta) né collettiva (ad esempio, la predisposizione di reti di protezione in corrispondenza delle lastre traslucide), nonostante dovesse eseguire la dismissione della preesistente copertura grecata dal capannone e predisporla per il successivo montaggio di nuovi tegoli.

Purtroppo, però, nel poggiare il proprio peso su uno dei pannelli in vetroresina, ne provocava lo sfondamento precipitando al suolo da un’altezza di circa 10 metri, riportando un trauma cranio – encefalico ed un trauma toracico che ne avevano determinato la morte. Il giudizio di merito aveva confermato, sia in primo grado che in appello, la responsabilità penale del coordinatore per l’esecuzione nominato dalla committenza (il quale, peraltro, rivestiva anche la veste di responsabile dei lavori e di coordinatore per la progettazione), sia del datore di lavoro dell’operaio infortunatosi.

Quanto al primo, era infatti emerso che prima dell’inizio dei lavori si era svolta una riunione tecnica di coordinamento, cui aveva partecipato anche il coordinatore, nella quale si era stabilito che la ditta esecutrice dei lavori avrebbe dovuto prestare ad altra ditta terza, che si occupava della fornitura e del montaggio delle opere prefabbricate “assistenza edile a 360°”, con particolare riferimento alla rimozione della scossalina che ricopriva il tetto del vecchio capannone; inoltre, il P.O.S. della ditta esecutrice prevedeva chiaramente la predisposizione dei dispositivi di protezione individuali e collettivi contro il rischio di caduta dell’alto, che invece non erano stati impiegati nel caso in esame. Inoltre, la ditta fornitrice, aveva comunicato alla ditta committente che il capannone presentava dei lucernai “a raso”, ottenuti mediante distanziamento dei tegoli, non calpestabili, consigliando di collocare una rete anticaduta sotto le lastre traslucide, sotto le quali non era alcuna struttura, al fine di evitare “spiacevoli eventi”.

Era dunque del tutto pacifico che il coordinatore per l’esecuzione, pur consapevole dei rischi d caduta dall’altro, aveva totalmente omesso di adottare dispositivi di protezione né aveva tenuto conto delle indicazioni provenienti dalla ditta fornitrice dei pannelli per scongiurare il pericolo di sfondamento.

Non poteva, del resto, attribuirsi alcuna efficacia esimente alla presunta inesistenza di un obbligo di presenza costante in cantiere, in quanto gravava sul coordinatore il dovere di svolgere opportune azioni di coordinamento e controllo per verificare il rispetto e l’applicazione, da parte delle imprese esecutrici, delle disposizioni contenute nel piano di sicurezza e coordinamento nonché la corretta applicazione delle relative procedure di lavoro, obblighi connessi all’effettivo svolgimento della funzione di coordinatore per l’esecuzione.

Quanto, infine, alla responsabilità del datore di lavoro dell’operaio deceduto, risulta dal p.o.s. redatto dalla ditta di cui egli era titolare, che era stata prevista la possibilità di caduta dall’alto, prescrivendosi l’adozione di dispositivi anticaduta, risultati assenti nel cantiere. Il datore di lavoro, quindi, aveva omesso di adottare le misure di sicurezza necessarie per scongiurare l’infortunio sul lavoro poi verificatosi.

I Ricorsi

Il giudizio di condanna veniva contestato dalle difese dei due imputati. Quanto al coordinatore, si eccepiva la violazione delle norme riguardanti i compiti di quest’ultimo, non spettando, a detta della difesa, un’azione di controllo nell’applicazione del p.o.s. predisposto dalla ditta esecutrice; in altri termini, solo la ditta appaltatrice sarebbe stata titolare del potere gerarchico nei confronti dei lavoratori impegnati sul cantiere con correlativo obbligo di individuazione dei rischi e di prevenzione degli stessi, laddove al coordinatore sarebbe spettato solo il compito di verificare il rispetto delle regola dettate dal p.s.c., senza obbligo di continua e giornaliera presenza in cantiere. In ogni caso, poi, sosteneva la difesa, vi sarebbe stata una condotta “abnorme” del lavoratore, il quale sarebbe salito negligentemente sul capannone senza d.p.i., dopo aver lasciato il cestello elevatore utilizzato per posizionarsi all’altezza della copertura del capannone.

Quanto, invece, alla posizione del datore di lavoro, le eccezioni difensive erano fondate su censure in fatto, in quanto tali sostanzialmente inammissibili.


documenti gratuiti sicurezza sul lavoro

MESSAGGIO INFORMATIVO SUL NOSTRO SERVIZIO DI NEWSLETTER PROFESSIONAL:

Gli iscritti alla nostra Newsletter Professional hanno accesso all'area condivisione gratuita dove trovare oltre 7000 file gratuiti  utili sulle tematiche prevenzione e sicurezza negli ambienti di lavoro e cantieri temporanei e mobili.

Abbonarsi alla nostra newsletter è conveniente e permette di ricevere via mail notizie, approfondimenti,software freeware,documenti in materia di prevenzione e sicurezza negli ambienti di lavoro...e non solo.

L'iscrizione alla newsletter darà diritto a ricevere le mail contenenti notizie in materia di prevenzione e sicurezza, ad accedere al download del software freeware condiviso gratuitamente con tutti gli iscritti (Trovi il materiale condiviso gratuitamente, Fogli excel utili per la gestione sicurezza, software freeware, Dwg per layout in Autocad,Schede di sicurezza
..Manuali..Approfondimenti...e altro ancora).

L'iscrizione da' diritto anche a particolari scontistiche su vari servizi offerti.

L'iscrizione alla Newsletter Professional non ha scadenze o rinnovi annuali da sostenersi.

MAGGIORI INFORMAZIONI SU COME ISCRIVERSI





La decisione della Cassazione

La Corte di Cassazione, nel rigettare entrambi i ricorsi, ha enucleato alcuni importanti principi di diritto di cui opera una coerente e lucida applicazione nel caso in esame.

Anzitutto, quanto al compito del coordinatore per l’esecuzione, ben osservano gli ermellini – in linea del resto alla giurisprudenza di legittimità formatasi sotto la vigenza dell’abrogato D.Lgs. n. 494 del 1996, attuativo della cosiddetta direttiva cantieri – che il coordinatore per l’esecuzione dei lavori e’ titolare di una autonoma posizione di garanzia che, nei limiti degli obblighi specificamente individuati dal Titolo IV del nuovo T.U.S., si affianca a quelle degli altri soggetti destinatari delle norme antinfortunistiche (v., sul punto: Cass. Pen., Sez. IV, n. 38002 del 3 ottobre 2008, A., in Ced Cass. 241217). Del resto, al coordinatore per l’esecuzione dei lavori non e’ assegnato esclusivamente il compito di organizzare il lavoro tra le diverse imprese operanti nello stesso cantiere, bensì anche quello di vigilare sulla corretta osservanza da parte delle stesse delle prescrizioni del piano di sicurezza e sulla scrupolosa applicazione delle procedure di lavoro a garanzia dell’incolumità dei lavoratori (così, ad esempio: Cass. Pen., Sez. IV, n. 27442 del 4 luglio 2008, G., in Ced Cass. 240961).

Ne discende, quindi, come sia stata corretta l’applicazione al caso di specie dei principi affermati già da tempo dalla giurisprudenza di legittimità, posto che la figura del coordinatore per l’esecuzione (al pari di quella del coordinatore per la progettazione, nel caso in esame, coincidenti nella stessa persona) è titolare di una posizione di garanzia che non si sovrappone a quelle degli altri soggetti responsabili nel campo della sicurezza sul lavoro, ma ad esse si affianca per realizzare, attraverso la valorizzazione di una figura unitaria con compiti di coordinamento e controllo, la massima garanzia dell’incolumità dei lavoratori (Cass. Pen., sez. IV, n. 18472 dell’8 maggio 2008, B., in Ced Cass. 240393).

E’, quindi, mancata nella vicenda processuale in esame – in base agli elementi emersi – quella concreta e puntuale azione di controllo, che competeva allo stesso in qualità di coordinatore per esecuzione, la cui omissione ha comportato la sua responsabilità in ordine all’infortunio mortale verificatosi. Quanto, poi, alla responsabilità del datore di lavoro dell’operaio deceduto, alla stregua delle prove assunte, è evidente il suo coinvolgimento, anche causale, nell’infortunio mortale.

Egli, quale datore di lavoro, era pienamente consapevole della necessità, per l’esecuzione dei lavori, che i dipendenti dovessero utilizzare idonei dispositivi anticaduta, del resto indicati dallo stesso piano operativo di sicurezza da lui stesso elaborato.

Questi, del resto, non poteva invocare l’affidamento sull’osservanza da parte dell’operaio delle direttive impartite, in quanto nemmeno l’errore sulla legittima aspettativa che non si verifichino condotte imprudenti da parte dei lavoratori non è invocabile, non solo per l’illiceità della condotta omissiva datoriale, ma anche per la mancata attività diretta ad evitare l’evento, imputabile a colpa altrui, quando si è, come nel caso concreto, nella possibilità in concreto di evitarlo.

Del resto, la condotta colposa del lavoratore infortunato non assurge a causa sopravvenuta da sola sufficiente a produrre l’evento quando sia comunque riconducibile all’area di rischio propria della lavorazione svolta: in tal senso il datore di lavoro e’ esonerato da responsabilità solo quando il comportamento del lavoratore, e le sue conseguenze, presentino i caratteri dell’eccezionalità, dell’abnormità, dell’esorbitanza rispetto al procedimento lavorativo e alle direttive di organizzazione ricevute (Cass. Pen., sez. IV, n. 21587 del 1 giugno 2007, P., in Ced Cass. 236721).

E, nel caso in esame, non poteva considerarsi abnorme il comportamento del lavoratore di lasciare il cestello elevatore utilizzato per posizionarsi all’altezza della copertura del capannone, salendo sul tetto ed iniziando a camminarvi sopra, attesa comunque la mancanza dei dispositivi anticaduta.

(Cassazione penale Sentenza, Sez. IV, 18/01/2011, n. 1225)
Fonte: IPSOA.IT
Autore: Alessio Scarcella

Risorse Inserite sul Sito di Testo Unico Sicurezza dot Com

Ultimi Inserimenti sul sito:
Testo unico sicurezza 81-2008 versione desktop compatibile Windows Mac e Linux
Linea Guida 2019 Per la corretta manutenzione dei sistemi antincendio
verifica periodica su Impianti di messa a terra e impianti di protezione contro le scariche atmosferiche
Sicurezza per le macchine e L'essenziale per la riduzione del rischio
Lista di controllo Vibrazioni sul lavoro
Lista di controllo cantieri edili con bonifica di amianto in word+slide powerpoint seminario
Corsi sulla sicurezza e attestati falsi
installazione videosorveglianza sui luoghi di lavoro
Guida ai servizi di verifica di attrezzature, macchine e impianti
servizi di certificazione e verifica di impianti e apparecchi si richiedono on line attraverso il servizio CIVA inail
Valori degli indici di Sinistrosità Med
Revisione 2019 delle tariffe Inail
EBook Rischio Chimico e cancerogeno
decreto del 12 aprile 2019 del Ministero dell'Interno contiene modifiche al DM 03/08/2015
Linee guida per l’applicazione delle raccolte ISPESL VSR-VSG-M-S
La resistenza al fuoco degli elementi strutturali
rischio EMC lavoratori portatori di pacemaker
Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro: disponibile la nuova versione di APRILE 2019
Funi per apparecchi di sollevamento
normative applicabili e consigli Scaffalature industriali
Interpello n. 3/2019 su formazione e aggiornamento
illuminazione di luoghi di lavoro
responsabilità e obblighi del dirigente scolastico
Calcolatore GVR
GUIDA ADR 2019
MUD 2019
Procedure di sicurezza operazioni con elicottero
Modello editabile word relazione annuale amianto
Etichettatura prodotti disinfettanti
Indicazioni preliminari per la stesura di PEI e PEE
determinazione delle esposizioni sporadiche e di debole intensità (ESEDI) all'amianto
indicazioni-operative-somministrazione-fraudolenta.html
La gestione degli Spazi Confinati nel settore delle costruzioni
Calcolo dell’orario medio Lavoro Notturno
MANUALE DELLA CIRCOLAZIONE DELLE MACCHINE AGRICOLE
Linee guida per la gestione operativa degli stoccaggi negli impianti di gestione dei rifiuti
Database in excel Schede di sicurezza editabili in word sostanze chimiche
Decreto segnaletica stradale 2019
Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro Febbraio 2019
Interpello n. 1/ 2019
Elenco incompatibilità tra agenti chimici diversi
classificazione e l'etichettatura delle sostanze notificate e registrate nonché l'elenco delle classificazioni armonizzate
Chiarimenti Ministero Lavoro su Apprendistato e formazione in distacco
app android Decreto 81/2008
Cambia la direttiva 2004/37/CE
Tabella delle voci armonizzate disponibili nell'allegato VI del CLP
Codici statistici delle unità amministrative territoriali 2019
Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro Gennaio 2019
Linea guida sulla sicurezza degli impianti elettrici
calcolo degli spettro di risposta sismica NTC 2018
REGISTRO DEI CONTROLLI ANTINCENDIO 2019 IN WORD
SCHEDA TECNICA RESPONSABILI SICUREZZA LASER
Verbalizzazione accertamenti e mezzi di impugnazione
Rischio sismico, idrogeologico e vulcanico Comuni Aggiornata la mappa dei rischi naturali
La bonifica delle coperture in cemento amianto
BONIFICA DEI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO IN MATRICE FRIABILE
Linea Guida Apparecchi a pressione Tubazioni
Significato frasi pericolo chimico multilingua
Database excel Valore accellerazione massima al suolo comuni italiani
Blocchi Autocad Gratuiti
Prezzario Opere Edili ed Impiantistiche regione Liguria Anno 2019
Prezzario 2019 Regione Sicilia editabile in word
Prezzario 2019 dei Lavori pubblici della Toscana
Prezzario regionale Lombardia edizione 2019
aumentati gli importi delle sanzioni per violazioni in materia di lavoro
Istruzioni per la valutazione della robustezza delle costruzioni
NUOVO DM ANTINCENDIO BOZZA AGGIORNATA A GENNAIO 2019
Scheda per l'analisi di un infortunio in Pdf Editabile, word ed Excel
Sicurezza Dispositivi di attacco rapido per escavatori
Programma didattico per lavoratori temporanei
la prevenzione delle cadute da coperture di edifici Regione Marche 2018
Tabelle Rimborsi chilometrici ACI 2019 Excel
Maternità flessibile dopo la gravidanza
Quiz delle Verifiche di idoneità del Responsabile Tecnico dicembre 2018
Schede sicurezza in word gratuite valutazione dei rischi edili
Raccolta modelli in excel e word Regolamento Generale sulla ProtezioneDei Dati
Movarisch vers. pro 2019 Excel

kit Didattico Rianimazione Cardio Polmonare
Prevenzione incendi alberghi: prorogata la SCIA se l’attività è sospesa o è al di sotto di 25 posti letto
Gli adempimenti sulla sicurezza per gli enti del terzo settore
sicurezza delle caldaie a vapore
Circolare MATTM Prot. 4064 del 15 Marzo 2018
Delibera del Consiglio SNPA. Seduta del 03.10.18 Doc.n. 41/18
UNI/PdR 51:2018 Responsabilità sociale nelle Micro e Piccole Imprese
Dossier sicurezza scuola Inail 2018
Analisi permeazione degli indumenti di protezione chimica
Applicazione MultiVapor ™ Versione 2.2.5
Norme in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro delle strutture destinate per finalità istituzionali a compiti in materia di ordine e sicurezza pubblica
Linee guida europee sul rumore
VAI ALL'ELENCO DELLE NEWS INSERITE IN ORDINE CRONOLOGICO
Risorse e servizi online offerti su Testo Unico Sicurezza dot com:

Tutte le news pubblicate dal 2010 ad oggi
Modelli in word di Documento Valutazione dei Rischi
Modelli in word di Documenti specifici per l'edilizia
Excel a supporto della sicurezza
Modello di Piano Emergenza ed evacuazione in word
Modelli di Duvri in word
Materiale didattico per la formazione
Tutto Excel, calcolo dei rischi specifici
Newsletter Professional
Testo unico sicurezza Aggiornato