Quando si può sbarcare in quota dalla Ple?

POSITION PAPER 03/2019 

'utilizzo delle piattaforme mobili elevabili è molto diffuso per l'esecuzione dei più vari lavori.
Tuttavia non è semplice sapere quale sia la piattaforma più adatta al lavoro che si intende svolgere, soprattutto in relazione alla necessità di effettuare sbarchi in quota dalla piattaforma stessa.
Le istruzioni per l'uso della macchina devono essere in grado di informare l'utilizzatore sul modo migliore di usare questa macchina.
Aisem ha pubblicato un opuscolo per offrire indicazioni utili all'uso delle piattaforme.


Conformità delle PLE
Sul luogo di lavoro devono essere utilizzate solo attrezzature conformi alle norme vigenti, di fonte UE,oppure nazionali, dove non siano state ancora emanate norme UE.
Le PLE devono essere conformi alla Direttiva Macchine, così come recepita nell’ordinamento nazionale.
Per la fabbricazione di PLE è stata emanata la norma armonizzata UNI EN 280 dal CEN, su mandato della Commissione Europea. 

La norma affronta e risolve i requisiti essenziali di sicurezza previsti dalla Direttiva Macchine. Quindi le PLE fabbricate in conformità alla norma UNI EN 280 acquisiscono la presunzione legale di conformità per l’utilizzo sul luogo di lavoro.
La norma UNI EN 280 non tratta i rischi connessi all’utilizzo della PLE per lo sbarco di persone dalla piattaforma, mentre la medesima ha già raggiunto una determinata altezza dal suolo (c.d. “sbarco in quota”).
Quindi con le PLE costruite esclusivamente in conformità alla norma UNI EN 280, lo sbarco in quota non è consentito in quanto la macchina non può essere considerata conforme alle norme in vigore per un uso che preveda lo sbarco in quota.


Come conoscere le informazioni relative alle caratteristiche della PLE


La Direttiva Macchine prevede espressamente per il fabbricante l’obbligo di informare l’utilizzatore sulle caratteristiche della macchina che sono essenziali per comprendere quale uso sia previsto e quali siano le disposizioni per la manutenzione; non solo, è prescritto anche che il fabbricante descriva l’uso previsto della macchina e tenga conto anche dell’uso scorretto che si può ragionevolmente prevedere.
Per esempio, se una PLE non è idonea allo sbarco in quota, trattandosi di un uso scorretto ragionevolmente prevedibile, lo stesso deve essere previsto dal fabbricante nelle istruzioni come uso scorretto. 

Le informazioni elencate nell’allegato della Direttiva sono cogenti, e possono essere integrate con altre: le istruzioni si possono considerare un efficace strumento di comunicazione tra fabbricante e utilizzatore.
Non è imposta una particolare forma con la quale il fabbricante deve provvedere alla redazione delle informazioni, tuttavia è nell’interesse del fabbricante che le informazioni siano:
-  facilmente comprensibili, ovvero siano scritte con una forma di linguaggio comprensibile per il soggetto a cui sono destinate;
-  si trovino in un solo documento;
-  siano il più complete possibili.
Ricordiamo, infatti, che una lacuna delle istruzioni può essere considerata un difetto della macchina, nel caso sia la causa di danni a cose o persone.
Le istruzioni devono consentire all’utilizzatore di comprendere se si tratta di una macchina idonea all’utilizzo che prevede di farne.



Quale macchina è idonea ad affrontare il rischio dello sbarco in quota
Se uno degli utilizzi previsti dall’utilizzatore della macchina è lo sbarco in quota, il primo accorgimento che l’utilizzatore deve rispettare è quello di scegliere una macchina che sia fabbricata per consentire tale uso. 

Infatti, è possibile che il fabbricante preveda la possibilità che la propria macchina sia idonea ad affrontare questo rischio, nel pieno rispetto della Direttiva Macchine.
L’utilizzatore può comprendere se la macchina sia stata oppure no immessa sul mercato con l’idoneità ad operare lo sbarco in quota, leggendo le istruzioni dove parlano dell’uso previsto della macchina e dell’uso scorretto ragionevolmente prevedibile.
Un altro documento che può essere utile per comprendere se la macchina sia oppure no idonea allo sbarco in quota potrebbe essere la Dichiarazione di Conformità. 

Infatti, la Direttiva prevede che la Dichiarazione di Conformità contenga “all’occorrenza, riferimento ad altre norme e specifiche tecniche applicate” nonché i riferimenti dell’organismo notificato che abbia effettuato l’esame CE di tipo.
La PLE idonea allo sbarco in quota deve essere conforme ad ulteriori requisiti di sicurezza, non previsti dalla norma UNI EN 280, identificati e applicati dal fabbricante. 

La Direttiva, nell’ambito della redazione della Dichiarazione di Conformità, prevede espressamente che, nel caso il fabbricante abbia applicato ulteriori specifiche tecniche, queste siano rese note all’utilizzatore tramite la Dichiarazione di Conformità che può ben essere considerata complementare rispetto alle istruzioni per l’uso


Il luogo di lavoro e le procedure di sicurezza
L’individuazione della PLE idonea al lavoro da eseguire è la premessa necessaria per il rispetto delle disposizioni relative alla sicurezza del luogo di lavoro. Le istruzioni che devono accompagnare la macchina hanno contenuti idonei ad offrire le informazioni necessarie all’utilizzatore, ma è evidente che è fondamentale la chiarezza del dialogo tra fabbricante e utilizzatore, per evitare la scelta di attrezzature non adatte, per le più diverse ragioni.
Per contribuire alla scelta corretta, viene proposto un elenco esemplificativo delle informazioni che devono essere conosciute.
Una volta che la scelta della PLE è stata fatta e dopo che è stata trasferita sul luogo in cui dovrà operare, sarà onere dell’utilizzatore prevedere ogni misura di sicurezza, sul luogo di lavoro, che possa evitare pericoli per le persone e le cose, ivi incluse le altre attrezzature, presenti sul luogo di lavoro.


Elenco esemplificativo informazioni PLE per sbarco in quota

Nelle informazioni per l’uso di una PLE il fabbricante deve prevedere almeno le seguenti indicazioni relative alla possibilità di effettuare uno sbarco in quota:
a)  se lo sbarco in quota sia consentito oppure no;
b)  in caso lo sbarco sia consentito:
 1.  deve essere prevista la modalità di utilizzo del punto di accesso alla piattaforma per consentire di effettuare l’operazione di sbarco/reimbarco senza esporre il lavoratore a rischi di caduta;
 2.  prevedere eventuali punti di ancoraggio idonei per il collegamento di un sistema anticaduta, laddove presenti sulla PLE;
 3.  prescrizioni relative a carichi aggiuntivi o modifica dei carichi imposti alla PLE per i quali non è stata 
progettata, che potrebbero compromettere la stabilità o il sovraccarico della macchina;
 4.  avvertenze sulla possibile oscillazione della piattaforma durante lo sbarco/reimbarco e/o lo scarico improvviso di materiali.

Elenco esemplificativo valutazioni datore di lavoro

Il datore di lavoro, se prevede la necessità di sbarcare in quota dalla PLE, dovrà procedere all’analisi e valutazione dei rischi presenti sul luogo di lavoro e alla definizione delle procedure operative, prima dello sbarco in quota.
Di seguito alcuni esempi (non esaustivi) delle valutazioni che sono onere del datore di lavoro:
a)  valutazione dell’area di sbarco (resistenza, dimensioni, portata e predisposizioni varie);
b)  appropriata scelta di dispositivi di protezione individuale anticaduta e il loro utilizzo;
c)  modalità di trasferimento del lavoratore dalla piattaforma delle PLE alla zona di lavoro (operazioni di uscita, sgancio, riaggancio ecc.);
d)  verifica che la massima capacità di carico della PLE, come indicata dal costruttore, sia idonea all’utilizzo previsto durante lo sbarco in quota;
e)  movimento improvviso delle PLE e possibili interferenze con altri mezzi di sollevamento e/o strutture adiacenti alla zona di sbarco;
f)  gestione dell’emergenza.

scarica il position paper 3/2019 aisem

fonte: anima

documenti gratuiti sicurezza sul lavoro

MESSAGGIO INFORMATIVO SUL NOSTRO SERVIZIO DI NEWSLETTER PROFESSIONAL:

Gli iscritti alla nostra Newsletter Professional hanno accesso all'area condivisione gratuita dove trovare oltre 7000 file gratuiti  utili sulle tematiche prevenzione e sicurezza negli ambienti di lavoro e cantieri temporanei e mobili.

Abbonarsi alla nostra newsletter è conveniente e permette di ricevere via mail notizie, approfondimenti,software freeware,documenti in materia di prevenzione e sicurezza negli ambienti di lavoro...e non solo.

L'iscrizione alla newsletter darà diritto a ricevere le mail contenenti notizie in materia di prevenzione e sicurezza, ad accedere al download del software freeware condiviso gratuitamente con tutti gli iscritti (Trovi il materiale condiviso gratuitamente, Fogli excel utili per la gestione sicurezza, software freeware, Dwg per layout in Autocad,Schede di sicurezza
..Manuali..Approfondimenti...e altro ancora).

L'iscrizione da' diritto anche a particolari scontistiche su vari servizi offerti.

L'iscrizione alla Newsletter Professional non ha scadenze o rinnovi annuali da sostenersi.

MAGGIORI INFORMAZIONI SU COME ISCRIVERSI




Servizi online sicurezza sul lavoro

 

Safety Shop



Risorse Inserite sul Sito di Testo Unico Sicurezza dot Com

Ultimi Inserimenti sul sito:
Testo unico sicurezza 81-2008 versione desktop compatibile Windows Mac e Linux
Linea Guida 2019 Per la corretta manutenzione dei sistemi antincendio
verifica periodica su Impianti di messa a terra e impianti di protezione contro le scariche atmosferiche
Sicurezza per le macchine e L'essenziale per la riduzione del rischio
Lista di controllo Vibrazioni sul lavoro
Lista di controllo cantieri edili con bonifica di amianto in word+slide powerpoint seminario
Corsi sulla sicurezza e attestati falsi
installazione videosorveglianza sui luoghi di lavoro
Guida ai servizi di verifica di attrezzature, macchine e impianti
servizi di certificazione e verifica di impianti e apparecchi si richiedono on line attraverso il servizio CIVA inail
Valori degli indici di Sinistrosità Med
Revisione 2019 delle tariffe Inail
EBook Rischio Chimico e cancerogeno
decreto del 12 aprile 2019 del Ministero dell'Interno contiene modifiche al DM 03/08/2015
Linee guida per l’applicazione delle raccolte ISPESL VSR-VSG-M-S
La resistenza al fuoco degli elementi strutturali
rischio EMC lavoratori portatori di pacemaker
Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro: disponibile la nuova versione di APRILE 2019
Funi per apparecchi di sollevamento
normative applicabili e consigli Scaffalature industriali
Interpello n. 3/2019 su formazione e aggiornamento
illuminazione di luoghi di lavoro
responsabilità e obblighi del dirigente scolastico
Calcolatore GVR
GUIDA ADR 2019
MUD 2019
Procedure di sicurezza operazioni con elicottero
Modello editabile word relazione annuale amianto
Etichettatura prodotti disinfettanti
Indicazioni preliminari per la stesura di PEI e PEE
determinazione delle esposizioni sporadiche e di debole intensità (ESEDI) all'amianto
indicazioni-operative-somministrazione-fraudolenta.html
La gestione degli Spazi Confinati nel settore delle costruzioni
Calcolo dell’orario medio Lavoro Notturno
MANUALE DELLA CIRCOLAZIONE DELLE MACCHINE AGRICOLE
Linee guida per la gestione operativa degli stoccaggi negli impianti di gestione dei rifiuti
Database in excel Schede di sicurezza editabili in word sostanze chimiche
Decreto segnaletica stradale 2019
Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro Febbraio 2019
Interpello n. 1/ 2019
Elenco incompatibilità tra agenti chimici diversi
classificazione e l'etichettatura delle sostanze notificate e registrate nonché l'elenco delle classificazioni armonizzate
Chiarimenti Ministero Lavoro su Apprendistato e formazione in distacco
app android Decreto 81/2008
Cambia la direttiva 2004/37/CE
Tabella delle voci armonizzate disponibili nell'allegato VI del CLP
Codici statistici delle unità amministrative territoriali 2019
Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro Gennaio 2019
Linea guida sulla sicurezza degli impianti elettrici
calcolo degli spettro di risposta sismica NTC 2018
REGISTRO DEI CONTROLLI ANTINCENDIO 2019 IN WORD
SCHEDA TECNICA RESPONSABILI SICUREZZA LASER
Verbalizzazione accertamenti e mezzi di impugnazione
Rischio sismico, idrogeologico e vulcanico Comuni Aggiornata la mappa dei rischi naturali
La bonifica delle coperture in cemento amianto
BONIFICA DEI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO IN MATRICE FRIABILE
Linea Guida Apparecchi a pressione Tubazioni
Significato frasi pericolo chimico multilingua
Database excel Valore accellerazione massima al suolo comuni italiani
Blocchi Autocad Gratuiti
Prezzario Opere Edili ed Impiantistiche regione Liguria Anno 2019
Prezzario 2019 Regione Sicilia editabile in word
Prezzario 2019 dei Lavori pubblici della Toscana
Prezzario regionale Lombardia edizione 2019
aumentati gli importi delle sanzioni per violazioni in materia di lavoro
Istruzioni per la valutazione della robustezza delle costruzioni
NUOVO DM ANTINCENDIO BOZZA AGGIORNATA A GENNAIO 2019
Scheda per l'analisi di un infortunio in Pdf Editabile, word ed Excel
Sicurezza Dispositivi di attacco rapido per escavatori
Programma didattico per lavoratori temporanei
la prevenzione delle cadute da coperture di edifici Regione Marche 2018
Tabelle Rimborsi chilometrici ACI 2019 Excel
Maternità flessibile dopo la gravidanza
Quiz delle Verifiche di idoneità del Responsabile Tecnico dicembre 2018
Schede sicurezza in word gratuite valutazione dei rischi edili
Raccolta modelli in excel e word Regolamento Generale sulla ProtezioneDei Dati
Movarisch vers. pro 2019 Excel

kit Didattico Rianimazione Cardio Polmonare
Prevenzione incendi alberghi: prorogata la SCIA se l’attività è sospesa o è al di sotto di 25 posti letto
Gli adempimenti sulla sicurezza per gli enti del terzo settore
sicurezza delle caldaie a vapore
Circolare MATTM Prot. 4064 del 15 Marzo 2018
Delibera del Consiglio SNPA. Seduta del 03.10.18 Doc.n. 41/18
UNI/PdR 51:2018 Responsabilità sociale nelle Micro e Piccole Imprese
Dossier sicurezza scuola Inail 2018
Analisi permeazione degli indumenti di protezione chimica
Applicazione MultiVapor ™ Versione 2.2.5
Norme in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro delle strutture destinate per finalità istituzionali a compiti in materia di ordine e sicurezza pubblica
Linee guida europee sul rumore
VAI ALL'ELENCO DELLE NEWS INSERITE IN ORDINE CRONOLOGICO
Risorse e servizi online offerti su Testo Unico Sicurezza dot com:

Tutte le news pubblicate dal 2010 ad oggi
Modelli in word di Documento Valutazione dei Rischi
Modelli in word di Documenti specifici per l'edilizia
Excel a supporto della sicurezza
Modello di Piano Emergenza ed evacuazione in word
Modelli di Duvri in word
Materiale didattico per la formazione
Tutto Excel, calcolo dei rischi specifici
Newsletter Professional
Testo unico sicurezza Aggiornato