scale portatili  secondo il testo Unico sicurezza

Documenti ed elementi informativi a corredo della scale

Questo documento rappresenta la sintesi condivisa del lavoro svolto dal gruppo “Piano Mirato di Prevenzione Scale Portatili” costituito nell’ambito del Comitato di Coordinamento Provinciale ex art.7 D.lgs. 81/08 dell’ATS Brianza.

Costituisce “Presunzione di conformità” al D.Lgs. 81/08 la dichiarazione di conformità, emessa secondo la norma tecnica UNI EN 131 parte 1 e 2, ovvero secondo le norme Acal 100 parte 1 e 2, da  un “Laboratorio ufficiale e riconosciuto“ come definito nell’allegato XX del D.Lgs. 81/08.

 Il costruttore italiano o di altro paese europeo si può comunque riferire ad altre specifiche tecniche adottate da Associazioni di riferimento, purché supportate da certificati di “Laboratorio ufficiali e riconosciuti”, e comunque rispettose del D.Lgs. 81/08.
 
Documenti ed elementi informativi a corredo della scale
 
Secondo  la  normativa  tecnica  EN  131  e  Acal  100,  le  scale  devono  essere corredate da un foglio o libretto istruzioni di uso e manutenzione, che contenga le seguenti informazioni:
1.            la descrizione della scala
2.            indicazioni per un corretto impiego
3.            istruzioni per la manutenzione e la conservazione
4.            verifiche iniziali precedenti l’uso
5.            posizionamento della scala
6.            precauzioni durante l’uso
7.            conservazione
8.            pittogrammi con rappresentazioni grafiche con i divieti di utilizzo Le   scale  devono,  inoltre,   essere  dotate  di   “Etichetta  di Identificazione   del   Prodotto”,   ossia   di   un   adesivo   (vedi
esempio in figura) applicato su ogni esemplare in vendita, che riporti le seguenti informazioni:
 
1. nome del produttore
2. pittogrammi con rappresentazioni grafiche dei divieti utilizzo
3. pittogrammi con rappresentazioni grafiche di corretto utilizzo
4. dichiarazione di conformità alla norma EN 131 oppure al D.Lgs.81/08
5. definizione di tipologia della scala ed eventuale codice prodotto
 
Informazioni per l’acquisto delle scale
 
Il tipo di scala deve essere scelto in relazione all’uso specifico, ed è pertanto opportuno evitare l’acquisto – a priori - di numerosi esemplari della medesima tipologia, ma viceversa garantire la presenza nei luoghi di lavoro di diversi tipi di scale da utilizzare in modo differenziato e mirato. La scelta deve essere subordinata alla preventiva valutazione dei rischi, e quindi anche al luogo d’installazione, all’altezza, all’inclinazione, alla base di appoggio, ai punti di ancoraggio. Le scale conformi alla norma tecnica UNI EN 131 sono corredate da una certificazione, riconosciuta a livello europeo, che garantisce una portata massima di 150 kg. Le scale conformi alla norma tecnica Italiana Acal 100 sono corredate da una certificazione, riconosciuta a livello nazionale, che garantisce una portata massima di 100 kg.
 
Misure generali di sicurezza nell’utilizzo delle scale
 
Prima dell’uso
 
Il personale addetto all’uso della scala deve essere stato valutato idoneo alla mansione, adeguatamente “formato” e “addestrato” all’uso della specifica attrezzatura fornita.
Occorre  assicurare  la  presenza  del  manuale  d’uso  e  manutenzione  e  la  sua  disponibilità per  il lavoratore; in caso di smarrimento procurarsene una nuova copia, anche rivolgendosi al costruttore.
È  necessario assicurarsi  che  la scala  sia  adatta  all’utilizzo specifico, anche attraverso la
consultazione delle presenti schede.
Il trasporto della scala deve avvenire in modo sicuro per evitare danni alla scala, all’addetto e a terzi.
Occorre  verificare  l’integrità  e  il  buono  stato  di  conservazione  ed  efficienza  della  scala,  e non utilizzare scale modificate o costruite in cantiere.

Dalla scala deve essere rimosso qualsiasi residuo, come malte, pitture, oli, grasso, ghiaccio. Prima dell’utilizzo il datore di lavoro deve procedere alla valutazione del rischio e alla redazione del relativo documento valutativo sia esso un Documento di valutazione dei rischi (DVR) o un Piano Operativo di Sicurezza (POS) con specifico riferimento alla lavorazione o alle situazioni nelle quali la scala sarà impiegata.
 
Competenze non tecniche
 
In particolare, nel settore della sicurezza, prendere la giusta decisione in breve tempo può significare evitare incidenti. Infatti, non è l’incapacità o la disattenzione, ma la mancanza o insufficiente consapevolezza della situazione come una delle cause negli incidenti attribuibili a errori umani.
Essere veramente consapevoli di ciò che sta accadendo è una competenza non solo tecnica (NTS), che deriva da attitudini, aspetti caratteriali, esperienza. Essere in grado di comprendere una situazione implica possedere un alto livello di conoscenza dei possibili input e output di un sistema ed essere in grado di individuare le persone e gli eventi che possono giocare un ruolo importante nel processo di cui si ha il controllo.
Occorre quindi, in questo delicato settore, agire su una formazione che prepari il lavoratore a
gestire l’imprevisto, lì dove nessun documento di valutazione preventivo potrebbe arrivare, ma che dia al lavoratore gli strumenti “di consapevolezza” di quali siano i rischi e quali le decisioni da prendere in quel particolare e imprevisto frangente (“prepararlo a essere impreparato”).


Scale semplici di appoggio
 


 


 Gli appoggi alla sommità devono aderire entrambi a una superficie piana, regolare, fissa, non scivolosa, stabile e non cedevole, e ove previsto deve essere adeguatamente
vincolata.
La  scala  deve  essere  posizionata  in  modo  appropriato,  con  un’inclinazione corretta ossia per le scale a gradini tra 60° e 70°; per le scale a pioli tra 65° e
75°.
Nel caso in cui l’appoggio superiore della scala avvenga lungo i montanti, è vietato utilizzare i pioli/gradini posti al disopra dell’appoggio. La sporgenza della scala rispetto al punto di appoggio deve essere inferiore alla metà della lunghezza totale della scala.
Per le scale utilizzate per l’accesso al piano, l’ultimo piolo utile deve distare non più di 315 mm dal piano di sbarco, e deve essere assicurata una presa idonea a
1 m oltre il piano d’arrivo.
Un piolo per essere considerato utile deve sempre distare almeno 150 mm dalla parete.
Per le scale telescopiche con cerniere lo snodo deve trovarsi sul lato opposto alla salita/discesa.
 
Scale doppie e a castello
 


 


 Le  scale  doppie  e  a  castello  devono  sempre  essere  aperte completamente.
Le scale doppie e a castello non possono essere utilizzate per gli accessi ai piani .
 
Durante l’uso
 
Se si opera ad altezza superiore a 2 m, utilizzare un adeguato dispositivo di tenuta del corpo che mantenga la persona all’interno dei montanti, con un cordino di posizionamento il quale deve essere sempre mantenuto in tensione durante il lavoro.
La scala non deve essere sovraccaricata oltre la portata massima prevista dal costruttore.
Il rispetto dei requisiti sia di sicurezza sia di ergonomia comporta l’indicazione di lavorare solo su


 


 scale a gradini, posizionando i piedi sullo stesso gradino.
Durante la salita e la discesa, si procede sempre con il viso rivolto verso  la  scala, mantenere il proprio baricentro all’interno dei montanti della scala.
Le scale devono essere utilizzate in modo da consentire ai lavoratori di disporre in qualsiasi momento di un appoggio e di una presa sicuri; in  particolare,  il  trasporto  a  mano di pesi su una  scala non  deve
precludere una presa sicura.
La  scala non deve essere utilizzata come  ponte, piano  di  lavoro  o montante di piani di lavoro. Deve essere utilizzata da una sola persona.
Occorre  lavorare  sempre  in  posizione  frontale  alla  scala,  evitando
lavori ingeneranti spinte laterali della scala.
Nei casi in cui non è possibile vincolare la scala, deve essere garantita l’assistenza a terra di una seconda persona.
 
Durante  l’esecuzione  dei  lavori,  una  persona  deve  esercitare  da  terra  una continua vigilanza della scala.
 
Gli  utensili  e  gli  attrezzi  manuali  in  uso  devono  essere  vincolati  per  impedirne  la caduta accidentale.
Gli utilizzatori della scala non devono indossare indumenti che rischino di impigliarsi.
Anche nei casi in cui si dispone di un appoggio e di una presa sicura, gli addetti non devono operare sui due gradini superiori di una scala doppia senza piattaforma o barra di sostegno.
 
Dopo l'uso
 
La manutenzione della scala deve essere effettuata da personale competente e deve essere registrata in apposito documento.
II deposito e la conservazione deve avvenire in un luogo asciutto e protetto.

Idoneità psicofisica all’utilizzo di scale
 
L’attuazione della sorveglianza sanitaria mirata per i lavoratori che utilizzano scale portatili in cantiere (ed è auspicabile avvenga anche preventivamente per ogni altra occasione di lavoro che ne preveda l’utilizzo) trova piena giustificazione se si considera che il lavoro in quota, indipendentemente dal contesto in cui è eseguito, ha tali peculiarità di rischio, nonché gravità di danni potenzialmente derivanti che essa può, a ben diritto, essere ritenuta misura di tutela della sicurezza dei lavoratori.
 
La sorveglianza sanitaria rientra comunque tra gli obblighi del datore di lavoro che, secondo l’art.18, comma c) del D.Lgs. 81/08, “nell’affidare i compiti ai lavoratori deve tener conto delle loro capacità e condizioni in rapporto alla loro salute e sicurezza”.
 
D’altra  parte,  tutti  i  lavoratori del  comparto delle  costruzioni sono  soggetti  alla  sorveglianza sanitaria per tutti gli altri rischi specificamente normati (come da Decreto Direttore Generale Sanità n°5408 19/06/2012 Linee Guida Regionali per la Sorveglianza Sanitaria in Edilizia: Aggiornamento del Decreto Direttore Generale Giunta Regionale del 31 ottobre 2002 – n. 20647). Similmente lo sono già molti dei lavoratori esposti a rischio nei diversi settori.
Si ritiene utile, attraverso il presente Piano Mirato di prevenzione  qualificare la sorveglianza sanitaria già effettuata in modo mirato per questo tipo di attività e si suggerisce l’implementazione
nei protocolli sanitari per le mansioni che prevedano il lavoro su scale.
 
Le finalità della sorveglianza sanitaria sono sostanzialmente due:
- la valutazione del possesso dei requisiti psicofisici necessari per lo svolgimento della mansione.
A questo riguardo possiamo ritenere che il lavoro in quota richieda capacità di muoversi in sicurezza in situazioni difficili; capacità cognitive, di giudizio e comportamentali adeguate alle
situazioni da affrontare; assenza di disturbi dell’equilibrio; sufficiente funzionalità dell’apparato sensitivo; assenza di controindicazioni all’uso dei dispositivi di protezione individuale contro la
caduta dall’alto;
- l’accertamento di condizioni cliniche che controindichino lo svolgimento di lavoro in altezza.
 
Il protocollo di sorveglianza sanitaria
 
Il  protocollo  di  sorveglianza  sanitaria  può  essere  articolato  in  accertamenti  di  primo  e  di secondo livello, questi ultimi da effettuarsi qualora quelli di primo livello abbiano evidenziato necessità di approfondimenti.
Negli  accertamenti  di  primo  livello  gli  strumenti  principe  della  sorveglianza  sanitaria  sono
l’anamnesi e la visita medica, integrate da alcuni esami e valutazioni specialistiche.
E’ opportuno che la rilevazione della sintomatologia avvenga mediante l’impiego di questionari standardizzati e validati, dei quali si fornisce esempio nel materiale allegato.
Per  la  rilevazione/registrazione dell’esame  obiettivo  non  si  propone  uno  schema  obbligato, affidandone la  conduzione  alla  professionalità del  Medico  Competente  in  funzione  del  caso specifico in esame.
Gli  accertamenti diagnostici a  corredo della visita  medica, molti dei  quali già  correntemente effettuati a  cura  del  Medico Competente, sono differenziati fra  il  momento della  valutazione preventiva e quello della valutazione periodica.
In sede di valutazione d’idoneità preventiva si propone:
-      Esami   di  laboratorio:  esame   emocromocitometrico   comprensivo   di   conta  piastrinica, transaminasi e gamma GT sieriche, colesterolemia, trigliceridemia, creatininemia, glicemia a digiuno, esame urine;
-     Determinazione dell’acuità visiva per lontano, almeno con tavola optometrica;
-     ECG basale;
-     Spirometria (valutazione dei volumi polmonari e dei flussi espiratori);
-     Esame audiometrico;
-      Valutazione del senso dell’equilibrio con esame clinico (manovra di Romberg; prova indice- naso; prova della deviazione degli indici; prova della marcia; ricerca del nistagmo spontaneo).
In sede di valutazione d’idoneità periodica si propone:
-     visita medica con periodicità annuale/biennale;

-      esami di laboratorio come sopra ed esami strumentali sulla base della valutazione del rischio e dell'età del lavoratore (di norma triennale/quinquennale), quali la determinazione dell'acuità visiva  per  lontano,  con  tavola  optometrica,  ECG,  Spirometria,  esame  audiometrico, valutazione del senso dell'equilibrio.
Negli accertamenti di secondo livello, da prevedersi alla presenza di sintomi e/o segni clinici sospetti per patologia, il programma sanitario può essere integrato da consulenze e valutazioni specialistiche più raffinate, quali ad esempio una valutazione cardiologica con eventuale ECG dinamico ed ecocardiogramma nei soggetti a elevato rischio coronarico; una valutazione neurologica con EEG in caso di sintomi neurologici; un esame otovestibolare in caso di presenza di disturbi dell’equilibrio.
 
Condizioni ostative all’idoneità
 
Sono indicate le seguenti patologie da considerarsi ostative all’idoneità specifica a lavoro in quota:
-     tutte le gravi insufficienze d’organo, comunque determinate;
-     la grave obesità (BMI > 40);
-      le alterazioni del senso dell’equilibrio e le turbe della coordinazione motoria, l’epilessia e le alterazioni dello stato di coscienza (di natura organica e/o psichica);
-      gli  episodi  sincopali;   le  aritmie  cardiache;  le  coronaropatie,  le   valvulopatie   rilevanti emodinamicamente; le  forme  gravi  d’ipertensione  arteriosa  non  controllata  dalla  terapia farmacologica;
-     il diabete in mediocre compenso o con storia di crisi ipoglicemiche ripetute;
-     le forme gravi di reumoartropatie e di osteoartrosi.
 
I lavori su scala portatile con posizionamento ad altezza superiore a 2 m sono, inoltre, da vietare:
-  agli adolescenti così come definiti dalla Legge 17 ottobre 1967 n° 977 modificata dal D.Lgs.
4 agosto 1999 n° 345 “Tutela del lavoro dei bambini e degli adolescenti”;
-   alle  lavoratrici  durante  il  periodo  di  gravidanza  e  fino  al  7  mesi  di  età  del  figlio, potendosi considerare lavori pericolosi, faticosi e insalubri, anche se non espressamente citati nell’allegato A del D.Lgs. n.151 del 26 marzo 2001 “Testo Unico delle disposizioni legislative in materia di tutela e sostegno della maternità e della paternità, a norma dell’art.15 della legge 8 marzo 2000, n. 53”.

È  permesso  e  desiderabile  riprodurre  e  diffondere  i  contenuti  di  questo  documento facendo riferimento al Comitato Provinciale dell’ATS Brianza. Il materiale informativo di approfondimento  di   questo   piano  mirato   che   può   essere   scaricato   dal   sito https://www.ats-brianza.it

documenti gratuiti sicurezza sul lavoro

MESSAGGIO INFORMATIVO SUL NOSTRO SERVIZIO DI NEWSLETTER PROFESSIONAL:

Gli iscritti alla nostra Newsletter Professional hanno accesso all'area condivisione gratuita dove trovare oltre 7000 file gratuiti  utili sulle tematiche prevenzione e sicurezza negli ambienti di lavoro e cantieri temporanei e mobili.

Abbonarsi alla nostra newsletter è conveniente e permette di ricevere via mail notizie, approfondimenti,software freeware,documenti in materia di prevenzione e sicurezza negli ambienti di lavoro...e non solo.

L'iscrizione alla newsletter darà diritto a ricevere le mail contenenti notizie in materia di prevenzione e sicurezza, ad accedere al download del software freeware condiviso gratuitamente con tutti gli iscritti (Trovi il materiale condiviso gratuitamente, Fogli excel utili per la gestione sicurezza, software freeware, Dwg per layout in Autocad,Schede di sicurezza
..Manuali..Approfondimenti...e altro ancora).

L'iscrizione da' diritto anche a particolari scontistiche su vari servizi offerti.

L'iscrizione alla Newsletter Professional non ha scadenze o rinnovi annuali da sostenersi.

MAGGIORI INFORMAZIONI SU COME ISCRIVERSI




Servizi online sicurezza sul lavoro

 

Safety Shop



Risorse Inserite sul Sito di Testo Unico Sicurezza dot Com

Ultimi Inserimenti sul sito:
Testo unico sicurezza 81-2008 versione desktop compatibile Windows Mac e Linux
Semiotica Bombole 2019
Linea guida uman 2019 Rev. 6.2019
Regione Lombardia D.g.r. 31 luglio 2019 - n. XI/2048
OT23 2020 ex OT24 INAIL
Interpello N. 5 / 2019
Prevenzione e Protezione CEM
POP, regolamento 2019/1021 In vigore dal 15 luglio
protezioni da utilizzare in atmosfera esplosiva.
Linee di indirizzo 2019 su ondate di calore e inquinamento atmosferico
Linee Guida per la raccolta e lo smaltimento di piccole quantità di Manufatti Contenenti Amianto
Linee Guida per incidenti che coinvolgono auto elettriche-ibride
Modifica 2019 alla regola tecnica sulle strutture ricettive all'aperto
La gestione della sicurezza nelle cave a cielo aperto
Il primo soccorso nei lavori in quota
Schede Analisi Infortuni
Medico competente e promozione delle pratiche vaccinali nei luoghi di lavoro.
La protezione attiva antincendio
fAQ STRESS LAVORO CORRELATO
criteri di valutazione R ambiente per pavimenti in fibre di amianto
CALCOLO MICROCLIMATICO ONLINE ISO 11079
Ambienti Moderati Severi Cadi/Freddi
Effetti sulla salute dei sistemi di illuminazione che utilizzano diodi emettitori di luce (LED)
Opuscolo in lingua cinese
Quando si può sbarcare in quota dalla Ple?
Formazione per operatori di carrelli industriali semoventi senza sedile
Decreto dirigenziale n. 189 del 29 maggio 2019
test di autovalutazione sicurezza aziendale
La manutenzione per la sicurezza sul lavoro e la sicurezza nella manutenzione
Rimozione in sicurezza delle tubazioni idriche interrate in cemento amianto
Interpello n. 4/ 2019
scale portatili secondo il testo Unico sicurezza
Chek List "SCALE PORTATILI"
Verifica periodica Idroestrattori, carrelli semoventi a braccio telescopico, piattaforme di lavoro autosollevanti su colonne e ascensori e montacarichi da cantiere
Prezzario Regionale 2019 Regione Emilia Romagna
Prezzario 2019 Regione Marche
Prezzario 2019 ANAS
Linea Guida 2019 Per la corretta manutenzione dei sistemi antincendio
verifica periodica su Impianti di messa a terra e impianti di protezione contro le scariche atmosferiche
Sicurezza per le macchine e L'essenziale per la riduzione del rischio
Lista di controllo Vibrazioni sul lavoro
Lista di controllo cantieri edili con bonifica di amianto in word+slide powerpoint seminario
Corsi sulla sicurezza e attestati falsi
installazione videosorveglianza sui luoghi di lavoro
Guida ai servizi di verifica di attrezzature, macchine e impianti
servizi di certificazione e verifica di impianti e apparecchi si richiedono on line attraverso il servizio CIVA inail
Valori degli indici di Sinistrosità Med
Revisione 2019 delle tariffe Inail
EBook Rischio Chimico e cancerogeno
decreto del 12 aprile 2019 del Ministero dell'Interno contiene modifiche al DM 03/08/2015
Linee guida per l’applicazione delle raccolte ISPESL VSR-VSG-M-S
La resistenza al fuoco degli elementi strutturali
rischio EMC lavoratori portatori di pacemaker
Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro: disponibile la nuova versione di APRILE 2019
Funi per apparecchi di sollevamento
normative applicabili e consigli Scaffalature industriali
Interpello n. 3/2019 su formazione e aggiornamento
illuminazione di luoghi di lavoro
responsabilità e obblighi del dirigente scolastico
Calcolatore GVR
GUIDA ADR 2019
MUD 2019
Procedure di sicurezza operazioni con elicottero
Modello editabile word relazione annuale amianto
Etichettatura prodotti disinfettanti
Indicazioni preliminari per la stesura di PEI e PEE
determinazione delle esposizioni sporadiche e di debole intensità (ESEDI) all'amianto
indicazioni-operative-somministrazione-fraudolenta.html
La gestione degli Spazi Confinati nel settore delle costruzioni
Calcolo dell’orario medio Lavoro Notturno
MANUALE DELLA CIRCOLAZIONE DELLE MACCHINE AGRICOLE
Linee guida per la gestione operativa degli stoccaggi negli impianti di gestione dei rifiuti
Database in excel Schede di sicurezza editabili in word sostanze chimiche
Decreto segnaletica stradale 2019
Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro Febbraio 2019
Interpello n. 1/ 2019
Elenco incompatibilità tra agenti chimici diversi
classificazione e l'etichettatura delle sostanze notificate e registrate nonché l'elenco delle classificazioni armonizzate
Chiarimenti Ministero Lavoro su Apprendistato e formazione in distacco
app android Decreto 81/2008
Cambia la direttiva 2004/37/CE
Tabella delle voci armonizzate disponibili nell'allegato VI del CLP
Codici statistici delle unità amministrative territoriali 2019
Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro Gennaio 2019
Linea guida sulla sicurezza degli impianti elettrici
calcolo degli spettro di risposta sismica NTC 2018
REGISTRO DEI CONTROLLI ANTINCENDIO 2019 IN WORD
SCHEDA TECNICA RESPONSABILI SICUREZZA LASER
Verbalizzazione accertamenti e mezzi di impugnazione
Rischio sismico, idrogeologico e vulcanico Comuni Aggiornata la mappa dei rischi naturali
La bonifica delle coperture in cemento amianto
BONIFICA DEI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO IN MATRICE FRIABILE
Linea Guida Apparecchi a pressione Tubazioni
Significato frasi pericolo chimico multilingua
Database excel Valore accellerazione massima al suolo comuni italiani
Blocchi Autocad Gratuiti
Prezzario Opere Edili ed Impiantistiche regione Liguria Anno 2019
Prezzario 2019 Regione Sicilia editabile in word
Prezzario 2019 dei Lavori pubblici della Toscana
Prezzario regionale Lombardia edizione 2019
aumentati gli importi delle sanzioni per violazioni in materia di lavoro
Istruzioni per la valutazione della robustezza delle costruzioni
NUOVO DM ANTINCENDIO BOZZA AGGIORNATA A GENNAIO 2019
Scheda per l'analisi di un infortunio in Pdf Editabile, word ed Excel
Sicurezza Dispositivi di attacco rapido per escavatori
Programma didattico per lavoratori temporanei
la prevenzione delle cadute da coperture di edifici Regione Marche 2018
Tabelle Rimborsi chilometrici ACI 2019 Excel
Maternità flessibile dopo la gravidanza
Quiz delle Verifiche di idoneità del Responsabile Tecnico dicembre 2018
Schede sicurezza in word gratuite valutazione dei rischi edili
Raccolta modelli in excel e word Regolamento Generale sulla ProtezioneDei Dati
Movarisch vers. pro 2019 Excel

kit Didattico Rianimazione Cardio Polmonare
Prevenzione incendi alberghi: prorogata la SCIA se l’attività è sospesa o è al di sotto di 25 posti letto
Gli adempimenti sulla sicurezza per gli enti del terzo settore
sicurezza delle caldaie a vapore
Circolare MATTM Prot. 4064 del 15 Marzo 2018
Delibera del Consiglio SNPA. Seduta del 03.10.18 Doc.n. 41/18
UNI/PdR 51:2018 Responsabilità sociale nelle Micro e Piccole Imprese
Dossier sicurezza scuola Inail 2018
Analisi permeazione degli indumenti di protezione chimica
Applicazione MultiVapor ™ Versione 2.2.5
Norme in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro delle strutture destinate per finalità istituzionali a compiti in materia di ordine e sicurezza pubblica
Linee guida europee sul rumore
VAI ALL'ELENCO DELLE NEWS INSERITE IN ORDINE CRONOLOGICO
Risorse e servizi online offerti su Testo Unico Sicurezza dot com:

Tutte le news pubblicate dal 2010 ad oggi
Modelli in word di Documento Valutazione dei Rischi
Modelli in word di Documenti specifici per l'edilizia
Excel a supporto della sicurezza
Modello di Piano Emergenza ed evacuazione in word
Modelli di Duvri in word
Materiale didattico per la formazione
Tutto Excel, calcolo dei rischi specifici
Newsletter Professional
Testo unico sicurezza Aggiornato