MODELLI ORGANIZZATIVI E SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE

MODELLI ORGANIZZATIVI E SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE ALLA LUCE DELL’ESTENSIONE DEL D.LGS. N. 231/2001 AI REATI CONTRO L’AMBIENTE

e presenti Linee Guida intendono offrire uno strumento di lavoro per l’adozione e l’ef cace attuazione dei Modelli organizzativi atti a prevenire i reati ambientali che rientrano nel campo di applicazione del D.Lgs. n. 231/2001 e che possono comportare la responsabilità amministrativa (penale) delle imprese. è necessario sottolineare che, per quanto attiene l’analisi e la disamina dei presupposti generali della responsabilità degli Enti, il presente documento fa espresso richiamo alle Linee Guida di Con ndustria approvate dal Ministero della Giustizia; già complete nei riferimenti normativi, nonché nella rappresentazione della giurisprudenza intervenuta, a garanzia di indicazioni alle aziende, per l’elaborazione di un adeguato modello organizzativo (il documento è scaricabile dal sito www.confindustria.it).

Le Linee Guida di Assoambiente, pertanto, costituiscono un approfondimento rispetto alle Linee Guida di Con ndustria sulla base delle peculiarità delle attività poste in essere dagli associati, applicabili direttamente allo speci co settore.

Nel primo capitolo viene richiamato il contesto normativo che ha introdotto tale nuova forma di responsabilità e si descrive il sistema sanzionatorio previsto dalla legge. Il secondo capitolo descrive le principali caratteristiche dei Modelli organizzativi, il “meccanismo esimente” ed il sistema di controllo.

Vengono, quindi, analizzati i processi rilevanti ai ni del D.Lgs. n. 231/2001 per un’Azienda che effettua la gestione dei ri uti. Il terzo capitolo introduce, con numerosi esempi applicativi, l’analisi dei processi sensibili e l’identi cazione dei rischi, passando poi a trattare la de nizione del piano dei controlli.

Le relazioni che intercorrono tra i Sistemi di Gestione Ambientale (ISO 14001 ed EMAS) ed i Modelli organizzativi per la prevenzione dei reati ambientali introdotti nel campo di applicazione del D.Lgs. n. 231/2001 sono l’oggetto del quarto capitolo. Si mostrerà come gli standard ISO 14001 ed EMAS possono contribuire a tenere sotto controllo i rischi ambientali.

Dopo le conclusioni del quinto capitolo in appendice sono riportate:

• una traccia di Check list per la veri ca della capacità di gestione della conformità legislativa;
• alcune Matrici di correlazione Processo-reato in relazione alle diverse funzioni/attività aziendali.

ASSOAMBIENTE

DOWNLOAD