metodologia per valutare il pericolo di contagio da Sars-CoV-2 negli ambienti professionali

Covid-19 e tutela dei lavoratori, su Plos One uno studio Inail per la classificazione del rischio nei luoghi di lavoro


La ricerca, appena pubblicata sulla rivista scientifica internazionale, illustra lo sviluppo della metodologia che i ricercatori dell’Istituto hanno progressivamente messo a punto per valutare il pericolo di contagio da Sars-CoV-2 negli ambienti professionali e superare l’emergenza epidemiologica.

L’andamento dell’emergenza sanitaria legata alla diffusione del virus Sars-CoV-2 ha evidenziato l'importanza del fattore lavorativo come elemento sostanziale da considerare sia nell'implementazione di strategie volte a contenere il contagio sia nella definizione delle azioni necessarie per una ripresa economica sostenibile. In questo contesto, i ricercatori del Dipartimento di medicina, epidemiologia, igiene del lavoro e ambientale (Dimeila) hanno sviluppato una metodologia per valutare il rischio di infezione da Sars-CoV-2 negli ambienti di lavoro. Una procedura che integra complessivamente l'analisi del processo lavorativo e la prossimità tra i dipendenti, il rischio di infezione connesso al tipo di attività svolta e il coinvolgimento di soggetti terzi con conseguente aggregazione sociale.

Dall’Inail analisi scientifiche e report tecnici per affrontare l’emergenza. La ricerca Inail è stata pubblicata nei giorni scorsi sulla importante rivista scientifica Plos One e viene così ad aggiungersi ai contributi tecnici e di ricerca, disponibili sul sito istituzionale, prodotti dall’Istituto già a partire dalla prima fase della pandemia.

L’impatto del virus su salute ed economia. Come ricordano gli autori nell’introduzione, la pandemia si è diffusa in tutto il mondo e a marzo 2021 risultano più di 16 milioni le persone contagiate in oltre 200 paesi, con un impatto notevole sulla salute pubblica e sull’economia, come pure sulla salute e sicurezza dei lavoratori, nonché sulla loro stabilità occupazionale.

Dalle misure di contenimento basso livello di contagio nei luoghi di lavoro. In Italia, l’adozione di diverse misure ha comportato durante la prima ondata la sospensione temporanea della maggior parte delle attività commerciali, con una conseguente riduzione di circa il 75% dei lavoratori presenti sul posto di lavoro. È stato stimato che circa il 25% dei dipendenti, come quelli impegnati in strutture sanitarie o nelle forze dell’ordine, o in presidi farmaceutici e alimentari, ha frequentato fisicamente il proprio posto di lavoro. Viceversa, gli incentivi allo smart working e ad altre misure come ferie e congedi sono stati ampiamente adottati dalla pubblica amministrazione e da molte imprese private. Di conseguenza, rileva la ricerca, i dati epidemiologici hanno mostrato un basso livello di trasmissione delle infezioni, con un rilascio progressivo delle misure di contenimento.

Classificazione del rischio per esposizione, prossimità e aggregazione. Nell’articolo viene descritto il metodo messo a punto per stimare il rischio di infezione da Sars-CoV-2 sul posto di lavoro, tenendo conto sia delle caratteristiche specifiche dei processi produttivi e dell'impatto dell'organizzazione del lavoro sul rischio, sia dello stretto contatto di alcune attività con soggetti esterni. L’obiettivo era quello di individuare i livelli generali integrati di rischio professionale per la popolazione attiva e per settore economico. Il rischio occupazionale di contagio virale è stato classificato sulla base di tre variabili: esposizione, prossimità e aggregazione. I dati aggiornati sulla forza lavoro sono stati così associati a ciascun settore di attività per ottenere i livelli ponderati di rischio correlati al numero di potenziali lavoratori esposti, e per valutarne l'impatto su mobilità e pendolarismo.

La metodologia Inail a supporto degli interventi di contrasto al virus. Il metodo inoltre è stato implementato nel modello di sorveglianza epidemiologica nazionale al fine di stimare l'impatto della riattivazione di attività specifiche sull’indice Rt di contagio del virus. I risultati hanno supportato le attività di indirizzo del Comitato tecnico scientifico (Cts), istituito dal Governo presso il Dipartimento della Protezione civile, nella individuazione degli interventi progressivi di mitigazione per il superamento dell’emergenza epidemiologica. Oltre quindi a gestire e a contenere il contagio nei luoghi di lavoro, l’inclusione della dimensione lavorativa nello sviluppo delle misure di prevenzione e protezione nel controllo della pandemia si è configurata una misura utile anche per la gestione del rischio collettivo nel suo complesso.

Un contributo anche per il piano vaccinale negli ambienti lavorativi. La pubblicazione dello studio su Plos One rappresenta un riconoscimento internazionale al lavoro metodologico e di ricerca sviluppato dall’Istituto, che ha costituito la base scientifica delle indicazioni e raccomandazioni presenti nei documenti tecnici elaborati dall’Inail anche in collaborazione con l’Istituto superiore di sanità per i vari settori produttivi: dai trasporti alla ristorazione, dalla balneazione ai servizi per la cura della persona, alle attività della pubblica amministrazione. Questo risultato, concludono i ricercatori, potrà essere utile anche nella fase attuale dell’emergenza epidemiologica e nella prospettiva della campagna vaccinale nei luoghi di lavoro.

La pandemia di COVID-19 si è diffusa in tutto il mondo segnalando oltre 16 milioni di persone contagiate in oltre 200 paesi alla data del presente lavoro , con notevoli impatti sulla salute pubblica e socioeconomici che stanno anche seriamente influenzando la salute e la sicurezza dei lavoratori, nonché la lorostabilità occupazionale.


A questo proposito, la maggior parte dei paesi ha adottato misure di contenimento, tra cui il distanziamento sociale, il telelavoro e la sospensione di diverse attività lavorative non essenziali .

L'Italia è stata la prima tra i paesi occidentali ad affrontare la diffusione della pandemia, e una delle più duramente colpite a livello globale. Il numero di ricoveri ospedalieri per COVID-19 ha notevolmente messo in discussione la capacità del sistema sanitario nazionale di rispondere alle esigenze dei pazienti con particolare riferimento alla disponibilità di posti letto per unità di terapia intensiva .

La progressiva adozione di diverse misure contenenti da parte del governo italiano ha incluso la sospensione temporanea della maggior parte delle attività commerciali, con una conseguente riduzione di circa il 75% dei lavoratori presenti sul posto di lavoro a partire dal 25 marzoTh. Secondo le stime riportate dall'Istituto Nazionale di Statistica (Istat), l'intero settore non sospeso comprendeva 2,3 milioni di imprese (51,2% del totale), per un totale di 15,6 milioni di lavoratori (66,7% del totale), mentre i dipendenti sospesi erano circa 7,8 milioni (33,3%) .

Le scuole e le università sono state chiuse: insegnanti e studenti hanno continuato le loro attività attraverso strumenti di e-learning. È stato stimato che circa il 25% dei dipendenti ha frequentato il proprio posto di lavoro (ad esempio strutture sanitarie, forze di sicurezza, esercito, catena di approvvigionamento alimentare, farmacie, trasporti, ecc.) poiché gli incentivi allo smart working e alle ferie annuali sono stati ampiamente adottati dalla pubblica amministrazione e da molte imprese private.

Di conseguenza, i dati epidemiologici hanno mostrato un basso livello di trasmissione delle infezioni, che ha avviato un rilascio progressivo di misure di contenimento con un approccio graduale di sollevamento progressivo del blocco secondo il modello suggerito dall'OMS e guidato dal modello di gestione del rischio descritto nel presente documento.

L'insieme contiene misure volte a garantire la salute e la sicurezza dei lavoratori e a ridurre i contatti sociali per l'intera popolazione. Le misure miravano anche ad affrontare il rischio di infezione intrinseco a qualsiasi attività lavorativa. Gli operatori sanitari e altri operatori del settore essenziale hanno continuato la loro attività, nonostante abbiano dovuto affrontare diverse sfide organizzative, tra cui la carenza critica di dispositivi di protezione individuale .

L'epidemia che si sta diffondendo tra gli operatori sanitari ha portato alla luce che il rischio di infezione legato al lavoro è molto concreto. Come confermato dagli ultimi dati disponibili, tale situazione ha causato un numero molto elevato di infezioni tra gli operatori sanitari pari al 12,2% del totale dei casi. Sono state registrate anche diverse vittime . Tale fenomeno è comune ad altri paesi colpiti dalla pandemia.

In altri settori si sono svolte epidemie del virus tra i lavoratori degli impianti di trasformazione della carne e del pollame negli Stati Uniti e in altri paesi. Casi di COVID-19 sono stati osservati in altri contesti di aggregazione, tra cui strutture correzionali e di detenzione e rifugi per senzatetto . Il settore del turismo, della vendita al dettaglio e dell'ospitalità, i lavoratori dei trasporti e della sicurezza e i lavoratori edili sono stati riconosciuti come probabili COVID-19 acquisiti sul posto di lavoro in uno studio di Singapore [13]. In Italia l'impatto del COVID-19 sui lavoratori può essere misurato anche da oltre 47.000 richieste di risarcimento e 208 decessi relativi all'esposizione professionale al COVID-19 registrati al 31 maggioSan

L'esposizione legata al lavoro può verificarsi in qualsiasi momento sul posto di lavoro, durante gli viaggi sul lavoro in un'area con trasmissione della comunità locale, nonché sulla strada da e per il luogo di lavoro [15]. I dati epidemiologici mostrano un aumento del rischio di scarso esito per età e comorbilità [8] nella popolazione generale, rendendo questi individui più fragili e vulnerabili alle infezioni, anche nel contesto lavorativo.

Queste cifre evidenziano l'importanza del lavoro come fattore sostanziale da considerare sia nell'attuazione delle strategie volte a contenere la pandemia sia nella definizione della strategia di mitigazione del lockdown necessaria per una ripresa economica sostenuta.

Poiché il numero di riproduzione (Rt) era inferiore a 1 e la pandemia ha raggiunto uno stato costante di trasmissione di basso livello, il dibattito si è concentrato su come bilanciare il graduale e controllato sollevamento delle misure di contenimento, garantendo nel contempo una continua politica di protezione della salute pubblica. Il virus continuerà a circolare fino a quando non sarà disponibile un vaccino efficace o non sarà raggiunta l'immunità di gregge; pertanto, vi è il rischio persistente di nuovi focolai di malattia che dovranno essere controbilanciati da interventi rigorosi, che dovrebbero coinvolgere sia la salute pubblica che quella sul lavoro.

Documenti di orientamento per la sicurezza e la salute sul luogo di lavoro sono stati pubblicati a livello internazionale [16]. Sono stati proposti approcci di categorizzazione del rischio COVID-19 in cui l'esposizione legata al lavoro dipende dalla probabilità di entrare in contatto stretto o frequente con persone che possono essere infettate dalla SARS-CoV-2 o con superfici e oggetti contaminati .

In questo quadro, il presente studio descrive un approccio graduale, basato su una metodologia per valutare il rischio occupazionale di infezione da SARS-CoV-2. Finché vengono soddisfatti adeguati indicatori epidemiologici, questo approccio può garantire un ritorno sicuro al lavoro dopo il blocco, garantendo standard specifici in termini di salute e sicurezza dei lavoratori.

I principali risultati di questo approccio sono stati adottati dal governo italiano per una politica orientata all'azione al fine di determinare la priorità e gli interventi sull'emergenza COVID-19 .

Il Metodo proposto

È stato messo a punto un metodo per stimare il rischio di infezione da SARS-CoV-2 sul posto di lavoro, tenendo conto, da un lato, delle caratteristiche specifiche dei processi produttivi e dell'impatto dell'organizzazione del lavoro sul rischio; d'altra parte, abbiamo ritenuto che molti lavori richiedano uno stretto contatto con soggetti esterni (pubblico, clienti, ecc.), il che aumenta la probabilità di aggregazione sociale, con conseguenze che possono facilmente espandersi verso la comunità.


Questa metodologia si basa sull'approccio generale all'analisi dei rischi nel campo della sicurezza e della salute sul lavoro (SSL) .


In questo caso, tale approccio non è strettamente inteso a mitigare i danni per le singole attività lavorative; essa mira invece a individuare i livelli generali integrati di rischio professionale per la popolazione attiva per settore economico, in linea con la strategia dei responsabili delle decisioni per l'abolizione delle misure di contenimento.

Il rischio occupazionale di infezione da SARS-CoV-2 è stato classificato sulla base di tre variabili:

Esposizione:la probabilità di essere in contatto con la potenziale fonte di infezione durante l'attività lavorativa, secondo la scala da 1 = "non esposto" a 5 = "completamente esposto".
Prossimità:le caratteristiche intrinseche dell'attività lavorativa che non possono garantire un adeguato distanziamento sociale. Il parametro è stato classificato in base alla scala da 1 = "lavoro svolto da solo quasi durante tutto l'orario di lavoro" a "5 = "lavoro svolto in stretta vicinanza con altri per la maggior parte dell'orario di lavoro".
Aggregazione:la condizione legata alle attività lavorative che possono determinare contatti con persone diverse dai compagni di lavoro (ristoranti, vendita al dettaglio, intrattenimento, ospitalità, istruzione, ecc.) definite come un fattore nelle seguenti classi: 1,00 = "presenza limitata di terzi" (ad esempio settore manifatturiero, industria, uffici che non sono aperti al pubblico); 1.15 = "presenza intrinseca di terzi controllati attraverso l'organizzazione" (es. vendita al dettaglio, servizi personali, uffici aperti al pubblico, caffè, ristoranti); 1.30 = "aggregazioni controllabili con procedure" (ad esempio assistenza sanitaria, scuole, carceri, esercito, trasporti pubblici); 1,50 = "grandi aggregazioni non facilmente controllabili con procedure specifiche" (ad esempio spettacoli, eventi sportivi).
I primi due parametri rappresentano rispettivamente la probabilità di contatto con potenziali fonti di infezione e la vicinanza fisica ad altre persone durante il lavoro. Ad esempio, un microbiologo può avere un alto indice di esposizione a causa delle sue attività specifiche ma un indice inferiore di vicinanza fisica ad altri colleghi; invece, un ballerino o un attore può avere poca probabilità di incontrare potenziali fonti di infezione, ma viene inevitabilmente a stretto contatto con altri lavoratori.

Per quantificare tali parametri, abbiamo utilizzato gli indicatori di prossimità e percezione dell'esposizione definiti dalla banca dati online della rete di informazione professionale (O*NET), basati sulla classificazione professionale standard (SOC) e disponibili per oltre 900 professioni [19]. Abbiamo tradotto le professioni SOC nella Classificazione Italiana delle Attività Economiche–ATECO 2007, derivata dalla Classificazione Europea delle Attività Economiche (NACE Rev.2) , attraverso metodi di codifica clericale come descritto da Mannetje e Kromhout [21] e già utilizzato per studi epidemiologici.

Sia i valori medi di esposizione che di prossimità sono stati calcolati per ciascun settore occupazionale secondo la classificazione ATECO. Le scale sono state normalizzate usando la seguente equazione:

dove yHo è il punteggio standardizzato per la ITh settore, xHo è il punteggio di valutazione originale, xMinimo è il punteggio più basso possibile sulla scala di valutazione utilizzata, e xMassimo è il punteggio più alto possibile sulla scala di valutazione.

Per valutare l'affidabilità nel contesto italiano, abbiamo confrontato l'indicatore di percezione O*NET dell'esposizione all'indicatore di esposizione al rischio biologico (virus o batteri) già definito nell'ambito dell'Indagine italiana sulla sicurezza e la salute sul lavoro (INSuLa) per ciascun settore ATECO. L'indagine si basa su un campione rappresentativo della popolazione attiva nazionale e viene periodicamente ripetuta ogni 5 anni . Analogamente, per l'indicatore di prossimità fisica abbiamo applicato il confronto con l'indicatore utilizzato nell'Indagine campione italiana sulle professioni (PIC) . In entrambi i casi, il coefficiente di correlazione di Pearson era statisticamente significativo con valori rispettivamente di 0,794 (p 8 elevata all'interno delle curve di rischio iso.

noltre, a ciascun settore di attività sono stati associati dati aggiornati sulla forza lavoro [4] per ottenere un onere dei livelli di rischio legato al numero di potenziali lavoratori esposti. Il legame tra la quantità di persone che lavorano in ogni settore sospeso durante il lockdown nazionale, con le variabili pendolari (come la percentuale di utilizzo del trasporto pubblico per settore e la distribuzione oraria della mobilità) ci ha permesso di evidenziare il potenziale impatto sulla mobilità dovuto alla riattivazione delle imprese e al pendolarismo. L'ultima analisi è stata eseguita per sesso, classe di età e area geografica.

Sulla base di questo approccio basato sulla matrice di rischio, sono state individuate misure per prevenire/mitigare il rischio di infezione per i lavoratori e la comunità in generale.

Fonte:PLOS ONE INAIL

Risk assessment at work and prevention strategies on Covid-19 in Italy (docx)

SCARICA LA VERSIONE TRADOTTA IN ITALIANO (FORMATO EXCEL)

SCARICA LA VERSIONE TRADOTTA IN ITALIANO (FORMATO WORD)

ANCHE QUESTA RISORSA E' GRATUITA  PER GLI ISCRITTI ALLA NOSTRA NEWSLETTER PROFESSIONAL. ISCRIVITI ANCHE TU.

Gratuito per gli iscritti alla nostra Newsletter Professional

Scopri cosa offre la nostra Newsletter professional

Il Foglio in excel è a disposizione gratuitamente, insieme a tantissimi altri presenti, degli iscritti della nostra newsletter professional che hanno accesso all'area condivisione gratuita a loro riservata.

Ricordiamo inoltre che insieme a questo applicativo gratuito per gli iscritti alla nostra Newsletter trovate tantissimo altro materiale utile in materia di prevenzione e sicurezza nei luoghi di lavoro.

Un motivo in piu' per iscrivervi alla nostra newsletter professional.


SCOPRI I VANTAGGI DI ISCRIVERSI ALLA NOSTRA NEWSLETTER PROFESSIONAL

ReCaptcha

Questo servizio Google viene utilizzato per proteggere i moduli Web del nostro sito Web e richiesto se si desidera contattarci. Accettandolo, accetti l'informativa sulla privacy di Google: https://policies.google.com/privacy

Google Analytics

Google Analytics è un servizio utilizzato sul nostro sito Web che tiene traccia, segnala il traffico e misura il modo in cui gli utenti interagiscono con i contenuti del nostro sito Web per consentirci di migliorarlo e fornire servizi migliori.

Facebook

Il nostro sito Web ti consente di apprezzare o condividere i suoi contenuti sul social network Facebook. Attivandolo e utilizzandolo, si accetta l'informativa sulla privacy di Facebook: https://www.facebook.com/policy/cookies/

YouTube

I video integrati forniti da YouTube sono utilizzati sul nostro sito Web. Accettando di guardarli accetti le norme sulla privacy di Google: https://policies.google.com/privacy

Twitter

I tweet integrati e i servizi di condivisione di Twitter sono utilizzati sul nostro sito Web. Accettando e utilizzando questi, si accetta l'informativa sulla privacy di Twitter: https://help.twitter.com/it/rules-and-policies/twitter-cookies

Google Ad

Il nostro sito Web utilizza Google Ads per visualizzare contenuti pubblicitari. Accettandolo, si accetta l'informativa sulla privacy di Google: https://policies.google.com/technologies/ads?hl=it