IMPAcT-RLS: indagine sui modelli partecipativi aziendali e territoriali per la salute e la sicurezza

L’indagine, rivolta a tutte le figure della rappresentanza dei lavoratori per la sicurezza, RLS aziendali, territoriali e di sito produttivo         

Lo studio riportato nella pubblicazione parte dall’esperienza di INSuLa e ne amplia le basi di indagine e rilevazione, raggiungendo un’ampia platea di RLS e favorendo un processo di ricerca partecipativo attraverso il coinvolgimento, nel comitato di pilotaggio, dei sindacati più rappresentativi.[img-pubbl-IMPAcT-RLS]L’indagine, rivolta a tutte le figure della rappresentanza dei lavoratori per la sicurezza, RLS aziendali, territoriali e di sito produttivo, ha riguardato tutto il territorio nazionale e i settori a dimensioni aziendali.
Il progetto, finanziato dall’Inail, è stato condotto dal Politecnico di Milano, quale capofila, insieme alla Fondazione Di Vittorio e all’Università di Perugia, con la collaborazione di Cgil, Cisl, Uil e il Dipartimento di medicina, epidemiologia, igiene del lavoro e ambiente dell’Inail.


La presente ricerca si pone l’obiettivo di offrire un quadro completo, a livello nazionale, sul ruolo del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza (RLS), nelle sue diverse forme, rappresentante aziendale (RLS), territoriale (RLST) e di sito produttivo (RLSSP), nell’ambito dei sistemi di valutazione, prevenzione e gestione dei rischi per la salute e sicurezza dei lavoratori. Lo studio parte dalla consolidata evidenza nella letteratura nazionale e internazionale dell’impatto significativo che un coinvolgimento consapevole dei RLS nella gestione dei rischi e un approccio cooperativo nei sistemi di prevenzione hanno nel garantire una tutela più efficace della salute e sicurezza dei lavoratori, ma anche dal riconoscimento che i RLS incontrano diverse criticità nello svolgere il loro ruolo. Solo pochi studi, in ambito internazionale, hanno analizzato il ruolo dei RLS nello scenario più ampio dei sistemi di prevenzione, utilizzando allo scopo un questionario standardizzato per raggiungere un campione rappresentativo della popolazione di riferimento. In Italia il primo studio orientato ad ottenere un quadro ampio sul ruolo dei RLS è stato condotto nell’ambito del progetto Insula, sviluppato nel 2014 da Inail, rivolgendosi a tutti i soggetti della prevenzione. Per i RLS la ricerca ha effettuato un approfondimento su tre contesti regionali [1]. Il presente studio si è posto l’obiettivo di ampliare l’indagine ad un campione rappresentativo di tutta la popolazione di RLS presente sul territorio nazionale e di approfondirla rispetto agli aspetti indagati, con particolare riferimento alle relazioni, le sinergie e le criticità esistenti tra il sistema di rappresentanza e il sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSSL). Una fase di analisi della letteratura esistente in campo giuridico e in ambito organizzativo e manageriale ha permesso di sviluppare un modello della ricerca che sintetizzasse le variabili rilevanti e le relazioni attese tra esse identificando il modello teorico di riferimento. La ricerca è stata condotta attraverso una survey su un campione rappresentativo della popolazione complessiva per quanto riguarda i RLS ed RLST, e attraverso alcuni studi di caso per quanto riguarda i RLSSP. I questionari per le survey sono stati sviluppati a partire dalle ricerche esistenti ed utilizzando le indicazioni emerse dalla letteratura. Sono inoltre stati testati per completezza e comprensibilità su piccoli sottocampioni. La survey indirizzata ai ‘RLS aziendali’ ha riguardato un campione di 2.109 individui, rappresentativo a livello nazionale e essenzialmente allineato alla popolazione di RLS, anche rispetto ai settori indagati; dal lato della dimensione e complessità organizzativa, il campione risulta leggermente sbilanciato verso le aziende private, di dimensioni più grandi, caratterizzate da una molteplicità di unità produttive e appartenenti a gruppi multinazionali. Il profilo tipico del RLS è quello di un operaio o impiegato maschio, italiano, di circa 48 anni, con un diploma di scuola media superiore. Emerge inoltre che mediamente i RLS hanno un’esperienza nel ruolo di circa 6 anni, prevalentemente nella stessa azienda in cui operano attualmente. L’andamento dei principali indicatori di prestazione in materia di SSL mostra un trend positivo di miglioramento. L’elevato livello di consapevolezza da parte dei RLS dei rischi presenti nell’ambiente di lavoro è ugualmente un elemento positivo; anche in questo caso, i risultati ottenuti risultano ancora coerenti con quanto emerso da Insula, confermando una sostanziale stabilità delle tipologie di rischio cui si trova esposta la maggioranza della popolazione lavorativa. È tuttavia importante sottolineare come emerga una limitata sensibilità da parte delle aziende a considerare i rischi specifici di alcune categorie di lavoratori, in particolare in funzione dell’età e del 
genere. Inoltre, a fronte dell’ampia presenza di lavoratori di altre aziende nelle unità produttive indagate, i rischi da interferenza risultano essere gestiti in modo poco efficace. I rispondenti si dichiarano, in generale, mediamente soddisfatti nello svolgimento del proprio ruolo, ma sottolineano che esso potrebbe essere facilitato grazie ad una maggiore formazione/informazione, un più facile accesso ai documenti rilevanti, oltre che da una sensibilità più diffusa tra i lavoratori sui temi di salute e sicurezza sul lavoro (SSL). L’indagine fotografa un quadro fortemente eterogeneo dei modelli partecipativi per la salute e sicurezza sul lavoro (SSL) oggi in essere nella realtà italiana. Ciò è determinato da situazioni molto diversificate, se non divergenti, sia sul lato della forza/maturità del ruolo di RLS - nelle sue componenti di consultazione, rappresentanza e partecipazione - sia sul lato dei sistemi di gestione e della cultura aziendale della sicurezza. In particolare le analisi hanno permesso di evidenziare quattro profili, ben delineati e differenziati, che corrispondono ad altrettanti modelli partecipativi per la SSL, più o meno maturi: n bloccato(bassa maturità del SGSSL e bassa maturità del ruolo di RLS); n divergente(bassa maturità del SGSSL e alta maturità del ruolo di RLS); n incompiuto(alta maturità del SGSSL e bassa maturità del ruolo di RLS); n virtuoso(alta maturità del SGSSL e alta maturità del ruolo di RLS). A questi quattro profili corrispondono livelli di prestazione di salute e sicurezza sul lavoro (SSL) significativamente diversi, con una forte correlazione positiva tra maturità del modello e prestazioni raggiunte. L’indagine sui ‘rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza territoriali’ (RLST) ha portato a risultati abbastanza allineati con quelli relativi ai RLS, pur evidenziando criticità specifiche. Il campione di indagine è costituito da 115 RLST, distribuiti omogeneamente sul territorio nazionale e rappresentanti soprattutto realtà di piccole dimensioni, prevalentemente nei comparti delle costruzioni e dell’artigianato. Si segnala invece il sostanziale allineamento dei due campioni (RLS e RLST) in termini di caratteristiche anagrafiche dei rispondenti. Il profilo dei rischi percepiti nelle aziende rappresentate dai RLST è piuttosto allineato con quello delle altre aziende, a parte alcune tipologie di rischio specifiche, maggiormente presenti nei settori e per le dimensioni specifiche delle aziende del campione I RLST, analogamente a quanto accade per i RLS, risultano consultati per gli aspetti organizzativi e di responsabilità sulla prevenzione in un numero molto limitato di casi, e nella maggior parte di questi in modo piuttosto superficiale. Inoltre, a differenza dei RLS, i RLST partecipano in misura piuttosto limitata ai momenti previsti formalmente per il confronto sulle tematiche di SSL. Nonostante questo quadro non del tutto positivo, i RLST dichiarano un buon livello di soddisfazione per il proprio ruolo. In generale l’analisi svolta sui RLST evidenzia diverse caratteristiche in comune con i RLS, soprattutto in relazione alla formazione ricevuta, alla percezione del proprio ruolo e alle relazioni industriali. Le dimensioni inferiori e i settori specifici delle aziende in cui essi operano determinano, però, situazioni più critiche rispetto a quanto evidenziato per i RLS aziendali, sia sull’individuazione dei rischi che sulla gestione della SSL. Infine l’indagine riferita ai ‘rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza di sito produttivo’ (RLSSP) è stata condotta tramite interviste approfondite ed aperte, realizzate su 10 casi di studio prevalentemente riferiti alle realtà portuali. Essa mostra l’importanza di questa figura in contesti produttivi complessi e articolati, caratterizzati dal coinvolgimento di un elevato numero di imprese, in cui il RLSSP contribuisce a garantire un coordinamento tra i vari attori della sicurezza. Le criticità nello svolgimento del proprio ruolo sono principalmente dovute alle difficoltà di rapporti con i lavoratori impiegati nel sito produttivo, non esistendo momenti e strumenti di consultazione e confronto normativamente o contrattualmente predefiniti. Si segnalano, inoltre, problematiche nel rapporto con le singole imprese, eterogenee sia per dimensione che per attività svolta, nonché per il diverso grado di cultura della sicurezza posseduto da ciascuna. L’analisi rileva, inoltre, criticità dovute al coordinamento tra RLSSP e RLS delle singole imprese impegnate nello scenario produttivo. Un ultimo aspetto che va posto in evidenza è l’assenza di una formazione specifica che tenga conto dei rischi 
e delle condizioni di lavoro particolari presenti in ambiti produttivi del tutto singolari come quelli dei porti, o in contesti in cui la sola interferenza tra più organizzazioni produttive in un unico scenario lavorativo genera condizioni di rischio e pericolo sui generis. In conclusione, la ricerca dimostra che a quasi dieci anni dall’emanazione del d.lgs. 81/2008 permangono notevoli difficoltà per l’assunzione di un ruolo attivo da parte del RLS; condizione condivisa tra realtà aziendali molto diverse, per settore, dimensione e maturità del sistema di gestione per la salute e sicurezza sul lavoro. Il quadro che emerge è a luci ed ombre. Nella maggior parte delle aziende infatti il RLS è ancora oggi ostacolato da diversi fattori che impediscono l’affermazione di un ruolo attivo e partecipativo, soprattutto a causa di SGSSL immaturi che limitano i diritti di informazione, consultazione e partecipazione, ovvero gli assi portanti di un sistema di prevenzione condiviso. Esiste però anche una quota non marginale di unità produttive con SGSSL maturi e fondati su un modello partecipativo virtuoso, che riconosce il contributo specifico ed essenziale di ogni attore della prevenzione. Dall’indagine emerge che a questo tipo di realtà è associata una maggior probabilità di migliori prestazioni di SSL. La ricerca ha inoltre consentito di sperimentare una metodologia completa che costituisce una solida base di partenza per poter sviluppare un’indagine periodica sul ruolo dei RLS aziendali, territoriali e di sito produttivo, funzionale a monitorare le condizioni in cui opera questa figura e a promuovere strategie di intervento mirate basate su evidenze empiriche. In particolare, alla luce dei risultati della ricerca, un’indagine periodica dovrebbe essere: 

1. basata su un campione rappresentativo dell’universo dei RLS a livello nazionale, settoriale e di dimensione aziendale; 

2. capace di considerare le specificità proprie delle diverse figure di RLS, adattando sia le metodologie che gli strumenti alle caratteristiche dei RLS aziendali, territoriali e di sito produttivo;

3. periodica e dunque replicabile secondo un modello standard, al fine di favorire analisi diacroniche e monitorare l’andamento delle condizioni in cui opera il RLS e dei sistemi di prevenzione;

4. costituita da un questionario capace di raccogliere alcune informazioni ‘standard’ per ogni edizione (per analizzare la complessità di fattori che caratterizzano l’operato dei RLS) e con dei focus specifici, variabili nelle diverse edizioni, per proporre degli approfondimenti su alcuni temi ritenuti rilevanti; 

5. in grado di integrare gli aspetti legati al ruolo dei RLS con i fattori organizzativi e prestazionali della gestione della salute e sicurezza; 

6. comparabile con indagini simili condotte in ambito nazionale, europeo e internazionale; 

7. condotta in relazione agli obiettivi generali del programma Insula dell’Inail del 2014 e alle indagini sviluppate per le altre figure (i lavoratori, i datori di lavoro, i responsabili del servizio di prevenzione e protezione, i medici competenti, i servizi per la prevenzione e sicurezza negli ambienti di lavoro);

8. svolta in collaborazione con le organizzazioni sindacali comparativamente più rappresentative a livello nazionale, in particolare quelle firmatarie degli accordi che istituiscono la figura del RLST, RLS di sito produttivo e gli organismi paritetici;9. condotta con la partecipazione degli stessi RLS alla definizione dei contenuti e delle metodologie di rilevazione.

Prodotto: Volume
Edizioni: Inail – settembre 2017
IMPAcT-RLS: indagine sui modelli partecipativi aziendali e territoriali per la salute e la sicurezza sul lavoro (.pdf - 1,59 kb) 

documenti gratuiti sicurezza sul lavoro

MESSAGGIO INFORMATIVO SUL NOSTRO SERVIZIO DI NEWSLETTER PROFESSIONAL:

Gli iscritti alla nostra Newsletter Professional hanno accesso all'area condivisione gratuita dove trovare oltre 7000 file gratuiti  utili sulle tematiche prevenzione e sicurezza negli ambienti di lavoro e cantieri temporanei e mobili.

Abbonarsi alla nostra newsletter è conveniente e permette di ricevere via mail notizie, approfondimenti,software freeware,documenti in materia di prevenzione e sicurezza negli ambienti di lavoro...e non solo.

L'iscrizione alla newsletter darà diritto a ricevere le mail contenenti notizie in materia di prevenzione e sicurezza, ad accedere al download del software freeware condiviso gratuitamente con tutti gli iscritti (Trovi il materiale condiviso gratuitamente, Fogli excel utili per la gestione sicurezza, software freeware, Dwg per layout in Autocad,Schede di sicurezza
..Manuali..Approfondimenti...e altro ancora).

L'iscrizione da' diritto anche a particolari scontistiche su vari servizi offerti.

L'iscrizione alla Newsletter Professional non ha scadenze o rinnovi annuali da sostenersi.

MAGGIORI INFORMAZIONI SU COME ISCRIVERSI




Servizi online sicurezza sul lavoro

 

Safety Shop



Risorse Inserite sul Sito di Testo Unico Sicurezza dot Com

Ultimi Inserimenti sul sito:
Testo unico sicurezza 81-2008 versione desktop compatibile Windows Mac e Linux
Linea Guida 2019 Per la corretta manutenzione dei sistemi antincendio
verifica periodica su Impianti di messa a terra e impianti di protezione contro le scariche atmosferiche
Sicurezza per le macchine e L'essenziale per la riduzione del rischio
Lista di controllo Vibrazioni sul lavoro
Lista di controllo cantieri edili con bonifica di amianto in word+slide powerpoint seminario
Corsi sulla sicurezza e attestati falsi
installazione videosorveglianza sui luoghi di lavoro
Guida ai servizi di verifica di attrezzature, macchine e impianti
servizi di certificazione e verifica di impianti e apparecchi si richiedono on line attraverso il servizio CIVA inail
Valori degli indici di Sinistrosità Med
Revisione 2019 delle tariffe Inail
EBook Rischio Chimico e cancerogeno
decreto del 12 aprile 2019 del Ministero dell'Interno contiene modifiche al DM 03/08/2015
Linee guida per l’applicazione delle raccolte ISPESL VSR-VSG-M-S
La resistenza al fuoco degli elementi strutturali
rischio EMC lavoratori portatori di pacemaker
Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro: disponibile la nuova versione di APRILE 2019
Funi per apparecchi di sollevamento
normative applicabili e consigli Scaffalature industriali
Interpello n. 3/2019 su formazione e aggiornamento
illuminazione di luoghi di lavoro
responsabilità e obblighi del dirigente scolastico
Calcolatore GVR
GUIDA ADR 2019
MUD 2019
Procedure di sicurezza operazioni con elicottero
Modello editabile word relazione annuale amianto
Etichettatura prodotti disinfettanti
Indicazioni preliminari per la stesura di PEI e PEE
determinazione delle esposizioni sporadiche e di debole intensità (ESEDI) all'amianto
indicazioni-operative-somministrazione-fraudolenta.html
La gestione degli Spazi Confinati nel settore delle costruzioni
Calcolo dell’orario medio Lavoro Notturno
MANUALE DELLA CIRCOLAZIONE DELLE MACCHINE AGRICOLE
Linee guida per la gestione operativa degli stoccaggi negli impianti di gestione dei rifiuti
Database in excel Schede di sicurezza editabili in word sostanze chimiche
Decreto segnaletica stradale 2019
Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro Febbraio 2019
Interpello n. 1/ 2019
Elenco incompatibilità tra agenti chimici diversi
classificazione e l'etichettatura delle sostanze notificate e registrate nonché l'elenco delle classificazioni armonizzate
Chiarimenti Ministero Lavoro su Apprendistato e formazione in distacco
app android Decreto 81/2008
Cambia la direttiva 2004/37/CE
Tabella delle voci armonizzate disponibili nell'allegato VI del CLP
Codici statistici delle unità amministrative territoriali 2019
Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro Gennaio 2019
Linea guida sulla sicurezza degli impianti elettrici
calcolo degli spettro di risposta sismica NTC 2018
REGISTRO DEI CONTROLLI ANTINCENDIO 2019 IN WORD
SCHEDA TECNICA RESPONSABILI SICUREZZA LASER
Verbalizzazione accertamenti e mezzi di impugnazione
Rischio sismico, idrogeologico e vulcanico Comuni Aggiornata la mappa dei rischi naturali
La bonifica delle coperture in cemento amianto
BONIFICA DEI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO IN MATRICE FRIABILE
Linea Guida Apparecchi a pressione Tubazioni
Significato frasi pericolo chimico multilingua
Database excel Valore accellerazione massima al suolo comuni italiani
Blocchi Autocad Gratuiti
Prezzario Opere Edili ed Impiantistiche regione Liguria Anno 2019
Prezzario 2019 Regione Sicilia editabile in word
Prezzario 2019 dei Lavori pubblici della Toscana
Prezzario regionale Lombardia edizione 2019
aumentati gli importi delle sanzioni per violazioni in materia di lavoro
Istruzioni per la valutazione della robustezza delle costruzioni
NUOVO DM ANTINCENDIO BOZZA AGGIORNATA A GENNAIO 2019
Scheda per l'analisi di un infortunio in Pdf Editabile, word ed Excel
Sicurezza Dispositivi di attacco rapido per escavatori
Programma didattico per lavoratori temporanei
la prevenzione delle cadute da coperture di edifici Regione Marche 2018
Tabelle Rimborsi chilometrici ACI 2019 Excel
Maternità flessibile dopo la gravidanza
Quiz delle Verifiche di idoneità del Responsabile Tecnico dicembre 2018
Schede sicurezza in word gratuite valutazione dei rischi edili
Raccolta modelli in excel e word Regolamento Generale sulla ProtezioneDei Dati
Movarisch vers. pro 2019 Excel

kit Didattico Rianimazione Cardio Polmonare
Prevenzione incendi alberghi: prorogata la SCIA se l’attività è sospesa o è al di sotto di 25 posti letto
Gli adempimenti sulla sicurezza per gli enti del terzo settore
sicurezza delle caldaie a vapore
Circolare MATTM Prot. 4064 del 15 Marzo 2018
Delibera del Consiglio SNPA. Seduta del 03.10.18 Doc.n. 41/18
UNI/PdR 51:2018 Responsabilità sociale nelle Micro e Piccole Imprese
Dossier sicurezza scuola Inail 2018
Analisi permeazione degli indumenti di protezione chimica
Applicazione MultiVapor ™ Versione 2.2.5
Norme in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro delle strutture destinate per finalità istituzionali a compiti in materia di ordine e sicurezza pubblica
Linee guida europee sul rumore
VAI ALL'ELENCO DELLE NEWS INSERITE IN ORDINE CRONOLOGICO
Risorse e servizi online offerti su Testo Unico Sicurezza dot com:

Tutte le news pubblicate dal 2010 ad oggi
Modelli in word di Documento Valutazione dei Rischi
Modelli in word di Documenti specifici per l'edilizia
Excel a supporto della sicurezza
Modello di Piano Emergenza ed evacuazione in word
Modelli di Duvri in word
Materiale didattico per la formazione
Tutto Excel, calcolo dei rischi specifici
Newsletter Professional
Testo unico sicurezza Aggiornato