Le nuove ISO 14001 2015 e ISO 9001 2015

Domande frequenti sulla norma ISO 14001: 2015

Dopo uno scrupoloso lavoro di analisi, ISO ha deciso di rivedere gli standard affinché:

I sistemi di gestione della qualità e ambientale diventino parte integrante delle strategie di business e di sviluppo aziendale
L’integrazione tra gli standard diventi un punto di forza agevolando le organizzazioni
Le aspettative di tutti gli stakeholder di un’organizzazione siano recepite dal sistema adotatto
Il miglioramento continuo delle organizzazioni prosegua

Domande frequenti sulla norma ISO 14001: 2015 tratte dal sito iso.org

Queste FAQ sono progettati per fornire indicazioni supplementari per gli utenti della ISO 14001: 2015 e si basa sulle raccomandazioni concordate dagli esperti del gruppo di lavoro ISO / TC 207 / SC 1 / WG 5 (WG5) durante il processo di revisione ISO 14001.Esso è diviso in sezioni relative a:

Concetti generali
Termini e definizioni
Clausola concetti specifici

I termini "HLS" e "Allegato SL" si riferiscono alla struttura di alto livello, identico nucleo del testo, termini comuni e le definizioni di base per l'uso in norme sui sistemi di gestione (MSS) di cui all'allegato SL alle direttive ISO Part 1 2015 (6 ° edizione).

CONCETTI GENERALI

1. Perché è una parte del testo di cui all'allegato SL, i requisiti di ISO per gli standard del sistema di gestione, sono stati modificati?

Per aggiungere il sistema di gestione ambientale (EMS) requisiti specifico d'nel testo di base e ancora conformi alle norme che disciplinano l'uso dell'allegato SL, si è convenuto di utilizzare un approccio integrato in modo flessibile per incorporare i requisiti EMS-specifici, a seconda in materia, e in linea con la norma ISO / TC 207 / SC 1 / WG 5 principi di funzionamento. A volte sono stati aggiunti i requisiti EMS in una frase o proiettile separata; a volte sono stati inseriti all'interno della frase Allegato SL generica o proiettile.

principi di funzionamento WG5 relative al testo inclusi:
la semplicità, la chiarezza e la traducibilità
essere concisi ed evitare la ridondanza
flessibilità e facilità di utilizzo dello standard
verificabilità
compatibilità con gli altri elementi dello standard.

In alcuni casi, alcuni SL parole allegato sono stati sostituiti per coerenza. Ad esempio, l'uso di "piano, stabilire, attuare, mantenere, controllare, migliorare continuamente ..." si è convenuto che l'uso costante della frase nella norma ISO 14001: 2015 è stato importante, ma è stato regolato in clausole selezionati per affrontare il intento specifico della clausola correttamente. Per esempio, in 6.1.1, WG5 utilizzata la dicitura "stabilire, attuare e mantenere (il) processo (es)", che è diverso da 8.1 in cui la formulazione utilizzata dal WG5 è "stabilire, attuare, controllare e mantenere".

2. Cosa è successo a tutte le procedure richieste dalla norma ISO 14001: 2004?

ISO 14001: 2015 consente di evitare l'uso della "procedura" termine perché è stato erroneamente applicato da molti come significa "procedura documentata".

In aggiunta alle clausole specifiche che richiedono un "processo", clausola 4.4 richiede un'organizzazione di stabilire processi necessari per il suo sistema di gestione ambientale. La clausola A.4.4 chiarisce che spetta all'organizzazione per determinare i processi di misura sono necessari al fine di avere fiducia nel fatto che essi sono controllati, effettuati come previsto e ottenere i risultati desiderati.

Clausola A.8.1 sulla pianificazione e controllo operativo, chiarisce che ci sono diversi modi per garantire che i processi siano efficaci e ottenere i risultati desiderati (vedi proiettili da a) af)). Stabilire una "procedura" (vale a dire un modo specificato per eseguire un processo) è solo uno di questi modi (vedi proiettile c), e che istituisce un "procedura documentata" è un altro modo (vedi punto f).

La clausola 7.5.1 fa riferimento alle informazioni documentate richieste di clausole specifiche dello standard, e anche ogni altra informazione documentata l'organizzazione ritiene necessarie per l'efficacia del suo sistema di gestione ambientale.

Tenendo conto delle disposizioni di queste clausole, WG5 rivalutato la necessità di richieste "procedure" nella versione 2015, e ha deciso di specificare i requisiti per i "processi" a selezionare le clausole, e, in alcuni casi, i requisiti per documentare questi processi. Questo consente alle organizzazioni la flessibilità per determinare se un processo deve essere eseguito in un modo specificato (ad esempio, "procedura"), se altri metodi operativi di controllo sono più appropriato e se le informazioni documentate supplementare può essere necessaria.

3. Perché non c'è la clausola sulla gestione del cambiamento?

ISO / TC 207 / SC 1 / WG 5 convenuto che nessuna clausola stand-alone o sub-clausola nei requisiti sarebbero aggiunti per affrontare "gestione del cambiamento"."Gestione del cambiamento" si rivolge in appositi sotto-clausole e, testo esplicativo sulla gestione del cambiamento è previsto in allegato, A.1.

4. Perché ISO 14001 volte usano "effetto" e talvolta "impatto"?

ISO / TC 207 / SC 1 / WG 5 convenuto che la parola "effetti" utilizzati nella definizione di "rischi e opportunità" e in altre parti del standard copre entrambe le "effetti" sull'organizzazione e sull'ambiente. La frase "impatto ambientale" viene usato quando ci si riferisce specificamente per "effetti" sull'ambiente.

5. Qual è l'intento della frase "migliorare le prestazioni ambientali"?

L'intento alla base di questa frase è quello di ridurre negativi impatti ambientali dell'organizzazione (cioè ridurre l'uso delle risorse, emissioni, scarichi, rifiuti, ecc) o per migliorare le organizzazioni effetti benefici (ad esempio: il riutilizzo e il riciclaggio dei sottoprodotti, la salvaguardia del territorio, eccetera.). Questo concetto è indicato come "prestazioni operative" in ISO 14031. ISO / TC 207 / SC 1 / WG 5 voluto mantenere l'allineamento con l'allegato SL e ISO 14031 concetti rispetto al miglioramento del sistema di gestione ambientale, coerente con la ISO 14001 mandato di revisione, ma in clausole selezionati voluto sottolineare l'attenzione sul miglioramento delle prestazioni operative. Si è deciso di utilizzare la frase "per migliorare le prestazioni ambientali" in quelle clausole dove WG5 accettato di aggiungere enfasi.

6. Cosa ci si aspetta nelle clausole 4.1, 4.2 e 6.1?

L'aspettativa inizia con una comprensione concettuale seguita da una determinazione più dettagliata. Ad esempio, l'aspettativa di 4.1 e 4.2 è per una comprensione concettuale delle problematiche ed esigenze di partito interessati che sono rilevanti per l'organizzazione. Per quanto riguarda 6.1, l'intento è che una determinazione dettagliata degli aspetti ambientali significativi (6.1.2) e gli obblighi di conformità (6.1.3) viene effettuata. In linea con il "pensiero risk-based", l'intento di 6.1.1 è quello di generare un analisi concettuale dei "rischi e opportunità" associati ad altre questioni e le esigenze. Non vi è alcun obbligo o aspettativa per una valutazione dettagliata dei rischi.

7. Qual è l'intento della nuova "persona (s) fare il lavoro sotto il suo controllo" frase?

Come indicato in allegato, A.3, la "persona (s) fare il lavoro sotto il suo controllo" frase comprende le persone che lavorano per l'organizzazione e coloro che lavorano per suo conto per il quale l'organizzazione ha la responsabilità (ad esempio imprese).Esso sostituisce la frase "le persone che lavorano per esso o per suo conto" e "persone che lavorano per o per conto dell'organizzazione" utilizzato nella prima edizione della ISO 14001. L'intento di questa nuova frase non differisce da quella della precedente edizione .

8. Che cosa significa "esiti della EMS destinato" significa?

Al comma 1, la portata, viene introdotto il concetto di "destinato risultati". Ulteriori spiegazioni sono fornite in allegato, A.3. La frase "esito previsto" esprime ciò che l'organizzazione si prevede di raggiungere attraverso l'implementazione del sistema di gestione ambientale. I tre minime "risultati attesi" includono il miglioramento delle prestazioni ambientali, adempimento degli obblighi di conformità e il raggiungimento degli obiettivi ambientali. Le organizzazioni possono impostare risultati attesi aggiuntivi per il loro sistema di gestione ambientale. Ad esempio, in linea con il loro impegno per la tutela dell'ambiente, un'organizzazione può stabilire un risultato destinato a lavorare verso lo sviluppo sostenibile.

TERMINI E DEFINIZIONI

9. Come sono i termini e le definizioni ordinate nella clausola 3?

Come indicato nelle direttive ISO / IEC, parte 2, i termini e le definizioni sono elencate secondo la gerarchia dei concetti (che riflettono la sequenza della loro introduzione nella norma). Nel caso di ISO 14001: 2015, i termini sono raggruppati per titolo importante clausola (cioè nell'ambito dell'organizzazione, Leadership, pianificazione, ecc). ISO / TC 207 / SC 1 / WG 5 ha accettato di ordinare termini all'interno dei gruppi in modo tale che (i) i termini di disciplina-specificato vengono presentati consecutivamente dopo la sua forma generica, e per quanto possibile (ii) termini presenti nell'ordine in cui sono appaiono nel testo. WG5 inserito un "Indice alfabetico dei termini", che può essere modificato in modo da riflettere elenchi alfabetici in un'altra lingua.

10. Perché il termine "obblighi di conformità" utilizzati nella versione inglese della norma ISO 14001, ma "i requisiti legali e altri requisiti" utilizzati in alcune traduzioni?

Per risolvere un problema di traduzione per alcune lingue, ISO / TC 207 / SC 1 / WG 5 ha deciso di aggiungere alla definizione di "obbligo di conformità", il termine ha ammesso "i requisiti legali e altri requisiti" Nel preparare altre versioni linguistiche della norma ISO 14001.: 2015, gli organismi nazionali di membro responsabile per la traduzione possono scegliere di usare il termine che meglio esprime il significato della definizione.

11. C'è una differenza tra l'uso del termine "obblighi di conformità" in ISO 14001 per la gestione ambientale e ISO 19600 per la gestione della conformità?

Sì. ISO / TC 207 / SC 1 / WG 5 ha modificato la definizione di questo termine con l'aggiunta di "Nota 1 per l'ingresso (normativo)" per chiarire che "gli obblighi di conformità" a norma ISO 14001 sono limitati a soli tali requisiti relativi al sistema di gestione ambientale.

12. fa ISO 14001 trattare le richieste di diversi obblighi di un'organizzazione di conformità (ad esempio requisiti obbligatori, requisiti volontari, ecc) la stessa cosa?

Sì. ISO / TC 207 / SC 1 / WG 5 convenuto che le clausole EMS e le disposizioni associate applicate anche per:

requisiti obbligatori come i regolamenti e requisiti giuridicamente vincolanti,

obblighi che si hanno altra scelta se non rispettare, anche se non sono tecnicamente giuridicamente vincolante, come ad esempio le direttive stabilite da una società madre di una società controllata, o una direttiva aziendale per varie divisioni,

e requisiti volontari quali impegni l'organizzazione sceglie di fare.

WG5 non voleva distinguere questi da una (1) che stabilisce disposizioni distinte (ad esempio, sono le dichiarazioni) per ogni o (2) fornire disposizioni ridondanti per ogni.

13. Che cosa è un processo in outsourcing?

Un processo in outsourcing differisce da prodotti e servizi acquistati. Condizioni specifiche per un processo di outsourcing sono stati introdotti nell'allegato A, A.8.1. Si tratta di "un processo o funzione svolta da un organismo esterno che soddisfa tutti i seguenti:

è nell'ambito del sistema di gestione ambientale;

è solidale al funzionamento dell'organizzazione;

è necessario per il sistema di gestione ambientale per raggiungere il suo esito previsto;

responsabilità per adeguatamente ai requisiti viene trattenuto dall'organizzazione, e

l'organizzazione e il provider esterno hanno un rapporto in cui il processo viene percepito da parti interessate in corso dall'organizzazione ".

CLAUSOLA concetti specifici

14. Cosa si intende per "problemi" nella clausola 4.1?

"Problemi" sono temi importanti per l'organizzazione, i problemi per il dibattito e la discussione o circostanze mutevoli che possono influenzare, positivamente o negativamente, i risultati attesi del sistema di gestione ambientale.

Le condizioni ambientali, ad esempio aria, acqua, terra, risorse naturali, non sono le uniche questioni rilevanti per un SGA.

I problemi possono derivare da soggetti non-ambientali esterni ed interni, ad esempio finanziarie, la tecnologia, la governance (si vedano gli esempi riportati in allegato, A.4.1).

Rischi / opportunità non sono questioni; rischi / opportunità derivano da problemi.

15. Che cosa si intende con "l'obiettivo dell'organizzazione"?

In 4.1, paragrafo 1, "scopo" dell'organizzazione si riferisce al motivo per cui esiste l'organizzazione, la sua "ragion d'essere". Essa riguarda le attività che sono fondamentali per l'esistenza dell'organizzazione, e sono spesso riflettono in visione e la missione di un'organizzazione.

16. Cosa ci si aspetta come l'uscita di clausole 4.1 e 4.2?

L'uscita di queste clausole è la conoscenza. Si tratta di una comprensione concettuale dei problemi come interni ed esterni, comprese le condizioni ambientali, e le relative disposizioni sulle parti interessate possono influire sulla capacità di un'organizzazione di raggiungere i risultati attesi del suo EMS. Questa conoscenza è usato come ingresso per il design e il miglioramento della EMS.

La prova di questa conoscenza appare in altre sezioni del SME di un'organizzazione, per esempio. Si è convenuto che 4.1 e 4.2 non ha bisogno di informazioni documentate per soddisfare i requisiti. Come ogni EMS è unico nel suo genere, un'organizzazione può decidere, sotto 7.5.1, se sono necessarie informazioni documentate aggiuntivo per l'efficacia della sua SME.

17. Qual è l'intento della clausola di 4.2?

Clausola 4.2 è un passo esplorativo strategica per un'organizzazione per raccogliere informazioni sulle parti interessate, al fine di comprendere le loro esigenze e le aspettative rilevanti.

E 'stato concordato nella norma ISO / TC 207 / SC 1 / WG 5 che l'organizzazione determina i propri obblighi di conformità ad un "livello concettuale" in 4.2 basato sulla conoscenza dei requisiti pertinenti parti interessate. Un'analisi dettagliata di questi requisiti è condotto in 6.1.3.

Quando si fa riferimento alle parti interessate a 4.2, il termine "requisiti" è stato sostituito con "bisogni e le aspettative". Questo è stato fatto per preservare la distinzione tra un requisito parte interessata che è un requisito obbligatorio (quale una legge o condizione permesso) e uno che l'organizzazione scelga di sostenere (come un accordo contrattuale). La decisione di impegnarsi per esigenze di partito interessati e le aspettative e poi tenerne conto quando si progetta la sua EMS rimane nelle mani dell'organizzazione.

18. Qual è l'intento di considerare c Lause s 4.1 e 4.2 per determinare la portata di un SGA?

Un'organizzazione conserva il potere di determinare la portata della sua SME. Essa ha l'autonomia di dare priorità quali dei problemi identificati in 4.1 e 4.2 si occuperà nella sua SME. La clausola 4.3 non implica che l'organizzazione deve lavorare su tutte le questioni.

Inoltre, si è convenuto da ISO / TC 207 / SC 1 / WG 5 che l'intento è quello di prendere in considerazione gli obblighi di conformità (le pertinenti disposizioni sulle parti interessate che l'organizzazione deve o sceglie di rispettare), non necessariamente tutti i requisiti di partito interessati. Pertanto, la frase ha usato il termine "prendere in considerazione", non "prendere in considerazione".

19. Qual è l'intento della clausola 4.3, determinare la portata di un SGA?

"Scope" del SGA include funzioni dell'organizzazione, confini fisici, e le sue attività, i prodotti e ai quali si applicano i requisiti ISO 14001 servizi. E 'pratica comune a prendere in considerazione gli elementi descritti nei punti elenco al momento di stabilire capitolato d'appalto.

La posizione di consenso di lunga data per consentire alle organizzazioni di phase-in SGA è stata confermata e conservata da ISO / TC 207 / SC 1 / WG 5 nella versione 2015 ISO 14001. Per affrontare il problema, che alcuni potrebbero attività "cherry-pick" , prodotti e servizi per escludere volutamente quelli con gli aspetti ambientali significativi, l'obbligo di rendere il campo di applicazione a disposizione degli interessati è stato aggiunto per garantire la trasparenza e evitare incomprensioni.

Una volta che la portata e limiti della EMS sono state definite, non è consentita alcuna esclusione di attività, prodotti o servizi all'interno del campo di applicazione definito. Mentre l'organizzazione mantiene la libertà e la flessibilità per determinare i confini del suo campo di applicazione, la sua conformità alla norma ISO 14001: 2015 dovrebbe essere basata su un SGA robusto, credibile e affidabile.

In linea con l'intento del seguente requisito nella norma ISO 14001: 2004, 4.1, "L'organizzazione deve ... determinare come esso soddisfi tali requisiti", ISO 14001: 2015 conserva il concetto che l'organizzazione mantiene l'autonomia di decidere come esso soddisfi la sua requisiti EMS. Vedi allegato, A.4.3 e A.4.4 per ulteriori chiarimenti.

20. Qual è l'intento della impegno politico per proteggere l'ambiente?

ISO / TC 207 / SC 1 / WG 5 concordato

che l'intento era quello di avere un impegno politico per la protezione dell'ambiente (il significato inclusivo come catturato nel termine definito 3.2.1), che comprende il concetto di "prevenzione dell'inquinamento", ma potrebbe anche includere altri concetti (ad esempio l'uso sostenibile delle risorse, clima la mitigazione dei cambiamenti, etc.).

per mantenere l'accento sulla "prevenzione dell'inquinamento".

che è destinato a coprire qualcosa di più ampio di "prevenzione dell'inquinamento", che implica positivi, gli sforzi proattivi.

21. Qual è l'intento del requisito per determinare "rischi e opportunità"?

ISO / TC 207 / SC 1 / WG 5 convenuto che:

"Rischi e opportunità" sono più di rischi ambientali (cioè connessi con l'aria, l'acqua, la terra, le risorse naturali, ecc), e possono derivare da altre questioni non ambientali che comportano un rischio.

"Rischi e opportunità" non sono sempre rilevanti per la SME; solo se possono influenzare finalità dell'organizzazione e dei risultati previsti per l'EMS.

l'intento è quello di determinare e affrontare i rischi e le opportunità connessi con il contesto organizzativo (cioè "problemi" da 4.1 e 4.2 che hanno il potenziale per (i) gli effetti negativi (rischi) o (ii) effetti benefici (opportunità) ai risultati attesi del sistema di gestione ambientale, e di utilizzare tale conoscenza come uno degli ingressi alla prioritizzazione dei rischi (minacce) e le opportunità.

non vi è alcun obbligo per un processo di gestione del rischio prescrittivo nella norma.

Ulteriori indicazioni sui rischi e le opportunità è fornita in allegato, A.6.1.

22. Quali sono alcuni esempi di criteri per determinare che un aspetto ambientale è significativo?

I criteri ambientali (ad esempio, la tossicità, la durata e la probabilità di esposizione, etc.) sono i criteri principali e minimi per la valutazione degli aspetti ambientali. Altri criteri possono anche essere utilizzati (ad esempio: un aspetto non può essere significativo se si considera unico criterio ambientale, ma quando gli altri aspetti organizzativi sono considerati (come ad esempio la minaccia di una non conformità, o la possibilità di soddisfare le esigenze e le aspettative di una parte interessata rilevante) , l'aspetto può assumere una priorità più alta o maggiore importanza per determinare significato. Tuttavia, altri criteri non devono essere usati per declassare un aspetto che è significativo in base all'impatto ambientale.

23. E 'la determinazione dei rischi e delle opportunità, gli aspetti ambientali e gli obblighi di conformità processi separati, o possono essere consolidati?

L'organizzazione decide se vogliono fare analisi separate per sotto-clausole 6.1.1 a 6.1.4 o combinare alcune (o tutte) le analisi. ISO / TC 207 / SC 1 / WG 5 ha accettato di non implicare che gli aspetti ambientali significativi (l'uscita della 6.1.2) o obblighi di conformità (l'uscita della 6.1.3) devono sottoporsi a un secondo "filtraggio" passo per determinare il " rischi e opportunità ", che devono essere affrontati in 6.1.4. Dal momento che l'organizzazione può determinare rischi e opportunità "relativi a problemi, gli aspetti ambientali significativi, e gli obblighi di conformità separatamente o in combinazione, è necessario che l'organizzazione prevede un processo e mantiene documentato le informazioni sul processo (compresi i criteri utilizzati per determinare significativi aspetti ambientali) nella misura necessaria ad avere fiducia che il processo è stato eseguito come previsto ISO 14001:. 2015, tuttavia, richiede l'uscita del processo (o processi) essere documentati.

24. Qual è il rapporto tra le clausole 4.1, 4.2, 6.1 e 8.1?

Clausole 4.1 e 4.2 forniscono conoscenza che l'organizzazione utilizza in 6.1 per determinare i rischi e le opportunità che devono essere affrontati, gli aspetti ambientali significativi, tra cui l'applicazione di una prospettiva di ciclo di vita, e gli obblighi di conformità a 6.1. Questi sono gli ingressi a 6.1.4 e 8.1, che si concentra sulla realizzazione di controlli operativi necessari per affrontare le azioni previste identificate in 6.1.4.

25. Perché sono state le considerazioni di business spostato fuori della clausola di obiettivi ambientali?

ISO / TC 207 / SC 1 / WG 5 convenuto che l'organizzazione aveva varie opzioni al momento di pianificare le azioni da intraprendere in 6.1.4. Le considerazioni di obiettivi ambientali (ad esempio opzioni tecnologiche, ecc) si applicano a tutte queste opzioni, e, pertanto, sono stati spostati a 6.1.4.

26. Ora che l'organizzazione prevede azioni per affrontare i rischi e le opportunità, gli obblighi di conformità e gli aspetti significativi, sono necessari obiettivi ambientali?

ISO / TC 207 / SC 1 / WG 5 convenuto che l'organizzazione aveva varie opzioni quando le azioni che intendono prendere in 6.1.4, ma un obiettivo ambientale dovuto essere stabilito come minimo.

WG5 convenuto che tenendo conto degli aspetti ambientali significativi, obblighi di conformità e considerando i rischi e le opportunità quando si imposta la obiettivi ambientali non implicare ripetere la determinazione di cui devono essere affrontati significativi aspetti ambientali, gli obblighi di conformità e dei rischi e delle opportunità (questi sono stati determinati in 6.1 ).

27. Perché non sono gli argomenti che sono necessari per essere comunicati elencate nella clausola 7.4?

Seguendo il modello SL allegato per l'immissione esigenze di informazioni documentate, i requisiti per comunicare un argomento particolare sono collocati nella clausola corrispondente al punto in cui è discusso questo argomento, e non riassunti nella 7.4.

28. Ha clausola 8.1 impone requisiti per i fornitori esterni?

norme ISO possono solo imporre requisiti sull'organizzazione adottando lo standard.8.1 si concentra sui processi interni che possono essere utilizzati per influenzare fornitori esterni, non sul controllo dei processi dei fornitori esterni. Il termine "fornitori esterni" è stato utilizzato per includere i fornitori di entrambi i prodotti e servizi acquistati o processi in outsourcing, e di allinearsi con la norma ISO 9001.

29. Perché ISO 14001 includono un nuovo requisito per la progettazione?

ISO / TC 207 / SC 1 / WG 5 concordato che la pianificazione e il controllo di gestione dovrebbero riguardare le attività di progettazione perché le decisioni importanti vengono prese che possono potenzialmente influenzare l'impatto ambientale in ogni fase del prodotto e del servizio del ciclo di vita.

30. fa ISO 14001 richiede l'organizzazione a comunicare i propri impatti ambientali a tutti nella sua catena del valore?

No. Un'organizzazione ha la flessibilità di fornire informazioni sui potenziali impatti ambientali significativi durante la consegna, l'uso, e la fine del ciclo di vita fase; da qui la frase "prendere in considerazione la necessità di" è stato mantenuto.

31. Forse ISO 14001: 2015 rimuovere il requisito 2004 per identificare le potenziali situazioni di emergenza?

No. E 'stato convenuto che l'obbligo di identificare potenziali situazioni di emergenza è stato meglio allineati con la fase piano del modello PDCA, piuttosto che la fase di controllo, per cui è ora coperto in 6.1.1.

32. Fa clausola 9.3 d), 4) si applicano solo a audit interni o di SME è l'intento di includere informazioni su entrambe le verifiche connesse con lo SME interni ed esterni?

L'intento quando si usa il termine "audit" in 9.2.2 si riferisce a controlli interni effettuati dall'organizzazione o per suo conto solo (coerente con il titolo di sub-clausola), mentre in 9.3 si riferisce sia interne che esterne connesse con lo SME audit (cioè, 1 °, 2 ° e 3 °partito).

33. Qual è l'intento della frase "miglioramento continuo del sistema di gestione ambientale per migliorare le prestazioni ambientali"?

ISO / TC 207 / SC 1 / WG 5 convenuto che l'obiettivo finale di miglioramento del sistema è che si traduce in un miglioramento delle prestazioni ambientali. WG5 inoltre convenuto che il miglioramento EMS può includere il miglioramento delle prestazioni ambientali. È stato osservato che in alcuni casi l'intento di un requisito focalizzata sul miglioramento EMS, mentre in altri l'intento era di sottolineare il miglioramento dell'efficienza ambientale. -

WG5 quindi utilizzato il seguente:

Dove il termine "miglioramento continuo" viene utilizzato da solo, l'intento è quello di concentrarsi su entrambi miglioramento SME ed il miglioramento delle prestazioni ambientali, senza particolare attenzione per entrambi.

Dove la frase "miglioramento continuo del sistema di gestione ambientale" viene utilizzato da solo, l'intento è quello di concentrarsi su un solo miglioramento del sistema di gestione ambientale.

Dove la frase "migliorare la prestazione ambientale" viene utilizzato da solo, l'intento è quello di concentrarsi su un solo miglioramento delle prestazioni ambientali

Quando si usa l'espressione "miglioramento continuo del sistema di gestione ambientale per migliorare le proprie prestazioni ambientali", l'intento è quello di concentrarsi su entrambi miglioramento SME ed il miglioramento delle prestazioni ambientali, con particolare attenzione aggiunto il miglioramento delle prestazioni.

documenti gratuiti sicurezza sul lavoro

MESSAGGIO INFORMATIVO SUL NOSTRO SERVIZIO DI NEWSLETTER PROFESSIONAL:

Gli iscritti alla nostra Newsletter Professional hanno accesso all'area condivisione gratuita dove trovare oltre 7000 file gratuiti  utili sulle tematiche prevenzione e sicurezza negli ambienti di lavoro e cantieri temporanei e mobili.

Abbonarsi alla nostra newsletter è conveniente e permette di ricevere via mail notizie, approfondimenti,software freeware,documenti in materia di prevenzione e sicurezza negli ambienti di lavoro...e non solo.

L'iscrizione alla newsletter darà diritto a ricevere le mail contenenti notizie in materia di prevenzione e sicurezza, ad accedere al download del software freeware condiviso gratuitamente con tutti gli iscritti (Trovi il materiale condiviso gratuitamente, Fogli excel utili per la gestione sicurezza, software freeware, Dwg per layout in Autocad,Schede di sicurezza
..Manuali..Approfondimenti...e altro ancora).

L'iscrizione da' diritto anche a particolari scontistiche su vari servizi offerti.

L'iscrizione alla Newsletter Professional non ha scadenze o rinnovi annuali da sostenersi.

MAGGIORI INFORMAZIONI SU COME ISCRIVERSI




Servizi online sicurezza sul lavoro

 

Safety Shop



Risorse Inserite sul Sito di Testo Unico Sicurezza dot Com

Ultimi Inserimenti sul sito:
Testo unico sicurezza 81-2008 versione desktop compatibile Windows Mac e Linux
Direttiva europea 2019 sui dispositivi di protezione individuale (DPI) - Tabella Excel
Esposizione a micotossine aerodisperse
Proposte emendative al Dlgs. 81/2008
Glossario Reach
Versione aggiornata 2019 della Banca dati delle sostanze vietate (in restrizione o autorizzate)
Nuova modulistica Autorizzazione Integrata Ambientale AIA 2019
Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 Aggiornamento 2019
DECRETO 21 AGOSTO 2019 N. 127
Effetti dell'uso di alcol, droghe e farmaci alla guida
Identificare cause e soluzioni degli infortuni lavorativi
Dm 12 aprile 2019 modifiche al Decreto 3 agosto 2015
Consigli pratici per la prevenzione del dolore alla schiena
Calcolo del rischio UV nelle attività outdoor
Formazione e addestramento per la salute e sicurezza settore spettacoli e dell’intrattenimento
rastrelliere-per-il-trasporto-di-lastre-di-vetro-e-serramenti-sicurezza-lavoro.html
Interpello 6/2019 “Chiarimenti in merito l’obbligo di cui art. 148 comma 1 del D.Lgs. 81/2008”
ESECUZIONE IN SICUREZZA DI LAVORI SU ALBERI CON FUNI
Banca dati in excel delle sostanze chimiche fornite dai fabbricanti e importatori
REACH: aggiornamento elenco in excel delle sostanze soggette ad autorizzazione
infortunio in itinere
Amleto Amianto 2019
Gli incidenti con mezzo di trasporto
Dinamiche infortunistiche in cava
Calcolare in excel la corretta altezza della sedia e scrivania
La valutazione del rischio vibrazioni
RACCOLTA DEI QUIZ DI ESAME ADR 2019
Pacchetti formativi per la formazione degli operatori sull'ADR 2019
Check List varie in materia di sicurezza sul lavoro
Lista di controllo carrelli industriali semoventi
Valutazione rischio laser in excel
Scadenziario in excel formazione lavoratori
Semiotica Bombole 2019
Linea guida uman 2019 Rev. 6.2019
Regione Lombardia D.g.r. 31 luglio 2019 - n. XI/2048
OT23 2020 ex OT24 INAIL
Interpello N. 5 / 2019
Prevenzione e Protezione CEM
POP, regolamento 2019/1021 In vigore dal 15 luglio
protezioni da utilizzare in atmosfera esplosiva.
Linee di indirizzo 2019 su ondate di calore e inquinamento atmosferico
Linee Guida per la raccolta e lo smaltimento di piccole quantità di Manufatti Contenenti Amianto
Linee Guida per incidenti che coinvolgono auto elettriche-ibride
Modifica 2019 alla regola tecnica sulle strutture ricettive all'aperto
La gestione della sicurezza nelle cave a cielo aperto
Il primo soccorso nei lavori in quota
Schede Analisi Infortuni
Medico competente e promozione delle pratiche vaccinali nei luoghi di lavoro.
La protezione attiva antincendio
fAQ STRESS LAVORO CORRELATO
criteri di valutazione R ambiente per pavimenti in fibre di amianto
CALCOLO MICROCLIMATICO ONLINE ISO 11079
Ambienti Moderati Severi Cadi/Freddi
Effetti sulla salute dei sistemi di illuminazione che utilizzano diodi emettitori di luce (LED)
Opuscolo in lingua cinese
Quando si può sbarcare in quota dalla Ple?
Formazione per operatori di carrelli industriali semoventi senza sedile
Decreto dirigenziale n. 189 del 29 maggio 2019
test di autovalutazione sicurezza aziendale
La manutenzione per la sicurezza sul lavoro e la sicurezza nella manutenzione
Rimozione in sicurezza delle tubazioni idriche interrate in cemento amianto
Interpello n. 4/ 2019
scale portatili secondo il testo Unico sicurezza
Chek List "SCALE PORTATILI"
Verifica periodica Idroestrattori, carrelli semoventi a braccio telescopico, piattaforme di lavoro autosollevanti su colonne e ascensori e montacarichi da cantiere
Prezzario Regionale 2019 Regione Emilia Romagna
Prezzario 2019 Regione Marche
Prezzario 2019 ANAS
Linea Guida 2019 Per la corretta manutenzione dei sistemi antincendio
verifica periodica su Impianti di messa a terra e impianti di protezione contro le scariche atmosferiche
Sicurezza per le macchine e L'essenziale per la riduzione del rischio
Lista di controllo Vibrazioni sul lavoro
Lista di controllo cantieri edili con bonifica di amianto in word+slide powerpoint seminario
Corsi sulla sicurezza e attestati falsi
installazione videosorveglianza sui luoghi di lavoro
Guida ai servizi di verifica di attrezzature, macchine e impianti
servizi di certificazione e verifica di impianti e apparecchi si richiedono on line attraverso il servizio CIVA inail
Valori degli indici di Sinistrosità Med
Revisione 2019 delle tariffe Inail
EBook Rischio Chimico e cancerogeno
decreto del 12 aprile 2019 del Ministero dell'Interno contiene modifiche al DM 03/08/2015
Linee guida per l’applicazione delle raccolte ISPESL VSR-VSG-M-S
La resistenza al fuoco degli elementi strutturali
rischio EMC lavoratori portatori di pacemaker
Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro: disponibile la nuova versione di APRILE 2019
Funi per apparecchi di sollevamento
normative applicabili e consigli Scaffalature industriali
Interpello n. 3/2019 su formazione e aggiornamento
illuminazione di luoghi di lavoro
responsabilità e obblighi del dirigente scolastico
Calcolatore GVR
GUIDA ADR 2019
MUD 2019
Procedure di sicurezza operazioni con elicottero
Modello editabile word relazione annuale amianto
Etichettatura prodotti disinfettanti
Indicazioni preliminari per la stesura di PEI e PEE
determinazione delle esposizioni sporadiche e di debole intensità (ESEDI) all'amianto
indicazioni-operative-somministrazione-fraudolenta.html
La gestione degli Spazi Confinati nel settore delle costruzioni
Calcolo dell’orario medio Lavoro Notturno
MANUALE DELLA CIRCOLAZIONE DELLE MACCHINE AGRICOLE
Linee guida per la gestione operativa degli stoccaggi negli impianti di gestione dei rifiuti
Database in excel Schede di sicurezza editabili in word sostanze chimiche
Decreto segnaletica stradale 2019
Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro Febbraio 2019
Interpello n. 1/ 2019
Elenco incompatibilità tra agenti chimici diversi
classificazione e l'etichettatura delle sostanze notificate e registrate nonché l'elenco delle classificazioni armonizzate
Chiarimenti Ministero Lavoro su Apprendistato e formazione in distacco
app android Decreto 81/2008
Cambia la direttiva 2004/37/CE
Tabella delle voci armonizzate disponibili nell'allegato VI del CLP
Codici statistici delle unità amministrative territoriali 2019
Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro Gennaio 2019
Linea guida sulla sicurezza degli impianti elettrici
calcolo degli spettro di risposta sismica NTC 2018
REGISTRO DEI CONTROLLI ANTINCENDIO 2019 IN WORD
SCHEDA TECNICA RESPONSABILI SICUREZZA LASER
Verbalizzazione accertamenti e mezzi di impugnazione
Rischio sismico, idrogeologico e vulcanico Comuni Aggiornata la mappa dei rischi naturali
La bonifica delle coperture in cemento amianto
BONIFICA DEI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO IN MATRICE FRIABILE
Linea Guida Apparecchi a pressione Tubazioni
Significato frasi pericolo chimico multilingua
Database excel Valore accellerazione massima al suolo comuni italiani
Blocchi Autocad Gratuiti
Prezzario Opere Edili ed Impiantistiche regione Liguria Anno 2019
Prezzario 2019 Regione Sicilia editabile in word
Prezzario 2019 dei Lavori pubblici della Toscana
Prezzario regionale Lombardia edizione 2019
aumentati gli importi delle sanzioni per violazioni in materia di lavoro
Istruzioni per la valutazione della robustezza delle costruzioni
NUOVO DM ANTINCENDIO BOZZA AGGIORNATA A GENNAIO 2019
Scheda per l'analisi di un infortunio in Pdf Editabile, word ed Excel
Sicurezza Dispositivi di attacco rapido per escavatori
Programma didattico per lavoratori temporanei
la prevenzione delle cadute da coperture di edifici Regione Marche 2018
Tabelle Rimborsi chilometrici ACI 2019 Excel
Maternità flessibile dopo la gravidanza
Quiz delle Verifiche di idoneità del Responsabile Tecnico dicembre 2018
Schede sicurezza in word gratuite valutazione dei rischi edili
Raccolta modelli in excel e word Regolamento Generale sulla ProtezioneDei Dati
Movarisch vers. pro 2019 Excel

kit Didattico Rianimazione Cardio Polmonare
Prevenzione incendi alberghi: prorogata la SCIA se l’attività è sospesa o è al di sotto di 25 posti letto
Gli adempimenti sulla sicurezza per gli enti del terzo settore
sicurezza delle caldaie a vapore
Circolare MATTM Prot. 4064 del 15 Marzo 2018
Delibera del Consiglio SNPA. Seduta del 03.10.18 Doc.n. 41/18
UNI/PdR 51:2018 Responsabilità sociale nelle Micro e Piccole Imprese
Dossier sicurezza scuola Inail 2018
Analisi permeazione degli indumenti di protezione chimica
Applicazione MultiVapor ™ Versione 2.2.5
Norme in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro delle strutture destinate per finalità istituzionali a compiti in materia di ordine e sicurezza pubblica
Linee guida europee sul rumore
VAI ALL'ELENCO DELLE NEWS INSERITE IN ORDINE CRONOLOGICO
Risorse e servizi online offerti su Testo Unico Sicurezza dot com:

Tutte le news pubblicate dal 2010 ad oggi
Modelli in word di Documento Valutazione dei Rischi
Modelli in word di Documenti specifici per l'edilizia
Excel a supporto della sicurezza
Modello di Piano Emergenza ed evacuazione in word
Modelli di Duvri in word
Materiale didattico per la formazione
Tutto Excel, calcolo dei rischi specifici
Newsletter Professional
Testo unico sicurezza Aggiornato