Check List Macchinari di Cantiere

GRU A TORRE

GRU A TORRE

Fermo restando le indicazioni contenute nelle istruzioni d’uso di ogni macchina, di seguito sono riportate le indicazioni che in genere devono essere considerate per l’impiego corretto della gru a torre.

Divieti per l’installazione e l’uso

Installazione

Non installare la gru in posizione tale da poter collidere, con la propria struttura o con le funi di sollevamento, con ostacoli fissi o mobili (es. gru adiacenti) senza aver adottato dispositivi o procedure organizzative in grado di prevenire i conseguenti rischi.
Non collegare la gru alle opere provvisionali o simili.
Non installare cartelli o altre strutture oltre a quelle previste dal fabbricante per non aumentare la superficie esposta al vento.

Uso

Non utilizzare la gru qualora uno o più dispositivi di sicurezza risultasse non funzionante.
Non operare qualora la velocità del vento superi i limiti forniti dal fabbricante.
Non sollevare materiali imbracati o contenuti scorrettamente.
Non usare la gru per attività di demolizione.
Non effettuare tiri obliqui, manovre di trascinamento, manovre con oscillazioni, operazioni di sradicamento o sfilamento.
Non fare oscillare il carico durante il sollevamento-trasporto.
Non sollevare carichi che siano in qualche modo vincolati (ad esempio, ancorato ad una struttura, accidentalmente fissato al terreno ad esempio per effetto del ghiaccio).
Non usare la gru per il sollevamento di persone (tale operazione è consentita solo in casi eccezionali nel rispetto delle indicazioni presenti nel punto 3.1.4. dell’allegato VI del D.Lgs. 81/2008, nella Circolare del Ministero del Lavoro del 10/02/2011 e del 09/05/2012).

Istruzioni prima dell’uso

Alla base della gru

Verificare la presenza di eventuali cedimenti del piano di appoggio della gru.
Controllare che le vie di corsa della gru siano libere (per le gru traslanti).
Verificare l’integrità e l’efficienza della messa a terra.
Verificare l’efficienza della protezione della zavorra (gru a rotazione bassa).
Verificare la chiusura dello sportello del quadro elettrico.
Verificare l’efficienza della sicura del gancio.
Attivare il freno di rotazione.
Verificare la presenza del carter al tamburo della fune di sollevamento (quando installato nella parte bassa delle gru a rotazione alta).
Controllare il corretto avvolgimento sul tamburo della fune di sollevamento (quando installato nella parte bassa delle gru a rotazione alta).
Sbloccare i tenaglioni di ancoraggio alle rotaie (per le gru traslanti).
Verificare la temperatura ambientale e rispettare le indicazioni del fabbricante in merito alle temperature ambientali per l’uso della gru; in genere con temperature vicine allo 0° non bisogna sottoporre la gru ad un servizio troppo gravoso.
Verificare la velocità del vento e rispettare le indicazioni del fabbricante in merito.
Controllare l’ordine di servizio relativo alle manovre ed alle segnalazioni da effettuare nel caso sussista una situazione di interferenza pianificata con altre gru.
Accedere alla cabina della gru utilizzando le apposite scale interne o facendo uso dei DPI di protezione anticaduta (con manovratore in cabina).
Utilizzare i DPI previsti.

Dal posto di manovra

Verificare la presenza di un estintore in cabina (nel caso in cui il manovratore operi in cabina).
Verificare l’efficienza di tutti i comandi, compreso il segnale acustico.
Provare tutti i movimenti della gru a vuoto (senza carichi).
Controllare l’efficienza dei finecorsa e dei limitatori.
Verificare eventuali segnalazioni del pannello di controllo (in cabina).

Istruzioni durante l’uso

In generale

Non accedere nella zona recintata di rotazione della gru (per le gru a rotazione bassa).
Manovrare la gru da una postazione sicura e che permetta la visibilità completa delle manovre.
Richiedere l’aiuto di uno o più operatori che possano segnalare (es. segnali gestuali) i movimenti da eseguire, se in alcune situazioni non si ha la visibilità completa per le manovre da svolgere.
Richiedere, quando necessario, specifiche indicazioni in merito al peso del materiale da sollevare e alle portate degli accessori di sollevamento.
Evitare la movimentazione del carico sopra le zone di lavoro o di transito: qualora ciò non sia possibile, applicare le procedure previste (ad esempio, azionare il segnalatore acustico e attendere l’allontanamento delle persone).
Depositare i carichi solo su superfici in grado di sostenerli, verificando, preliminarmente all’operazione di sollevamento-trasporto, la loro portata.
Sospendere l’uso della gru, e quindi disinserire il freno alla rotazione, scollegare l’alimentazione elettrica (agire sull’interruttore generale della gru) e, in caso di gru traslante, azionare i tenaglioni (ganasce), qualora la velocità del vento superi i limiti forniti dal fabbricante.
Segnalare tempestivamente eventuali anomalie di funzionamento (es. rumori inconsueti).

Manovre

Non effettuare mai più di un giro di rotazione nello stesso senso.
Non azionare i comandi di salita e discesa ad impulsi.
Non appoggiare il bozzello a terra.
Verificare l’idoneità degli accessori di sollevamento e la stabilità del carico da sollevare.
Prima di ogni manovra azionare il segnalatore acustico, in modo da consentire l’allontanamento delle persone che possono trovarsi sotto il carico sospeso.
Sollevare il carico prima di eseguire gli altri possibili movimenti.
Verificare il bilanciamento del carico sollevandolo solo di qualche decina di centimetri.
Eseguire con gradualità partenze, arresti ed ogni altra manovra.
Arrestare i movimenti della gru prima che intervengano i finecorsa e i limitatori (i finecorsa e i limitatori sono dispositivi di sicurezza che devono operare occasionalmente e non per l’esecuzione delle normali manovre).
Sollevare i carichi nel rispetto delle portate ai vari sbracci e con le velocità di sollevamento/abbassamento indicate dal fabbricante.
Tenere sempre in considerazione gli spazi di frenatura, come nella fase di discesa per la posa del carico o nella fase di rotazione-distribuzione.
Attendere che sia cessato il movimento in atto prima azionare il comando del movimento inverso.
Attendere sempre lo smorzamento delle oscillazioni della struttura dovute all’avvio, al cambio di velocità e all’arresto dei movimenti di salita e discesa, prima di azionare nuovamente i comandi.
Mantenere la fune in tensione con il peso del bozzello al momento del rilascio del carico (ciò è necessario per evitare un anomalo riavvolgimento della fune di sollevamento sul tamburo).
Utilizzare i DPI previsti.

Istruzioni dopo l’uso

Non lasciare carichi sospesi.
Sollevare il bozzello in prossimità del braccio.
Posizionare il carrello vicino alla torre.
Lasciare la gru nella zona di stazionamento, se prevista, ed ancorarla al binario azionando le ganasce (per le gru traslanti).
Orientare la gru nella direzione del vento.
Disinserire il freno di rotazione per permettere alla gru di orientarsi in direzione del vento.
Qualora necessario adottare i dispositivi supplementari (previsti dal costruttore) per la stabilità della gru in caso di vento forte.
Scendere dalla gru utilizzando le apposite scale interne o facendo uso dei DPI di protezione anticaduta.
Togliere l’alimentazione elettrica alla gru tramite il quadro elettrico (spegnere l’interruttore generale della gru).
Informare il datore di lavoro o il preposto e l’eventuale sostituto manovratore sulle misure da adottare per il sicuro proseguimento delle operazioni.
Segnalare eventuali guasti e anomalie di funzionamento. 




MESSAGGIO INFORMATIVO SUI NOSTRI SERVIZI ONLINE PER LA SICUREZZA IN EDILIZIA:

Servizi online sicurezza cantieri e settore dile

Testo unico sicurezza dot com offre a titolo di consulenza base online documenti avanzati sulla sicurezza  editabili in word per la redazione in autonomia della documentazione necessaria per la gestione della sicurezza nei cantieri edili temporanei e mobili e nell'azienda che opera nel settore Edile.

Tutti i piani hanno a corredo le schede dei rischi fasi lavorative e attrezzature/macchinari.

Tutto il materiale e' editabile e modificabile in Word.

POS PIMUS PSC FASCICOLO  DVR EDILIZIA TUTTO EDITABILE IN WORD

PIANI OPERATIVI DI SICUREZZA CANTIERI (P.O.S.)

PIANI DI SICUREZZA E COORDINAMENTO CANTIERI (P.S.C)

PIANO DI MONTAGGIO USO MANUTENZIONE SMONTAGGIO PONTEGGI (PI.M.U.S.)

DOCUMENTO VALUTAZIONE DEI RISCHI SETTORE EDILE (D.V.R. EDILIZIA)

RACCOLTA COMPLETA PER IL SETTORE EDILE

Non una semplice vendita ma un vero servizio professionale online offerto da chi conosce il settore da oltre 25 anni.

SCOPRI TUTTI I SERVIZI OFFERTI PER LA SICUREZZA IN EDILIZIA

 



 


MESSAGGIO INFORMATIVO SUL NOSTRO SERVIZIO DI NEWSLETTER PROFESSIONAL:

documenti gratuiti sicurezza sul lavoro

Gli iscritti alla nostra Newsletter Professional hanno accesso all'area condivisione gratuita dove trovare oltre 7000 file gratuiti  utili sulle tematiche prevenzione e sicurezza negli ambienti di lavoro e cantieri temporanei e mobili.

Abbonarsi alla nostra newsletter è conveniente e permette di ricevere via mail notizie, approfondimenti,software freeware,documenti in materia di prevenzione e sicurezza negli ambienti di lavoro.

scopri tutti i servizi gratuiti riservati agli iscrittiL'iscrizione alla newsletter darà diritto a ricevere le mail contenenti le  notizie in materia di prevenzione e sicurezza, ad accedere al download del software freeware condiviso gratuitamente con tutti gli iscritti (Trovi l' materiale condiviso gratuitamente, Fogli excel utili per la gestione sicurezza, software freeware, Dwg per layout in Autocad,

Schede di sicurezza..Manuali..Approfondimenti...ecc ecc) e altri utilissimi software per la gestione della sicurezza negli ambienti di lavoro, e tanto altro ancora.

L'iscrizione da' diritto anche a particolari scontistiche su vari servizi offerti.

L'iscrizione alla Newsletter Professional non ha scadenze o rinnovi annuali da sostenersi.

MAGGIORI INFORMAZIONI SU COME ISCRIVERSI




Inserisci qui il testo del campo

GRU SU AUTOCARRO

Fermo restando le indicazioni contenute nelle istruzioni d’uso di ogni macchina, di seguito sono riportate le indicazioni che in genere devono essere considerate per l’impiego corretto della gru installata su autocarro.

Divieti per l’uso
Gru

Non far passare i carichi sopra le zone di lavoro e di transito: nel caso ciò sia necessario, avvertire con segnali acustici del pericolo per lo sgombero dell’area.
Non far passare i carichi sopra il posto di comando utilizzando la stazione più adatta (es. stazione lato opposto o telecomando).
Non effettuare operazioni di traino o di spinta.
Non eseguire tiri obliqui, non trascinare sul terreno il carico collegato alla gru.
Non movimentare carichi con superficie scivolosa; se necessario pulire il carico da ghiaccio o neve prima di sollevarlo.
Non sollevare carichi vincolati come ad esempio sradicamento di alberi o estrazioni di pali.
Non eseguire movimenti bruschi che possano far oscillare il carico (agire lentamente e gradualmente sulle leve di comando).
Non operare in condizioni di vento forte (verificare le indicazioni fornite dal fabbricante a tal proposito).
Non manovrare gli stabilizzatori quando la gru è carica.
Non abbandonare il posto di manovra prima di aver messo a terra il carico e disinserito la presa di forza.
Non utilizzare la gru per il sollevamento delle persone.

Autocarro

Non trasportare persone all’interno del cassone.
Non superare l’ingombro massimo.



Istruzioni prima dell’uso
Gru

Posizionare il mezzo su terreno piano e consistente.
Osservare le distanze minime di sicurezza dalle eventuali linee elettriche attive e non protette.
Posizionare la gru a distanza di sicurezza da scarpate e fossati.
Verificare di avere abbastanza spazio attorno all’autocarro per ottenere la regolare apertura delle aste stabilizzatrici e per consentire l’esecuzione delle manovre senza esporre il manovratore e gli addetti al ricevimento del carico ai rischi di schiacciamento, cesoiamento o intrappolamento.
Bloccare il veicolo tramite il freno di stazionamento.
In base alle istruzioni d’uso, bloccare le ruote con le apposite "calzatoie" / "zeppe".
Stabilizzare il veicolo mediante la messa in opera dei cilindri stabilizzatori avendo cura di estendere completamente i bracci stabilizzatori (verificare gli indicatore visivi), di non far perdere alle ruote il contatto con il terreno e di non scaricare completamente le sospensioni delle ruote.
Ampliare la superficie di appoggio dei piedi degli stabilizzatori in funzione della resistenza del terreno, interponendo, al centro del piede stabilizzatore, piastre di materiale resistente.
Assicurarsi che l’area di lavoro e i posti di comando siano sufficientemente illuminati per un azionamento sicuro e per la leggibilità delle targhe di manovra e di portata.
Verificare l’integrità dei tubi flessibili e dell’impianto oleodinamico in genere.
Compiere alcune manovre a vuoto, specialmente nella stagione fredda, per consentire al fluido di raggiungere la giusta temperatura e per accertarsi della regolarità di funzionamento.
Nota: per controllare che la quantità di olio che arriva al distributore sia corretta, si può cronometrare il tempo di salita del cilindro di sollevamento che, con la gru scarica, deve percorrere l’intera corsa nel tempo riportato nella tabella dei dati tecnici in genere presente nel libretto di istruzioni.

Circoscrivere e segnalare la zona di manovra.
Accertarsi che nessuno si trovi nel raggio di azione della gru.
Verificare l’efficienza dei dispositivi di sicurezza compresi quelli degli accessori di sollevamento (ad esempio limitatori di carico, finecorsa, sicura dal gancio).
Operare dal lato opposto al movimento della gru durante le operazioni di apertura della gru.
Utilizzare i DPI previsti.

Autocarro

Verificare accuratamente l’efficienza dei dispositivi frenanti e di tutti i comandi in genere.
Verificare l’efficienza delle luci, dei dispositivi di segnalazione acustici e luminosi.
Garantire la visibilità del posto di guida.
Controllare che i percorsi in cantiere siano adeguati per la stabilità del mezzo.
Verificare la presenza in cabina di un estintore.



Istruzioni durante l’uso
Gru

Utilizzare la postazione di comando per la completa visione della zona di lavoro e, quando necessario, richiedere la segnalazione delle manovre all’aiuto-manovratore che possa eseguire la comunicazione gestuale e/o verbale; non operare qualora la comunicazione non sia sufficientemente sicura (ad esempio presenza di nebbia, di ostacoli o nelle ore notturne e con scarsa illuminazione artificiale).
Accertarsi che il carico sia imbragato e agganciato correttamente nel rispetto delle caratteristiche degli accessori di sollevamento.
Accertarsi che i carichi da sollevare non siano superiori a quelli indicati dal diagramma di carico, in relazione allo sbraccio.
Eseguire la rotazione solo dopo aver sollevato il carico.
Se si opera con verricello, il sollevamento del carico deve essere effettuato con fune in tiro verticale.
Segnalare tempestivamente eventuali malfunzionamenti o situazioni pericolose.
Mantenere i comandi puliti da grasso e olio.
Utilizzare i DPI previsti.
 

Autocarro

Adeguare la velocità ai limiti stabiliti in cantiere e transitare a passo d’uomo in prossimità dei posti di lavoro.
Posizionare e fissare adeguatamente il carico in modo che risulti ben distribuito e che non possa subire spostamenti durante il trasporto.
Assicurarsi della corretta chiusura delle sponde.
Durante i rifornimenti di carburante spegnere il motore e non fumare.
Segnalare tempestivamente eventuali malfunzionamenti o situazioni pericolose.
Mantenere i comandi puliti da grasso e olio.
Utilizzare i DPI previsti.



Istruzioni dopo l’uso
Operare dal lato opposto al movimento della gru durante le operazioni di chiusura della gru.
Chiudere la gru secondo le procedure previste nelle istruzioni d’uso che in genere dispongono di:
far rientrare completamente gli sfili idraulici,
chiudere completamente il braccio secondario sollevando il primario,
ruotare la colonna fino alla posizione iniziale,
far rientrare il cilindro di sollevamento posto sulla colonna.
Far rientrare gli stabilizzatori uno per volta e assicurarsi che i cilindri e i supporti (bracci) degli stabilizzatori siano completamente rientrati e bloccati dai dispositivi di sicurezza.
Prima di mettersi in marcia con il veicolo:
assicurarsi del rispetto degli ingombri massimi ammessi, compreso il carico, indicati nel libretto di istruzioni,
controllare che tutte le parti estendibili manualmente siano meccanicamente bloccate in posizione di riposo,
verificare che la gru sia in posizione di trasporto e che gli stabilizzatori siano in sagoma e bloccati,
disinserire la chiave di alimentazione dell’autocarro (spegnere il motore),
disinserire la presa di forza.
Durante il trasporto verificare che la gru sia chiusa correttamente per mezzo del segnale visivo e/o degli specchietti retrovisori.
Eseguire le operazioni di revisione della gru necessarie al reimpiego a motore spento.
Segnalare eventuali guasti.

PIATTAFORME DI LAVORO MOBILI ELEVABILI

Fermo restando le indicazioni contenute nelle istruzioni d’uso di ogni macchina, di seguito sono riportate le indicazioni che in genere devono essere considerate per l’impiego corretto delle piattaforme di lavoro mobili elevabili (ponti sviluppabili).

Divieti per l’installazione e l’uso
Non rimuovere, disattivare o modificare in alcun modo i dispositivi di sicurezza.
Non applicare sulla PLE cartelli, striscioni o altri elementi che possano aumentare la superficie esposta al vento.
Non aggiungere sovrastrutture, come scale, sgabelli o altri mezzi per incrementare lo sbraccio e/o l’altezza.
Non installare apparecchi di sollevamento sul cestello.
Non operare con velocità del vento superiore a quella indicata dal fabbricante (vedere targhe di istruzioni).
Non operare in condizioni meteorologiche difficili (ad esempio temporali).
Non operare in condizioni di scarsa visibilità e senza segnalazioni.
Non spostare la PLE con operatore a bordo della piattaforma se non previsto dal fabbricante.
Non sovraccaricare la PLE: la portata indicata sulla targa non deve mai essere superata e comprende sia le persone che gli attrezzi/materiale utilizzati per l’attività.
Non salire e scendere dalla piattaforma quando essa è in quota; in particolare, per le PLE a pantografo, non usare la struttura estensibile per tali scopi.
Non eseguire sulla piattaforma lavori che possano compromettere la stabilità del ponte.
Non appoggiare la piattaforma su altre strutture, fisse o mobili.
Non utilizzare la PLE come apparecchio di sollevamento materiali.
Non caricare o scaricare materiale dalla piattaforma quando è in quota.
Non poggiare gli stabilizzatori su chiusini o altre superfici cedevoli.
Non stazionare sul pianale dell’autocarro durante la manovra della piattaforma (per PLE autocarrate).
Con la PLE su autocarro stabilizzata, non disinserire il freno di stazionamento ed eseguire lo spostamento (questa errata manovra se attuata, in genere, è segnalata da un avvisatore acustico).
Non stazionare sul basamento dell’automezzo durante la manovra della piattaforma.



Istruzioni prima dell’uso
Verificare che nella zona di lavoro non vi siano linee elettriche aeree non protette.
Verificare che i percorsi e le aree di lavoro abbiano un’adeguata resistenza e non presentino inclinazioni eccessive per il posizionamento della PLE.
Verificare se la temperatura ambientale rispetta le indicazioni del fabbricante.
Posizionare la PLE con motore a combustione interna in ambienti aperti; nel caso in cui sia necessario usarla in ambienti chiusi, provvedere all’allontanamento dei gas di scarico.
Delimitare l’area d’intervento della PLE. Se operante in sede stradale, la delimitazione/segnalazione deve essere realizzata nel rispetto delle norme statali e locali relative ai cantieri stradali.
Controllare la presenza di eventuali perdite di fluidi (es. olio, carburante).
Controllare il livello dei fluidi.
Controllare la carica delle batterie (PLE elettriche).
Controllare l’integrità delle strutture metalliche.
Controllare la pressione dei pneumatici (PLE semoventi).
Controllare l’efficienza delle parti elettriche visibili.
Controllare l’efficienza delle protezioni dei punti pericolosi (es. organi mobili, parti calde)
Controllare la presenza ed efficienza della segnaletica di sicurezza (es. cartelli, girofaro).
Posizionare in piano il telaio della PLE e stabilizzarla utilizzando le piastre di appoggio per la distribuzione dei pesi.
Nota.

Esempio di sequenza di stabilizzazione: a) attivare i comandi di stabilizzazione con il selettore a chiave; b) abbassare gli stabilizzatori anteriori fino ad una distanza di pochi centimetri da terra; c) ripetere l’operazione con gli stabilizzatori posteriori; d) ultimare lo sfilo degli stabilizzatori sia anteriori che posteriori fino all’accensione della spia verde che indica il corretto posizionamento della PLE (sfilare gli stabilizzatori fino a sollevare completamente le ruote da terra); e) verificare la messa in piano per mezzo della livella a bolla d’aria presente in prossimità della postazione di comando degli stabilizzatori (la bolla deve trovarsi al centro del collimatore); f) rimuovere la chiave di interblocco dal quadro.

Controllare che la consolle di comando presente sulla piattaforma di lavoro sia fissata saldamente.
Verificare l’efficienza dei comandi sia a terra che sul cestello, compresi i pulsanti di emergenza, e le relative protezioni contro l’azionamento involontario.
Verificare il corretto funzionamento di tutti i movimenti della PLE e i relativi finecorsa.
Verificare il funzionamento dei dispositivi di sicurezza relativi al telaio e agli stabilizzatori (es. blocco di spostamento, indicatore di inclinazione, limitatore di velocità di spostamento, interblocco tra stabilizzatori e struttura estensibile, blocco degli stabilizzatori, freni, dispositivo anticollisione con la cabina autocarro).
Verificare il funzionamento dei dispositivi di sicurezza relativi alla struttura estensibile (es. regolatore di posizione, rilevamento del carico, rilevamento del momento, dispositivi frenanti) .
Verificare il funzionamento dei dispositivi di sicurezza relativi alla piattaforma di lavoro (es. protezione perimetrale, cancello di accesso, sistema di discesa di emergenza).
Utilizzare i DPI previsti.
 

Autocarro (per PLE su autocarro)

Verificare accuratamente l’efficienza dei dispositivi frenanti e di tutti i comandi in genere.
Verificare l’efficienza delle luci, dei dispositivi di segnalazione acustici e luminosi.
Garantire la visibilità del posto di guida.
Controllare che i percorsi in cantiere siano adeguati per la stabilità del mezzo.
Verificare la presenza in cabina di un estintore.



Istruzioni durante l’uso
Predisporre il selettore (chiave) per la manovra dal cestello e, prima di abbandonare la postazione di comando a terra, estrarre la chiave dal selettore.
Assicurarsi che non siano presenti persone nel raggio di azione della PLE.
Rispettare le distanze di sicurezza dalle eventuali linee elettriche non protette.
Distribuire il carico su tutta la superficie del cestello.
Seguire le procedure previste nelle istruzioni d’uso per il raggiungimento della quota di lavoro e per il rientro.
Quando la macchina è in funzione, non far sporgere alcuna parte del corpo dalla piattaforma.
I soggetti a bordo del cestello non addetti alla manovra per evitare lo schiacciamento delle mani devono: per manovre in direzione orizzontale porre le mani sul parapetto del lato opposto al verso del movimento, per manovre in direzione verticale porre le mani sui montanti verticali del cestello.
Per sistemare la piattaforma in prossimità di ostacoli, usare le funzioni del braccio, non quella di guida (per PLE semoventi a braccio telescopico e articolato).
Durante gli spostamenti limitare la velocità in base alla superficie del terreno, alla visibilità, alla pendenza del terreno e agli spazi a disposizione tenendo presente gli spazi di frenata della macchina.
Assicurarsi della presenza dell’operatore a terra, adeguatamente formato sulle manovre che deve eseguire per eventuali interventi di emergenza e per il controllo della zona circostante il ponte sviluppabile; tale addetto deve conoscere il funzionamento della macchina e delle procedure di emergenza.
Salire e scendere dalla piattaforma secondo le indicazioni fornite dal fabbricante.
Le manovre necessarie per raggiungere il punto di intervento devono essere eseguite dall’operatore che si trova sulla piattaforma. La manovra da terra è ammessa solo in casi di emergenza.
Per la permanenza in quota superiore ai 10 minuti è consigliabile arrestare il motore del veicolo dopo aver raggiunto la postazione desiderata.
Nel caso di temporanea assenza di un operatore a terra, la cabina delle PLE autocarrate deve essere resa inaccessibile.
Riporre gli utensili in apposite guaine o assicurarli per impedirne la caduta; assicurare anche i materiali da utilizzare.
Tutte le persone a bordo della piattaforma di lavoro devono usare i dispositivi di protezione individuale anticaduta agganciati agli appositi "punti di attacco" predisposti, seguendo le indicazioni del fabbricante.
In caso di perdite di olio dall’impianto idraulico, non avvicinarsi al getto di olio ed eseguire immediatamente le operazioni previste dal fabbricante per tale evenienza (ad esempio premere il pulsante di arresto d’emergenza e disinserire la presa di forza).
In caso di rottura dei tubi di collegamento dei martinetti (cilindri) degli stabilizzatori, rientrare con il cestello secondo le istruzioni fornite dal fabbricante.
Segnalare tempestivamente eventuali malfunzionamenti o situazioni pericolose.

Autocarro (per PLE su autocarro)

Adeguare la velocità ai limiti stabiliti in cantiere e transitare a passo d’uomo in prossimità dei posti di lavoro.
Durante i rifornimenti di carburante spegnere il motore e non fumare.
Segnalare tempestivamente eventuali malfunzionamenti o situazioni pericolose.
Mantenere i comandi puliti da grasso e olio.



Istruzioni dopo l’uso
Assicurarsi che non ci siano persone nell’area interessata dai movimenti della PLE.
Collocare in posizione di riposo il braccio della PLE prima di procedere al sollevamento degli stabilizzatori.
Chiudere e bloccare la scaletta di accesso al cestello prima di procedere al sollevamento degli stabilizzatori.
Eseguire l’operazione di rientro degli stabilizzatori in modo graduale affinché la PLE resti livellata per evitare eccessive torsioni del telaio.
Portare il selettore dell’alimentazione (chiave di interblocco) nella posizione di disattivazione e rimuovere la chiave.
Prima di abbandonare senza sorveglianza l’attrezzatura è necessario accertarsi di aver spento il motore, inserito il freno di stazionamento, bloccato il quadro di comando a terra e reso inaccessibile il vano cabina.
Prima di trainare, sollevare e trasportare la PLE assicurarsi che il braccio sia nella posizione di riposo e la piattaforma girevole sia bloccata.
Il sollevamento della macchina deve essere eseguito con un apparecchio di sollevamento di portata adeguata, agganciando l’attrezzatura nei punti indicati dal fabbricante e seguendo scrupolosamente le indicazioni contenute nelle istruzioni per l’uso.
Lasciare sempre la macchina in perfetta efficienza curandone la pulizia e la manutenzione secondo le istruzioni d’uso.
Segnalare eventuali guasti e anomalie.
Assicurarsi di essere in assetto di marcia: verificare che la presa di forza sia disinserita, che gli stabilizzatori siano completamente ritirati e che le spie in cabina e nel quadro a terra siano spente.

ASCENSORE DA CANTIERE

Fermo restando le indicazioni contenute nelle istruzioni d’uso di ogni macchina, di seguito sono riportate le indicazioni che in genere devono essere considerate per l’impiego corretto dell’ascensore da cantiere.


Istruzioni prima dell’uso
Controllare l’efficienza della delimitazione della zona intorno all’attrezzatura o dell’installazione della recinzione di base (se presente), compreso il segnale di divieto di accesso a persone non addette (per piattaforme aperte).
Verificare l’assenza di ostacoli lungo il percorso dell’ascensore (ad esempio, per materiali sporgenti dalla struttura servita, per materiali a terra in corrispondenza del percorso dell’ascensore).
Verificare l’efficacia degli ancoraggi della colonna.
Controllare il buono stato di conservazione delle parti elettriche visibili.
Controllare l’efficienza dei comandi presenti sulla base, sul supporto e ai piani serviti.
Controllare l’efficienza dei dispositivi di sicurezza quali:
paracadute (ad ogni nuova installazione eseguire il drop-test),
dispositivo di fermata a 2,5 metri dal suolo (per piattaforme aperte),
dispositivo anticollisione (per piattaforme aperte),
sblocco manuale del freno di emergenza.
Verificare che le condizioni ambientali rispettino i limiti previsti (ad esempio velocità del vento, presenza ghiaccio).
Eseguire una corsa di prova (salita e discesa) per verificare:
il funzionamento degli ingranaggi (cremagliera-pignone),
il funzionamento delle ruote di scorrimento,
il funzionamento dei finecorsa di salita e discesa,
dispositivo di fermata automatica ai piani,
il corretto avvolgimento/svolgimento del cavo di alimentazione.
Utilizzare i DPI previsti.



Istruzioni durante l’uso
Non costruire piani di lavoro sopraelevati rispetto al gruppo di carico.
Non superare il carico massimo consentito.
Non abbandonare il gruppo di carico quando si trova in quota, se non in caso di emergenza e facendo uso di idonei dispositivi anticaduta.
Non appendere attrezzi o materiali alla struttura della macchina.
Durante il movimento della macchina distribuire in modo uniforme e stabile i carichi/persone sul supporto del carico.
Prima di movimentare la macchina, verificare la corretta chiusura dei cancelli al piano, della porta della recinzione e delle rampe di accesso al gruppo di carico.
Dopo il caricamento controllare che la porta della cabina e la corrispondente porta esterna siano regolarmente chiuse.
Segnalare tempestivamente eventuali malfunzionamenti o situazioni pericolose.



Istruzioni dopo l’uso
Riportare l’ascensore a terra.
Togliere l’alimentazione tramite l’interruttore generale dei quadri elettrici.
Rimuovere il cavo di alimentazione (se di tipo mobile).
Rimuovere la chiave del quadro di base.
Segnalare eventuali guasti e anomalie.

CARRELLO ELEVATORE TELESCOPICO

Fermo restando le indicazioni contenute nelle istruzioni d’uso di ogni macchina, di seguito sono riportate le indicazioni che in genere devono essere considerate per l’impiego corretto del carrello elevatore a braccio telescopico.


Istruzioni prima dell’uso
Verificare la pulizia degli organi di comando, maniglie, gradini e predelle (in particolare da grasso e olio).
Verificare che nella zona di lavoro non vi siano linee elettriche aeree che possano interferire con le manovre.
Controllare i percorsi e le aree di manovra approntando le eventuali delimitazioni.
Verificare che l’avvisatore acustico, il segnalatore di retromarcia e il girofaro siano regolarmente funzionanti.
Garantire la visibilità del posto di guida.
Verificare la presenza delle protezioni al posto di manovra contro il rischio di ribaltamento (rollbar o cabina).
Verificare l’efficienza dei comandi e dei dispositivi di sicurezza (ad esempio freni, finecorsa, clacson).
Verificare il fissaggio dei ripari.
Utilizzare i DPI previsti.



Istruzioni durante l’uso
Non sollevare persone.
Non ammettere a bordo della macchina altre persone.
Tenere chiusi gli sportelli della cabina.
Segnalare l’operatività del mezzo col girofaro.
Allacciare la cintura di sicurezza.
Rispettare i limiti del diagramma di carico.
Spostare il carrello solo quando il braccio è in posizione di trasporto; non attivare il braccio durante gli spostamenti.
Posizionare correttamente il carico sulle forche adeguandone l’assetto col variare del percorso.
Adeguare la velocità ai limiti stabiliti in cantiere e transitare a passo d’uomo in prossimità dei posti di lavoro.
Durante gli spostamenti su percorsi in pendenza, sia durante la salita sia durante la discesa, rivolgere l’accessorio di sollevamento a valle per gli spostamenti a vuoto e a monte per gli spostamenti con carico.
Il carico trasportato lungo i percorsi deve essere mantenuto ad un’altezza minima da terra, correttamente centrato e a ridosso del supporto delle forche.
Richiedere l’aiuto di personale a terra per eseguire le manovre in spazi ristretti o quando la visibilità è incompleta.
Per prelevare un carico dal suolo avvicinare il carrello con il braccio rientrato e le forche orizzontali, centrare le forche rispetto all’asse del carico, avanzare avvicinando le forche contro il carico e sollevare il carico agendo sul brandeggio e sollevando il primo braccio.
Per prelevare un carico in alto avvicinare il carrello perpendicolarmente al carico e con le forche in posizione orizzontale, avanzare avvicinando le forche contro il carico, sollevare il carico; successivamente, se possibile, abbassare il carico prima di spostare il carrello altrimenti arretrare lentamente il carrello per poi abbassare il carico, infine portare il carico in posizione di trasporto.
Effettuare i depositi in maniera stabile; in particolare per posare un carico in alto alzare e allungare il braccio fino a quando il carico è al di sopra della pila e far avanzare il carrello, posizionare il carico orizzontalmente e abbassarlo sulla pila; successivamente, sfilare le forche dal carico rientrando e alzando il braccio alternativamente o, se possibile, facendo indietreggiare il carrello.
Per prelevare un carico senza pallet inclinare le forche in avanti e allungare il braccio inclinando contemporaneamente le forche indietro e legare il carico.
Eseguire il rifornimento di carburante a motore spento e non fumare.
Mantenere sgombra e pulita la cabina.
Segnalare tempestivamente eventuali malfunzionamenti o situazioni pericolose.
Utilizzare i DPI previsti.



Istruzioni dopo l’uso
Non lasciare carichi in posizione elevata.
Posizionare correttamente il mezzo, abbassando le forche a terra, ritirando il braccio telescopico ed azionando il freno di stazionamento.
Eseguire le operazioni di manutenzione e pulizia a motore spento, secondo le indicazioni del fabbricante.
Segnalare eventuali guasti e anomalie.

ESCAVATORE IDRAULICO

Fermo restando le indicazioni contenute nelle istruzioni d’uso di ogni macchina, di seguito sono riportate le indicazioni che in genere devono essere considerate per l’impiego corretto dell’escavatore idraulico.

Divieti per l’uso
Non ammettere a bordo della macchina altre persone.
Non eseguire operazioni di scavo sotto una superficie in pendenza.
Non scavare sotto la macchina per non compromettere la stabilità del terreno e conseguentemente della macchina.
Per evitare guasti o deterioramenti, non fare uso della sola forza di rotazione per compattare il terreno o per frantumare manufatti.
Per evitare guasti o deterioramenti, non usare la forza di caduta della benna ad esempio per demolizioni o per inserire pali nel terreno.
Per evitare guasti o deterioramenti, non inserire i "denti" della benna nel terreno e usare la forza di marcia dell’escavatore per scavare.
Non eseguire operazioni mantenendo i cilindri idraulici sui finecorsa (cilindro completamente esteso o cilindro completamente retratto).
Non usare la forza di caduta del braccio dell’escavatore per le operazioni di scavo o per compattare il terreno.
Non superare i limiti di altezza raggiungibile dal braccio operando con i cingoli non correttamente appoggiati a terra.
Evitare movimenti improvvisi delle leve sia per quanto riguarda la marcia sia per quanto riguarda i movimenti dei bracci idraulici; muovere le leve gradualmente.
Non condurre la macchina in acque più profonde dell’altezza del centro della ruota motrice.
Nei terreni in pendenza, non far ruotare l’attrezzatura con la benna carica dal lato in salita verso il lato in discesa.

Istruzioni prima dell’uso
Verificare la pulizia degli organi di comando, maniglie, gradini e predelle (in particolare da grasso e olio).
Verificare che nella zona di lavoro non vi siano linee elettriche che possano interferire con le manovre.
Controllare i percorsi e le aree di lavoro approntando gli eventuali rafforzamenti o segnalare le superfici cedevoli.
Controllare che non ci siano persone nell’area circostante la macchina prima di iniziare la marcia o l’attività lavorativa.
Regolare la posizione del sedile, degli specchietti retrovisori e pulire le superfici vetrate al fine di ottenere una posizione comoda con visibilità ottimale.
Verificare il corretto funzionamento di comandi, strumenti e indicatori.
Verificare l’efficienza dei gruppi ottici per le lavorazioni in mancanza di illuminazione, dell’avvisatore acustico e del girofaro.
Verificare l’integrità dei tubi flessibili e dell’impianto oleodinamico in genere.
Verificare la presenza delle protezioni della postazione dell’operatore (ROPS, FOPS, TOPS) anche in funzione delle attività svolte.
Controllare la chiusura di tutti gli sportelli e carter (ad esempio vano motore).
Controllare l’efficienza dell’attacco dell’accessorio da utilizzare (ad esempio benna, martello idraulico, argano).
Allacciare la cintura di sicurezza.
Prima di muovere la macchina, orientarla in modo che la ruota motrice (dentata) si trovi dietro il sedile (per escavatori cingolati).
Delimitare e/o segnalare le aree di lavoro con possibili livelli di esposizione al rumore maggiori dei valori superiori di azione.
Utilizzare i DPI previsti.
Nei terreni in pendenza, verificare preventivamente le caratteristiche operative della macchina in merito ai limiti massimi di pendenza sia trasversali che longitudinali del terreno.

Istruzioni durante l’uso
Segnalare l’operatività del mezzo col girofaro.
Chiudere gli sportelli della cabina.
Usare gli stabilizzatori, ove presenti.
Per le interruzioni momentanee di lavoro, prima di scendere dal mezzo, azionare il dispositivo di blocco dei comandi e dell’impianto idraulico.
Nelle fasi di inattività, tenere a distanza di sicurezza il braccio dell’escavatore dai lavoratori.
Mantenere stabile il mezzo sugli eventuali cumuli di macerie, durante le demolizioni con martello o cesoie.
Attenersi alle istruzioni ricevute per la demolizione con martello idraulico, in particolare per il contenimento delle vibrazioni trasmesse all’edificio, al fine di evitare crolli intempestivi.
Disporre i cingoli perpendicolarmente rispetto al bordo della scarpata, con la ruota motrice sul retro.
Richiedere l’aiuto di personale a terra per eseguire le manovre in spazi ristretti o quando la visibilità non è sufficiente.
Mantenere sgombra e pulita la cabina.
Durante i rifornimenti di carburante spegnere il motore e non fumare.
Segnalare tempestivamente eventuali malfunzionamenti o situazioni pericolose.
Nei terreni in pendenza, ridurre al minimo la velocità.
Per l’uso della macchina su terreni in pendenza, spianare la superficie di lavoro fino a creare un piano quanto più possibile orizzontale.
Utilizzare i DPI previsti.



 

Istruzioni dopo l’uso
Posizionare correttamente la macchina, abbassando l’accessorio a terra, inserendo il blocco dei comandi e dell’impianto idraulico, azionando il freno di stazionamento (per gli escavatori gommati) e spegnere il motore.
Chiudere i finestrini e la porta della cabina.
Effettuare un’ispezione visiva intorno alla macchina per controllare la carrozzeria o l’eventuale perdita di oli o refrigeranti.
Eseguire le operazioni di manutenzione e pulizia a motore spento seguendo le indicazioni del fabbricante.
Segnalare eventuali guasti e anomalie.

PALA CARICATRICE FRONTALE

Fermo restando le indicazioni contenute nelle istruzioni d’uso di ogni macchina, di seguito sono riportate le indicazioni che in genere devono essere considerate per l’impiego corretto della pala caricatrice frontale.

Divieti per l’uso
Non usare l’attrezzatura per sollevare o trasportare persone.
Non utilizzare l’attrezzatura come apparecchio di sollevamento.
Non caricare materiale sfuso sporgente dalla benna.
Non permettere che la macchina trasli per inerzia propria, con il cambio in posizione neutra.
Per evitare guasti o deterioramenti, non usare la forza di caduta della benna ad esempio per demolizioni o per compattare il terreno.
Evitare movimenti improvvisi delle leve sia per quanto riguarda la marcia sia per quanto riguarda i movimenti dei bracci idraulici (muovere le leve gradualmente).
Non condurre la macchina in acque profonde.

Istruzioni prima dell’uso
Verificare la pulizia di maniglie, gradini, predelle e comandi (in particolare da grasso e olio).
Controllare i percorsi e le aree di lavoro approntando gli eventuali rafforzamenti o segnalare le superfici cedevoli.
Controllare che non ci siano persone nell’area circostante la macchina prima di iniziare le manovre.
Regolare la posizione del sedile, degli specchietti retrovisori e pulire le superfici vetrate al fine di ottenere una posizione comoda con visibilità ottimale.
Verificare preventivamente le caratteristiche operative della macchina in merito ai limiti massimi di pendenza sia trasversali che longitudinali del terreno.
Verificare il corretto funzionamento di comandi, strumenti e indicatori.
Verificare l’efficienza dei gruppi ottici per le lavorazioni in mancanza di illuminazione, dell’avvisatore acustico, del girofaro e del segnalatore di retromarcia (se presente).
Verificare l’integrità dei tubi flessibili e dell’impianto oleodinamico in genere.
Verificare la presenza delle protezioni della postazione dell’operatore (ROPS,FOPS, TOPS) anche in funzione delle attività svolte.
Controllare la chiusura di tutti gli sportelli e carter (ad esempio vano motore).
Controllare l’efficienza dell’attacco della benna.
Controllare l’integrità delle griglie laterali di protezione del posto di manovra (per pale compatte).
Allacciare la cintura di sicurezza o, per pale compatte, verificare il sistema di trattenuta.
Utilizzare i DPI previsti.



 

Istruzioni durante l’uso
Non ammettere a bordo della macchina altre persone.
Segnalare l’operatività del mezzo col girofaro.
Chiudere gli sportelli della cabina.
Per le interruzioni momentanee di lavoro, prima di scendere dal mezzo, azionare il freno di stazionamento e il dispositivo di blocco dei comandi (ove presente).
Mantenere sgombro e pulito il posto di guida o la cabina.
Richiedere l’aiuto di personale a terra per eseguire le manovre in spazi ristretti o quando la visibilità non è sufficiente.
Durante la marcia in salita e discesa ridurre al minimo la velocità.
Trasportare il carico con la benna abbassata.
Adeguare la velocità ai limiti stabiliti in cantiere ed in prossimità dei posti di lavoro transitare a passo d’uomo.
Durante i rifornimenti di carburante spegnere il motore e non fumare.
Segnalare tempestivamente eventuali malfunzionamenti o situazioni pericolose.
Utilizzare i DPI previsti.

Istruzioni dopo l’uso
Appoggiare a terra la benna, inserire il freno di stazionamento e il blocco dei comandi (ove presente), spegnere il motore.
Chiudere i finestrini e la porta della cabina.
Effettuare un’ispezione visiva intorno alla macchina per controllare la carrozzeria o l’eventuale perdita di oli o refrigeranti.
Eseguire le operazioni di manutenzione e pulizia a motore spento seguendo le indicazioni del fabbricante.
Segnalare eventuali guasti e anomalie.

RULLO COMPATTATORE

Fermo restando le indicazioni contenute nelle istruzioni d’uso di ogni macchina, di seguito sono riportate le indicazioni che in genere devono essere considerate per l’impiego corretto del rullo compattatore.

Istruzioni prima dell’uso
Durante i rifornimenti di carburante spegnere il motore e non fumare.
Controllare i percorsi e le aree di manovra verificando le condizioni di stabilità per il mezzo.
Verificare la possibilità di utilizzare la funzione vibrante, senza provocare danni a manufatti o sottoservizi esistenti.
Controllare l’efficienza dei comandi in particolare dei dispositivi frenanti e di stazionamento.
Verificare l’efficienza dei gruppi ottici per le lavorazioni con scarsa illuminazione.
Verificare che l’avvisatore acustico, il girofaro, il blocco momentaneo del movimento inverso della macchina o il segnale acustico di retromarcia siano funzionanti.
Verificare la presenza di una efficace protezione del posto di manovra contro i rischi da ribaltamento (ROPS).
Utilizzare i DPI previsti.

Istruzioni durante l’uso
Non ammettere a bordo della macchina altre persone.
Non percorrere trasversalmente i pendii; qualora sia necessario percorrere terreni in pendenza, rispettare scrupolosamente le indicazioni del fabbricante.
Segnalare l’operatività del mezzo col girofaro.
Adeguare la velocità ai limiti stabiliti in cantiere e transitare a passo d’uomo in prossimità dei posti di lavoro.
Mantenere sgombro e pulito il posto di guida.
Durante la marcia lungo i bordi verificare costantemente che i tamburi appoggino a sufficienza, anche in considerazione delle caratteristiche del terreno (ad esempio alcuni fabbricanti indicano che è opportuno che essi appoggino per almeno 2/3 della loro larghezza.
Prestare particolare attenzione durante la sterzatura; il baricentro della macchina si sposta verso l’esterno (ad esempio, sterzando a destra, si sposta a sinistra).
Salire e scendere dalla macchina utilizzando gli appositi gradini e maniglie di appiglio.
Segnalare tempestivamente malfunzionamenti o situazioni pericolose.
Utilizzare i DPI previsti.

Istruzioni dopo l’uso
Pulire gli organi di comando da grasso e olio.
Eseguire le operazioni di revisione e manutenzione seguendo le indicazioni del fabbricante e segnalando eventuali guasti e anomalie.

FINITRICE

Fermo restando le indicazioni contenute nelle istruzioni d’uso di ogni macchina, di seguito sono riportate le indicazioni che in genere devono essere considerate per l’impiego corretto della finitrice stradale.

Istruzioni prima dell’uso
Durante i rifornimenti di carburante spegnere il motore e non fumare.
Verificare la segnalazione dell’area di lavoro su sede stradale e l’efficacia della deviazione del traffico veicolare.
Verificare l’efficienza dei comandi sul posto di guida e sulla pedana posteriore.
Verificare l’efficienza dei dispositivi ottici e di illuminazione.
Verificare l’efficienza dell’impianto oleodinamico.
Verificare l’efficienza dei dispositivi di sicurezza e delle protezioni.
Verificare se i lampeggianti sono funzionanti per la regolazione della tavola estensibile.
Verificare l’efficienza dell’impianto a gas (ad esempio del riduttore di pressione delle bombole, delle connessioni tra tubazioni, bruciatori e bombole).
Verificare che l’avvisatore acustico, il girofaro, il blocco momentaneo del movimento inverso della macchina o il segnale acustico di retromarcia siano funzionanti.
Verificare la presenza di un estintore a bordo macchina.
Utilizzare i DPI previsti.

Istruzioni durante l’uso
Non percorrere le pendenze in senso trasversale; sui terreni in pendenza, guidare con prudenza e sempre in linea retta verso l’alto o verso il basso.
Non portare sulla macchina sostanze infiammabili.
Non sostare nel raggio d’azione delle parti mobili della finitrice, come ad esempio fianchi di contenimento e tramoggia.
Durante l’attività lavorativa non accedere/entrare all’interno del vano della barra estensibile ed in particolare non interporre nessun attrezzo per eventuali rimozioni di materiale.
Mantenere le distanze di sicurezza dalle parti calde della finitrice.
Utilizzare la finitrice soltanto su un suolo sufficientemente solido e compattato.
Salire e scendere dalla macchina utilizzando le apposite maniglie e predelle.
Segnalare tempestivamente eventuali malfunzionamenti o situazioni pericolose.
Utilizzare i DPI previsti.

Istruzioni dopo l’uso
Spegnere i bruciatori e chiudere il rubinetto della bombola.
Posizionare correttamente la macchina azionando il freno di stazionamento.
Eseguire la pulizia della tramoggia e della barra stenditrice secondo le istruzioni del fabbricante.
Effettuare un’ispezione visiva intorno alla macchina per verificare eventuali danneggiamenti (ad esempio perdita di oli o refrigeranti).
Pulire gli organi di comando, le maniglie, i gradini e le predelle da grasso e olio.
Eseguire le operazioni di revisione e manutenzione seguendo le indicazioni del libretto e segnalando eventuali guasti e anomalie.

PERFORATRICE PER MICROPALI

Fermo restando le indicazioni contenute nelle istruzioni d’uso di ogni macchina, di seguito sono riportate le indicazioni che in genere devono essere considerate per l’impiego corretto della perforatrice per micropali.

Istruzioni prima dell’uso
Verificare che nella zona di lavoro non vi siano linee elettriche aeree che possano interferire con le manovre.
Verificare l’eventuale presenza di linee elettriche o altre condutture interrate.
Controllare i percorsi e le aree di lavoro approntando gli eventuali rafforzamenti o segnalando le superfici cedevoli.
Controllare la pendenza dei percorsi in relazione alle potenzialità della macchina.
Controllare il percorso di eventuali cavi o condutture idrauliche o pneumatiche (ad esempio tubo dell’aria compressa) appoggiate al suolo e adottare adeguate protezioni in corrispondenza degli attraversamenti.
Controllare che non ci siano persone nell’area circostante la macchina durante gli spostamenti.
Segnalare e delimitare l’area di lavoro.
Verificare il corretto funzionamento di comandi, strumenti e indicatori.
Verificare l’efficienza dei gruppi ottici per le lavorazioni in mancanza di illuminazione naturale, dell’avvisatore acustico e del girofaro.
Verificare l’integrità dei tubi flessibili e dell’impianto oleodinamico in genere.
Controllare la chiusura di tutti gli sportelli e carter (ad esempio vano motore).
Verificare la presenza dei carter degli organi in movimento.
Verificare il funzionamento del caricatore di aste.
Verificare il funzionamento dell’argano di servizio e l’efficienza dei suoi componenti (es. fune, gancio).
Stoccare adeguatamente le aste su appositi cavalletti.
Utilizzare i DPI previsti.

Istruzioni durante l’uso
Non indossare indumenti con parti svolazzanti.
Operare solo con piena visibilità di tutte le manovre dalle posizioni consentite dal fabbricante.
Mantenere costante il collegamento con l’operatore a terra (sottomacchina).
Stabilizzare opportunamente la sonda di perforazione.
Richiedere l’aiuto del sottomacchina per eseguire le manovre in spazi ristretti o quando la visibilità non è sufficiente.
Durante il caricamento/rimozione degli elementi di aste di perforazione da parte dell’aiuto perforatore, mantenere ferma la testa di rotazione.
Mantenere pulita e sgombra l’area di intervento dai cumuli di terra e fango dovuti all’espurgo del foro.
Serrare correttamente le aste.
Utilizzare il sistema di captazione delle polveri in caso di perforazione "a secco".
Eseguire gradualmente tutte le manovre.
Durante gli spostamenti abbassare l’apparato di perforazione (mast).
Eseguire il rifornimento di carburante a motore spento e non fumare.
Segnalare tempestivamente eventuali malfunzionamenti o situazioni pericolose.
Utilizzare i DPI previsti.

Istruzioni dopo l’uso
Posizionare correttamente la macchina in configurazione di riposo, azionare i freni e spegnere il motore.
Effettuare un’ispezione visiva intorno alla macchina per controllare le eventuali anomalie o perdite di oli o altri liquidi.
Eseguire le operazioni di manutenzione e pulizia a motore spento seguendo le indicazioni del fabbricante.
Utilizzare idonea attrezzatura per raggiungere la parte alta dell’apparato di perforazione (mast).
Segnalare eventuali guasti e anomalie.

BETONIERA

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Fusce vulputate tortor in nulla lacinia ac blandit massa condimentum. Donec pharetra adipiscing ante, ac convallis justo bibendum et. Cras dignissim fringilla consequat.
Pellentesque id tortor ut dui feugiat aliquam et sed leo. Quisque faucibus aliquet imperdiet. Nullam lacus neque, pellentesque non ultricies ac, suscipit vitae diam.
Nunc sapien mauris, imperdiet ac pellentesque quis, facilisis non sapien. Maecenas congue vehicula mi, id luctus mi scelerisque nec. Cras viverra libero ut velit ullamcorper volutpat. Maecenas ut dolor eget ante interdum auctor quis sed nunc. Proin faucibus, mauris vitae molestie sodales, erat nisi rhoncus justo, in placerat turpis elit sed eros.
Mauris molestie, justo et feugiat rutrum, arcu metus dapibus quam, sollicitudin tempus tortor dolor et nibh.Fermo restando le indicazioni contenute nelle istruzioni d’uso di ogni macchina, di seguito sono riportate le indicazioni che in genere devono essere considerate per l’impiego corretto della betoniera a bicchiere.

Istruzioni prima dell’uso
Verificare la presenza e l’efficienza della protezione sovrastante il posto di manovra (quando necessaria).
Verificare il funzionamento del freno e della battuta di ribaltamento (per betoniere con riduttore di ribaltamento).
Verificare la presenza ed efficienza delle protezioni: al bicchiere, alla corona, agli organi di trasmissione, agli organi di manovra (volante e pedale).
Verificare l’efficienza del dispositivo di arresto di emergenza (se presente).
Verificare l’integrità dei collegamenti elettrici e di messa a terra per la parte visibile ed il corretto funzionamento degli interruttori e dispositivi elettrici di alimentazione e manovra.

Istruzioni durante l’uso
Non manomettere le protezioni.
Non eseguire operazioni di lubrificazione, pulizia, manutenzione o riparazione sugli organi in movimento.
Per il caricamento di materiali con la pala, evitare il contatto con la bocca del bicchiere in rotazione, altrimenti caricare i materiali a macchina ferma.
Utilizzare opportune attrezzature manuali, quali pale o secchi, per il carico del cemento o dei leganti: le operazioni di carico non devono comportare la movimentazione di carichi troppo pesanti e/o in condizioni disagiate.
Segnalare tempestivamente eventuali malfunzionamenti o situazioni pericolose.
Utilizzare i DPI previsti.

Istruzioni dopo l’uso
Togliere tensione alla linea di alimentazione agendo sull’interruttore posto sul quadro e staccando il cavo di alimentazione.
Lasciare la macchina in perfetta efficienza, curandone la pulizia.
Segnalare eventuali guasti e anomalie.

SEGA CIRCOLARE

Fermo restando le indicazioni contenute nelle istruzioni d’uso di ogni macchina, di seguito sono riportate le indicazioni che in genere devono essere considerate per l’impiego corretto della sega circolare.

Istruzioni prima dell’uso
Verificare la stabilità della macchina.
Controllare il funzionamento dei dispositivi di comando, compreso l’arresto di emergenza (ove presente).
Verificare l’integrità dei collegamenti elettrici di messa a terra per la parte visibile.
Verificare l’integrità delle coperture delle parti sotto tensione (scatole morsettiere - interruttori).
Verificare la presenza ed efficienza della cuffia di protezione della lama sopra la tavola.
Verificare la presenza ed efficienza del coltello divisore e la sua corretta posizione.
Verificare la presenza e l’efficienza delle protezioni del disco nella parte sottostante il banco di lavoro.
Verificare l’efficienza delle protezioni degli organi di trasmissione.
Verificare che la griglia di protezione del motore sia libera dall’eventuale accumulo di polvere di legno.
Verificare la presenza ed efficienza degli spingitoi per il taglio di piccoli pezzi.
Verificare che l’area di lavoro intorno alla macchina sia sufficientemente ampia e illuminata.
Verificare la pulizia dell’area circostante la macchina, in particolare di quella corrispondente al posto di lavoro.
Verificare la pulizia della superficie del banco di lavoro.
Verificare che il percorso e la disposizione del cavo di alimentazione non intralci le manovre, i passaggi o che sia adeguatamente protetto.
Allontanare le persone non addette dall’area intorno alla macchina.

Istruzioni durante l’uso
Non abbandonare la macchina in funzione.
Non eseguire operazioni di registrazione, pulizia, manutenzione o riparazione sugli organi lavoratori o di trasmissione in movimento.
Prestare massima attenzione durante il taglio del materiale.
Indossare indumenti aderenti al corpo senza parti svolazzanti.
Registrare la cuffia di protezione o verificare che sia libera di alzarsi al passaggio del pezzo in lavorazione e di abbassarsi sul banco di lavoro.
Utilizzare gli appositi spingitoi, in particolare per tagli di piccoli pezzi.
Usare gli occhiali se nella lavorazione specifica la cuffia di protezione risultasse insufficiente a trattenere le schegge.
Utilizzare i DPI previsti.
Segnalare tempestivamente eventuali malfunzionamenti o situazioni pericolose.

Istruzioni dopo l’uso
Togliere la tensione alla linea di alimentazione agendo sull’interruttore posto sul quadro e staccando il cavo di alimentazione.
Lasciare sempre la macchina in perfetta efficienza, curandone la pulizia.
Segnalare eventuali guasti e anomalie.

TAGLIALATERIZI

Fermo restando le indicazioni contenute nelle istruzioni d’uso di ogni macchina, di seguito sono riportate le indicazioni che in genere devono essere considerate per l’impiego corretto della taglialaterizi.

Istruzioni prima dell’uso
Verificare la stabilità della macchina.
Verificare che l’area di lavoro intorno alla macchina sia sufficientemente ampia, sgombra da materiale e illuminata.
Verificare che il percorso e la disposizione del cavo di alimentazione non intralci le manovre, i passaggi o che sia adeguatamente protetto.
Controllare il funzionamento dei dispositivi di comando, compreso l’arresto di emergenza (ove presente).
Verificare l’integrità dei collegamenti elettrici e di messa a terra, per la parte visibile.
Verificare l’efficienza del dispositivo contro il riavviamento del motore in seguito ad un’interruzione e ritorno dell’energia elettrica (bobina di sgancio).
Verificare la presenza e l’efficienza della protezione del disco.
Verificare l’efficienza delle protezioni degli organi di trasmissione, ove presenti.
Verificare la presenza del paraspruzzi.
Verificare l’efficienza della tavola portapezzo.
Verificare il funzionamento dell’impianto dell’acqua.

Istruzioni durante l’uso
Non abbandonare la macchina in funzione.
Non eseguire operazioni di registrazione, pulizia, manutenzione o riparazione sugli organi in movimento.
Mantenere l’area di lavoro sgombra da materiale di scarto.
Scollegare l’alimentazione elettrica durante le pause.
Indossare indumenti aderenti al corpo senza parti svolazzanti.
Segnalare tempestivamente eventuali malfunzionamenti o situazioni pericolose.
Utilizzare i DPI previsti.

Istruzioni dopo l’uso
Togliere la tensione alla linea di alimentazione agendo sull’interruttore posto sul quadro e staccando il cavo di alimentazione.
Eseguire le operazioni di revisione, manutenzione e pulizia necessarie al reimpiego con la macchina scollegata elettricamente.
Segnalare eventuali guasti e anomalie.

ELEVATORE A BANDIERA

Fermo restando le indicazioni contenute nelle istruzioni d’uso di ogni macchina, di seguito sono riportate le indicazioni che in genere devono essere considerate per l’impiego corretto dell’elevatore a bandiera.

Istruzioni prima dell’uso
Verificare la presenza dei parapetti completi sul perimetro del posto di manovra.
Verificare la presenza degli staffoni (robusti e rigidi sostegni laterali) e della tavola fermapiede da 30 cm nella parte frontale nella quale è installato l’elevatore.
Verificare l’integrità della struttura portante l’elevatore.
Con ancoraggio: verificare l’efficienza del puntone di fissaggio.
Verificare l’efficienza della sicura del gancio e dei morsetti ferma-fune con redancia.
Verificare l’efficienza del freno del motore.
Verificare l’efficienza del finecorsa di salita.
Verificare che restino almeno due spire di fune avvolte nel tamburo a fine corsa in discesa.
Verificare l’integrità delle parti elettriche visibili.
Verificare l’efficienza dell’interruttore di linea o del quadro elettrico presso l’elevatore.
Verificare la funzionalità della pulsantiera.
Transennare a terra l’area di tiro, anche durante la fase di montaggio dell’elevatore.
Verificare l’adeguatezza del cavo di alimentazione secondo i requisiti richiesti dal fabbricante (ad esempio sezione del cavo).
Posizionare il cavo di alimentazione in modo da evitarne danneggiamenti.
Utilizzare i DPI previsti.

Istruzioni durante l’uso
Non lasciare carichi sospesi incustoditi.
Non utilizzare la fune dell’elevatore per imbracare carichi.
Non eseguire tiri in obliquo (i carichi devono essere sollevati con tiro verticale).
Accertarsi che la zona di corsa del carico sia sgombra da ostacoli.
Mantenere gli staffoni in posizione.
Usare la cintura di sicurezza in momentanea assenza degli staffoni.
Usare i contenitori adatti al materiale da sollevare.
Verificare la corretta imbracatura dei carichi e la perfetta chiusura della sicura del gancio.
Prima di sganciare il carico, accertarsi che sia appoggiato stabilmente.
Verificare il corretto avvolgimento della fune sul tamburo.
Arrestare la salita del carico prima dell’intervento del finecorsa, utile in caso di errata manovra.
Per l’operatore a terra: non sostare sotto il carico e utilizzare l’adeguata segnaletica gestuale/verbale per il corretto sollevamento dei carichi.
Segnalare tempestivamente eventuali malfunzionamenti o situazioni pericolose.
Utilizzare i DPI previsti.



 

Istruzioni dopo l’uso
Avvolgere il cavo fino in prossimità del tamburo.
Scollegare elettricamente l’elevatore.
Ritrarre l’elevatore all’interno dell’area di lavoro.
Segnalare eventuali guasti e anomalie.

PIASTRA VIBRANTE

Fermo restando le indicazioni contenute nelle istruzioni d’uso di ogni macchina, di seguito sono riportate le indicazioni che in genere devono essere considerate per l’impiego corretto della piastra vibrante.

Istruzioni prima dell’uso
Verificare la consistenza dell’area da compattare.
Verificare l’efficienza dei comandi.
Verificare l’efficienza del carter coprimotore.
Verificare l’efficienza del carter della cinghia di trasmissione.

Istruzioni durante l’uso
Non lasciare la macchina in moto senza sorveglianza.
Non utilizzare la macchina in ambienti chiusi e poco ventilati.
Tenere saldamente l’impugnatura e mantenere una postura corretta durante l’attività.
Rispettare i limiti di pendenza del terreno indicati dal fabbricante.
Durante il rifornimento di carburante tenere a disposizione un estintore, spegnere il motore, attendere il suo raffreddamento e non fumare.
Segnalare tempestivamente eventuali malfunzionamenti o situazioni pericolose.
Utilizzare i DPI previsti.

Istruzioni dopo l’uso
Chiudere il rubinetto del carburante.
Eseguire le operazioni di revisione e manutenzione necessarie al reimpiego della macchina a motore spento.
Segnalare eventuali guasti e anomalie.

TAGLIASFALTO A DISCO

Fermo restando le indicazioni contenute nelle istruzioni d’uso di ogni macchina, di seguito sono riportate le indicazioni che in genere devono essere considerate per l’impiego corretto della tagliasfalto a disco.

Istruzioni prima dell’uso
Delimitare e segnalare l’area d’intervento.
Verificare la presenza di cavi e tubi interrati.
Controllare il funzionamento dei dispositivi di comando.
Verificare l’integrità delle parti elettriche visibili.
Verificare l’efficienza delle protezioni degli organi di trasmissione.
Verificare il corretto fissaggio del disco e della tubazione d’acqua.
Verificare l’integrità dei dispositivi di sicurezza, in particolare della protezione del disco.

Istruzioni durante l’uso
Non forzare l’operazione di taglio.
Non lasciare la macchina col disco in moto senza sorveglianza.
Non utilizzare la macchina in ambienti chiusi e poco ventilati (con motore a combustione interna); in caso contrario prevedere un’aerazione sufficiente.
Non avvicinarsi alle parti calde, come ad esempio motore e marmitta.
Non eseguire tagli su materiali non compatti (per esempio pavimentazioni in blocchetti autobloccanti).
Mantenere costante l’erogazione dell’acqua.
Se la macchina è ferma con il motore spento, chiudere il rubinetto del carburante.
Eseguire il rifornimento di carburante a motore spento e non fumare.
Segnalare tempestivamente eventuali malfunzionamenti o situazioni pericolose.
Utilizzare i DPI previsti.

Istruzioni dopo l’uso
Chiudere il rubinetto del carburante.
Lasciare sempre la macchina in perfetta efficienza, curandone la pulizia e l’eventuale manutenzione.
Eseguire gli interventi di manutenzione e revisione a motore spento.
Segnalare eventuali guasti e anomalie.

CAROTATRICE

Fermo restando le indicazioni contenute nelle istruzioni d’uso di ogni macchina, di seguito sono riportate le indicazioni che in genere devono essere considerate per l’impiego corretto della carotatrice su piedistallo.

Istruzioni prima dell’uso
Posizionare saldamente la macchina: verificare il corretto serraggio di tutte le viti e dadi di fissaggio.
Verificare la funzionalità dei comandi.
Controllare l’integrità del cavo e della spina di alimentazione.
Posizionare i cavi e la tubazione dell’acqua in modo da evitare danneggiamenti e intralcio ai passaggi.
Fissare correttamente il tubo dell’acqua.
Accertare l’eventuale presenza di condutture e/o cavi nella struttura da forare.
Segnalare e delimitare le zone a rischio comprese quelle oltre la struttura da forare.

Istruzioni durante l’uso
Non intralciare i passaggi con il cavo di alimentazione.
Non fissare la carotatrice a elementi non completamente stabili (ad esempio tavole di impalcati).
Utilizzare la carotatrice solo da postazioni stabili e sicure.
Controllare costantemente il regolare funzionamento della carotatrice.
Scollegare le alimentazioni nelle pause di lavoro.
Dopo un’interruzione della lavorazione, riavviare il motore solo se la corona ruota liberamente.
Verificare che il flusso dell’acqua non interessi il motore o altre parti elettriche della carotatrice.
In caso di carotaggio a soffitto adottare specifiche precauzioni per il flusso dell’acqua, come ad esempio un convogliatore dell’acqua.
Regolare la velocità di rotazione in funzione del materiale da forare e del diametro della "corona" al fine di evitare pericolosi sforzi da parte della macchina.
Rispettare le distanze di sicurezza dagli organi lavoratori (ad esempio corona, mandrino).
Segnalare tempestivamente eventuali malfunzionamenti o situazioni pericolose.
Utilizzare i DPI previsti.

Istruzioni dopo l’uso
Scollegare l’alimentazione elettrica e idrica.
Prestare attenzione a non toccare parti calde della macchina, quali ad esempio l’utensile perforatore.
Eseguire il controllo generale della macchina.
Eseguire la manutenzione attenendosi alle indicazioni del libretto.
Segnalare eventuali guasti e anomalie.

DECESPUGLIATORE

Fermo restando le indicazioni contenute nelle istruzioni d’uso di ogni macchina, di seguito sono riportate le indicazioni che in genere devono essere considerate per l’impiego corretto del decespugliatore.

Istruzioni prima dell’uso
Segnalare l’area d’intervento o farla sorvegliare da un addetto per il rispetto della distanza di sicurezza.
Verificare il corretto fissaggio del dispositivo di taglio.
Verificare l’integrità della lama.
Verificare la lunghezza del filo (quando presente).
Verificare l’efficienza della protezione dell’organo di taglio.
Verificare l’integrità delle protezioni del motore.
Controllare il funzionamento dei dispositivi di comando (avviamento, arresto, acceleratore).
Controllare il funzionamento del blocco del comando dell’acceleratore.
Verificare il corretto posizionamento dell’imbracatura a cinghia per il bilanciamento del decespugliatore.
Verificare il funzionamento dello sganciamento rapido dell’imbracatura a cinghia.
Controllare la corretta regolazione del minimo dell’acceleratore, per il fermo dell’organo di taglio.
Controllare che le impugnature siano pulite.

Istruzioni durante l’uso
Non lavorare in posizione instabile.
Non avvicinarsi alle parti calde, come ad esempio la marmitta, durante le pause.
Non rimuovere eventuale materiale inceppato nel dispositivo di taglio con il motore avviato.
Impugnare saldamente il decespugliatore, con entrambe le mani e mantenendo la corretta postura.
Durante il rifornimento di carburante tenere a disposizione un estintore, spegnere il motore, attendere il suo raffreddamento e non fumare.
Spegnere l’utensile nelle pause di lavoro.
Segnalare tempestivamente eventuali malfunzionamenti o situazioni pericolose.
Utilizzare i DPI previsti.

Istruzioni dopo l’uso
Lasciare sempre la macchina in perfetta efficienza, curandone la pulizia e l’eventuale manutenzione.
Eseguire gli interventi di manutenzione e revisione a motore spento.
Segnalare eventuali guasti e anomalie.

TRONCATRICE PORTATILE A DISCO

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Fusce vulputate tortor in nulla lacinia ac blandit massa condimentum. Donec pharetra adipiscing ante, ac convallis justo bibendum et. Cras dignissim fringilla consequat.
Pellentesque id tortor ut dui feugiat aliquam et sed leo. Quisque faucibus aliquet imperdiet. Nullam lacus neque, pellentesque non ultricies ac, suscipit vitae diam.
Nunc sapien mauris, imperdiet ac pellentesque quis, facilisis non sapien. Maecenas congue vehicula mi, id luctus mi scelerisque nec. Cras viverra libero ut velit ullamcorper volutpat. Maecenas ut dolor eget ante interdum auctor quis sed nunc. Proin faucibus, mauris vitae molestie sodales, erat nisi rhoncus justo, in placerat turpis elit sed eros.
Mauris molestie, justo et feugiat rutrum, arcu metus dapibus quam, sollicitudin tempus tortor dolor et nibh.Fermo restando le indicazioni contenute nelle istruzioni d’uso di ogni macchina, di seguito sono riportate le indicazioni che in genere devono essere considerate per l’impiego corretto della troncatrice portatile a disco.

Divieti per l’uso
Non operare tagli con la troncatrice appoggiata al suolo o su un altro supporto.
Non lavorare in posizione instabile, come ad esempio sulle scale.
Non lavorare con la troncatrice posta ad un’altezza superiore delle spalle.
Non avvicinarsi alle parti calde, come ad esempio la marmitta, durante le pause.
Non forzare l’operazione di taglio né esercitare pressioni laterali: seguire la traccia rettilinea di taglio.
Non utilizzare la macchina in ambienti chiusi e poco ventilati: in caso contrario prevedere un’aerazione e una ventilazione sufficiente.

Istruzioni prima dell’uso
Segnalare l’area d’intervento o farla sorvegliare da un addetto per il rispetto delle distanze di sicurezza.
Verificare l’eventuale presenza di cavi e tubi nella struttura da tagliare.
Controllare il funzionamento dei dispositivi di comando (avviamento, arresto, acceleratore).
Controllare la regolazione del minimo; dopo il rilascio dell’acceleratore, la mola deve smettere di girare dopo una breve rotazione libera.
Verificare l’integrità e il corretto fissaggio del disco e della sua protezione.
Orientare correttamente la protezione del disco.
Verificare l’integrità delle protezioni del motore.
Verificare la tensione della cinghia di trasmissione.
Verificare l’efficienza dei ripari degli organi di trasmissione.
Verificare l’efficienza dell’impianto d’acqua.
Posizionare la tubazione dell’acqua in modo da evitare intralcio ai passaggi.
Controllare che le impugnature siano pulite.

Istruzioni durante l’uso
Impugnare saldamente la troncatrice, con entrambe le mani e mantenendo la corretta postura.
Mantenere l’erogazione dell’acqua costante e uniforme su entrambi i lati del disco.
Eliminare eccessivi ristagni di acqua.
Eseguire il taglio dei metalli a distanza di sicurezza da materiali infiammabili, per la proiezione di particelle incandescenti.
Durante il rifornimento di carburante tenere a disposizione un estintore, spegnere il motore, attendere il suo raffreddamento e non fumare.
Spegnere l’utensile nelle pause di lavoro.
Segnalare tempestivamente eventuali malfunzionamenti o situazioni pericolose.
Utilizzare i DPI previsti.

Istruzioni dopo l’uso
Lasciare sempre la macchina in perfetta efficienza, curandone la pulizia e l’eventuale manutenzione.
Eseguire gli interventi di manutenzione e revisione a motore spento.
Segnalare eventuali guasti e anomalie.

MOTOSEGA

Fermo restando le indicazioni contenute nelle istruzioni d’uso di ogni macchina, di seguito sono riportate le indicazioni che in genere devono essere considerate per l’impiego corretto della motosega portatile a catena.

Divieti per l’uso
Non effettuare tagli al di sopra dell’altezza delle spalle.
Non lavorare in posizione instabile.
Non manomettere le protezioni.
Non eseguire operazioni di pulizia con organi in movimento.
Non avvicinarsi alle parti calde, come ad esempio la marmitta, durante le pause.
Non operare con la punta della barra.

Istruzioni prima dell’uso
Delimitare e segnalare l’area d’intervento a rischio di caduta di materiale dall’alto.
Verificare il fissaggio, l’integrità, l’affilatura e la corretta tensione della catena di taglio.
Verificare l’integrità della protezione del motore.
Verificare l’integrità e l’efficienza delle protezioni delle impugnature.
Verificare il livello del lubrificante specifico per la catena.
Controllare il funzionamento dei dispositivi di comando (avviamento, arresto e acceleratore).
Controllare la corretta regolazione del minimo dell’acceleratore per il fermo della catena.
Controllare che le impugnature siano pulite.

Istruzioni durante l’uso
Eseguire il lavoro in condizioni di stabilità adeguata.
Spegnere l’utensile nelle pause di lavoro.
Avviare il motore a distanza di sicurezza da materiali infiammabili.
Eseguire il taglio mantenendo il motore al suo regime massimo per evitare l’inceppamento della catena.
Durante il rifornimento di carburante tenere a disposizione un estintore, spegnere il motore, attendere il suo raffreddamento e non fumare.
Impugnare saldamente la motosega, con entrambe le mani e mantenendo la corretta postura.
Segnalare tempestivamente eventuali malfunzionamenti o situazioni pericolose.
Utilizzare i DPI previsti.

Istruzioni dopo l’uso
Lasciare sempre la macchina in perfetta efficienza, curandone la pulizia e l’eventuale manutenzione (ad esempio registrazione e lubrificazione dell’utensile).
Eseguire gli interventi di manutenzione e revisione a motore spento.
Segnalare eventuali guasti e anomalie.


FONTE CPT TORINO


Risorse Inserite sul Sito di Testo Unico Sicurezza dot Com

Ultimi Inserimenti sul sito:
sicurezza delle caldaie a vapore
Circolare MATTM Prot. 4064 del 15 Marzo 2018
Delibera del Consiglio SNPA. Seduta del 03.10.18 Doc.n. 41/18
UNI/PdR 51:2018 Responsabilità sociale nelle Micro e Piccole Imprese
Dossier sicurezza scuola Inail 2018
Analisi permeazione degli indumenti di protezione chimica
Applicazione MultiVapor ™ Versione 2.2.5
Norme in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro delle strutture destinate per finalità istituzionali a compiti in materia di ordine e sicurezza pubblica
Linee guida europee sul rumore
Sfide e cambiamenti per la salute e la sicurezza sul lavoro nell’era digitale
Soggetti formatori per corsi per lavoratori in modalità e - learning
Manuale per la valutazione del rischio chimico correlato alle merci sbarcate in ambito portuale
insiemi di macchine o quasi macchine Direttiva 2006/42/CE
Salute e sicurezza sul lavoro del personale hotel a bordo delle navi
Nuovi Quaderni tecnici 2018 Inail sui Cantieri temporanei e mobili
Vittime - Storie d'infortunio
Avviamento imprevisto di macchine e impianti
la notifica preliminare va inviata anche al prefetto
Approccio metodologico per la valutazione della caratteristica di pericolo HP14 Ecotossico
Prevenzione incendi, contenitori-distributori di carburante liquido ad uso privato
OSHA sul rischio chimico
pubblicato il dlgs di adeguamento al GDPR, il Regolamento sulla protezione dei dati
Cadute dall’alto, semplificata l’applicazione della norma per le coperture edili nelle Marche
Uomo Morto risposta Interpello CUB-Trasporti n°6-2018 del 23 luglio 2018
Rischio CEM Apparecchiature a radiofrequenza ad uso estetico
Illustrazioni dei casi di Infortunio
Rischi salute lavoratori nella saldatura
Il codice di prevenzione incendi
Valutazione preliminare della protezione dalla radiazione Ultravioletta Solare
pericolosità per frane e alluvioni sull’intero territorio nazionale
Schede Analisi degli infortuni sul lavoro
Quiz delle Verifiche di idoneità del Responsabile Tecnico
Linee guida per la verifica degli scenari di esposizione di una sostanza ai sensi del Regolamento (CE) n. 1907/2006 (REACH)
Procedura di sicurezza USO DEGLI ESPLOSIVI IN CAVA
Marcatura CE degli impianti ceramici
Linee di indirizzo per il giudizio di idoneità del medico competente
Lavori su impianti elettrici in bassa tensione
bozza di decreto interministeriale “Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell'emergenza nei luoghi di lavoro"
Bozza degli articoli e allegati nuovo dm antincendio
Strumento pratico gestore degli stabilimenti a rischio di incidente rilevante
Indicazioni operative per la definizione dell’ambito di applicazione “aperto” del d.lgs. 49/14
La Valutazione del Microclima
Direttiva UE 2018/957 in materia di distacco dei lavoratori
foglio excel verifica requisiti riduzione tasso medio di tariffa
OT 24 2019 Modello e istruzioni
Testo Unico Salute e Sicurezza sul Lavoro – versione aggiornata luglio 2018
lettera circolare prot. n. 302 del 18 giugno 2018
Interpello sicurezza sul lavoro nei casi di tirocini formativi presso lavoratori autonomi
Attività di imaging medico con esposizioni a radiazioni
Posture, movimenti corretti
Il benessere lavorativo ad ogni età
strumenti OIRA per facilitare la valutazione dei rischi negli uffici
App android Frasi H rischio chimico
Pubblicazioni Suva 2018
ESECUZIONE DEGLI ACCERTAMENTI DOCUMENTALI DELLA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI DI UTENZA A GAS
APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO MATERIALI DI TIPO MOBILE AUTOGRU'
Gli infortuni dei lavoratori del mare
Sistemi di ventilazione nelle attività cantieristiche in sotterraneo,aspetti di sicurezza e salute del lavoro
E-tool per sostanze pericolose
La tutela della gravidanza nei luoghi di lavoro
Modello Informativa privacy G.D.P.R 2018 in word e Registro trattamenti in excel
Interpello n. 3/18
istruzioni per il rinnovo delle autorizzazioni alla costruzione e all’impiego di ponteggi
Check list Agenti chimici pericolosi
La verifica periodica degli impianti di riscaldamento 2018
Malattie infettive e vaccinazioni: il ruolo del Medico competente
modulistica-di-prevenzione-incendi-2018.html
D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO AGGIORNATO A MAGGIO 2018
Interpello Inl 05/04/2018 - n. 2 / 2018
“Registro di esposizione ad agenti cancerogeni e mutageni” e “Registro di esposizione ad agenti biologici”
periodicità della manutenzione degli impianti ad uso civile
Indirizzi per la sperimentazione dei piani di emergenza esterna degli stabilimenti a rischio di incidente rilevante
Green jobs: impatto sulla salute e sicurezza dei lavoratori
Allergia da animali da laboratorio (LAA)
Valutazione del rischio chimico per la salute e sicurezza metodo mirc Excel
Nuovi criteri per la valutazione del rischio vascolare derivante da esposizione a vibrazioni trasmesse al sistema mano-braccio
METODOLOGIA SEMPLIFICATA IN EXCEL PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHIO CHIMICO PER LA SICUREZZA
Piano nazionale 2018 delle attività di controllo sui prodotti chimici
Protezione delle persone all'interno delle celle frigorifere
NUOVO REGOLAMENTO DPI
Guida 2018 all'assicurazione sul lavoro Inail
Norme per il rilascio dell’idoneità di prodotti esplodenti ed accessori di tiro destinati all’impiego estrattivo. 2018
posture, i movimenti corretti, e gli esercizi in ambito lavorativo per prevenire dolori alla schiena e cervicali in ambito lavorativo
indicazioni operative al personale ispettivo distacco INL CIRCOLARE N. 7 DEL 29 MARZO 2018
La sicurezza sui luoghi di lavoro e la certificazione
Decreto 21 marzo 2018 - Applicazione della normativa antincendio agli edifici e ai locali adibiti a scuole di qualsiasi tipo, ordine e grado, nonché agli edifici e ai locali adibiti ad asili nido
Software gratuito GDPR per la Valutazione di impatto sulla protezione dei dati
Nuovo Regolamento Ue sulla privacy. Online l’aggiornamento 2018 della Guida applicativa
Slide 2018 Piano Amianto Regione Emilia-Romagna
Valutazione coperture amianto con algoritmo amleto 2018 Excel
Raccolta di CheckList Suva in Pdf ed excel
Lavoro intermittente attività artigiane, interpello 1/2018
impatto e la diffusione delle ICT
Sicurezza nei Lavori elettrici in alta tensione
la Carta dei diritti e dei doveri degli studenti in alternanza scuola-lavoro
Il benessere Acustico in un aula scolastica
ORGANIGRAMMA ADDETTI EMERGENZE IN EXCEL ED ESPORTAZIONE IN PDF
I rischi nella saldatura
CHECKLIST CONTROLLO SICUREZZA SUL LAVORO IN EXCEL
METODO MOVARISCH AGGIORNATO A GENNAIO 2018
NTC 2018 Aggiornamento delle Norme tecniche per le costruzioni
Parametri di legge acqua potabile
Circolare 11 gennaio 2018, n. 1 INL
La protezione dai fulmini dei parchi avventura
frasi H (Hazard statements) database
Manuali sicurezza lavorazioni
ORGANIGRAMMA AZIENDALE SICUREZZA CREATOR IN EXCEL
MAPPA INFOGRAFICA DINAMICA IN EXCEL
CRONOPROGRAMMA LAVORI EDILI EXCEL
LA SORVEGLIANZA E IL CONTROLLO DELLA LEGIONELLOSI
Apparecchi di sollevamento materiali di tipo mobile - gru su autocarro
e scuole con rischio sismico anche lieve vanno chiuse
Normativa relativa ai percorsi formativi per RSPP/ASPP Regione Toscana
nterpello 13/12/2017 - n. 1 / 2017
parapetti di sommità dei ponteggi - Possibile impiego come protezione collettiva per lo svolgimento delle attività in copertura
raccolta gratuita di grafici per excel 
CALCOLO STRAIN INDEX IN EXCEL
test in excel di identificazione dei disturbi correlati all'uso dell'alcol 
verifica Attenuazione sonora e efficienza Dpi Rumore con metodo SNR
La Radiazione Solare: un Rischio Lavorativo ignorato. Effetti, prevenzione.
Interpello n. 2 2017 Commissione per gli interpelli in materia di salute e sicurezza sul lavoro
Indicazioni Operative Regionali per la Formazione alla Salute e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro
direttiva cancerogeni 2018
Software Gratuito per la gestione della manutenzione delle attrezzature di lavoro.
Proroga antincendio alberghi 2018
L'INQUADRAMENTO NORMATIVO DEI DISPOSITIVI DESTINATI ALL'ACCOPPIAMENTO CON CARRELLI ELEVATORI
Modello unico di dichiarazione ambientale 2018
valutazione rischio sismico
rischi di una prolungata esposizione ai fumi da bitume
indirizzi-sorveglianza-rischio-sovraccarico-biomeccanico-regione-lombardia.html
Bando Isi 2018
Aggiornamento della disciplina regionale dei tirocini extracurriculari 
Sicurezza studenti in alternanza scuola-lavoro
circolare n. 193 del 29 dicembre 2017
protezione dei lavoratori contro i rischi derivanti da un’esposizione ad agenti cancerogeni o mutageni durante il lavoro
Calcolo Online rischio Freddo Severo
Interpello 13/12/2017 - n. 1 / 2017
Carichi di lavoro e sicurezza degli operatori sanitari
Indicazioni Operative gestione formazione Regione Lazio
approvata una nuova regola tecnica per i contenitori-distributori
Spinta e traino di carichi con mezzi di movimentazione su ruote
USO IN SICUREZZA ATTREZZATURE E IMPIANTI 
strumento per il rilascio automatizzato del Durc Inail e Inps
Dossier scuola Inail
ISO Technical Report 12295 Check List Excel
applicazione del titolo VI del D. Lgs. 81/08 e per la valutazione e gestione del rischio mmc
Modello DiRi Dichiarazione di rispondenza
Adeguamanto Dpi LEGGE 25 ottobre 2017, n. 163
linee guida per la posa di fibra ottica in presenza di reti del gas
procedura guidata per la valutazione del rischio nell’impiego di apparati LASER
SMART WORKING: UNA PROSPETTIVA CRITICA
LINEE GUIDA MIUR 2017 SULLE TECNICHE DI PRIMO SOCCORSO NELLA SCUOLA
modello  INL della Istanza di richiesta per la certificazione di contratti di appalto/subappalto in ambienti confinati
Lavoro agile. Legge 22 maggio 2017, n. 81
Obblighi del datore di lavoro in merito agli indumenti di lavoro dei dipendenti
Dall'alternanza scuola lavoro all'integrazione formativa
Esecuzione in sicurezza dei lavori in copertura 2017 Misure di prevenzione e protezione
Registro di esposizione ad agenti cancerogeni e mutageni
Manuale 2017 Uil Sull'amianto
elenco materiale aggiornato Suva Ch in Excel
Illustrazioni Tematiche Sicurezza in Edilizia
manuale e checklist Excel MMC SUVA 2017 rischi movimentazione carichi
I ruoli individuati dal T.U. n. 81/2008 e la delega di funzioni in edilizia
Aggiornamento Anas 2017 Listino prezzi di Riferimento
Lavoro in temperature "fredde" e rischi per la salute lavoratori
Seminario Luoghi con pericolo di esplosione
Applicativo Gratuito in Excel e Access agenti chimici pericolosi e agenti cancerogeni e mutageni
Calcolo Stress Lavoro correlato in excel con nuova metodologia Inail 2017
Disturbi muscolo-scheletrici e lavoro
Manuale Asseverazione Fsc Torino 2017
Impianti negli edifici, aggiornata la raccolta dei pareri del MiSE 2017
Indicazioni per la redazione di un documento di valutazione dei rischi in un’ottica di genere
Mini Workshop 2017 sui progetti del Setting Ambienti di Lavoro nel PRP
Controlli AIA. Conoscenza condivisa in un sistema unitario a rete
quaderno-arpae-sugli-indirizzi-del-sistema-nazionale-di-protezione-dellambiente-2017.html
Analisi dei dati MAL.PROF. con l’applicativo “MalprofStat”
Lavorare in salute e sicurezza a ogni età: ricerche e interventi organizzativi
come redigere correttamente la dichiarazione di conformità di un impianto elettrico
Sanzioni da applicare in caso di omessa sorveglianza sanitaria dei lavoratori.
I software gratuiti rischio biomeccanico  Ergonomic Risk Assessment
Aging in Excel
CheckList Ats Bergamo Verifica formazione
Test Excel verifica comprensione e conoscenza della lingua italiana nei percorsi formativi
Impresa familiare, obblighi INAIL
Tutela per studentesse e lavoratrici equiparate durante la gravidanza e la maternità
Prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio frantoio oleario
Lavoro subordinato anche senza continuità
SINP comunicazione infortunio di almeno 1 giorno
chiarimenti in relazione all’elezione del Rls
software gratuiti rischio biomeccanico  Ergonomic Risk Assessment
Sanzioni da applicare in caso di omessa sorveglianza sanitaria dei lavoratori.
la dichiarazione di conformità di un impianto elettrico
Guida agli Incendi di natura elettrica
Dal CNI le Linee guida 2017 per il coordinatore della sicurezza in fase di progettazione
CheckList Accessori di Sollevamento
sovraccarico biomeccanico degli arti superiori e delle posture di lavoro incongrue
Quiz per il conseguimento del certificato di formazione professionale ADR 2017
Disabilità e situazioni di emergenza
Guida sul tema della salute e della sicurezza per le Associazioni di volontariato
INAIL: Indagine sui modelli partecipativi aziendali e territoriali per la salute e la sicurezza
Nuovi valori limite di esposizione Agenti cancerogeni o mutageni sul lavoro
Guida europea per la prevenzione dei rischi a bordo dei piccoli pescherecci
salute e della sicurezza dei lavoratori nei settori dell’agricoltura,dell’allevamento
Atti gruppo tecnico interregionale per la salute e sicurezza 2017
INAIL:Apparecchi di sollevamento materiali di tipo fisso - Parte I
INAIL:Salute e sicurezza Impianti di climatizzazione
ANMA:Ergonomia e sicurezza sul lavoro per il futuro
INGENIO:Resistenza al fuoco di elementi strutturali in legno
INAIL:tutela della salute e sicurezza dei lavoratori agricoli nelle serre
Tabella Valore Minimo E Massimo Accellerazione Al Suolo Per Comune
adempimenti documentali in materia di scurezza ed igiene del lavoro, previsti nel D.Lgs. 81/08
L’alfabeto della sicurezza nelle scuole
Approvazione di norme tecniche di prevenzione incendi per le attivita' scolastiche
Mappa dei rischi nei comuni italiani
La protezione dalle scariche atmosferiche nell’ambito della prevenzione incendi
La tutela dal fumo passivo negli spazi confinati o aperti non regolamentati
Responsabilità sociale delle organizzazioni - Indirizzi applicativi alla UNI ISO 26000
Il Fascicolo Amianto
Vademecum 2017 Uil sul Il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza 
Accertamento Alcol e Tossicodipendenza
UNI EN ISO 7010:2017 segnali di sicurezza
Aggiornamento 2017 tabelle tipologiche denunce di malattia professionale iNAIL
INAIL:Sicurezza al passo coi tempi
Utilizzo in siCUrezza del Carrello elevatore
OT/24 2018 Riduzione premio inail in excel
Video per la formazione su malattia professionale e infortunio sul lavoro
Manuale quadri elettrici bassa tensione
sicurezza nella lavorazione del marmo 
Modulistica Pes Pav
Linea Guida Strutture di Protezione Trattori
Piano vigilanza sicurezza vendemmia 2017
Le linee elettriche aeree e interrate: rischi, precauzioni e procedure per i cantieri edili
Qualificazione impresa operante in Ambienti Confinati
Lavoro a turni e salute
Seminario Atmosfere esplosive, valutazione e gestione del rischio
Dal 1° luglio 2017 obbligo defibrillatori per le attività sportive non agonistiche
Pubblicazione della traduzione delle Questions & Answers europee sulla Direttiva 2012/18/UE – Seveso
nuovi voucher 2017 per il lavoro occasionale
Il Regolamento (CE) n. 1907/2006
Le Guide dell'ECHA
linee guida per la manutenzione Macchine
valutazione dei rischi nel comparto industrie estrattive
Sicurezza sul Lavoro all'interno dei Condomini
Tutorial Procedure Standardizzate DVR
Modello editabile  di Libretto personale di radioprotezione
Limiti di esposizione, livelli di azione e obbligo del registro degli esposti
consultabile sul PAF la nuova sessione FAQ rischio da esposizione a CEM
INAIL:Uso eccezionale di attrezzature di sollevamento materiali
Inquinamento Indoor
attenzione alla pelle delle mani Operatori del settore acconciatura
Modifiche 2017 alla normativa in materia di SCIA antincendio
Manuali GHP - buona prassi igienica
Cavi elettrici, dal 1° luglio 2017 obbligo del marchio CE
piano di controllo e manutenzione di un’attrezzatura
Schede  Infor.MO, Approfondimento delle dinamiche, dei fattori di rischio e delle cause
Una nuova versione di valutazione della sicurezza chimica dell'ECHA
CheckList Controllo ASL su Formazione e Attrezzature
materiali informativi in lingua per datori di lavoro e lavoratori Cinesi
Sicurezza Agricoltura e selvicoltura
Linee guida sterilizzazione ambito sanitario
Risposte adattative dei Vigili del Fuoco sottoposti a stress psico-fisico
INAIL:Opuscolo informativo per Lavoratori delle aziende di prima lavorazione del legno
Infortuni in itinere le responsabilità del datore di lavoro
ruolo del RLS Rischi psicosociali
Ambienti Confinati
Valutazione del rischio da ordigni bellici inesplosi
la manutenzione in ambiente ospedaliero
Installazioni fisse antincendio - Sistemi a estinguenti gassosi
direttiva macchine e regolamento prodotti da costruzione
direttiva macchine e regolamento prodotti da costruzione
Nuove regole antincendio 2017 per le autorimesse
Uso in sicurezza degli accessori di sollevamento magnetici
Rapporto sulla Salute e Sicurezza sul Lavoro
ridurre il numero di incidenti stradali di chi guida per lavoro
Video AAS5 Friuli Occidentale
quando è applicabile il DPR 177/2011
sicurezza delle scaffalature di un magazzino 
D.Lgs 81/2008 Aggiornato Maggio 2017
Ingegneria della Sicurezza Antincendio
Calcolo in excel del rischio sismico delle costruzioni secondo dm 7 marzo 2017
valutazione-dei-rischi-nelle-confezioni-e-pronto-moda.html
Sicurezza e agilità: quale tutela per lo smart worker?
Linee guida per la classificazione delle classi di rischio sismico
Ingegneria Sismica Strutture e Rischio Sismico 
Libretto uso manutenzione immobili
La salute e la sicurezza negli ambienti di studio e ricerca
meccanismi di esodo in caso di emergenza Nell’ambito della prevenzione incendi
INAIL:La contaminazione microbiologica delle superfici negli ambienti lavorativi
Analisi delle cause di rottura di materiali metallici
Contributo del sistema prevenzionistico aziendale all’attività del medico competente
patologie da movimentazione manuale dei carichi
INAIL: uso delle piattaforme di lavoro mobili in elevato nei cantieri temporanei o mobili
Piani di rimozione amianto 2017
differenza tra soggetto delegato e preposto e i residui obblighi datoriali
INAIL:esposizione ad amianto nel comparto rotabili ferroviari
La promozione della salute quando e dove si lavora (WHP)
La salute e la sicurezza sul luogo di lavoro sono affare di tutti
Slides 2017 moduli sicurezza per la formazione del volontariato di Protezione Civile
sistemi di comando delle macchine secondo le norme EN ISO 13849-1 e EN ISO 13849-2
ponteggi metallici fissi di facciata 2017
Prevenzione e gestione dei rischi psicosociali sul lavoro
La manutenzione dei veicoli metro ferroviari
verifiche Impianti elettrici nei locali medici
Riduzione del rischio nelle attività di scavo
Clima e salute un tema del presente e del futuro
introdotto limite a lungo termine per esposizione a Formaldeide
Linee di indirizzo per i lavoratori in autostrada
Manuale dell’Ente Bilanterale Nazionale del Turismo (EBNT)
disciplina dello stress lavoro-correlato per gli esercizi pubblici
Criteri di valutazione del rischio fotobiologico
le approvazioni di progetto degli impianti antincendio 
Sicurezza degli ascensori
Tabella dei contenuti e della durata dei corsi di formazione e aggiornamento in materia di sicurezza
Valutazione dei rischi e caratteristiche soggettive
Cosè la Riunione Periodica prevista all'art.35 del D.Lgs 81/08
Rischio cancerogeno, linee guida  2017 ULSS del Veneto
Responsabilità dell’ingegnere nell’esercizio di una professione
tutela della salute e sicurezza nel settore delle energie rinnovabili
Il metodo Niosh per la valutazione del rischio da movimentazione manuale dei carichi
Responsabilità civili e penali del R.S.P.P
Prestazioni professionali gratuite, il quadro normativo di riferimento
Corso di Radioprotezione e RadioBiologia
Linea guida Cnpi sul Fascicolo del fabbricato
Circolare Inps n. 2/2017 Unità produttiva
Valutazione rischio chimico e nuovi VLEP, la Direttiva europea 2017/164
checklist per il rischio chimico 
Linee guida per la classificazione del rischio sismico -Otto classi di Rischio Sismico, dalla A+ alla G
check list in excel con 160 punti di verifica sugli agenti chimici pericolosi e cancerogeni e mutageni.
Agenti chimici, quarto elenco valori indicativi esposizione professionale
Allergia da animali da laboratorio (LAA)
FAQ del Ministero sulla bonifica amianto negli edifici pubblici FAQ del Ministero
Il Rischio Biologico all’interno dei luoghi di lavoro dovuto ai microorganismi trasportati dall’aria
collana “Il sistema di sorveglianza Infor.MO degli infortuni mortali e gravi
Salute e sicurezza in agricoltura
Revisione 2017 Manuali Haccp
RFId (Radio-Frequency Identification) in applicazioni di sicurezza
Contenitori-distributori mobili carburanti liquidi 9000 lt
Linee di indirizzo Inail in merito alle malattie di origine professionale 
Algoritmo di valutazione del rischio biologico inail
Attività a rischio specifico: istruzioni operative di sicurezza Uni Padova
Salute e Sicurezza nella raccolta differenziata dei rifiuti
La Cartella Sanitaria e di Rischio del Lavoratore
Workshop nazionale  Piani della Prevenzione 
Focus Campi Elettromagnetici
FAQ uso in sicurezza PLE
Salute e sicurezza in ambito marittimo e portuale
I procedimenti Penali per i Tumori Professionali
patentino per l'acquisto e l'impiego dei prodotti fitosanitari
rischi presenti nei centri fitness e nei centri benessere
Prorogati i termini per l'abilitazione all'uso delle macchine agricole

Notizie prevenzione e sicurezza settore Edilizia:

responsabilita-dellappaltatore-negli-appalti-privati-2018.html
Obbligo indicare gli oneri della sicurezza aziendale
Prezzario Regione Piemonte 2018 CD
NTC 2018
CODICE DI COMPORTAMENTO DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE
Ruolo del CEL e criticità nei lavori in quota
Sistemi di ventilazione nelle attività cantieristiche in sotterraneo,aspetti di sicurezza e salute lavoro
Portata imbracature di sollevamento
Accessori di sollevamento Liste di controllo suva 2018
CADUTE DALL'ALTO: PONTEGGI, PONTEGGI ANTOSOLLEVANTI, OPERE PROVVISIONALI
Apparecchi di sollevamento materiali di tipo mobile gru su autocarro
Principali Sostanze/Miscele chimiche in Edilizia procedure di sicurezza
Atti Seminario XVI Corso di aggiornamento ECM 
Regolamento recante la disciplina semplificata della gestione delle terre e rocce da scavo
Guida regione Toscana – Il rischio di temperature elevate nei cantieri edili
download dei moduli Modulistica edilizia unificata
Utilizzo come protezione collettiva in sommità
Faq Cantieri Edili
fattori di rischio e le misure preventive per il rischio cadute dall’alto
Palchi per spettacoli ed eventi similari - Leggi, norme e guide. Inail 2017
Come trattare i costi della manodopera e della sicurezza nella contabilità dei lavori pubblici
linee di indirizzo della Regione Lombardia per la sicurezza nei cantieri
L'uso delle piattaforme di lavoro mobili in elevato nei cantieri temporanei o mobili
Prezzari Oneri sicurezza Marche 2017 Excel
ponteggi metallici fissi di facciata
Riduzione rischio nelle attività di scavo
La responsabilità delle figure di cantiere previste dal D. Lgs. 81
Bonifica da ordigni Bellici
Corso Tecnica e Sicurezza dei Cantieri
La sicurezza nei cantieri temporanei o mobili e i contratti pubblici
parametri minimi di sicurezza da adottare per tutto il personale che opera lungo l’autostrada
Fornitura Calcestruzzo preconfezionato in cantiere
esempio di calcolo corrispettivo a base gara per l'affidamento dei contratti pubblici di servizi attinenti all'architettura e all'ingegneria
adempimenti connessi alla gestione della sicurezza tra operatori di gru interferenti.
DUVRI e PSC possono essere compresenti?
Il rischio da sovraccarico biomeccanico in edilizia
Verifiche periodiche delle attrezzature di sollevamento cose e persone
Lavori di costruzione vicino, dentro e sopra l'acqua
Decreto per il calcolo dei corrispettivi professionali
Informazioni importanti sull’Uso e sulla Manutenzione di Funi Metalliche 
soggetti delle stazioni appaltanti
Adempimenti relativi a DVR, DUVRI, PSC e POS
Quando il cantiere deve considerarsi concluso
Manuale per l’autista di autobetoniera e della centrale di betonaggio
Forme associative fra le imprese
Quaderni Sicurezza Cantiere 2016 Inail
Linea guida ATECAP-ANCE con le procedure di sicurezza per la fornitura del calcestruzzo in cantiere
Redazione del POS per la mera fornitura di calcestruzzo
Sicurezza lavori su fune
Le definizioni, la normativa, le autorizzazioni, la documentazione e il PIMUS
Terre e rocce da scavo, il nuovo testo unico
Gli oneri di sicurezza aziendali vanno sempre indicati
Il Ponteggio metallico nei cantieri temporanei e mobili
La gestione degli appalti Il ruolo del Coordinatore per la Sicurezza
Montaggio e manutenzione di impianti solari
Dispositivi di protezione individuale anticaduta
tutela dalle cadute dall'alto
Il progetto sicurezza in edilizia 
Utilizzo dpi 3 categoria per lavori in quota.
Linea guida per lo svolgimento dell'incarico di coordinatore per la sicurezza in fase di esecuzione
Lavori in quota e prevenzione cadute dall'alto
Procedure di controllo per Apparecchi di sollevamento materiali
rischio caduta dalle coperture
Realizzazione di un impianto solare termico su tetto a falde inclinate
Gestione delle opere provvisionali, di protezione (Ponteggi)
Uso delle forche di sollevamento in edilizia
procedure, le istruzioni operative e i moduli del Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro
Adempimenti a cui il datore di lavoro deve ottemperare per la gestione delle attrezzature classificate come SC e SP
Schede per la definizione di piani per i controlli di “apparecchi di sollevamento materiali di tipo trasferibile e relativi accessori di sollevamento
Schede per la definizione di piani per i controlli di “apparecchi di sollevamento materiali di tipo mobile e relativi accessori di sollevamento”
Recinzione di cantiere e protezione di terzi.
Psc Piano sicurezza e coordinamento
Trabattelli classificazione, manutenzione
Calcolo in excel compenso Csp Cse
Modelli Semplificati di Pos, Psc,Pss, Pss e Fascicolo dell'Opera
Guida pratica per lavorare sicuri in cantiere Lavoratori Autonomi
Delega Sicurezza al Capocantiere
Imbracatura di carichi 
Gli obblighi documentali di committenti, imprese e coordinatori
Check List Macchinari di Cantiere
Gru interferenti di proprietà di differenti imprese
Dal Cpt di Torino le schede macchinari e attrezzature e relative check list
Il Lavoratore autonomo in edilizia
Linee Guida Coordinatori sicurezza Cantieri
Uso della ple nei cantieri
Schede Sicurezza Edilizia in word
Risorse e servizi online offerti su Testo Unico Sicurezza dot com:

Tutte le news pubblicate dal 2010 ad oggi
Modelli in word di Documento Valutazione dei Rischi
Modelli in word di Documenti specifici per l'edilizia
Excel a supporto della sicurezza
Modello di Piano Emergenza ed evacuazione in word
Modelli di Duvri in word
Materiale didattico per la formazione
Tutto Excel, calcolo dei rischi specifici
Newsletter Professional
Testo unico sicurezza Aggiornato