strumento operativo da App Ricerca scentifica Inail

Applicativo operativo Inail Rielaborato  

Riprendiamo e mettiamo a disposizione gratuitamente l'applicativo EX Ispesl ora presente sul sito Inail appsricercascientifica.inail.it in merito all'applicazione della sgsa Aziendale. 
Visto la datazione della procedura in excel i fogli excel possono essere utilizzati rapportando la valutazione agli standard normativi attuali.


Servizi online sicurezza sul lavoro

 

Safety Shop




Descrizione degli aspetti generali dell’organizzazione

Prima di procedere con l’analisi delle fasi è necessario acquisire dati ed informazioni relativi alle caratteristiche dell’organizzazione, all’ambiente circostante ed alle prestazioni ambientali e di salute e sicurezza sul lavoro. Questo potrà essere effettuato utilizzando il modello allegato “P-31-01 - Mod E (Analisi iniziale)”: in esso è necessario inserire le informazioni relative a:
descrizione dell’organizzazione e del sito. In questo capitolo è necessario specificare a quale organizzazione si applica il sistema di gestione (dati generali sull'azienda, sede, superfici, struttura). Descrivere, in particolare, se l'azienda possiede già risorse dedicate (anche in maniera non esclusiva) alla gestione dell'ambiente e della sicurezza (persone, Funzioni, procedure in vigore, ecc.).
descrizione dell’ambiente circostante. In questo capitolo si possono inserire informazioni relative alle caratteristiche del territorio nel quale l’azienda opera, e che possono avere rilevanza per l’analisi e la gestione degli aspetti ambientali dell’organizzazione: geografia, caratteristiche geomorfologiche, zonizzazione, antropizzazione, sensibilità a determinati aspetti ambientali, sottosuolo (p.e. stratigrafie, informazioni sulle falde). A meno che non siano state effettuati specifici approfondimenti dall'azienda stessa, si suggerisce di verificare la disponibilità di indagini sullo stato del territorio e dell'ambiente effettuate da Enti locali (quali Comune o dalla Provincia). Come si è detto, è opportuno focalizzarsi sulle informazioni che possono avere rilevanza per l’analisi e la gestione degli aspetti ambientali dell’organizzazione; ad esempio, informazioni sulla natura del terreno e sulle falde acquifere possono servire se le attività dell’organizzazione comportano rischi di sversamenti pericolosi nel suolo o nei corsi d’acqua superficiali; informazioni sulla densità abitativa possono servire se le attività dell’organizzazione inducono un intenso traffico automobilistico nell’area circostante; e così via. La ricerca di informazioni che non hanno e non possono avere rilevanza per la gestione degli aspetti ambientali dell’organizzazione rappresenterebbe un costo non necessario.
dati storici ed andamento dei parametri ambientali. L'estensione di questo paragrafo dipende dagli aspetti ambientali presenti. Ove possibile, si raccomanda di inserire oltre ai dati aggregati del singolo aspetto ambientale (per esempio: i consumi idrici degli ultimi tre anni), anche la disaggregazione in funzione dei processi (per esempio: consumi idrici impianto di verniciatura ad acqua). Il “P-31-01 - Mod E (Analisi iniziale)” richiama un apposito file Excel contente specifici modelli per la raccolta di questi dati.
dati storici ed andamento degli indici di sicurezza. In questo capitolo è necessario inserire gli andamenti dei fenomeni infortunistici negli ultimi anni (p.e. numero infortuni nel corso degli 2 o 3 anni) e calcolare gli indici di frequenza e gravità. Dato che il fenomeno infortunistico rappresenta una preziosa fonte di informazioni, si raccomanda di approfondire le cause degli infortuni, al fine di adottare le opportune azioni correttive.
esperienze pregresse: in particolare, incidenti ed emergenze accadute negli ultimi 5/6 anni, soprattutto se esse hanno avuto degli impatti ambientali all'esterno del sito.A questo file dovranno essere allegati inoltre i risultati delle indagini che seguiranno nei prossimi paragrafi, ottenendo così l'analisi iniziale che costituisce un primo fondamentale passo per lo sviluppo del sistema di gestione integrato. 

individuazione delle fasi del processo

Per ogni processo identificato è necessario definire le fasi che lo costituiscono.
Nel caso del processo di produzione, per esempio, potrebbero essere identificate le seguenti fasi (rappresentate nello schema con le relative componenti di produzione).

Per ogni fase del processo è necessario inoltre identificare e descrivere le condizioni in cui la fase può presentare aspetti ambientali o rischi di salute e sicurezza sul lavoro:
le condizioni normali di regolare gestione del processo (per esempio: la normale operatività di una cabina di verniciatura);
le condizioni  anormali/anomale (dette anche “non routine activities” dallo standard OHSAS 18001, quali, per esempio, le attività manutentive svolte in un reparto di produzione); ad esse è necessario associare una Frequenza di Accadimento F, con valore:
1 ≤ F < 2 per Frequenza Bassa 
2 < F < 3 per Frequenza Media
F = 3 per Frequenza Alta
le condizioni incidentali e/o di potenziale emergenza (per esempio: situazioni di sversamento di vernici). Per brevità, verranno definite semplicemente come “condizioni di emergenza”). Ad esse è necessario associare  la Probabilità P di accadimento della situazione di emergenza stessa:
P = 1 Probabilità Estremamente Bassa: in questo caso gli aspetti ambientali correlati non risulteranno mai significativi, tranne nel caso in cui siano regolati da norme di legge
 1 < P ≤ 2 Probabilità Media 
 2 < P ≤ 3 Probabilità Alta 
A tal fine viene proposto il modulo P-31-01 – Mod A (analisi delle fasi del processo), riportato nella figura seguente. Questo modulo fa parte di un file Excel che include anche altri fogli dedicati all'analisi iniziale: si consiglia pertanto, all'apertura del link, di verificare se si sta per compilare il foglio corretto (il cui nome è indicato in basso).

Ad ogni riga del modulo corrisponde una fase o un’attività: ovviamente, nel caso di un processo basato su una sola fase, si compilerà una sola riga.
Nella parte destra del modulo devono essere inseriti:
input ed output;
fasi del processo o attività;
altri dati opzionali (documenti, responsabilità, ecc.)Devono essere inserite e descritte le condizioni normali e le (eventuali) condizioni anormali o di emergenza, insieme alle relative Frequenza e/o Probabilità di accadimento.   

ovranno essere realizzati tanti moduli quanti sono i processi identificati.
ProdottiPer la definizione dei prodotti dell’organizzazione, in generale sarà sufficiente riferirsi all’output finale del processo di produzione: nel caso di P.M.I. mono-prodotto sarà sufficiente una singola voce.
Nel caso di più prodotti, aventi caratteristiche notevolmente diverse, non è necessario elencare tutto il catalogo aziendale ma è sufficiente un raggruppamento per tipologie. Un’azienda che produce letti elencherà un solo prodotto; se oltre a produrre letti commercializza anche materassi basterà considerare i due prodotti: letti e materassi. Peraltro se per i letti esistono due linee di prodotto dalle caratteristiche differenti (p.e letti con telaio in legno ed acciaio) si potranno considerare tre tipologie di prodotti per l’azienda: letti in ferro, letti in legno e materassi .
Il modulo P-31-01 – Mod A (analisi delle fasi del processo) è utilizzabile anche per inserire i prodotti: è possibile utilizzare uno stesso modulo per più prodotti o per più servizi (p.e. inserendo nel campo processo la voce “prodotti” e dettagliando i singoli prodotti nello spazio destinato alle fasi). In questo caso i campi destinati ad input ed output non devono essere utilizzati.
ServiziIn generale, gli stessi concetti utilizzati per i processi e le relative attività/fasi potranno essere utilizzati per i servizi, che devono essere registrati utilizzando il modulo P-31-01 – Mod A (analisi delle fasi del processo). 

Descrizione degli aspetti generali dell’organizzazione

Prima di procedere con l’analisi delle fasi è necessario acquisire dati ed informazioni relativi alle caratteristiche dell’organizzazione, all’ambiente circostante ed alle prestazioni ambientali e di salute e sicurezza sul lavoro. Questo potrà essere effettuato utilizzando il modello allegato “P-31-01 - Mod E (Analisi iniziale)”: in esso è necessario inserire le informazioni relative a:
descrizione dell’organizzazione e del sito. In questo capitolo è necessario specificare a quale organizzazione si applica il sistema di gestione (dati generali sull'azienda, sede, superfici, struttura). Descrivere, in particolare, se l'azienda possiede già risorse dedicate (anche in maniera non esclusiva) alla gestione dell'ambiente e della sicurezza (persone, Funzioni, procedure in vigore, ecc.).
descrizione dell’ambiente circostante. In questo capitolo si possono inserire informazioni relative alle caratteristiche del territorio nel quale l’azienda opera, e che possono avere rilevanza per l’analisi e la gestione degli aspetti ambientali dell’organizzazione: geografia, caratteristiche geomorfologiche, zonizzazione, antropizzazione, sensibilità a determinati aspetti ambientali, sottosuolo (p.e. stratigrafie, informazioni sulle falde). A meno che non siano state effettuati specifici approfondimenti dall'azienda stessa, si suggerisce di verificare la disponibilità di indagini sullo stato del territorio e dell'ambiente effettuate da Enti locali (quali Comune o dalla Provincia). Come si è detto, è opportuno focalizzarsi sulle informazioni che possono avere rilevanza per l’analisi e la gestione degli aspetti ambientali dell’organizzazione; ad esempio, informazioni sulla natura del terreno e sulle falde acquifere possono servire se le attività dell’organizzazione comportano rischi di sversamenti pericolosi nel suolo o nei corsi d’acqua superficiali; informazioni sulla densità abitativa possono servire se le attività dell’organizzazione inducono un intenso traffico automobilistico nell’area circostante; e così via. La ricerca di informazioni che non hanno e non possono avere rilevanza per la gestione degli aspetti ambientali dell’organizzazione rappresenterebbe un costo non necessario.
dati storici ed andamento dei parametri ambientali. L'estensione di questo paragrafo dipende dagli aspetti ambientali presenti. Ove possibile, si raccomanda di inserire oltre ai dati aggregati del singolo aspetto ambientale (per esempio: i consumi idrici degli ultimi tre anni), anche la disaggregazione in funzione dei processi (per esempio: consumi idrici impianto di verniciatura ad acqua). Il “P-31-01 - Mod E (Analisi iniziale)” richiama un apposito file Excel contente specifici modelli per la raccolta di questi dati.
dati storici ed andamento degli indici di sicurezza. In questo capitolo è necessario inserire gli andamenti dei fenomeni infortunistici negli ultimi anni (p.e. numero infortuni nel corso degli 2 o 3 anni) e calcolare gli indici di frequenza e gravità. Dato che il fenomeno infortunistico rappresenta una preziosa fonte di informazioni, si raccomanda di approfondire le cause degli infortuni, al fine di adottare le opportune azioni correttive.
esperienze pregresse: in particolare, incidenti ed emergenze accadute negli ultimi 5/6 anni, soprattutto se esse hanno avuto degli impatti ambientali all'esterno del sito.A questo file dovranno essere allegati inoltre i risultati delle indagini che seguiranno nei prossimi paragrafi, ottenendo così l'analisi iniziale che costituisce un primo fondamentale passo per lo sviluppo del sistema di gestione integrato. 

Identificazione dei pericoli ("sorgenti di rischio") e degli aspetti ambientaliDeterminate le fasi del processo e le relative condizioni, è necessario identificare:
i pericoli per la S&SL
gli aspetti ambientaliper ognuna delle fasi (e le relative condizioni) identificate.

individuazione degli aspetti ambientaliIl seguente elenco degli aspetti ambientali 
a) emissioni in atmosfera;
b) scarichi nei corpi idrici;
c) rilasci nel suolo;
d) utilizzo delle materie prime e delle risorse naturali;
e) utilizzo dell'energia;
f) energia emessa, per esempio calore, radiazioni, vibrazioni;
g) rifiuti e sottoprodotti;
h) caratteristiche fisiche, per esempio dimensioni, forma, colore, aspetto.
Gli aspetti ambientali individuati per ogni fase del processo/ attività, prodotto o servizio, sono riportati nel foglio corrispondente del modulo P-31-01-Mod. D, insieme alla condizione normale, anormale, di emergenza) cui si riferiscono.
Nell'esempio di compilazione sono stati inseriti gli aspetti ambientali apponendo una “x” quando l’aspetto ambientale è presente per quella fase del processo in quelle condizioni.

Aspetti ambientali indirettiNel completare la lista, è necessario considerare i cosiddetti “aspetti ambientali indiretti”, ovvero gli aspetti ambientali sui quali l’organizzazione non detiene un controllo gestionale pieno, ma sui quali essa può avere un influenza più o meno elevata, per esempio:
l’influenza potrebbe essere elevata nel caso appaltatori operanti in sito (ai quali possono essere imposte delle norme di comportamento) o nei trasporti casa-lavoro dei dipendenti (l’azienda potrebbe incentivare l’uso dei mezzi pubblici);
l’influenza è spesso scarsa nel caso di servizi di trasporto merci svolti da terzi o di prodotti acquistati da fornitori su catalogo.
La raccomandazione è di verificare il grado di controllo e, se esistono margini di intervento, includere anche questi aspetti ambientali nelle nostre analisi. A tal fine si possono presentare due casi:
il processo o la fase che genera questo aspetto sono già stati considerati. E’ sufficiente inserire l’aspetto nel modulo P-31-01 – Mod D;
molto più probabilmente, il processo o la fase (attività) non è stata prevista (p.e. abbiamo inserito tutte le fasi del processo di produzione ed abbiamo “dimenticato” la fase di trasporto prodotti svolta dai corrieri che riteniamo corretto inserire). Ritorniamo alla fase di analisi del processo ed aggiungiamo una o più fasi (oppure un nuovo processo) al modulo P-31-01 – Mod A (analisi delle fasi del processo).

Identificazione della normativa applicabileNelle sezioni precedenti sono stati identificati ed elencati gli aspetti ambientali ed i pericoli (rispettivamente nel P-31-01 - Mod. D e P-31-01 - Mod. A): in funzione dei risultati ottenuti, è necessario identificare anche la normativa applicabile. Dato che le norme applicabili sono per lo più riferibili agli aspetti ambientali e ai pericoli effettivamente presenti nell’organizzazione, il modulo P-32-01-Mod. A (elenco normativa) suddivide la normativa proprio in funzione di questi.
Dagli elenchi degli aspetti ambientali e dei pericoli del Modulo P-32-01 Mod. A (elenco normativa), è possibile accedere (tramite link ipertestuale) alla sezione applicabile all'aspetto/pericolo considerato. All’interno della singola sezione è possibile:
elencare le autorizzazioni, i certificati o altra documentazione pertinenti all’aspetto considerato, quando previsti.
accedere ad un elenco orientativo delle norme applicabili. Da questo elenco l’utente potrà rimuovere le norme non pertinenti o aggiungere altre norme effettivamente applicabili.
Si fa presente che l’elenco contiene una selezione della sola normativa nazionale (aggiornato alla data di pubblicazione delle Linee guida) e che esso deve essere attentamente verificato dall’utente al fine di identificare le norme effettivamente applicabili e adeguarlo all’evoluzione normativa.
Come verrà spiegato anche nella sezione “Pianificazione: gestione della normativa applicabile”, l’elenco andrà inoltre mantenuto “attivo”, dotandosi di un sistema di identificazione delle norme e (ovviamente) disponendo dei testi aggiornati delle norme applicabili.

Valutazione dei rischi ed identificazione delle misureSuccessivamente all’identificazione dei pericoli e delle norme applicabili è necessario effettuare la valutazione dei rischi di salute e sicurezza sul lavoro: si raccomanda di valutare tutti i pericoli elencati nel modulo "P-31-01 – Mod B (identificazione dei pericoli per fase)".
Valutazione dei rischi di esposizioneLa valutazione dell’esposizione dei lavoratori ad un pericolo può essere condotta utilizzando informazioni da diverse fonti:
l’analisi del registro infortuni. Essa può dare informazioni preziose per capire quali sono i rischi realmente presenti nell’unità produttiva e cercare di capire le cause di ciò che è avvenuto. Ad esempio, il ripetersi di cadute può significare che vi sono delle aree in cattivo stato o scivolose, che i lavoratori non hanno scarpe adatte per operare in determinati luoghi, che mancano la segnaletica o le delimitazioni appropriate, ecc.; la ricorrenza di infortuni da taglio può indicare la presenza di pericoli che possono essere eliminati, o il mancato uso di adeguate protezioni (per es., guanti), o carenze di informazione o di formazione, e così via.
interviste ai lavoratori, ai preposti dei vari reparti ed al rappresentante dei lavoratori per la sicurezza al fine di valutare l’esposizione a particolari agenti. Le interviste forniscono in genere buone informazioni su rischi la cui percezione è molto evidente e legata ad aspetti sensoriali (attrezzature, illuminazione, microclima), e anche su rischi esistenti, anche se a tutt’ora non ne sono derivati infortuni;
ove esista, documentazione tecnica e da fonti istituzionali (INAIL, ARPA, ASL, ecc.), anche tramite l’assistenza delle Associazioni di Categoria. Sul sito dell’ISPESL sono disponibili check-list o profili di rischio suddivisi per comparto;
la valutazione della presenza e dell'efficacia di misure di sicurezza e/o di sistemi di prevenzione e protezione preesistenti al momento della valutazione.
In particolare in questa fase si acquisiscono i risultati di valutazioni e/o indagini specifiche previste per legge, quali: valutazione del rischio da agenti chimici e cancerogeni, valutazione dell’esposizione a rumore, valutazione del rischio incendio, valutazione dei rischi da movimentazione manuale dei carichi, valutazione del rischio di esplosione,....
E’ necessario coprire non solo il personale dipendente, ma anche quello che può trovarsi nei locali o nelle aree esterne dell’organizzazione.
Viene proposto il modulo “P-31-01 – Mod C (valutazione dei rischi)” che costituisce una traccia per lo svolgimento della valutazione. Dovranno essere realizzati tanti moduli quanti sono i processi da analizzare.  Ad ogni modulo corrisponderà la valutazione dei rischi del processo o dell’attività svolta.

Come compilare il modulo P-31-01-Mod C:
Per ciascun processo o attività indicare, rispettivamente nelle colonne del modulo indicate tra parentesi:
la fase del processo o l‘attività (colonna “B”);
se la condizione cui si fa riferimento è normale (N), anormale (A) o di emergenza (E), (colonna “C”): per questo dato si fa riferimento al modulo P-31-01- Mod.B;
il fattore di rischio (colonna “D”): si faccia riferimento all’elenco fornito nel foglio “Fattori di rischio”;
i lavoratori esposti (singole persone e/o mansioni) (colonna “E”);
la descrizione del rischio (colonna “F”);
le misure esistenti o necessarie per lo svolgimento dell’attività (colonna “G”);
i Dispositivi di Protezione Individuale necessari allo svolgimento dell’attività (colonna “H”);
il riferimento alle eventuali procedure per l'esecuzione in sicurezza dell'attività (fase del processo) (colonna “I”);
formazione ed informazione al personale (colonna “J”);
l'eventuale sorveglianza sanitaria (colonna “K”).
Le colonne da G a K sono utili per evidenziare le misure di prevenzione e protezione esistenti al momento della valutazione. Esse devono essere inserite nel documento di valutazione dei rischi nel caso in cui siano necessarie, per mantenerle efficienti, delle misure di controllo, mantenimento o gestione. Per esempio: la presenza di un parapetto “normale” su un soppalco non richiede, eccetto casi particolari, la necessità di misure di controllo; un cancello utilizzato nelle operazioni di carico e scarico sullo stesso soppalco richiede invece una certa sorveglianza sul fatto che esso venga chiuso al termine di tali operazioni (altrimenti la misura è di fatto annullata). In questo caso è necessario citare la misura di controllo all’interno del documento di valutazione dei rischi.
 Stima dei rischiUna volta determinata l’esposizione dei lavoratori si valuta:
qual è la probabilità che dal pericolo al quale il lavoratore è esposto possa derivare effettivamente un infortunio o una malattia professionale;
qual è l’entità del possibile danno se tale probabilità si materializza.

Identificazione e programmazione delle misure

A seguito della valutazione dei rischi, è necessario determinare le misure di prevenzione e protezione da adottare. Pertanto, nel modulo P-31-01 – Mod C (valutazione dei rischi) è necessario inserire:
le ulteriori misure di prevenzione e protezione necessarie per la eliminazione (ove possibile) o la riduzione dei rischi privilegiando, nell'ordine: le misure di prevenzione, le misure di protezione collettiva e, infine, le misure di protezione individuale (colonna “O”)
per ciascuna delle misure individuate sono indicate la data prevista per la sua realizzazione (colonna ”P”) e il Responsabile dell’attuazione della misura stessa (colonna “Q”).
L’applicazione delle misure può essere pianificata sulla base del livello di rischio rilevato. La tabella che segue fornisce indicazioni di massima (da non interpretare come uno schema rigido) circa le misure da adottare in funzione dei livelli di rischio. 

Valutazione di significatività degli aspetti ambientaliUna volta individuati gli aspetti ambientali nella prima parte del modulo "P-31-01 – Mod D", è richiesto di individuare quali sono quelli significativi, e di mantenere aggiornate queste informazioni (e quindi di registrarle). Occorre pertanto operare una valutazione di significatività degli aspetti ambientali: a tal fine, vengono proposti dei criteri di significatività (lasciando all’utente la possibilità di introdurne altri), da utilizzare appunto per effettuare questa valutazione.
Valutazione di significativitàLa valutazione dei criteri viene effettuata mediante l'utilizzo del modulo P-31-01 – Mod. D (Valutazione dell'aspetto ambientale per fasi del processo).
AI fini della valutazione di significatività vengono proposti i seguenti criteri, validi per l’organizzazione:
1. aspetto regolato da norme di legge, autorizzazioni, accordi (valutare la possibilità di deviazioni)
2. situazioni soggette a recenti sanzioni comminate dall’autorità competente
3. rilevanza quantitativa dell’aspetto considerato (anche in rapporto alle situazioni locali)
4. tossicità, pericolosità relativamente all’aspetto considerato
5. importanza per le parti interessate e altri impatti sulla collettività; lagnanze o proteste ricevute.
Ad ogni criterio è possibile assegnare un peso compreso tra 1 e 3 si veda il foglio di lavoro “Setup” nel modulo P-31-01 – Mod. D (Valutazione dell'aspetto ambientale per fasi del processo) per differenziarne l’importanza. Se si sceglie di non stabilire dei pesi diversificati, l’applicazione prevede un peso uguale per tutti i criteri, e pari a 3. 
Ad ogni criterio viene associato una valutazione, secondo una scala di valutazione semiquantitativa:

EDIZIONI INAIL APP RICERCA SCENTIFICA 




Servizi online sicurezza sul lavoro

 

Safety Shop


Risorse Inserite sul Sito di Testo Unico Sicurezza dot Com

Ultimi Inserimenti sul sito:
Testo unico sicurezza 81-2008 versione desktop compatibile Windows Mac e Linux
Semiotica Bombole 2019
Linea guida uman 2019 Rev. 6.2019
Regione Lombardia D.g.r. 31 luglio 2019 - n. XI/2048
OT23 2020 ex OT24 INAIL
Interpello N. 5 / 2019
Prevenzione e Protezione CEM
POP, regolamento 2019/1021 In vigore dal 15 luglio
protezioni da utilizzare in atmosfera esplosiva.
Linee di indirizzo 2019 su ondate di calore e inquinamento atmosferico
Linee Guida per la raccolta e lo smaltimento di piccole quantità di Manufatti Contenenti Amianto
Linee Guida per incidenti che coinvolgono auto elettriche-ibride
Modifica 2019 alla regola tecnica sulle strutture ricettive all'aperto
La gestione della sicurezza nelle cave a cielo aperto
Il primo soccorso nei lavori in quota
Schede Analisi Infortuni
Medico competente e promozione delle pratiche vaccinali nei luoghi di lavoro.
La protezione attiva antincendio
fAQ STRESS LAVORO CORRELATO
criteri di valutazione R ambiente per pavimenti in fibre di amianto
CALCOLO MICROCLIMATICO ONLINE ISO 11079
Ambienti Moderati Severi Cadi/Freddi
Effetti sulla salute dei sistemi di illuminazione che utilizzano diodi emettitori di luce (LED)
Opuscolo in lingua cinese
Quando si può sbarcare in quota dalla Ple?
Formazione per operatori di carrelli industriali semoventi senza sedile
Decreto dirigenziale n. 189 del 29 maggio 2019
test di autovalutazione sicurezza aziendale
La manutenzione per la sicurezza sul lavoro e la sicurezza nella manutenzione
Rimozione in sicurezza delle tubazioni idriche interrate in cemento amianto
Interpello n. 4/ 2019
scale portatili secondo il testo Unico sicurezza
Chek List "SCALE PORTATILI"
Verifica periodica Idroestrattori, carrelli semoventi a braccio telescopico, piattaforme di lavoro autosollevanti su colonne e ascensori e montacarichi da cantiere
Prezzario Regionale 2019 Regione Emilia Romagna
Prezzario 2019 Regione Marche
Prezzario 2019 ANAS
Linea Guida 2019 Per la corretta manutenzione dei sistemi antincendio
verifica periodica su Impianti di messa a terra e impianti di protezione contro le scariche atmosferiche
Sicurezza per le macchine e L'essenziale per la riduzione del rischio
Lista di controllo Vibrazioni sul lavoro
Lista di controllo cantieri edili con bonifica di amianto in word+slide powerpoint seminario
Corsi sulla sicurezza e attestati falsi
installazione videosorveglianza sui luoghi di lavoro
Guida ai servizi di verifica di attrezzature, macchine e impianti
servizi di certificazione e verifica di impianti e apparecchi si richiedono on line attraverso il servizio CIVA inail
Valori degli indici di Sinistrosità Med
Revisione 2019 delle tariffe Inail
EBook Rischio Chimico e cancerogeno
decreto del 12 aprile 2019 del Ministero dell'Interno contiene modifiche al DM 03/08/2015
Linee guida per l’applicazione delle raccolte ISPESL VSR-VSG-M-S
La resistenza al fuoco degli elementi strutturali
rischio EMC lavoratori portatori di pacemaker
Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro: disponibile la nuova versione di APRILE 2019
Funi per apparecchi di sollevamento
normative applicabili e consigli Scaffalature industriali
Interpello n. 3/2019 su formazione e aggiornamento
illuminazione di luoghi di lavoro
responsabilità e obblighi del dirigente scolastico
Calcolatore GVR
GUIDA ADR 2019
MUD 2019
Procedure di sicurezza operazioni con elicottero
Modello editabile word relazione annuale amianto
Etichettatura prodotti disinfettanti
Indicazioni preliminari per la stesura di PEI e PEE
determinazione delle esposizioni sporadiche e di debole intensità (ESEDI) all'amianto
indicazioni-operative-somministrazione-fraudolenta.html
La gestione degli Spazi Confinati nel settore delle costruzioni
Calcolo dell’orario medio Lavoro Notturno
MANUALE DELLA CIRCOLAZIONE DELLE MACCHINE AGRICOLE
Linee guida per la gestione operativa degli stoccaggi negli impianti di gestione dei rifiuti
Database in excel Schede di sicurezza editabili in word sostanze chimiche
Decreto segnaletica stradale 2019
Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro Febbraio 2019
Interpello n. 1/ 2019
Elenco incompatibilità tra agenti chimici diversi
classificazione e l'etichettatura delle sostanze notificate e registrate nonché l'elenco delle classificazioni armonizzate
Chiarimenti Ministero Lavoro su Apprendistato e formazione in distacco
app android Decreto 81/2008
Cambia la direttiva 2004/37/CE
Tabella delle voci armonizzate disponibili nell'allegato VI del CLP
Codici statistici delle unità amministrative territoriali 2019
Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro Gennaio 2019
Linea guida sulla sicurezza degli impianti elettrici
calcolo degli spettro di risposta sismica NTC 2018
REGISTRO DEI CONTROLLI ANTINCENDIO 2019 IN WORD
SCHEDA TECNICA RESPONSABILI SICUREZZA LASER
Verbalizzazione accertamenti e mezzi di impugnazione
Rischio sismico, idrogeologico e vulcanico Comuni Aggiornata la mappa dei rischi naturali
La bonifica delle coperture in cemento amianto
BONIFICA DEI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO IN MATRICE FRIABILE
Linea Guida Apparecchi a pressione Tubazioni
Significato frasi pericolo chimico multilingua
Database excel Valore accellerazione massima al suolo comuni italiani
Blocchi Autocad Gratuiti
Prezzario Opere Edili ed Impiantistiche regione Liguria Anno 2019
Prezzario 2019 Regione Sicilia editabile in word
Prezzario 2019 dei Lavori pubblici della Toscana
Prezzario regionale Lombardia edizione 2019
aumentati gli importi delle sanzioni per violazioni in materia di lavoro
Istruzioni per la valutazione della robustezza delle costruzioni
NUOVO DM ANTINCENDIO BOZZA AGGIORNATA A GENNAIO 2019
Scheda per l'analisi di un infortunio in Pdf Editabile, word ed Excel
Sicurezza Dispositivi di attacco rapido per escavatori
Programma didattico per lavoratori temporanei
la prevenzione delle cadute da coperture di edifici Regione Marche 2018
Tabelle Rimborsi chilometrici ACI 2019 Excel
Maternità flessibile dopo la gravidanza
Quiz delle Verifiche di idoneità del Responsabile Tecnico dicembre 2018
Schede sicurezza in word gratuite valutazione dei rischi edili
Raccolta modelli in excel e word Regolamento Generale sulla ProtezioneDei Dati
Movarisch vers. pro 2019 Excel

kit Didattico Rianimazione Cardio Polmonare
Prevenzione incendi alberghi: prorogata la SCIA se l’attività è sospesa o è al di sotto di 25 posti letto
Gli adempimenti sulla sicurezza per gli enti del terzo settore
sicurezza delle caldaie a vapore
Circolare MATTM Prot. 4064 del 15 Marzo 2018
Delibera del Consiglio SNPA. Seduta del 03.10.18 Doc.n. 41/18
UNI/PdR 51:2018 Responsabilità sociale nelle Micro e Piccole Imprese
Dossier sicurezza scuola Inail 2018
Analisi permeazione degli indumenti di protezione chimica
Applicazione MultiVapor ™ Versione 2.2.5
Norme in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro delle strutture destinate per finalità istituzionali a compiti in materia di ordine e sicurezza pubblica
Linee guida europee sul rumore
VAI ALL'ELENCO DELLE NEWS INSERITE IN ORDINE CRONOLOGICO
Risorse e servizi online offerti su Testo Unico Sicurezza dot com:

Tutte le news pubblicate dal 2010 ad oggi
Modelli in word di Documento Valutazione dei Rischi
Modelli in word di Documenti specifici per l'edilizia
Excel a supporto della sicurezza
Modello di Piano Emergenza ed evacuazione in word
Modelli di Duvri in word
Materiale didattico per la formazione
Tutto Excel, calcolo dei rischi specifici
Newsletter Professional
Testo unico sicurezza Aggiornato