Tabelle EXCEL Linee di indirizzo sicurezza e salute nei cantieri  in emergenza Covid-19 

Linee di indirizzo sicurezza e salute nei cantieri di opere pubbliche in emergenza Covid-19

excel



Le presenti linee di indirizzo, recanti “SICUREZZA E SALUTE NEI CANTIERI DI OPERE PUBBLICHE IN EMERGENZA COVID-19: prime indicazioni operative” elaborate nell’ambito di ITACA, Istituto per l’innovazione e la trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale, organo tecnico delle Conferenza delle Regioni e delle Province autonome in materia di contratti pubblici, sono il frutto del prezioso contributo di esperti delle regioni, con la fattiva collaborazione delle istituzioni pubbliche competenti, degli ordini e collegi professionali e delle parti sociali.
 
Il documento è stato approvato dalla Commissione infrastrutture, mobilità e governo del territorio il 16 giugno 2020 e dalla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome nella seduta del 18 giugno 2020.
 
Si tratta di linee di indirizzo finalizzate soprattutto a coadiuvare il committente pubblico nella gestione del cantiere a fronte dell’emergenza COVID-19, con l’obiettivo di garantire la salute e la sicurezza dei soggetti presenti in cantiere, nel rispetto della disciplina di settore, nonché dei provvedimenti normativi, delle circolari e dei protocolli siglati durante l’emergenza covid19.
 
Il presente documento si articola in due parti:
 
-     una prima parte, ricognitiva,, contenente prime indicazioni in materia di sicurezza e salute nei cantieri, così come definite dalla vigente normativa
-     una seconda parte, che contiene un elenco voci delle misure “antiCOVID-19” utile riferimento per le pubbliche amministrazioni committenti, per la stima dei costi e degli oneri per la sicurezza nei cantieri.
 
Non può essere sottaciuto che, stante la natura eccezionale ed assolutamente generalizzata dell’emergenza epidemiologica, tale da coinvolgere in maniera concomitante e simultanea tutte le attività produttive del territorio nazionale, comprese per l’appunto quelle tipiche del cantiere, ogni soggetto coinvolto sia pubblico che privato si è trovato in breve tempo nelle condizioni  di  un’insolita  quanto  drammatica  esposizione  finanziaria,  insistendo  essa contemporaneamente su tutto il novero delle proprie commesse e, quindi, su tutti i cantieri posti sul territorio nazionale.
La Conferenza, sia con la sua attività istituzionale, sia tramite ITACA; si sta impegnando profusamente nel fornire ai committenti pubblici, ad imprese e lavoratori, indicazioni operative nel rispetto delle regole che, ci si augura, possano essere chiare e uniformi nel territorio nazionale ed evitare disomogeneità, dumping sociale e dubbi interpretativi che potrebbero renderne difficile l'osservanza.
Nell’ottica di garantire la salute e sicurezza dei lavoratori si collocano, peraltro, alcune delle indicazioni contemplate nelle presenti linee di indirizzo fra cui le tematiche afferenti maggiori costi connessi all’adeguamento e all’integrazione del PSC, in ragione delle misure di contenimento e prevenzione del COVID-19, i costi e gli oneri aziendali della sicurezza, nonché l’utilizzo di taluni strumenti contrattuali idonei a consentire la prosecuzione dell’appalto in condizioni di sicurezza e di sostenibilità economica.


GUIDA ALL’UTILIZZO DELL’ELENCO EXCEL/WORD DELLE MISURE ANTICOVID-19
 
L’elenco di misure “antiCOVID-19”, di seguito riportato, schematizza quanto già previsto nel D.Lgs 81/2008 e nella normativa emergenziale vigente, fermo restando la centralità dei ruoli del coordinatore della sicurezza/responsabile dei lavori (in assenza del CSE) e del datore di lavoro/impresa, oltre che del medico competente.
La principale finalità dell’elenco, è quella di fornire una guida pratica al committente pubblico, nella gestione della fase emergenziale e post-emergenziale.
A fronte dei provvedimenti normativi che si sono susseguiti per la gestione dell’emergenza COVID-19, in attesa di ulteriori indicazioni, si è cercato di portare a sintesi l’assetto delle misure vigenti e gli impatti applicativi delle stesse, individuando:
a.      le  misure da  adottare, precisandone per ciascuna se  rientrante fra i  “costi della sicurezza” oppure fra gli “oneri aziendali per la sicurezza” come definiti in precedenza; si evidenzia che alcune misure sono indicate sia fra i “costi della sicurezza”, sia fra gli “oneri aziendali della sicurezza” o ancora, puntualmente, in uno solo dei due gruppi, in funzione delle scelte progettuali ed organizzative condotte dal RL/CSE;
b.      i soggetti tenuti ad indicarle (RL/CSE o datore di lavoro/impresa); 
 
Le misure sono state suddivise utilizzando come riferimento i paragrafi del Protocollo condiviso
 
per i cantieri di cui all’allegato 13 del DPCM del 17 maggio 2020, di seguito Protocollo. In particolare:
1.      Informazione
 
2.      Modalità di accesso dei fornitori esterni ai cantieri
 
3.      Pulizia e sanificazione nel cantiere
 
4.      Precauzioni igieniche personali
 
5.      Dispositivi di protezione individuale
 
6.      Gestione spazi comuni (mensa, spogliatoi)
 
7.      Organizzazione del  cantiere  (turnazione,  rimodulazione del  cronoprogramma delle lavorazioni)
8.      Gestione di una persona sintomatica in cantiere
 
9.      Sorveglianza sanitaria/medico competente/RLS o RLST
 
10.    Aggiornamento del Protocollo di regolamentazione
 
Le voci sono, quindi, state descritte e raggruppate sulla base del contenuto dei paragrafi del Protocollo, fornendo sia una descrizione sintetica che una descrizione estesa, utile quest’ultima anche ai fini dell’indicazione di un prezzo.
Il file allegato, contenente l’elenco, è composto dalle seguenti colonne:  
 
▪     colonna A: descrizione della voce sintetica Itaca
 
▪     colonna B: numero progressivo delle voci estese
 
▪     colonna C: riferimento al Protocollo vigente
 
▪     colonna D: descrizione estesa della voce
 
▪     colonna E: unità di misura
 
▪     colonna F: indicazione dei costi della sicurezza
 
▪     colonna G: indicazione degli oneri aziendali della sicurezza 
 
Per le misure rientranti nei costi della sicurezza deve essere indicato il prezzo per unità di misura, mentre  per  quelle  ritenute  oneri  aziendali per  la  sicurezza non  deve  essere valorizzato alcun importo, dal momento che detti oneri costituiscono una quota parte delle spese generali.
Per i suddetti oneri e limitatamente ai cantieri attualmente aperti, per quelli sospesi che saranno riaperti e per quanti saranno consegnati durante la fase emergenziale COVID-19, potrà essere valutato nelle sedi competenti un aumento delle attuali spese generali in un range compreso tra lo 0,50% e il 4%, tenendo comunque conto che il DPR 207/2010 fissa le stesse ad un massimo del 17%, da applicare sulle singole lavorazioni ancora da eseguire.
A margine, si evidenzia che la messa in atto delle misure anti COVID-19 previste dai protocolli potrebbe, altresì, generare l’insorgenza di ulteriori costi di natura gestionale ed organizzativa a carico dei datori di lavoro (quali ad esempio la nuova organizzazione da assumersi per il pernottamento delle  maestranze, laddove  necessario,  ovvero  il  loro  trasporto  presso  il cantiere); nel range di aumento della quota di spese generali su ipotizzata potranno ascriversi anche tali costi, ancorché non prettamente relativi alla “sicurezza delle maestranze” ai sensi del D.Lgs.81/08, ma evidentemente connessi ai costi di spesa generale come da normativa vigente.
In fase di erogazione di eventuali “extra somme” dovute al COVID-19, sarà verificata la presenza di sovvenzioni e contributi pubblici per le imprese. In tal senso, potrà essere utile, prevedere come condizione di pagamento la dimostrazione da parte dell’Appaltatore di non aver ricevuto sovvenzioni pubbliche, al fine di evitare “doppi pagamenti”.

Fonte: Regioni.it

Tabelle Linee di indirizzo sicurezza e salute nei cantieri di opere pubbliche in emergenza Covid-19 in EXCEL

Tabelle Linee di indirizzo sicurezza e salute nei cantieri di opere pubbliche in emergenza Covid-19 in WORD