Stime globali EXCEL nazionali della popolazione a rischio aumentato grave di COVID-19

Stime globali, regionali e nazionali della popolazione a rischio grave COVID-19 a causa delle condizioni sanitarie

EXCEL

Contesto Il rischio di grave COVID-19 se un individuo viene infettato è noto per essere più alto negli individui più anziani e quelli con condizioni di salute sottostanti. Comprendere il numero di individui a maggior rischio di COVID-19 gravi e come questo varia da paese a paese dovrebbe informare la progettazione di possibili strategie per proteggere o vaccinare quelli a più alto rischio.

Metodi Abbiamo stimato il numero di individui ad aumentato rischio di malattie gravi (definiti come quelli con almeno una condizione elencata come "a maggior rischio di grave COVID-19" nelle attuali linee guida) per età (gruppi di età 5 anni), sesso e paese per 188 paesi utilizzando i dati di prevalenza dal Global Burden of Diseases, Injuries, and Risk Factors Study (GBD) 2017 e le stime della popolazione delle Nazioni Unite per 2020. L'elenco delle condizioni sottostanti rilevanti per COVID-19 è stato determinato mappando le condizioni elencate nel GBD 2017 a quelle elencate nelle linee guida pubblicate dall'OMS e dalle agenzie di sanità pubblica nel Regno Unito e negli Stati Uniti. Abbiamo analizzato i dati di due grandi studi di multimorbidità per determinare i fattori di regolazione appropriati per il clustering e la multimorbidità. Per facilitare l'interpretazione del grado di rischio tra le persone a rischio maggiore, abbiamo anche stimato il numero di individui ad alto rischio (definiti come quelli che richiederebbero il ricovero in ospedale se infetto) utilizzando rapporti di infezione-ospedalizzazione specifici per età per COVID-19 stimati per la Cina continentale e apportando modifiche per riflettere le differenze specifiche del paese nella prevalenza delle condizioni sottostanti e della fragilità. Abbiamo supposto che i maschi fossero due volte a rischio elevato di femmine. Abbiamo anche calcolato il numero di individui senza una condizione sottostante che potrebbe essere considerata a rischio aumentato a causa della loro età, utilizzando età minime da 50 a 70 anni. Abbiamo generato intervalli di incertezza (UE) per le nostre stime eseguendo scenari bassi e alti utilizzando i limiti di confidenza inferiori e superiori del 95% per le dimensioni della popolazione del paese, la prevalenza delle malattie, le frazioni di multimorbidità e i rapporti di infezione-ospedalizzazione e le stime plausibili basse e alte per il grado di clustering, informate da studi di multimorbidità.

Risultati Abbiamo stimato che 1,7 miliardi di persone (1-0–0–2-4), che comprendono il 22% (15-28) della popolazione globale, hanno almeno una condizione di base che li mette ad un rischio maggiore di COVID-19 se infetti (che vanno dal <5% di quelli di età inferiore ai 20 anni a >66% di quelli di età superiore ai 70 anni). Abbiamo stimato che 349 milioni (186-787) persone (4% [3-9] della popolazione globale) sono ad alto rischio di grave COVID-19 e richiederebbero il ricovero in ospedale se infettati (che vanno dal <1% di coloro che hanno meno di 20 anni a circa il 20% di coloro che hanno 70 anni o più). Abbiamo stimato che il 6% (3-12) dei maschi sia ad alto rischio rispetto al 3% (2-7) delle femmine. La quota della popolazione ad aumentato rischio era più alta nei paesi con popolazioni più anziane, nei paesi africani con un'elevata prevalenza di HIV/AIDS e in piccole nazioni insulari ad alta prevalenza di diabete. Le stime del numero di individui a rischio aumentato erano più sensibili alla prevalenza di malattie renali croniche, diabete, malattie cardiovascolari e malattie respiratorie croniche.

Interpretazione Circa un individuo su cinque in tutto il mondo potrebbe essere ad aumentato rischio di grave COVID-19, se si infettano, a causa delle condizioni di salute sottostanti, ma questo rischio varia notevolmente in base all'età. Le nostre stime sono incerte e si concentrano sulle condizioni sottostanti piuttosto che su altri fattori di rischio come l'etnia, la privazione socioeconomica e l'obesità, ma forniscono un punto di partenza per considerare il numero di individui che potrebbero dover essere schermati o vaccinati man mano che si sviluppa la pandemia globale.

Testo tradotto sommariamente dalla fonte ufficiale.

autori: Andrew Clark, Mark Jit, Charlotte Warren-Gash, Bruce Guthrie, Harry HX Wang, Stewart W Mercer, Colin Sanderson, Martin McKee, Christopher Troeger, Kanyin I Ong, Francesco Checchi, Pablo Perel, Sarah Joseph, Amitava Banerjee, Hamish Gibbs, CM nMIDCov gruppo di lavoro e Rosalind M.

Scarica il foglio di calcolo (EN).

Valutazione del Rischio Covid-19

VAI ALLA VALUTAZIONE DEL RISCHIO COVID-19 DA ALLEGARE AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI AZIENDALE