Regolamentare il telelavoro nell'Europa 
post-COVID-19

Disciplinare il telelavoro nell’Europa post COVID-19

L'estensione senza precedenti del telelavoro a seguito dell'epidemia di COVID-19 solleva interrogativi sull'impatto di questa forma di organizzazione del lavoro a lungo termine, in particolare perché ci sono molte ragioni per ritenere che accelererà le tendenze preesistenti verso la digitalizzazione del lavoro e la crescente flessibilità delle modalità di lavoro. 
Molti datori di lavoro hanno avuto una gran parte dei loro dipendenti che lavorano da casa da marzo 2020. Sia i datori di lavoro che i dipendenti senza precedenti esperienze di telelavoro hanno dovuto affrontare i vantaggi e gli svantaggi di questo accordo di lavoro. 
Con il passare del tempo, è probabile che il telelavoro e accordi di organizzazione del lavoro più flessibili diventino una caratteristica più importante e
permanente per datori di lavoro e dipendenti.
Mentre la letteratura delinea i potenziali benefici del telelavoro sia per le organizzazioni che per gli individui in termini di flessibilità, autonomia, prestazioni ed equilibrio tra lavoro e vita privata, gli studi evidenziano anche potenziali svantaggi.
Il telelavoro è stato tradizionalmente associato a rischi psicosociali, principalmente legati alla pervasività delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione (TIC) (disponibilità estesa e aumento del carico di lavoro), confini sfocati tra lavoro e vita privata (conflitto tra lavoro e vita privata) e isolamento. Il telelavoro comporta anche maggiori rischi ergonomici perché lavorare al di fuori dei locali del datore di lavoro aumenta la complessità della valutazione dei rischi e l'applicazione degli standard di sicurezza e salute sul lavoro (SSL) da parte dell'azienda o dei rappresentanti dei
lavoratori.
L'aumento della prevalenza del telelavoro come conseguenza della pandemia di COVID-19 ha portato a un crescente interesse per questa forma di organizzazione del lavoro e il suo impatto sul benessere e sulla salute dei dipendenti. Per questo motivo, nell'autunno 2020 l'Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro (EUOSHA) ha condotto una consultazione conla sua rete di punti focali nazionali (FOP) attraverso un sondaggio
online sulla legislazione esistente applicabile al telelavoro in un contesto nazionale e su eventuali modifiche legali, iniziative e dibattiti derivanti dalla pandemia di COVID-19.
Questo rapporto presenta un'analisi su come il telelavoro è regolamentato in Europa, sulla base di questa consultazione e di un'ulteriore revisione della letteratura, inclusa una revisione dell'Organizzazione internazionale del lavoro (dell'ILO) banca dati della legislazione nazionale. Il rapporto inizia con una panoramica introduttiva della normativa UE preCOVID-19, seguita da un'analisi della normativa nazionale pre-COVID-19. Il prossimo capitolo fornisce un resoconto dei cambiamenti nella legislazione, altre iniziative e dibattiti politici post COVID-19. La relazione si conclude con alcune considerazioni conclusive



Sommario

Regolamento UE pre-COVID-19
Normativa nazionale pre-COVID-19.
3.1 Paesi con definizioni statutarie e legislazione specifica sul telelavoro
Definizione legislativa 
Principali questioni affrontate nella normativa statutaria
La disciplina della contrattazione collettiva 
3.2 Paesi senza definizioni statutarie e legislazione specifica sul telelavoro .
Cambiamenti nella regolamentazione nazionale e dibattiti nello scenario post-COVID-19.
Disposizioni statutarie in materia di telelavoro
La disciplina della contrattazione collettiva 
4.1 Misure e iniziative temporanee 
4.2 Modifiche legali, iniziative e dibattiti

Fonte: osha eu

Disclaimer:Visto il continuo evolversi della normativa e della conoscenza tecnico scientifica le informazioni contenute in questa pagina potrebbero essere state superate da nuove disposizioni normative e conoscenze medico scientifiche.

Valutazione del Rischio Covid-19

VAI ALLA VALUTAZIONE DEL RISCHIO COVID-19 DA ALLEGARE AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI AZIENDALE

ReCaptcha

Questo servizio Google viene utilizzato per proteggere i moduli Web del nostro sito Web e richiesto se si desidera contattarci. Accettandolo, accetti l'informativa sulla privacy di Google: https://policies.google.com/privacy

Google Analytics

Google Analytics è un servizio utilizzato sul nostro sito Web che tiene traccia, segnala il traffico e misura il modo in cui gli utenti interagiscono con i contenuti del nostro sito Web per consentirci di migliorarlo e fornire servizi migliori.

Facebook

Il nostro sito Web ti consente di apprezzare o condividere i suoi contenuti sul social network Facebook. Attivandolo e utilizzandolo, si accetta l'informativa sulla privacy di Facebook: https://www.facebook.com/policy/cookies/

YouTube

I video integrati forniti da YouTube sono utilizzati sul nostro sito Web. Accettando di guardarli accetti le norme sulla privacy di Google: https://policies.google.com/privacy

Twitter

I tweet integrati e i servizi di condivisione di Twitter sono utilizzati sul nostro sito Web. Accettando e utilizzando questi, si accetta l'informativa sulla privacy di Twitter: https://help.twitter.com/it/rules-and-policies/twitter-cookies

Google Ad

Il nostro sito Web utilizza Google Ads per visualizzare contenuti pubblicitari. Accettandolo, si accetta l'informativa sulla privacy di Google: https://policies.google.com/technologies/ads?hl=it