RAPPORTO SCUOLE APERTE SOCIETA' PROTETTA

VERSIONE 1 DEL 2 MAGGIO 2020

La scuola ed i servizi educativi per la prima infanzia sono altrettanto cruciali delle attività produttive per la ripresa del Paese. È importante sottolineare al riguardo due elementi:
     Il  sistema educativo risponde a problemi di conciliazione famiglia-lavoro per i genitori, ma soprattutto ai diritti costituzionali dei bambini e ragazzi a ricevere un’istruzione e ad avere accesso alle risorse per il pieno sviluppo delle proprie capacità. Esigenze e diritti che sono stati, forse inevitabilmente, compressi in queste  settimane con conseguenze negative che hanno allargato le disuguaglianze sociali tra bambini.
       Per questo è necessario prendere in considerazione, nel passaggio alle fasi 2 e 3, sia il sistema scolastico dall’obbligo in su sia il sistema educativo per la fascia 0-6 anni, che ormai fa parte a pieno titolo del sistema istruzione anche  a livello normativo (cfr. D. Lgs.65/2017). La letteratura internazionale è unanime nel sottolineare l’importanza per tutti i bambini, ma soprattutto per i più svantaggiati economicamente e socialmente, o con qualche disabilità, di esperienze educative extra familiari precoci.
 
Rispetto all’ambiente lavorativo di contesti aziendali, in cui la produttività e la tutela della salute devono essere perseguiti congiuntamente, la scuola presenta  la peculiarità di avere quali obiettivi cardine: consentire la socializzazione e la stimolazione dello sviluppo cognitivo, relazionale, emotivo (soprattutto per i più piccoli), assicurare il Successo Formativo a tutti e a ciascuno (universalità del diritto costituzionale all’istruzione), erogare in modo efficiente ed efficace la Didattica, garantire Integrazione e Inclusione Sociale, tutelare la Salute di operatori scolastici e studenti.
 
 
Sul piano metodologico, l’applicazione delle misure anti Covid19 alla scuola prevede una FASE 0 di studio dei contesti finalizzata a:
 
 
1.  Identificare i destinatari
-    stakeholder interni:  : dirigenti scolastici, docenti, educatori, amministrativi, tecnici e ausiliari (c.d. personale ATA, che comprende anche cuochi, aiutanti di cucina, guardarobieri dei Convitti, nonché gli addetti alle aziende agrarie annesse  agli istituti tecnici e  professionali); analoghe figure nei servizi educativi; studenti, senza  e  con disabilità, DSA (disturbi specifici di apprendimento) e BES (bisogni  educativi speciali); studenti/pazienti lungodegenti in  ospedali o  presso  il  proprio domicilio    per  gravi patologie; studenti adulti dei CPIA (italiani e stranieri immigrati che frequentano i corsi per l’alfabetizzazione nella lingua italiana o per il conseguimento della licenza media);
studenti delle sezioni di scuola in carcere;


INDICE 
 
PREMESSA 
SALUTE 
DIDATTICA E PROGETTI EDUCATIVI, IN PRESENZA E DA REMOTO:  DA DOVE PARTIAMO E COSA SI PUÒ  FARE 
INCLUSIONE 
1.    LA DIMENSIONE DEL PROBLEMA 
2.    NORMATIVA  DI RIFERIMENTO  GENERALE E MISURE ADOTTATE PER FRONTEGGIARE L’EMERGENZA COVID-19 
3.    IL SISTEMA  FAMIGLIA-LAVORO-WELFARE

a. Metodi operativi per la fase 2 e 3 

b.Ulteriori prestazioni di welfare pubblico e aziendale ...
4.    PRINCIPI GENERALI DEL PROGETTO  “SCUOLE E NIDI APERTI”

a. Il metodo di lavoro

5.    ANALISI SPECIFICA 

a. Analisi dell’organizzazione del lavoro (ad es. attività in presenza, turnazione e modalità di svolgimento dell’attività)  
b.Individuazione delle attività amministrative e gestionali che possono essere eseguite con lo smart working 
c. Per le attività amministrative e gestionali che devono essere eseguite in persona, suddivisione dei lavoratori in gruppi 
d.Individuazione dei percorsi dei gruppi di lavoratori individuati 

e. Individuazione dei percorsi degli studenti e dei docenti .

f. Classificazione dei luoghi 

g. Analisi del lay-out dei luoghi classificati 

h.Analisi delle modalità di trasporto

i. Individuazione delle attività in appalto

j. Analisi dei rischi secondari .
6.    MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE

a. Segmentazione della frequenza scolastica 

b.Distanze interpersonali 

c. Revisione lay-out e percorsi

d.Gestione sistemi di ricambio dell’aria

e. Buone pratiche di igiene 
f. Organizzazione della amministrazione scolastica, degli ingressi e degli spazi (possibili azioni)
g. Organizzazione della didattica in presenza, degli ingressi e degli spazi (possibili azioni) 

h.Uso di dispositivi 

i. Sorveglianza sanitaria e prioritarizzazione del rientro del personale sui luoghi di lavoro 

 j. Eventuale utilizzo di tecnologie digitali o di analisi logistico-organizzativo 

k. Trasporti

 l. Formazione e in-formazione dei lavoratori

m. Formazione e informazione per gli allievi e le loro famiglie

n. Pulizia e sanificazione luoghi e attrezzature

o. Supporto psicologico

p. Costituzione di un Commissione della scuola

 q. Aggiornamento dei Documenti di Valutazione Rischi
7.    PRESUPPOSTI PER LA RIAPERTURA

a. Sostegni economici e materiali alle Istituzione Scolastiche

b. La fase di transizione: il concetto di micro-comunità 

c. La fase di riapertura: protocolli specifici per servizi educativi 0-6 anni
8.    APPLICAZIONE DELLE BUONE  PRASSI A CASI STUDIO  (BETA TESTING 
Allegato 1. Classificazione dei luoghi  
Allegato 2. Esempi commentati di layout

Fonte: Politecnico di Torino

Scarica il rapporto completo

Valutazione del Rischio Covid-19

VAI ALLA VALUTAZIONE DEL RISCHIO COVID-19 DA ALLEGARE AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI AZIENDALE