Linee guida per Riapertura delle scuole a settembre

Documento per la pianificazione delle attività scolastiche, educative e formative in tutte le Istituzioni del Sistema nazionale di Istruzione.

Il mese di settembre si prefigura come un appuntamento molto atteso da tutto il mondo scolastico . Mai come in questo momento un’intera comunità educante, intesa come insieme di portatori di interesse della scuola e del territorio, nutre aspettative di alto valore verso se stessa.
 
Sulla base dell’esperienza dettata dalla pandemia da SARS-CoV-2, sarà necessario trasformare le difficoltà di un determinato momento storico in un vero e proprio volano per la ripartenza e per l’innovazione.
 
L’eccezionalità a cui l’emergenza sanitaria da SARS-CoV-2 ha costretto tutti i settori della vita privata, sociale e lavorativa impone una analisi mirata alla progettazione della ripartenza e del ritorno alla normalità. Nella scuola questo si traduce in una riflessione organizzativa e didattica in grado,  come  si  è  detto,  di  non  disperdere  quanto  le  scuole  sono  riuscite  a  mettere  in  atto, valorizzando gli ambiti dell’autonomia scolastica e fornendo loro spazi di coordinamento finalizzati a coinvolgere i diversi attori in un rinnovato patto di corresponsabilità educativa.
 
 
 
Nel mese di settembre 2020, le attività scolastiche riprenderanno su tutto il territorio nazionale in presenza nel rispetto delle indicazioni finalizzate alla prevenzione del contagio contenute nel Documento   tecnico,   elaborato   dal   Comitato   tecnico   scientifico   (CTS)   istituito   presso   il Dipartimento della Protezione civile recante “ipotesi di rimodulazione delle misure contenitive nel settore scolastico e le modalità di ripresa delle attività didattiche per il prossimo anno scolastico”, approvato in data 28 maggio 2020 e successivamente aggiornato. La ripresa delle attività deve essere effettuata in un complesso equilibrio tra sicurezza, in termini di contenimento del rischio di contagio, benessere socio emotivo di studenti e lavoratori della scuola, qualità dei contesti e dei processi di apprendimento e rispetto dei diritti costituzionali alla salute e all’istruzione. Centrale, pertanto, sarà il ruolo delle singole scuole, accompagnate dall’Amministrazione centrale e periferica e dagli Enti Locali, nel tradurre le indicazioni nello specifico contesto di azione, al fine di definire soluzioni concrete e realizzabili tenendo in considerazione il complesso scenario di variabili (gradi di istruzione, tipologia di utenti, strutture e infrastrutture disponibili, dotazione organica, caratteristiche del territorio, etc.).
 
Il Ministero dell’Istruzione promuove e cura un sistema di coordinamento, a livello nazionale e periferico, con gli Enti Locali, le autonomie territoriali, le parti sociali, le istituzioni scolastiche, e tutti gli autori istituzionali coinvolti nell’ambito del sistema di istruzione e formazione.
 
A livello nazionale, il Ministero proseguirà il proficuo lavoro già avviato in sede di “Cabina di regia COVID-19”, unitamente con Regioni ed Enti locali, al fine di operare un adeguato coordinamento delle azioni su tutto il territorio nazionale.
 
In ciascuna Regione  l’organizzazione dell’avvio  dell’anno  scolastico sarà   articolata,  in primo luogo,  con  la  istituzione  di  appositi  Tavoli  regionali  operativi,  insediati  presso  gli  Uffici Scolastici Regionali del Ministero dell’Istruzione cui partecipano: il Direttore dell’Ufficio Scolastico Regionale o il dirigente titolare preposto1, individuato come coordinatore, l’Assessore regionale all’istruzione o un suo delegato, l’Assessore regionale ai trasporti o un suo delegato, l’Assessore regionale alla salute o un suo delegato, il Rappresentante regionale UPI – Unione delle Provincie d’Italia, il Rappresentante regionale ANCI – Associazione Nazionale dei Comuni d’Italia, il Referente regionale della Protezione Civile.

Indice della linea guida:

Documento per la pianificazione delle attività scolastiche, educative e formative in tutte le Istituzioni del
Sistema nazionale di Istruzione.
Valorizzazione delle forme di flessibilità derivanti dall’Autonomia scolastica
Tra sussidiarietà e corresponsabilità educativa: il ruolo delle comunità territoriali per la ripresa delle attività scolastiche
Disabilità e inclusione scolastica
La Formazione
Ulteriori elementi di azione in riferimento allo scenario attuale del contagio
Linee metodologiche per l’infanzia
Educazione e cura per i piccoli.
Le misure di prevenzione e sicurezza.
Indicazioni sulle attività nei laboratori della scuola primaria, secondaria di I e II grado
Refezione scolastica
Percorsi per le competenze trasversali e per l’Orientamento (PCTO)
Scuola in ospedale e istruzione domiciliare
Sezioni carcerarie
Misure per l’organizzazione dell’attività convittuale e semiconvittuale
Attività degli ITS
Partecipazione studentesca
Piano scolastico per la Didattica digitale integrata
Sintesi delle azioni e degli strumenti per la ripartenza
Allegato tecnico 1 
Allegato 2: Stralcio Verbale n. 82 della riunione del Comitato Tecnico Scientifico, tenuta, presso il Dipartimento della Protezione Civile, il giorno 28 maggio 2020, avente ad oggetto  il Documento recante "Modalità di ripresa delle attività didattiche del prossimo anno scolastico" 
Allegato  3:  Stralcio  Verbale  n.  90  della  riunione  del  Comitato  Tecnico  Scientifico,  tenuta,  presso  il
Dipartimento della Protezione Civile, il giorno 22 giugno 2020

Fonte: Ministero istruzione

DOWNLOAD

VAI ALLE LINEE GUIDA EMANATE DAL MINISTERO ISTRUZIONE

DVR SCUOLA

IL DVR CHE POSSIAMO FORNIRTI MEDIANTE IL SERVIZIO BASE DI CONSULENZA  COMPRENDE GIA' UNA VALUTAZIONE DELLE PRINCIPALI ATTIVITA' E ATTREZZATURE  PRESENTI IN ATTIVITA' SCOLASTICHE E DIDATTICHE IN GENERE 

NEL SERVIZIO "DVR BASE  " E' COMPRESO, OLTRE AL MODELLO DI DOCUMENTO VALUTAZIONE DEI RISCHI CONFORME ALL'ART 28 D.lgs 81/2008 s.m.i. ,D.VR CON LE FASI E ATTREZZATURE, ANCHE IL MODELLO EDITABILE IN WORD PRECOMPILATO DI UN PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE E LA VALUTAZIONE IN EXCEL STRESS LAVORO CORRELATO CON METODO OGGETTIVO SECONDO IL METODO EX ISPESL-INAIL E UN MODELLO STANDARD DI D.U.V.R.I (DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI),OLTRE AL MODELLO DI DOCUMENTO VALUTAZIONE DEI RISCHI IN WORD REDATTO SECONDO LE RECENTI PROCEDURE STANDARDIZZATE CONFORME ALL'ART 29 comma 5 D.lgs 81/2008 s.m.i.

NEWS! ORA E' COMPRESO ANCHE IL NOSTRO APPLICATIVO IN EXCEL PER REDARRE IL D.V.R SECONDO LE PROCEDURE STANDARDIZZATE PREVISTE PER LE IMPRESE CON MENO DI 10 DIPENDENTI

FASI LAVORATIVE PRESENTIATTREZZATURE PRESENTI
Fasi Lavorative gia' presenti nel documento di Valutazione con un analisi del rischio, un elenco di prescrizioni specifiche e D.P.I:Attrezzature  presenti nel documento di Valutazione con un analisi del rischio, un elenco di prescrizioni specifiche e D.P.I:
ATTIVITA’ ARTISTICHE COLLATERALI
ATTIVITA’ DI COLLABORATORE SCOLASTICO
ATTIVITA’ DI LABORATORIO TECNICO
ATTIVITA’ DIDATTICA TEORICA
ATTIVITA’ GINNICA O SPORTIVA
ATTIVITA' RICREATIVA ALL'APERTO SCUOLE
ATTIVITA’ DI RECUPERO O SOSTEGNO
AULA DI RICREAZIONE
BIBLIOTECA SCOLASTICA
ATTIVITA’ DIRETTIVA ED AMMINISTRATIVA
GIARDINAGGIO
ATTIVITA’ DI LABORATORIO GRAFICO-ARTISTICO
ATTIVITA’ DI LABORATORIO TECNICO
LAVORI AL VIDEOTERMINALE
LAVORI DI PULIZIA INTERNI ED ESTERNI
LAVORI DI UFFICIO
LAVORI IN CUCINA SCUOLE
LOCALE CALDAIA
MANUTENZIONE IMPIANTI
MENSA SCOLASTICA
PALESTRA SCOLASTICA
PULIZIA SERVIZI IGIENICI
RICEVIMENTO CLIENTI (RECEPTION – CENTRALINO)
SEGRETERIA SCOLATSTICA

ASPIRAPOLVERE
ATTREZZATURE MEDICHE DI PRIMO SOCCORSO
ATTREZZI GINNICI
AVVITATORE ELETTRICO
FOTOCOPIATRICE
LAVAGNA LUMINOSA
PERSONAL COMPUTER, STAMPANTE E PLOTTER
SCAFFALATURE
SCALA DOPPIA
SCALA IN LEGNO
SCALA IN METALLO
SCALA PORTATILE
TELEFONO - FAX
UTENSILI ELETTRICI PORTATILI
UTENSILI MANUALI DI USO COMUNE

ATTREZZATURA UTILIZZATA NELLE SCUOLE CON MENSA SCOLASTICA:

AFFETTATRICE
ATTREZZATURA MANUALE DA TAGLIO
BANCO FRIGO
BILANCIA DA BANCO
CAPPA ASPIRANTE
COLTELLI DA CUCINA
CUCINA INDUSTRIALE
FORNO A MICROONDE
FRIGGITRICE
FORNO DI COTTURA
FRIGORIFERO
LAVASTOVIGLIE
LAVATRICE AD ACQUA