DPI – Manuale del Ministero dell’Interno

Aprile 2020 Manuale ad uso delle attività istituzionali della Polizia di Stato


L’emergenza da SARS-CoV-2 è caratterizzata, a livello mondiale, da una grave carenza di disponibilità e difficoltà di approvvigionamento di DPI al punto che, come si avrà modo di riportare nel corso di questo compendio, sono at- tualmente oggetto di studio metodiche che consentano una sterilizzazione e quindi un riutilizzo dei DPI già in possesso.
 
Un’attenzione particolare, in tal senso, va posta nei confronti di quelle cate- gorie di lavoratori per le quali non è stato possibile applicare il lockdown e che hanno continuato a lavorare con conseguente rischio di contagio, inevitabil- mente esteso anche ai loro familiari. Si pensi al personale sanitario, che ha pa- gato il prezzo più alto relativamente alle conseguenze dell’emergenza, ma anche a quelli del comparto sicurezza e della filiera alimentare.
 
L’obiettivo da perseguire è il raggiungimento della massima tutela possibile del personale, dotandolo, in base alle evidenze scientifiche, di DPI di livello adeguato al rischio professionale a cui viene esposto. In questo contesto, le Agenzie internazionali (CDC, con un documento del 10 marzo 2020 ed ECDC, con quello del 17 marzo 2020), si sono allineate sull’uso in “sicurezza” delle mascherine chirurgiche, nei casi di assenza o scarsa disponibilità di filtranti facciali (FFP), fatta eccezione per le attività che prevedano manovre e proce- dure a rischio di generare aerosol, per le quali risulta indispensabile l’impiego dei FFP.
 
Va, tuttavia, sottolineato che il ricorso ai DPI disponibili non può prescindere dall’adozione di appropriate misure di prevenzione, tra cui:
 
• lavare frequentemente le mani con acqua e sapone o, se questi non sono disponibili, con soluzioni/gel  a base alcolica. In ambito sanitario è rac- comandato l’uso preferenziale di soluzioni/gel  a base alcolica, in modo da consentire l’igiene delle mani in tutti i momenti in cui essa si rende necessaria (prima e dopo il contatto, prima di manovre asettiche, dopo il contatto con le superfici in vicinanza del paziente);
 
• evitare di toccare gli occhi, il naso e la bocca con le mani; 
 
• tossire o starnutire all’interno del gomito con il braccio piegato o di un fazzoletto, preferibilmente monouso, che poi deve essere immediatamente eliminato;
 
• indossare la mascherina chirurgica nel caso in cui si abbiano sintomi re- spiratori ed eseguire l’igiene delle mani dopo avere rimosso ed eliminato la mascherina;
 
• evitare contatti ravvicinati, mantenendo la distanza di almeno un metro dalle altre persone, in particolare con quelle con sintomi respiratori;
 
• coordinare la gestione della catena di approvvigionamento dei DPI.
 
Tutti i lavoratori coinvolti dovrebbero:
 
• essere opportunamente formati ed aggiornati in merito ai rischi di espo- sizione professionale, alle misure di prevenzione e protezione disponibili ed al corretto uso dei DPI;
 
•  se operatori sanitari, essere formati ed aggiornati sulle caratteristiche del quadro clinico di COVID-19, al fine di eseguire lo screening dei pazienti, che consenta l’identificazione quanto più rapida possibile dei casi sospetti;
 
• utilizzare i DPI adeguati, non riutilizzarli se monouso e smaltirli negli appropriati contenitori per rifiuti.
 
Il Testo Unico sulla sicurezza sul lavoro (D.Lgs 81/08)  all’art.74 specifica che: "Si intende per dispositivo di protezione individuale, di seguito denominato “DPI”, qualsiasi attrezzatura destinata ad essere indossata e tenuta dal lavoratore allo scopo di proteggerlo contro uno o più rischi suscettibili di minacciarne la sicurezza o la salute durante il lavoro, nonché ogni complemento o accessorio destinato a tale scopo.”. 

Il datore di lavoro deve fornire i DPI necessari ed il lavoratore è obbligato ad utilizzarli correttamente, a prendersi cura di essi senza apportarne alcuna modifica e segnalando eventuali difetti o inconvenienti specifici.
 
La scelta dei DPI più appropriati può essere effettuata solo successivamente all’analisi delle attività da svolgere, dei rischi associati e del grado di prote- zione necessaria. In ogni valutazione si dovrà necessariamente coniugare il giusto livello di protezione con l’efficienza e l’operatività. 
 
Il lavoratore che utilizza i DPI deve conoscere bene il loro impiego, li deve in dossare prima di iniziare qualsiasi attività considerata a rischio al fine di evi-
tare la contaminazione personale e li deve rimuovere solo a fine attività.

SCARICA IL MANUALE

Fonte: Ministero dell'Interno

Valutazione del Rischio Covid-19

VAI ALLA VALUTAZIONE DEL RISCHIO COVID-19 DA ALLEGARE AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI AZIENDALE