Slide Due Diligence e prevenzione incendi

Slide sulla Protezione attiva e passiva

Il progetto formativo, rivolto specificatamente alle professioni deputate alla sicurezza nelle strutture sanitarie, nasce dalla collaborazione tra l’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma e l’Università degli Studi Roma Tre, coinvolgendo tra i propri partner Enti ed Istituzioni di prestigio quali: Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (INAIL), Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma, Università Cattolica del Sacro Cuore, Luiss Business School. Intervento di Ing. Massimo Babudri Presidente Commissione Antincendio: Edili

OBIETTIVI DELLA PREVENZIONE INCENDI – CONTROLLO DEL RISCHIO INCENDIO
riducendo la probabilità di accadimento
limitando la produzione di fumo e di fiamme nella fase iniziale
garantendo lo sfollamento ordinato e sicuro degli occupanti
impedendo la propagazione del fuoco a zone o edifici adiacenti
evitando collassi strutturali
predisponendo sistemi di difesa attiva (impianti, attrezzature, piani di emergenza, squadre antincendio)
garantendo la sicurezza dei soccorritori 

PROTEZIONE INCENDI PASSIVA
Muri tagliafuoco
Via di esodo
Scale protette e scale a prova di fumo
Uscite di sicurezza
Distanza di sicurezza
Resistenza al fuoco delle strutture
Reazione al fuoco dei materiali

PROTEZIONE INCENDI ATTIVA
Sistemi protettivi chiamati anche «presidi antincendio»
Impianti fissi manuali od automatici per affrontare un incendio
Impianti di rilevazione automatica di incendio
Impianti di spegnimento automatici
Impianti di spegnimento manuali
Impianti automatici di controllo e scarico del fumo e del calore e di sovrappressioni da esplosioni
Mezzi di estinzione carrellati e portatili
Squadre di antincendio aziendali

Autore delle slide:I ng. Massimo Babudri 

SCARICA LE SLIDE

Prevenzione incendi obiettivi e competenze

Decreto del presidente della repubblica 1°agosto 2011, n. 151 regolamento recante semplificazione della disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione degli incendi, a norma dell’articolo 49, comma 4 -quater, del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n. 122 ministero dell'interno - decreto 7 agosto 2012 disposizioni relative alle modalità di presentazione delle istanze concernenti i procedimenti di prevenzione incendi e alla documentazione da allegare, ai sensi dell'articolo 2, comma 7, del decreto del presidente della repubblica 1° agosto 2011, n. 151.
Il regolamento individua 80 attività soggette ai controlli di prevenzione incendi disciplina il deposito e l’esame dei progetti le visite tecniche le deroghe la verifica delle condizioni di sicurezza antincendio attribuite alla competenza del corpo nazionale dei vigili del fuoco attualizzato l'elenco delle attività sottoposte ai controlli di prevenzione incendi introdotto il principio di proporzionalità che correla le attività di nuova definizione a tre categorie A- B - C gravità del rischio dimensione complessità che contraddistingue l'attività.


A: attività dotate di 'regola tecnica' di riferimento e contraddistinte da un limitato livello di complessità, legato alla consistenza dell'attività, all'affollamento ed ai quantitativi di materiale presente
B: attività presenti in a, quanto a tipologia, ma caratterizzate da un maggiore livello di complessità, nonché le attività sprovviste di una specifica regolamentazione tecnica di riferimento, ma comunque con un livello di complessità inferiore al parametro assunto per la categoria 'superiore'
C: attività con alto livello di complessità, indipendentemente dalla presenza o meno della 'regola tecnica'

Autore delle slide:I ng. Massimo Babudri 

SCARICA LE SLIDE