Scheda informativa per l’attività di estetica e onicotecnico

Scheda informativa per l’attività di estetica e onicotecnico


CAP.1 - CARATTERISTICHE DEI LOCALI Requisiti dell'unità immobiliare
Attività di estetista (compresa l'attività di onicotecnico) può essere esercitata in  unità  immobiliari  di  dimensioni  minime  corrispondenti  a  mq  20  (esclusi  i servizi igienici, i ripostigli e, se dovuti, gli spogliatoi).
Nei 20 mq possono operare fino a due persone (compreso il titolare)
per ogni unità operativa in più: ulteriori mtq. 6
Attività di acconciatore esercitata presso altro esercizio: minimo mtq. 8.
Per  l'esercizio  dell'attività  di  onicotecnico  non  è  richiesta  la  presenza  di  box chiusi.
 
 
In base all'art. 10 del regolamento i locali e l'attività devono essere condotti nel rispetto delle seguenti regole:
a)       i  locali  in  cui  si  esercitano  le  attività  devono  essere  mantenuti  sempre puliti e periodicamente disinfettati
b)       il  pavimento  deve  essere  costruito  con  materiale  compatto,  privo  di fessure ed impermeabile, facilmente lavabile e disinfettabile e tale pertanto da
permettere la massima pulizia ed una razionale disinfezione;
c)        le pareti devono essere verniciate o  rivestite, in maniera  aderente, con materiale liscio, impermeabile, lavabile e disinfettabile fino all’altezza lineare di
almeno metri 2,00 da terra;
d)       i locali devono essere forniti di acqua potabile corrente calda e fredda, in maniera adeguata alle attività svolte,
e)   l’esercizio  deve  garantire  la  presenza  di  una  zona  per attesa/reception/attività amministrative;
f)       deve essere presente un servizio igienico, dotato di antibagno, ad uso esclusivo   dell'esercizio   e   a   disposizione   del   pubblico,   all’interno   dell’unità
strutturale,  dotato  di   lavabo,   con   distributore   di   asciugamani   monouso   e
distributore di sapone liquido. Qualora il numero degli addetti sia uguale o superiore a 5, è necessario prevedere un ulteriore servizio igienico e uno spogliatoio per gli addetti, di dimensioni tali da poter contenere agevolmente armadietti a doppio scomparto per la conservazione separata degli abiti civili e da lavoro. Nel caso in cui il numero degli operatori sia inferiore a 5, è possibile collocare tali armadietti nell’antibagno, se sufficientemente dimensionato;
g)       servizi igienici e spogliatoio, qualora non aerati naturalmente, dovranno essere dotati di impianto di aerazione forzata che garantisca ricambi come previsto dalla norma UNI 10339;
h)       deve essere previsto un locale/spazio per la conservazione del materiale necessario per l'attività, compresa la biancheria, con separazione pulito/sporco.
La  biancheria  pulita  deve  essere  conservata  al  riparo  dalla  polvere  e  da  altri
contaminanti, preferibilmente in armadiature chiuse. La biancheria sporca deve

essere riposta in contenitori chiusi lavabili e disinfettabili;
i)         deve essere previsto un contenitore per i rifiuti di materiale lavabile e un ripostiglio  per  materiali  ed  attrezzature  per  la  pulizia.  In  sostituzione  del ripostiglio  può  essere  utilizzata  una  armadiatura  di  dimensioni  adeguate  a
contenere materiali ed attrezzature;
j)        qualora  le  postazioni  di  lavoro  siano  ricavate  da  un  unico  locale,  le eventuali separazioni verticali non dovranno essere di altezza superiore a 2,00 m. al fine di assicurare adeguata aero illuminazione naturale e garantire la privacy;
k)       devono  essere  presenti  le  certificazioni  di  conformità  e  i  manuali  d’uso delle apparecchiature e le certificazioni di conformità degli impianti;
l)         gli   arredi   destinati   all'attività   devono   essere   costituiti   di   materiale lavabile e disinfettabile; deve essere presente un armadietto di pronto soccorso
contenente il materiale di prima medicazione;
Ogni esercizio deve disporre di:
m)     postazioni di lavoro (all’interno di locali e/o box) di dimensioni tali da permettere   l’agevole   e   sicuro   esercizio   delle   specifiche   attività   anche   in relazione alle attrezzature – apparecchiature presenti e comunque di superficie minima di 6 mq (mq 4 per lampade abbronzanti facciali e docce solari);
n)       vano    doccia    per    gli   utenti,    se    richiesto    dai    trattamenti    eseguiti nell’attività esercitata (es. massaggio, peeling del corpo, applicazione di fanghi)
nella misura di 1 doccia  ogni  4  box ;
o)       postazioni  di  lavoro/box  dove  è  effettuata  attività  di  manipolazione  del corpo (es. massaggi, peeling, applicazione di fanghi, pulizia del viso), dotate di lavandino – punto lavamani con acqua potabile calda e fredda. Si può derogare dall’installazione di 1 lavello per un numero massimo di 2 box adiacenti (lavabo in  comune);  se  nel  box  non  è  effettuata  attività  di  manipolazione  del  corpo (come nel caso in cui siano utilizzati esclusivamente dei macchinari) non è necessaria l'installazione di lavello; 1
p)       un locale o un contenitore per la conservazione dei prodotti professionali cosmetici, con particolare riguardo a sostanze volatili e infiammabili;
q)       per   l'onicotecnico   deve   essere   previsto   un   sistema   di   aspirazione
localizzata  nella  zona  di trattamento  delle  unghie  e  applicazione  delle  resine. Non è richiesta la presenza di box chiusi
r)        nel caso in  cui siano forniti i servizi di sauna e  bagno turco  a  utenti di sesso diverso contemporaneamente, i locali devono essere forniti di spogliatoio
utenti, servizio  igienico e  doccia divisi per  sesso,  e  prevedere  un  locale/zona
post trattamento per il relax. Nella sauna e bagno turco devono essere presenti dispositivi  di  allarme  per  attivare  l’assistenza  in  caso  di  malore  dell’utente  e che segnalino la situazione di emergenza in luoghi presidiati;
s)        qualora l’attività sia inserita in palestre o altri esercizi, potranno essere utilizzati i servizi accessori (servizi igienici, ripostigli e spogliatoi) propri della
struttura in cui è inserita.
Negli esercizi di estetista  è  vietato  l’uso  di  apparecchiature  diverse  da  quelle elencate nell’allegato alla legge n. 1/1990.
 
t)        gli  estetisti  sono   tenuti  a   conservare   a   disposizione  degli  organi  di
 
1             L'ausl propone di obbligare l'installazione di 1 lavello per box , quando nell'esercizio operano 2 imprese diverse.

vigilanza l'elenco aggiornato dei macchinari e delle attrezzature utilizzate, tra quelle di cui all'allegato 1 della legge 1/1990, nonché i certificati di conformità, i manuali d'uso e di manutenzione degli stessi.
 

CAP.2 - SICUREZZA IMPIANTI

E’ documentata dalle certificazioni degli impianti presenti, effettuate ai sensi della normativa vigente2, in particolare per quanto riguarda la certificazione e collaudo degli impianti.
Per quanto riguarda la sicurezza elettrica, i locali destinati all’attività estetica sono soggetti alle stesse norme degli ambulatori medici. Questo è evidenziato dalle certificazioni di conformità elettrica dei locali, che dovranno essere esibite agli operatori di contro

CAP.3 - ASPETTI DI SICUREZZA ATTREZZATURE

E’ necessario produrre e mantenere aggiornato un elenco delle attrezzature utilizzate con indicazione della relativa marca e delle specifiche tecniche a firma del dichiarante, le certificazioni di conformità e i manuali d’uso delle apparecchiature.
Per le caratteristiche tecnico-dinamiche, i meccanismi di regolazione, le modalità di esercizio e di applicazione nonché le cautele d’uso, si rimanda dall’art. 10 della Legge n. 1/1990 che prevede decreti successivi in merito.
Le apparecchiature presenti devono essere marcate CE e utilizzate con particolari cautele, seguendo le indicazioni del produttore come previsto dal
libretto di istruzioni, che deve essere leggibile, quindi scritto in italiano e
presente sul posto.

Per le attività che utilizzano vasche idromassaggio di volume superiore a
10 m cubi 3 deve essere prevista e disponibile per i controlli una relazione illustrante il sistema presente nella vasca e le modalità utilizzate per la pulizia e disinfezione delle acque.

Si ricorda che
 devono essere presenti dispositivi di allarme, che segnalino la situazione di emergenza in luoghi presidiati, in particolare nelle saune, bagni
turchi, per attivare l’assistenza in caso di malore dell’utente;

DOCUMENTI NECESSARI AI FINI IGIENICO SANITARI PER LA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA’:

Ai fini della verifica del possesso dei requisiti igienico-sanitari e dei requisiti urbanistico - edilizi, alla SCIA devono essere allegati i seguenti documenti:

a) Planimetria quotata dei locali (scala non inferiore a 1:100), datata e firmata dal dichiarante o da un tecnico abilitato, contenente indicazione delle altezze, delle superfici dei singoli locali, destinazione d’uso e il layout dell’arredo e delle attrezzature e il loro indice di illuminoventilazione.

b) Relazione tecnico-descrittiva a firma del dichiarante sui locali, le specifiche attività svolte e descrizione della conduzione dell’attività (igiene del personale, pulizia e disinfezione dei locali, sanificazione della strumentazione), che risponda alle indicazioni contenute nelle presenti schede informative.

c) Elenco delle attrezzature utilizzate con indicazione della relativa marca e specifiche tecniche a firma del dichiarante; relativamente alle attività di estetica dovrà essere fatto espresso riferimento alle schede tecniche contenute nell'allegato della Legge 4.1.1990 n. 1



Se più imprese esercitano l'attività nell'ambito della medesima unità immobiliare, oltre ai documenti sopra elencati, devono essere allegati:
a) una scrittura privata sottoscritta tra le parti nella quale sono definite le rispettive responsabilità, sotto il profilo igienico- sanitario, relative all'uso
delle parti comuni e, eventualmente, delle attrezzature. Nel caso in cui non
siano distinti i diversi ambiti di responsabilità, tutte le imprese che esercitano nella medesima unità immobiliare sono ritenute solidalmente responsabili per le parti comuni e per le attrezzature utilizzate in comune. Ogni impresa è responsabile personalmente per le parti di sua pertinenza esclusiva. Tutto ciò che non è indicato in modo esplicito come di pertinenza esclusiva è da considerarsi parte comune.
b) il layout con l’indicazione precisa dei confini fra le due attività, delle parti comuni e degli spazi di pertinenza delle singole attività, nonché l’elenco delle rispettive attrezzature.


DOCUMENTAZIONE ULTERIORE DI CUI ESSERE IN POSSESSO AI FINI DELLE VERIFICHE IGIENICO-SANITARIE IN VIGILANZA:
 
a) Certificazioni di conformita’ e manuali d’uso delle apparecchiature;
b) Schede tecniche dei prodotti professionali utilizzati.

CAP.4 - CONDUZIONE DELL’ATTIVITÀ: IGIENE E SICUREZZA DEGLI UTENTI E DEL PERSONALE

Molto importante è l'igiene delle mani; in quanto le mani dell'operatore rappresentano un veicolo di trasmissione delle infezioni; il lavaggio delle mani
è quindi da considerare una delle procedure più importanti per la prevenzione delle malattie infettive.
Le mani devono sempre essere curate: le unghie devono essere corte e non

smaltate; durante il lavoro non vanno portati anelli, bracciali orologi; eventuali abrasioni o ferite presenti sulle mani vanno curate e sempre protette.

I diversi tipi di lavaggio delle mani sono:
- lavaggio semplice (o sociale): viene effettuato con normale sapone liquido, a cui segue un accurato risciacquo e asciugatura, con salviette di carta monouso; viene eseguito sempre all'inizio e al termine del turno di lavoro, ecc4
- lavaggio antisettico è utilizzato in seguito al contatto accidentale con sangue o altro materiale, dopo il lavaggio sociale; deve essere usato un prodotto specifico ( ad esempio a base di clorexidina, iodofori); le mani e i polsi vanno strofinati accuratamente per circa due minuti, poi sciacquate e asciugate con salviette di carta monouso. Le unghie vengono pulite con apposito spazzolino, disinfettato quotidianamente, immergendolo in una soluzione disinfettante. Può essere sostituito dal
frizionamento alcolico, più rapido, meno irritante e che non richiede asciugatura.
- Il personale deve indossare idonei indumenti di lavoro sempre puliti, che
vengono lavati separatamente da quelli personali con cicli di lavaggio a temperature elevate > di 60°C o additivi idonei (perborati, ipocloriti).
- Nel caso di utilizzo di prodotti chimici, come prodotti di pulizia e disinfezione, occorre ridurre l'esposizione mediante accorgimenti durante il lavoro e utilizzo
di “Dispositivi individuali di protezione” (DPI), che, accuratamente scelti,
indossati, tenuti e sostituiti, rappresentano un’importante misura di protezione
5.

Gestione di complicanze durante l’attività
In caso di ferita durante l’attività seguire le seguenti indicazioni:
a) lavare la ferita per 10 minuti con acqua e sapone;
b) Disinfettare (ad esempio con composti a base di cloro o di iodio, come amuchina o betadine)
c) Arrestare il sanguinamento premendo sopra la ferita una garza o una benda sterile;
d) Riporre le lame monouso contaminate nel contenitore per rifiuti taglienti, pulire e sterilizzare gli strumenti contaminati riutilizzabili;
e) Al termine lavarsi bene le mani.


sospette micosi, parassitosi, o altre lesioni cutanee, dopo aver consigliato nel rispetto della privacy all’utente di recarsi dal proprio medico, deve essere effettuata una pulizia e disinfezione delle attrezzature eventualmente utilizzate e delle mani con un lavaggio antisettico.





4 Il lavaggio semplice va eseguito: quando le mani sono chiaramente sporche, dopo l'uso dei servizi igienici, dopo i colpi di tosse, gli starnuti, dopo essersi soffiato il naso, prima e dopo il consumo di alimenti, prima di fumare e dopo aver fumato, all'inizio e al termine del turno di lavoro,prima di indossare i guanti e dopo esserseli tolti, immediatamente dopo il contatto accidentale con sangue o ferite del cliente.
5 In alcuni casi possono essere utilizzati anche prodotti barriera: si tratta di schiume da stendere sulla pelle delle mani, che possono essere utili quando si voglia proteggere le proprie mani da germi o da altre sostanze chimiche senza essere costretti ad
indossare i guanti.

Per la sicurezza degli utenti connessa all’uso di lampade abbronzanti è necessario fare riferimento alla scheda tecnico informativa n. 7
allegata al DM 12 maggio 2011, n. 110

CAP.5 - CONDUZIONE DELL’ATTIVITÀ: PULIZIA E DISINFEZIONE DEI LOCALI

L’attività deve essere svolta in locali mantenuti in ottimali condizioni di igiene e pulizia.
Il trattamento delle superfici ambientali e degli arredi deve basarsi essenzialmente sulla detersione, che è in grado di rimuovere con una semplice
azione meccanica più dell’80% dei microbi presenti.
L’utilizzo aggiuntivo dei disinfettanti è raccomandato nella decontaminazione delle superfici imbrattate da materiale biologico.
Quando vengono utilizzati i disinfettanti, questi devono essere conformi alla normativa in materia e vanno utilizzati seguendo le indicazioni dei fornitori.

Le operazioni per la pulizia possono essere effettuate nei seguenti modi:

Pulizia giornaliera dei locali. dei servizi igienici, degli arredi :
spazzatura ad umido dei pavimenti o utilizzo di aspirapolvere e lavaggio dei pavimenti con acqua tiepida e detergente;
i servizi igienici devono essere puliti almeno una volta al giorno ed ogni volta
se ne presenti la necessità; il materiale ( stracci, spugne, ecc...) utilizzato per la pulizia dei servizi igienici non deve essere impiegato per la pulizia di altri locali; dopo l'uso questo materiale deve essere lavato, risciacquato disinfettato (ad es. con la candeggina, in diluizione 1:4), quindi ancora sciacquato, strizzato e lasciato asciugare;
i pavimenti, dopo essere stati spazzati, devono essere lavati con una soluzione detergente-disinfettante e quindi sciacquati; i lavelli, i bidet, le docce, le
vasche e i water devono essere lavati con soluzione detergente- disinfettante e
sciacquati abbondantemente,
la polvere deve essere asportata con uno straccio inumidito di soluzione detergente, successivamente la superficie deve essere sciacquata e possibilmente asciuga con un panno pulito;

N.B. è importante risciacquare gli stracci frequentemente e con cura, o utilizzare stracci monouso per evitare di diffondere lo sporco anziché asportarlo.



Pulizia settimanale dei locali:

pulizia dei vetri: si usano i comuni detergenti per vetri,
pulizia a fondo delle vasche e dei carrelli: vengono puliti e disinfettati, usando un detergente in grado di svolgere anche un'azione disinfettante (es. sali di ammonio quaternario).


N.B. particolare attenzione deve essere dedicata ai punti morti, come angoli, ruote, cardini, ecc., da pulire con cura, ad esempio utilizzando anche una spazzola,
disinfezione dei pavimenti e degli arredi: si alternano detergenti in grado di svolgere anche un'azione disinfettante (es. sali di ammonio quaternario) con
disinfettanti cloroderivati (come ipoclorito di sodio- varechina).

CAP.6 - CONDUZIONE DELL’ATTIVITÀ: SANIFICAZIONE DELLA STRUMENTAZIONE

Disinfezione: intervento che tende ad eliminare o abbassare i microrganismi patogeni da un ambiente, un materiale, una superficie, per mezzo di agenti microbici di natura fisica o chimica. Non esistono disinfettanti validi per tutte le occasioni, ma la scelta va messa in relazione al livello di resistenza di ogni specie microbica, dall’efficacia del disinfettante e dalla sua stabilità nel tempo, dalla concentrazione, tempo di contatto e temperatura di azione, natura del substrato da disinfettare.
E’ sempre necessario far precedere la disinfezione da un’accurata pulizia preliminare.

Sterilizzazione: ogni intervento finalizzato a distruggere qualsiasi forma di vita presente in un ambiente o un materiale o alla sua superficie.

Gli strumenti e la biancheria di lavoro possono essere di tipo monouso e devono essere mantenuti in buone condizioni di pulizia.
La biancheria riutilizzabile deve essere lavata a temperatura elevata utilizzando additivi ad azione ossidante (es. perborati, ipocloriti.)
Gli strumenti taglienti che non siano monouso, quali forbici, pinze, tronchesi, ecc. che vengono a contatto con la pelle dei clienti, devono essere sostituiti e
sottoposti a pulizia, disinfezione e sterilizzazione, prima del successivo
utilizzo6.


Per la sterilizzazione o la disinfezione ad alto livello degli deve essere eseguita la seguente procedura:

a)Fasi comuni preliminari per entrambi i trattamenti:

Prima Fase: Immersione degli strumenti in soluzioni detergenti e disinfettanti (verificare la compatibilità dei materiali con il prodotto chimico che si utilizza) per almeno 30 minuti. Per ridurre il periodo di immersione a pochi minuti può essere utilizzato un apparecchio ad ultrasuoni.


6
sufficiente siano puliti.

Seconda Fase: Lavaggio e spazzolatura degli strumenti in acqua corrente; Terza Fase: Sciacquatura finale in acqua corrente, asciugatura con salviette monouso e controllo visivo degli strumenti.
Nel compiere queste operazioni è buona norma indossare sempre guanti di protezione in gomma.

b)Sterilizzazione:
Quando la sterilizzazione viene eseguita in autoclave è preferibile che gli strumenti siano prima inseriti in apposite buste corredate di indicatori chimici della temperatura raggiunta mediante viraggio cromatico. Poiché tali buste vengono sigillate prima della loro collocazione sui vassoi porta oggetti della camera di sterilizzazione è possibile utilizzarle anche dopo la sterilizzazione come custodia degli strumenti, fino alla scadenza della validità delle condizioni di sterilità (dipende dai materiali e dai metodi di imbustamento utilizzati). Qualora non si intenda far ricorso alle buste, gli strumenti da sterilizzare dovranno essere collocati sui vassoi portaoggetti in modo che non abbiano contatto fra di loro ed a sterilizzazione avvenuta gli strumenti dovranno rimanere custoditi nell'apparecchio fino alla loro utilizzazione, oppure potranno essere trasferiti in appositi contenitori, sterili o disinfettati ad alto livello (anche espositori con lampade germicide a raggi ultravioletti), avendo cura di rimuovere gli strumenti dall'apparecchio sterilizzatore con l'ausilio di guanti sterili o di pinze sterili o disinfettate ad alto livello.
Anche quando non si usano le buste si raccomanda di collocare sul vassoio portaoggetti, prima della sterilizzazione, un indicatore chimico della temperatura raggiunta ed in entrambe le procedure si dovrà curare il controllo periodico del buon funzionamento delle apparecchiature di sterilizzazione mediante l'uso di appositi test biologici disponibili in commercio.

c)Disinfezione ad alto livello:
Gli strumenti sono immersi in soluzioni disinfettanti (ad esempio ipoclorito di sodio-candeggina, 1 parte di candeggina e 4 di acqua, o altri disinfettanti di
comprovata efficacia, verificando prima la compatibilità dei materiali con il
prodotto chimico che si intende utilizzare). Gli strumenti devono rimanere immersi nella soluzione per il periodo di tempo indicato dal produttore del disinfettante e
vengono poi estratti con pinze sterili o disinfettate ad alto livello, lavati in acqua sterile e asciugati con teli sterili. In attesa della successiva utilizzazione gli strumenti devono essere riposti in contenitori sterili o disinfettati ad alto livello; a tal fine possono essere utilizzati gli apparecchi espositori corredati di lampade germicide a raggi ultravioletti.

La disinfezione ad alto livello va eseguito solo sugli oggetti e strumenti che non possono essere sottoposti a sterilizzazione o a trattamenti con l’impiego di calore.


Quando è possibile si raccomanda sempre di preferire la sterilizzazione alla disinfezione ad alto livello.
Vi sono tre tipi di sterilizzatrici :

• autoclave: calore umido (ad esempio 126° C per 10 minuti );
• sterilizzatrice a secco 7: 180° C per 1 ora o 160° C per 2 ore;
• sterilizzatrice istantanea a cristalli di quarzo8 : di dimensioni più ridotte, agisce per mezzo dell'esposizione breve a T° elevatissime (240° C per 1
minuto);

N.B: Il metodo di sterilizzazione consigliato è quello al vapore caldo in autoclave.

Gli apparecchi a raggi ultravioletti non hanno effetto di sterilizzazione, hanno scarsa efficacia disinfettante, possono essere pertanto utilizzati solo per il mantenimento della disinfezione e per riporre e per conservare strumenti già sterilizzati con altre modalità


Smaltimento rifiuti:
deve essere previsto un contenitore per i rifiuti di materiale lavabile
Le lame, le lamette e altri strumenti taglienti, dopo il loro utilizzo, devono essere preventivamente posti in contenitori rigidi e resistenti alla puntura, chiusi e conferiti a ditta autorizzata allo smaltimento dei rifiuti speciali o conferiti direttamente all'impianto di destinazione (per quantitativi

SCARICA IL DOCUMENTO


Apparecchiatura elettromedicale decreto 110/2011


DVR DOCUMENTO VALUTAZIONE DEI RISCHI CENTRO ESTETICO E ABBRONZATURA


d.v.r standardizzato art.29 comma 5 + D.V.R art.28 D.lgs 81/2008 specifico per un Centro estetico e Abbronzatura

Richiedi il nostro servizio base online per la redazione del Documento valutazione dei rischi editabile in word con presente gia' al suo interno un analisi dei rischi specifici a questo settore ateco.
Richiedendo il servizio potrai accedere alla nostra area clienti e scaricare tutti i documenti editabili in word da rendere maggiormente attinenti alla vostra realta' aziendale.
Potrete scegliere se realizzare il vostro documento valutazione dei rischi mediante la procedura standardizzata prevista dall'art 29 comma 5 del decreto legislativo 81/2008 e successive modifiche ed integrazioni.
Potete scegliere se utilizzare il Dvr "classico" valido per tutte le aziende come previsto dall'art 28 del decreto legislativo 81/2008 e successive modifiche ed integrazioni..
Servizio di consulenza base online valida 12 mesi.

DVR CENTRO ESTETICO ED ABBRONZATURA

IL DVR CHE POSSIAMO FORNIRTI MEDIANTE IL SERVIZIO BASE DI CONSULENZA COMPRENDE GIA' UNA VALUTAZIONE DELLE PRINCIPALI ATTIVITA' E ATTREZZATURE PRESENTI IN UNA CENTRO ESTETICO ED ABBRONZATURA

NEL SERVIZIO "DVR BASE " E' COMPRESO, OLTRE AL MODELLO DI DOCUMENTO VALUTAZIONE DEI RISCHI CONFORME ALL'ART 28 D.lgs 81/2008 s.m.i. ,D.VR CON LE FASI E ATTREZZATURE, ANCHE IL MODELLO EDITABILE IN WORD PRECOMPILATO DI UN PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE E LA VALUTAZIONE IN EXCEL STRESS LAVORO CORRELATO CON METODO OGGETTIVO SECONDO IL METODO EX ISPESL-INAIL E UN MODELLO STANDARD DI D.U.V.R.I (DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI),OLTRE AL MODELLO DI DOCUMENTO VALUTAZIONE DEI RISCHI IN WORD REDATTO SECONDO LE RECENTI PROCEDURE STANDARDIZZATE CONFORME ALL'ART 29 comma 5 D.lgs 81/2008 s.m.i.

NEWS! ORA E' COMPRESO ANCHE IL NOSTRO APPLICATIVO IN EXCEL PER REDARRE IL D.V.R SECONDO LE PROCEDURE STANDARDIZZATE PREVISTE PER LE IMPRESE CON MENO DI 10 DIPENDENTI

FASI LAVORATIVE ANALIZZATE NEL DOCUMENTO VALUTAZIONE DEL RISCHIO:

RECEPTION – CENTRALINO
DIREZIONE E SEGRETERIA
MASSAGGI
TRATTAMENTI VISO
MANICURE E PEDICURE
DEPILAZIONE
ATTIVITA' DI CENTRO ABBRONZATURA
ATTIVITA' DI CENTRO SAUNA E BAGNO TURCO
MAGAZZINI E DEPOSITI
PULIZIA DEGLI AMBIENTI
PULIZIA SERVIZI IGIENICI E DOCCE



Dettagli...

Scopri cosa offre la nostra Newsletter professional


Iscriversi alla nostra Newsletter professional ti permettera' di ricevere le nostre News periodiche in materia di prevenzione e sicurezza sul lavoro e inoltre potrai accedere alla nostra area di condivisione gratuita riservata agli iscritti dove troverai tantissimo materiale utile alla gestione della tua sicurezza sul lavoro (ATTUALMENTE OLTRE DUE GIGABYTE DI MATERIALE).


Ma non solo! Pagherai l'iscrizione una volta sola e non ti verranno mai richiesti pagamenti per rinnovi annuali.
Fai un piccolo investimento che godrai negli anni avvenire.
Inoltre molto del materiale presente, oltre a quello liberamente fruibile e previsto da terze parti,e' realizzato e messo a disposizione dal Geometra Benni,da oltre venti anni nel settore prevenzione e sicurezza sul lavoro.

Dettagli...

Sicurezza in Excel

Fogli di calcolo utili alla gestione e valutazione della sicurezza sul lavoro realizzati in formato excel.

Dettagli

tutto dvr


AREA DI CONSULENZA ONLINE "TUTTO DVR"
Il servizio offerto prevede un canone in abbonamento per l'accesso all'area consulenza online D.V.R,nell'arco temporale di 12 mesi dove poter scaricare i modelli di Documenti valutazione dei rischi che metteremo a disposizione.
Non è previsto, al termine dei 12 mesi, alcun rinnovo automatico del servizio

AD OGGI SONO PRESENTI 98 D.V.R IN WORD ART.28 !! + 82 D.V.R IN WORD PROCEDURE STANDARDIZZATE ART.29 COMMA 5

Dettagli...

movarisch
in Excel

Foglio di Calcolo in Excel per valutare il rischio chimico per la sicurezza mediante metodologia MoVaRisCh
Dettagli

POS+PIMUS+DVR+PSC+PSS

UNA CONSULENZA COMPLETA PER IL SETTORE EDILE CHE VI SEMPLIFICHERA' LA VOSTRA GESTIONE DELLA SICUREZZA IN AZIENDA E NEI CANTIERI.

POS+PIMUS+DUVRI+PSC+FASCICOLO+DVR EDILIZIA TUTTO IN WORD IN UN UNICA RACCOLTA

Tutto edilizia comprende il Dvr settore edile, il Pos, il psc, Il Fascicolo, Il Duvri, il Pss e il Pimus ad un prezzo che ti permette un risparmio del 50% sulla richiesta di ogni singolo "pacchetto" richiesto singolarmente.

Sono compresi a titolo di consulenza anche eventuali aggiornamenti sulla documentazione richiesta che sarà a vostra disposizione online per 12 MESI .

Dettagli...