MODELLI DI DICHIARAZIONE DI CONFORMITA' IMPIANTI ELETTRICI

La dichiarazione di conformità dovrà corredata di progetto.

A partire dal 28 luglio, data di entrata in vigore del Decreto 19 maggio 2010 "Modifica degli allegati al decreto 22 gennaio 2008, n. 37" (in G.U. del 13 luglio), le dichiarazioni di conformità degli impianti redatte dalle imprese installatrici e dagli uffici tecnici interni di imprese non installatrici dovranno essere rilasciate su un nuovo modulo. Infatti il decreto summenzionato ha sostituito integralmente i modelli di dichiarazione di conformita` allegati al DM n. 37/08, aggiungendo nella sezione "allegati obbligatori" l`attestazione di conformità per impianto realizzato con materiali o sistemi non normalizzati.

Pertanto se nell`impianto sono incorporati prodotti o sistemi legittimamente utilizzati, per il medesimo impiego, in un altro stato UE o facente parte dell`Accordo sullo Spazio Economico europeo, la dichiarazione di conformità dovrà sempre essere corredata con il progetto redatto e sottoscritto da un ingegnere, il quale deve attestare di aver eseguito l'analisi dei rischi connessi con l`impiego del prodotto o sistema sostitutivo, di aver prescritto e fatto adottare gli accorgimenti necessari per raggiungere idonei livelli di sicurezza e, infine, di aver sorvegliato la corretta esecuzione delle fasi di installazione dell`impianto, nel rispetto di eventuali disciplinati tecnici predisposti dal fabbricante del sistema o del prodotto.


Tratto da Ance 
Pubblicato oggi in Gazzetta Ufficiale (n. 161 del 13/7/10) il Decreto 19/5/10 "Modifica degli allegati al decreto 22 gennaio 2008, n. 37, concernente il regolamento in materia di attività di installazione degli impianti all'interno degli edifici".
Il decreto modifica i moduli per il rilascio della dichiarazione di conformità da parte delle imprese installatrici e uffici tecnici interni di imprese non installatrici.
A partire dal 28 di questo mese, data di entrata in vigore del decreto, si dovranno rilasciare le dichiarazioni di conformità sul nuovo modulo. Di seguito il testo del decreto. In fondo i nuovi moduli in free download. DECRETO 19 maggio 2010
Modifica degli allegati al decreto 22 gennaio 2008, n. 37, concernente il regolamento in materia di attività di installazione degli impianti all'interno degli edifici.
IL DIRETTORE GENERALE
per il mercato, la concorrenza, il consumatore, la vigilanza e la normativa tecnica
Visto il decreto ministeriale 22 gennaio 2008, n. 37, relativo al: Regolamento concernente l'attuazione dell'art. 11-quaterdecies, comma 13, lettera a) della legge n. 248 del 2 dicembre 2005, recante riordino delle disposizioni in materia di attivita' di installazione degli impianti all'interno degli edifici, ed in particolare l'art. 7, comma 5, secondo cui "il contenuto dei modelli di cui agli allegati I e II puo' essere modificato o integrato con decreto ministeriale per esigenze di aggiornamento di natura tecnica", nonche' l'art. 8, concernente gli obblighi del committente e del proprietario;
Visto l'art. 15, comma 6 e comma 7, della direttiva 2006/123/CE relativa ai servizi nel mercato interno, che prevede adempimenti a carico degli Stati membri che adottano misure che subordinano l'accesso ad un'attivita' di servizi o il suo esercizio al rispetto di requisiti non discriminatori;
Visto il Regolamento (CE) n. 764/2008 del 9 luglio 2008, che stabilisce procedure relative all'applicazione di determinate regole tecniche nazionali a prodotti legalmente commercializzati in un altro Stato membro e che abroga la decisione n. 3052/95/CE;
Preso atto dei rilievi e delle raccomandazioni formulati dai Servizi della Commissione nel corso della consultazione svolta per dirimere le controversie di cui alle procedure di infrazione aperte nei confronti dell'Italia, n. 2002/5058/IT - Ostacoli all'uso di raccordi in rame a pressare destinati a impianti domestici a gas e n. 2006/4377/IT - Ostacoli all'uso di sistemi di condutture in polietilene multistrato destinati a impianti domestici a gas, entrambe chiuse con decisione della Commissione del 18 settembre 2008 e ritenuto di dover apportare conseguenti modifiche agli allegati I e II del decreto ministeriale n. 37 del 2008;
Data preventiva comunicazione al Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare della bozza del presente provvedimento con nota n. 110762 del 1° dicembre 2009 e preso atto che il predetto Ministero non ha formulato alcuna osservazione in merito;
Esperita la procedura di informazione ai sensi della legge 21 giugno 1986, n. 317, modificata da ultimo con decreto legislativo 23 novembre 2000, n. 427, recante attuazione della direttiva 98/34/CE modificata dalla direttiva 98/48/CE;
Decreta:
Art. 1 Contenuto della dichiarazione di conformità degli impianti
1. Il contenuto dei modelli di cui agli allegati I e II al decreto 22 gennaio 2008, n. 37, relativo al: Regolamento concernente l'attuazione dell'art. 11-quaterdecies, comma 13, lettera a) della legge n. 248 del 2 dicembre 2005, recante riordino delle disposizioni in materia di attività di installazione degli impianti all'interno degli edifici, e' integralmente sostituito dagli allegati I e II al presente decreto.
Il presente decreto sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. Roma, 19 maggio 2010 Il direttore generale: Vecchio Registrato alla Corte dei conti il 9 giugno 2010 Ufficio di controllo atti Ministeri delle attività produttive, registro n. 3, foglio n. 111
Fonte: Gazzetta Ufficiale
Allegato I
(di cui all’articolo 7)
DICHIARAZIONE DI CONFORMITA’ DELL’IMPIANTO ALLA REGOLA DELL’ARTE
Il sottoscritto ...............……....................................................................................................................………….....
titolare o legale rappresentante dell’impresa (ragione sociale) .............................................................………..........
operante nel settore .................................................................... con sede in via ......................................…..…......
............................ n. .................. comune ....................................... (prov. ............................) tel. ............………......
part. IVA .........................................................……
iscritta nel registro delle imprese (d.P.R. 7/12/1995, n. 581)
della Camera C.I.A.A. di ............................................................................................. n. ...............................……….
iscritta all’albo Provinciale delle imprese artigiane (l. 8/8/1985, n. 443) di .....................………......... n. ...............
esecutrice dell’impianto (descrizione schematica) .................................……..................................……….................
..............................................................................................................................................................………...........
inteso come: nuovo impianto trasformazione ampliamento manutenzione straordinaria
altro (1)..............................................................………………………………………………………………….……….
Nota - Per gli impianti a gas specificare il tipo di gas distribuito: canalizzato della 1a - 2a - 3a famiglia; GPL da recipienti mobili; GPL da serbatoio
fisso. Per gli impianti elettrici specificare la potenza massima impegnabile.
commissionato da: ........................................................................................... installato nei locali siti nel comune di
.................................... (prov. ...................) via ................................................................. n. ................ scala ..........
piano .......... interno ............ di proprietà di (nome, cognome o ragione sociale e indirizzo) ......................……........
....................................................................................................................................................................................
in edificio adibito ad uso: industriale civile commercio altri usi;
DICHIARA
sotto la propria personale responsabilità, che l’impianto è stato realizzato in modo conforme alla regola dell’arte,
secondo quanto previsto dall’art. 6, tenuto conto delle condizioni di esercizio e degli usi a cui è destinato l’edificio,
avendo in particolare:
rispettato il progetto redatto ai sensi dell’art. 5 da (2) ……………………………………………………………..……;
seguito la norma tecnica applicabile all’impiego (3) .............................................................................…..............;
..................................................................................................................................................................................;
installato componenti e materiali adatti al luogo di installazione (artt. 5 e 6);
controllato l’impianto ai fini della sicurezza e della funzionalità con esito positivo, avendo eseguito le verifiche
richieste dalle norme e dalle disposizioni di legge.
Allegati obbligatori:
progetto ai sensi degli articoli 5 e 7 (4);
relazione con tipologie dei materiali utilizzati (5);
schema di impianto realizzato (6);
riferimento a dichiarazioni di conformità precedenti o parziali, già esistenti (7);
copia del certificato di riconoscimento dei requisiti tecnico-professionali.
attestazione di conformità per impianto realizzato con materiali o sistemi non normalizzati (8)
Allegati facoltativi (9):
.......................................................................
.......................................................................
DECLINA
ogni responsabilità per sinistri a persone o a cose derivanti da manomissione dell’impianto da parte di terzi ovvero
da carenze di manutenzione o riparazione.
Il responsabile tecnico Il dichiarante
data ..................................... ………………………………. ....................................................
(timbro e firma) (timbro e firma)
AVVERTENZE PER IL COMMITTENTE: responsabilità del committente o del proprietario, art. 8 (10)
Legenda:
1) Come esempio nel caso di impianti a gas, con “altro” si può intendere la sostituzione di un apparecchio
installato in modo fisso.
2) Indicare: nome, cognome, qualifica e, quando ne ricorra l’obbligo ai sensi dell’articolo 5, comma 2, estremi di
iscrizione nel relativo Albo professionale, del tecnico che ha redatto il progetto.
3) Citare la o le norme tecniche e di legge, distinguendo tra quelle riferite alla progettazione, all’esecuzione e alle
verifiche.
4) Qualora l’impianto eseguito su progetto sia variato in opera, il progetto presentato alla fine dei lavori deve
comprendere le varianti realizzate in corso d’opera.
Fa parte del progetto la citazione della pratica prevenzione incendi (ove richiesta).
5) La relazione deve contenere, per i prodotti soggetti a norme, la dichiarazione di rispondenza alle stesse
completata, ove esistente, con riferimenti a marchi, certificati di prova, ecc. rilasciati da istituti autorizzati.
Per gli altri prodotti (da elencare) il firmatario deve dichiarare che trattasi di materiali, prodotti e componenti
conformi a quanto previsto dagli articoli 5 e 6. La relazione deve dichiarare l’idoneità rispetto all’ambiente di
installazione.
Quando rilevante ai fini del buon funzionamento dell’impianto, si devono fornire indicazioni sul numero e
caratteristiche degli apparecchi installati od installabili (ad esempio per il gas: 1) numero, tipo e potenza degli
apparecchi; 2) caratteristiche dei componenti il sistema di ventilazione dei locali; 3) caratteristiche del sistema di
scarico dei prodotti della combustione: 4) indicazioni sul collegamento elettrico degli apparecchi, ove previsto).
6) Per schema dell’impianto realizzato si intende la descrizione dell’opera come eseguita (si fa semplice rinvio al
progetto quando questo è stato redatto da un professionista abilitato e non sono state apportate varianti in
corso d’opera).
Nel caso di trasformazione, ampliamento e manutenzione straordinaria, l’intervento deve essere inquadrato, se
possibile, nello schema dell’impianto preesistente.
Lo schema citerà la pratica prevenzione incendi (ove richiesto).
7) I riferimenti sono costituiti dal nome dell’impresa esecutrice e dalla data della dichiarazione.
Per gli impianti o parti di impianti costruiti prima dell’entrata in vigore del presente decreto, il riferimento a
dichiarazioni di conformità può essere sostituito dal rinvio a dichiarazioni di rispondenza (art. 7, comma 6).
Nel caso in cui parti dell’impianto siano predisposte da altra impresa (ad esempio ventilazione e scarico fumi
negli impianti a gas), la dichiarazione deve riportare gli analoghi riferimenti per dette parti.
8) Se nell’impianto risultano incorporati dei prodotti o sistemi legittimamente utilizzati per il medesimo impiego in
un altro Stato membro dell’Unione europea o che sia parte contraente dell’Accordo sullo Spazio economico
europeo, per i quali non esistono norme tecniche di prodotto o di installazione, la dichiarazione di conformità
deve essere sempre corredata con il progetto redatto e sottoscritto da un ingegnere iscritto all’albo
professionale secondo la specifica competenza tecnica richiesta, che attesta di avere eseguito l’analisi dei rischi
connessi con l’impiego del prodotto o sistema sostitutivo, di avere prescritto e fatto adottare tutti gli accorgimenti
necessari per raggiungere livelli di sicurezza equivalenti a quelli garantiti dagli impianti eseguiti secondo la
regola dell’arte e di avere sorvegliato la corretta esecuzione delle fasi di installazione dell’impianto nel rispetto di
tutti gli eventuali disciplinari tecnici predisposti dal fabbricante del sistema o del prodotto.
9) Esempio: eventuali certificati dei risultati delle verifiche eseguite sull’impianto prima della messa in esercizio o
trattamenti per pulizia, disinfezione, ecc.
10) Al termine dei lavori l’impresa installatrice è tenuta a rilasciare al committente la dichiarazione di conformità
degli impianti nel rispetto delle norme di cui all’art. 7.
Il committente o il proprietario è tenuto ad affidare i lavori di installazione, di trasformazione, di ampliamento e di
manutenzione degli impianti di cui all’art. 1 ad imprese abilitate ai sensi dell’art. 3.
 
13-7-2010 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 161
Allegato II
(di cui all’articolo 7)
DICHIARAZIONE DI CONFORMITA’ DELL’IMPIANTO ALLA REGOLA DELL’ARTE
Fac-simile ad uso degli uffici tecnici interni di imprese non installatrici
Il sottoscritto ...............……....................................................................................................................…………......
qualifica …………………………………………………………………………………………………………………………..
responsabile dell’Ufficio tecnico interno dell’impresa non installatrice (ragione sociale) ……………………………….
.............................................................………............................................................................................................
operante nel settore .................................................................... con sede in via ......................................…..…......
............................ n. .................. comune ....................................... (prov. ............................) tel. ............………......
fax ............................................. E-mail box ………………………………@..................................................
esecutrice dell’impianto (descrizione schematica) .................................……..................................……….................
..............................................................................................................................................................………...........
inteso come: nuovo impianto trasformazione ampliamento manutenzione straordinaria
altro (1) ..........................................................………………………………………………………………….……….
Nota - Per gli impianti a gas specificare il tipo di gas distribuito: canalizzato della 1a - 2a - 3a famiglia; GPL da recipienti mobili; GPL da serbatoio
fisso. Per gli impianti elettrici specificare la potenza massima impegnabile.
installato nei locali siti nel comune di ............................................................................. (prov. ................................)
via ....................................................................................... n. ................ scala .......... piano .......... interno ............
di proprietà di (nome, cognome o ragione sociale e indirizzo) ......................…….....................................................
....................................................................................................................................................................................
in edificio adibito dall’impresa non installatrice ad uso: industriale civile commerciale altri usi;
DICHIARA
sotto la propria personale responsabilità, che l’impianto è stato realizzato in modo conforme alla regola dell’arte,
secondo quanto previsto dall’art. 6, tenuto conto delle condizioni di esercizio e degli usi a cui è destinato l’edificio,
avendo in particolare:
rispettato il progetto redatto ai sensi dell’art. 5 da (2) …………………………………………………………………..;
seguito la norma tecnica applicabile all’impiego (3) .............................................................................……...........
....................................................................................................................................................................................
installato componenti e materiali adatti al luogo di installazione (artt. 5 e 6);
controllato l’impianto ai fini della sicurezza e della funzionalità con esito positivo, avendo eseguito le verifiche
richieste dalle norme e dalle disposizioni di legge.
Allegati obbligatori:
progetto ai sensi degli articoli 5 e 7 (4);
relazione con tipologie dei materiali utilizzati (5);
schema di impianto realizzato (6);
riferimento a dichiarazioni di conformità precedenti o parziali, già esistenti (7);
attestazione di conformità per impianto realizzato con materiali o sistemi non normalizzati (8)
Allegati facoltativi (9):
.......................................................................
.......................................................................
DECLINA
ogni responsabilità per sinistri a persone o a cose derivanti da manomissione dell’impianto da parte di terzi ovvero
da carenze di manutenzione o riparazione.
Il dichiarante
data ..................................... ....................................................
(timbro e firma)
Il legale rappresentante dell’impresa
………………….....................................

 
Legenda:
1) Come esempio nel caso di impianti a gas, con “altro” si può intendere la sostituzione di un apparecchio
installato in modo fisso.
2) Indicare: nome, cognome, qualifica e, quando ne ricorra l’obbligo ai sensi dell’articolo 5, comma 2, estremi di
iscrizione nel relativo Albo professionale, del tecnico che ha redatto il progetto.
3) Citare la o le norme tecniche e di legge, distinguendo tra quelle riferite alla progettazione, all’esecuzione e alle
verifiche.
4) Qualora l’impianto eseguito su progetto sia variato in opera, il progetto presentato alla fine dei lavori deve
comprendere le varianti realizzate in corso d’opera.
Fa parte del progetto la citazione della pratica prevenzione incendi (ove richiesta).
5) La relazione deve contenere, per i prodotti soggetti a norme, la dichiarazione di rispondenza alle stesse
completata, ove esistente, con riferimenti a marchi, certificati di prova, ecc. rilasciati da istituti autorizzati.
Per gli altri prodotti (da elencare) il firmatario deve dichiarare che trattasi di materiali, prodotti e componenti
conformi a quanto previsto dagli articoli 5 e 6. La relazione deve dichiarare l’idoneità rispetto all’ambiente di
installazione.
Quando rilevante ai fini del buon funzionamento dell’impianto, si devono fornire indicazioni sul numero e
caratteristiche degli apparecchi installati od installabili (ad esempio per il gas: 1) numero, tipo e potenza degli
apparecchi; 2) caratteristiche dei componenti il sistema di ventilazione dei locali; 3) caratteristiche del sistema di
scarico dei prodotti della combustione: 4) indicazioni sul collegamento elettrico degli apparecchi, ove previsto).
6) Per schema dell’impianto realizzato si intende la descrizione dell’opera come eseguita (si fa semplice rinvio al
progetto quando questo è stato redatto da un professionista abilitato e non sono state apportate varianti in
corso d’opera).
Nel caso di trasformazione, ampliamento e manutenzione straordinaria, l’intervento deve essere inquadrato, se
possibile, nello schema dell’impianto preesistente.
Lo schema citerà la pratica prevenzione incendi (ove richiesto).
7) I riferimenti sono costituiti dal nome dell’impresa esecutrice e dalla data della dichiarazione.
Per gli impianti o parti di impianti costruiti prima dell’entrata in vigore del presente decreto, il riferimento a
dichiarazioni di conformità può essere sostituito dal rinvio a dichiarazioni di rispondenza (art. 7, comma 6).
Nel caso in cui parti dell’impianto siano predisposte da altra impresa (ad esempio ventilazione e scarico fumi
negli impianti a gas), la dichiarazione deve riportare gli analoghi riferimenti per dette parti.
8) Se nell’impianto risultano incorporati dei prodotti o sistemi legittimamente utilizzati per il medesimo impiego in
un altro Stato membro dell’Unione europea o che sia parte contraente dell’Accordo sullo Spazio economico
europeo, per i quali non esistono norme tecniche di prodotto o di installazione, la dichiarazione di conformità
deve essere sempre corredata con il progetto redatto e sottoscritto da un ingegnere iscritto all’albo
professionale secondo la specifica competenza tecnica richiesta, che attesta di avere eseguito l’analisi dei rischi
connessi con l’impiego del prodotto o sistema sostitutivo, di avere prescritto e fatto adottare tutti gli accorgimenti
necessari per raggiungere livelli di sicurezza equivalenti a quelli garantiti dagli impianti eseguiti secondo la
regola dell’arte e di avere sorvegliato la corretta esecuzione delle fasi di installazione dell’impianto nel rispetto di
tutti gli eventuali disciplinari tecnici predisposti dal fabbricante del sistema o del prodotto.
9) Esempio: eventuali certificati dei risultati delle verifiche eseguite sull’impianto prima della messa in esercizio o
trattamenti per pulizia, disinfezione, ecc.



POTETE SCARICARE I FILE:


Allegato I   -    Legenda


Allegato II    -    Legenda


DVR DOCUMENTO VALUTAZIONE DEI RISCHI ELETTRICISTI, ANTENNISTI E FOTOVOLTAICO

dvr elettricista


d.v.r standardizzato art.29 comma 5 + D.V.R art.28 D.lgs 81/2008 specifico per un elettricisti, antennisti e Fotovoltaico.

Richiedi il nostro servizio base online per la redazione del Documento valutazione dei rischi editabile in word con presente gia' al suo interno un analisi dei rischi specifici a questo settore ateco.
Richiedendo il servizio potrai accedere alla nostra area clienti e scaricare tutti i documenti editabili in word da rendere maggiormente attinenti alla vostra realta' aziendale.
Potrete scegliere se realizzare il vostro documento valutazione dei rischi mediante la procedura standardizzata prevista dall'art 29 comma 5 del decreto legislativo 81/2008 e successive modifiche ed integrazioni.
Potete scegliere se utilizzare il Dvr "classico" valido per tutte le aziende come previsto dall'art 28 del decreto legislativo 81/2008 e successive modifiche ed integrazioni..
Servizio di consulenza base online valida 12 mesi.

DVR ELETTRICISTA

IL DVR CHE POSSIAMO FORNIRTI MEDIANTE IL SERVIZIO BASE DI CONSULENZA COMPRENDE GIA' UNA VALUTAZIONE DELLE PRINCIPALI ATTIVITA' E ATTREZZATURE PRESENTI IN ATTIVITA' SU IMPIANTI ELETTRICI E TELEVISIVI

NEL SERVIZIO "DVR BASE " E' COMPRESO, OLTRE AL MODELLO DI DOCUMENTO VALUTAZIONE DEI RISCHI CONFORME ALL'ART 28 D.lgs 81/2008 s.m.i. ,D.VR CON LE FASI E ATTREZZATURE, ANCHE IL MODELLO EDITABILE IN WORD PRECOMPILATO DI UN PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE E LA VALUTAZIONE IN EXCEL STRESS LAVORO CORRELATO CON METODO OGGETTIVO SECONDO IL METODO EX ISPESL-INAIL E UN MODELLO STANDARD DI D.U.V.R.I (DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI),OLTRE AL MODELLO DI DOCUMENTO VALUTAZIONE DEI RISCHI IN WORD REDATTO SECONDO LE RECENTI PROCEDURE STANDARDIZZATE CONFORME ALL'ART 29 comma 5 D.lgs 81/2008 s.m.i.

NEWS! ORA E' COMPRESO ANCHE IL NOSTRO APPLICATIVO IN EXCEL PER REDARRE IL D.V.R SECONDO LE PROCEDURE STANDARDIZZATE PREVISTE PER LE IMPRESE CON MENO DI 10 DIPENDENTI

FASI LAVORATIVE ANALIZZATE NEL DOCUMENTO VALUTAZIONE DEL RISCHIO:

LAVORO ESTERNO
LAVORAZIONI DI IMPIANTI ELETTRICI, DI ALLARME,RADIOTELEVISIVI E ELETTRONICI IN GENERE.
MANUTENZIONE, RIPARAZIONI ELETTRICHE ED ELETTRONICHE
REALIZZAZIONE GABBIA DI FARADAY
IMPIANTO PANNELLI FOTOVOLTAICI
REALIZZAZIONE E COLLEGAMENTO IMPIANTO ELETTRICO EDIFICI CIVILI
IMPIANTO VIDEOSORVEGLIANZA
IMPIANTO FONIA E DATI
IMPIANTO ANTINTRUSIONE
VERIFICA IMPIANTO ELETTRICO
IMPIANTO ELETTRICO INTERNO
IMPIANTO ELETTRICO ESTERNO
COLLAUDO IMPIANTI IDRICI
ALLACCIAMENTI ALLA RETE ELETTRICA
LAVORI SU LINEE IN TENSIONE
LAVORI SU QUADRI ELETTRICI
INSTALLAZIONE APPARECCHIATURE ELETTRICHE
INSTALLAZIONE ANTENNA CENTRALIZZATA
INSTALLAZIONE IMPIANTO SATELLITARE
LAVORI IN PRESENZA DI LINEE ELETTRICHE AEREE
REALIZZAZIONE E MANUTENZIONE IMPIANTI PUBBLICI
IMPIANTO ELETTRICO E DI TERRA DI CANTIERE
MANUTENZIONE E RIPARAZIONE IMPIANTI ED APPARECCHIATURE ELETTRICHE DI CANTIERE
MANUTENZIONE E RIPARAZIONE IMPIANTI ED APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE
REALIZZAZIONE E COLLEGAMENTO IMPIANTO ELETTRICO EDIFICI CIVILI
REALIZZAZIONE IMPIANTO ELETTRICO DI CANTIERE
VERIFICA IMPIANTO ELETTRICO IN EDIFICI CIVILI
VERIFICA IMPIANTO ELETTRICO DI CANTIERE
ASSEMBLAGGIO E POSA IN OPERA DI QUADRI ELETTRICI,DI RIFASAMENTO INDUSTRIALI
INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE DI CABINE DI TRASFORMAZIONE
INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE DI LINEE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE
INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE DI LINEE DI TRASMISSIONE DATI PER INFORMATICA,RETI TELEFONICHE E RADIOTELEFONICHE.

AMMINISTRAZIONE
LAVORI AL VIDEOTERMINALE
LAVORI DI UFFICIO
PULIZIA
RICEVIMENTO CLIENTI (RECEPTION – CENTRALINO)
MAGAZZINI E DEPOSITI
MOVIMENTAZIONE DELLE MERCI

Dettagli...

Raccolta Calcolo dei rischi specifici in excel e modello di Valutazione in Word.


Valutazioni In Excel Con Relazione Editabile In Word A Corredo:
Richiedendo questo specifico servizio potrai avere i seguenti fogli in excel e relativa relazione introduttiva su cui redarre la valutazione del rischio specifico:

VALUTAZIONE RISCHIO AMIANTO
VALUTAZIONE RISCHIO ATEX GAS
VALUTAZIONE RISCHIO ATEX POLVERI
VALUTAZIONE RISCHIO BIOLOGICO
VALUTAZIONE RISCHIO CANCEROGENO E MUTAGENO
VALUTAZIONE SEMPLIFICATA RISCHIO ELETTRICO
VALUTAZIONE RISCHIO CUTANEO RADIAZIONI SOLARI
VALUTAZIONE RISCHIO OCULARE RADIAZIONI SOLARI
?VALUTAZIONE RISCHIO ERGONOMICO
VALUTAZIONE RISCHIO RAPINA
VALUTAZIONE RISCHIO MICROCLIMA
VALUTAZIONE STRESS LAVORO CORRELATO
VALUTAZIONE RISCHIO POSTAZIONE VIDEOTERMINALI
VALUTAZIONE RISCHIO VIBRAZIONE CORPO INTERO
VALUTAZIONE RISCHIO CHIMICO PER LA SALUTE CON METODOLOGIA MOVARISCH
VALUTAZIONE RISCHIO CHIMICO COMBINATO (SALUTE E SICUREZZA)
RISCHIO AMIANTO IN EXCEL

IN OMAGGIO ( SOLO FOGLI DI LAVORO IN EXCEL):
P.O.S SEMPLIFICATO IN EXCEL
CALCOLO RISCHIO POSTURALE CON METODOLOGIA RULA IN EXCEL
SCHEDE FASI LAVORATIVE CREATOR IN EXCEL
VALUTAZIONE RISCHI IN PRESENZA DI AMIANTO MEDODOLOGIA VERSAR
RILEVAZIONE INFORTUNI E NEARMISS IN EXCEL
VALUTAZIONE DELLO STATO DI CONSERVAZIONE COPERTURE IN CEMENTO AMIANTO IN EXCEL
TESSERINI DIPENDENTI EDILI IN EXCEL
CRONOPROGRAMMA GANTT IN EXCEL
DVR STANDARDIZZATO IN EXCEL FATTURA CON DATABASE CLIENTI E ARTICOLI IN EXCEL (NORMALE+REGIME FORFETTARIO+RITENUTA ACCONTO)
GESTIONE CONSEGNA DPI AI DIPENDENTI CON STAMPA VERBALE DI CONSEGNA IN EXCEL
SCADENZIARIO PREVENZIONE E SICUREZZA AZIENDALE IN EXCEL
CALCOLO U.L.A IN EXCEL
VERIFICA CONTENUTI MINIMO CASSETTA P. SOCCORSO IN EXCEL
IN OMAGGIO (SOLO FILE IN WORD):
DATABASE MODELLI ATTESTATI FORMATIVI IN WORD (90 FORMAT DI ATTESTATI IN WORD)

Dettagli...

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ

Nella guida verrà analizzato come redigere correttamente la dichiarazione di conformità di un impianto elettrico, elettronico o di rilevazione incendi.

La dichiarazione di conformità è un documento con cui un impiantista certifica di aver realizzato “a regola d’arte” l’impianto che gli è stato commissionato.
Cosa si intende per regola d’arte? Domanda semplice, ovvia e scontata. Ma a volte in molti non sono in grado di dare una risposta univoca e puntuale. Per trovare la corretta definizione di “regola d’arte” dobbiamo richiamare la legge 186/68 che recita testualmente “le installazioni e gli impianti elettrici ed elettronici realizzati secondo le norme del Comitato Elettrotecnico Italiano (CEI) si considerano costruiti a regola d’arte”. Definizione analoga si ritrova all’articolo 6 del DM 37/08 “Gli impianti realizzati in conformità alla vigente normativa e alle norme dell'UNI, del CEI o di altri Enti di normalizzazione appartenenti agli Stati membri dell'Unione europea o che sono parti contraenti dell'accordo sullo spazio economico europeo, si considerano eseguiti secondo la regola dell'arte.”
Per cui, quando si dichiara che un impianto è costruito a regola d’arte, si sta asserendo che questo impianto è stato realizzando rispettando le relative norme CEI o garantendo un livello di sicurezza equivalente a quello prescritto dalle norme CEI.
Nota: dal punto di vista puramente pratico, dimostrare che il livello di sicurezza raggiunto è equivalente o superiore a quello ottenibile seguendo le prescrizioni delle norme CEI, pur non rispettandole, rappresenta decisamente un “argomento di lana caprina”.
L’obbligo di redigere la dichiarazione di conformità deriva dall’articolo 7 comma 1 del DM 37/08 che recita “Al termine dei lavori, previa effettuazione delle verifiche previste dalla normativa vigente, comprese quelle di funzionalità dell'impianto, l'impresa installatrice rilascia al committente la dichiarazione di conformità degli impianti realizzati … omissis …”
Nel seguito verrà analizzato come redigere correttamente la dichiarazione di conformità di un impianto elettrico, elettronico o di rilevazione incendi.

Guida realizzata da Voltimum Italia


1. La dichiarazione di conformità 
2. Modello ufficiale di dichiarazione di conformità .
1.1. I dati dell’installatore 
1.2. Descrizione dell’impianto oggetto di dichiarazione 
1.2.1. Nuovo impianto 
1.2.2. Trasformazione 
1.2.3. Ampliamento 
1.2.4. Manutenzione straordinaria 
1.2.5. ALTRO 
1.3. Committente ed edificio in cui è realizzata l’opera
1.4. Progettista dell’impianto 
1.5. Normativa tecnica applicabile 
1.6. Componenti idonei al luogo di installazione
1.7. Controllato l’impianto ai fini della sicurezza 
1.8. Allegati obbligatori 
1.8.1. Progetto
1.8.2. Relazione con tipologia dei materiali utilizzati 
1.8.3. Schema di impianto realizzato
1.8.4. Riferimento a dichiarazioni di conformità precedenti o parziali, già esistenti 
1.8.5. Copia del certificato di riconoscimento dei requisiti tecnico-professionali 
1.9. Allegati facoltativi
1.9.1. Documenti obbligatoriamente richiesti dal DM 37/08
1.9.2. Esclusione della presenza di ambienti ed impianti soggetti a normativa specifica
1.9.3. Valutazione del rischio di fulminazione dell’edificio 
1.9.4. Documentazione as built
1.9.5. Report delle verifiche effettuate
1.9.6. Documentazione fotografica 
1.10. Firma della dichiarazione 
3. Ricevuta della dichiarazione 
4. Numero di copie della dichiarazione di conformità 
5. Conservazione della dichiarazione di conformità da parte dell’installatore 

SCARICA LA GUIDA

Modelli di Di.Ri editabili in Pdf e Word


La dichiarazione di rispondenza è l’obbligatorietà, introdotta con il decreto ministeriale n. 37  del 22 gennaio del 2008, a presentare la certificazione di conformità allo stato dell’arte (in materia di sicurezza) di un impianto installato, sia elettrico che gas. Conosciuta anche come DiRi

Quando, per qualche motivo, il certificato di conformità non è disponibile (come nel caso di impianti antecedenti al 2008) deve essere richiesta la dichiarazione “sostitutiva” del documento. La Diri (Dichiarazione di Rispondenza) deve essere prodotta da un tecnico che abbia almeno 5 anni di esperienza o che l’azienda di impiantistica abbia almeno 5 anni di pratica. L’impianto verificato deve “rispondere” alle norme vigenti in materia (specificate nel decreto ministeriale 37/08).

La dichiarazione di rispondenza viene verificata con un sopralluogo e prove tecniche a carico dell’impianto installato o modificato, magari in seguito a dei lavori. Il tecnico o il professionista incaricato della certificazione deve monitorare lo stato di salute dell’impianto elettrico o gas ed assicurarsi che funzioni correttamente con prove di carico e stress di utilizzo. Solo alla fine di queste, può dichiarare la conformità dell’impianto e può produrre la DiRi.

Non ha sempre funzionato così, però. Legislativamente, con la legge 46/90, viene introdotto l’obbligo di fornire il progetto degli impianti elettrici e la dichiarazione di conformità. Successivamente, il DM 37/2008, di fatto annulla la legge precedente ed introduce la dichiarazione di rispondenza e conferma l’obbligatorietà del progetto all’atto dell’installazione di un impianto elettrico o di altra tipologia (gas, ad esempio).

Ci si ritrova, quindi, con differenti tipologie di documenti da presentare per avere tutte le carte in regola secondo lo stato dell’arte. Sono tre le tipologie di casistica che ci si ritrova a dover gestire:

gli impianti realizzati prima della dichiarazione di conformità (legge 46/90);
gli impianti realizzati dopo la dichiarazione di conformità e prima dell’approvazione del decreto che introduce la dichiarazione di rispondenza;
gli impianti appartenenti all’intervallo fra i due atti.

Ovviamente, la domanda sorge spontanea: come si certifica un impianto gas o elettrico legislativamente parlando, se ci sono così tanti casi differenti? Cerchiamo di fare un attimo ordine in questo caos con un semplice elenco:

per gli impianti realizzati prima del requisito di conformità (ovvero prima del 1990) non c’era alcun obbligo. Gli impianti devono semplicemente rispettare la realizzazione a regola d’arte, che prevede il rispetto delle Norme CEI. Non è prevista, quindi, una dichiarazione di conformità o rispondenza per impianti realizzati prima del 1990, né potrà essere fornito (o preteso) un progetto del lavoro realizzato;
per quanto riguarda gli impianti realizzati tra il 1990 ed il 2008 (tra la certificazione di conformità e quella di rispondenza) c’è l’obbligo di presentare il progetto dell’impianto e della dichiarazione della conformità dello stesso;
gli impianti realizzati dopo l’approvazione del decreto ministeriale 37/08 sia il progetto che la dichiarazione di rispondenza sono obbligatori per ogni impianto, indipendentemente dall’uso che se ne fa.

Modelli in pdf Editabile e word Per tutte le Tipologie di Impianto

Dichiarazione di rispondenza.pdf
Descrizione schematica impianto.pdf

Modelli in pdf Editabile e word di Verifica diversificato per Tipologie di Impianto

Relazione DI VERIFICA ELETTRICO.pdf
Relazione DI VERIFICA ANTENNE.pdf
Relazione DI VERIFICA IDRICO.pdf
Relazione DI VERIFICA GAS.pdf
Relazione DI VERIFICA ANTIFURTO ANTINCENDIO.pdf



Risorse Inserite sul Sito di Testo Unico Sicurezza dot Com

Ultimi Inserimenti sul sito:
modello  INL della Istanza di richiesta per la certificazione di contratti di appalto/subappalto in ambienti confinati
Lavoro agile. Legge 22 maggio 2017, n. 81
Obblighi del datore di lavoro in merito agli indumenti di lavoro dei dipendenti
Dall'alternanza scuola lavoro all'integrazione formativa
Esecuzione in sicurezza dei lavori in copertura 2017 Misure di prevenzione e protezione
Registro di esposizione ad agenti cancerogeni e mutageni
Manuale 2017 Uil Sull'amianto
elenco materiale aggiornato Suva Ch in Excel
Illustrazioni Tematiche Sicurezza in Edilizia
manuale e checklist Excel MMC SUVA 2017 rischi movimentazione carichi
I ruoli individuati dal T.U. n. 81/2008 e la delega di funzioni in edilizia
Aggiornamento Anas 2017 Listino prezzi di Riferimento
Lavoro in temperature "fredde" e rischi per la salute lavoratori
Seminario Luoghi con pericolo di esplosione
Applicativo Gratuito in Excel e Access agenti chimici pericolosi e agenti cancerogeni e mutageni
Calcolo Stress Lavoro correlato in excel con nuova metodologia Inail 2017
Disturbi muscolo-scheletrici e lavoro
Manuale Asseverazione Fsc Torino 2017
Impianti negli edifici, aggiornata la raccolta dei pareri del MiSE 2017
Indicazioni per la redazione di un documento di valutazione dei rischi in un’ottica di genere
Mini Workshop 2017 sui progetti del Setting Ambienti di Lavoro nel PRP
Controlli AIA. Conoscenza condivisa in un sistema unitario a rete
quaderno-arpae-sugli-indirizzi-del-sistema-nazionale-di-protezione-dellambiente-2017.html
Analisi dei dati MAL.PROF. con l’applicativo “MalprofStat”
Lavorare in salute e sicurezza a ogni età: ricerche e interventi organizzativi
come redigere correttamente la dichiarazione di conformità di un impianto elettrico
Sanzioni da applicare in caso di omessa sorveglianza sanitaria dei lavoratori.
I software gratuiti rischio biomeccanico  Ergonomic Risk Assessment
Aging in Excel
CheckList Ats Bergamo Verifica formazione
Test Excel verifica comprensione e conoscenza della lingua italiana nei percorsi formativi
Impresa familiare, obblighi INAIL
Tutela per studentesse e lavoratrici equiparate durante la gravidanza e la maternità
Prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio frantoio oleario
Lavoro subordinato anche senza continuità
SINP comunicazione infortunio di almeno 1 giorno
chiarimenti in relazione all’elezione del Rls
software gratuiti rischio biomeccanico  Ergonomic Risk Assessment
Sanzioni da applicare in caso di omessa sorveglianza sanitaria dei lavoratori.
la dichiarazione di conformità di un impianto elettrico
Guida agli Incendi di natura elettrica
Dal CNI le Linee guida 2017 per il coordinatore della sicurezza in fase di progettazione
CheckList Accessori di Sollevamento
sovraccarico biomeccanico degli arti superiori e delle posture di lavoro incongrue
Quiz per il conseguimento del certificato di formazione professionale ADR 2017
Disabilità e situazioni di emergenza
Guida sul tema della salute e della sicurezza per le Associazioni di volontariato
INAIL: Indagine sui modelli partecipativi aziendali e territoriali per la salute e la sicurezza
Nuovi valori limite di esposizione Agenti cancerogeni o mutageni sul lavoro
Guida europea per la prevenzione dei rischi a bordo dei piccoli pescherecci
salute e della sicurezza dei lavoratori nei settori dell’agricoltura,dell’allevamento
Atti gruppo tecnico interregionale per la salute e sicurezza 2017
INAIL:Apparecchi di sollevamento materiali di tipo fisso - Parte I
INAIL:Salute e sicurezza Impianti di climatizzazione
ANMA:Ergonomia e sicurezza sul lavoro per il futuro
INGENIO:Resistenza al fuoco di elementi strutturali in legno
INAIL:tutela della salute e sicurezza dei lavoratori agricoli nelle serre
Tabella Valore Minimo E Massimo Accellerazione Al Suolo Per Comune
adempimenti documentali in materia di scurezza ed igiene del lavoro, previsti nel D.Lgs. 81/08
L’alfabeto della sicurezza nelle scuole
Approvazione di norme tecniche di prevenzione incendi per le attivita' scolastiche
Mappa dei rischi nei comuni italiani
La protezione dalle scariche atmosferiche nell’ambito della prevenzione incendi
La tutela dal fumo passivo negli spazi confinati o aperti non regolamentati
Responsabilità sociale delle organizzazioni - Indirizzi applicativi alla UNI ISO 26000
Il Fascicolo Amianto
Vademecum 2017 Uil sul Il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza 
Accertamento Alcol e Tossicodipendenza
UNI EN ISO 7010:2017 segnali di sicurezza
Aggiornamento 2017 tabelle tipologiche denunce di malattia professionale iNAIL
INAIL:Sicurezza al passo coi tempi
Utilizzo in siCUrezza del Carrello elevatore
OT/24 2018 Riduzione premio inail in excel
Video per la formazione su malattia professionale e infortunio sul lavoro
Manuale quadri elettrici bassa tensione
sicurezza nella lavorazione del marmo 
Modulistica Pes Pav
Linea Guida Strutture di Protezione Trattori
Piano vigilanza sicurezza vendemmia 2017
Le linee elettriche aeree e interrate: rischi, precauzioni e procedure per i cantieri edili
Qualificazione impresa operante in Ambienti Confinati
Lavoro a turni e salute
Seminario Atmosfere esplosive, valutazione e gestione del rischio
Dal 1° luglio 2017 obbligo defibrillatori per le attività sportive non agonistiche
Pubblicazione della traduzione delle Questions & Answers europee sulla Direttiva 2012/18/UE – Seveso
nuovi voucher 2017 per il lavoro occasionale
Il Regolamento (CE) n. 1907/2006
Le Guide dell'ECHA
linee guida per la manutenzione Macchine
valutazione dei rischi nel comparto industrie estrattive
Sicurezza sul Lavoro all'interno dei Condomini
Tutorial Procedure Standardizzate DVR
Modello editabile  di Libretto personale di radioprotezione
Limiti di esposizione, livelli di azione e obbligo del registro degli esposti
consultabile sul PAF la nuova sessione FAQ rischio da esposizione a CEM
INAIL:Uso eccezionale di attrezzature di sollevamento materiali
Inquinamento Indoor
attenzione alla pelle delle mani Operatori del settore acconciatura
Modifiche 2017 alla normativa in materia di SCIA antincendio
Manuali GHP - buona prassi igienica
Cavi elettrici, dal 1° luglio 2017 obbligo del marchio CE
piano di controllo e manutenzione di un’attrezzatura
Schede  Infor.MO, Approfondimento delle dinamiche, dei fattori di rischio e delle cause
Una nuova versione di valutazione della sicurezza chimica dell'ECHA
CheckList Controllo ASL su Formazione e Attrezzature
materiali informativi in lingua per datori di lavoro e lavoratori Cinesi
Sicurezza Agricoltura e selvicoltura
Linee guida sterilizzazione ambito sanitario
Risposte adattative dei Vigili del Fuoco sottoposti a stress psico-fisico
INAIL:Opuscolo informativo per Lavoratori delle aziende di prima lavorazione del legno
Infortuni in itinere le responsabilità del datore di lavoro
ruolo del RLS Rischi psicosociali
Ambienti Confinati
Valutazione del rischio da ordigni bellici inesplosi
la manutenzione in ambiente ospedaliero
Installazioni fisse antincendio - Sistemi a estinguenti gassosi
direttiva macchine e regolamento prodotti da costruzione
direttiva macchine e regolamento prodotti da costruzione
Nuove regole antincendio 2017 per le autorimesse
Uso in sicurezza degli accessori di sollevamento magnetici
Rapporto sulla Salute e Sicurezza sul Lavoro
ridurre il numero di incidenti stradali di chi guida per lavoro
Video AAS5 Friuli Occidentale
quando è applicabile il DPR 177/2011
sicurezza delle scaffalature di un magazzino 
D.Lgs 81/2008 Aggiornato Maggio 2017
Ingegneria della Sicurezza Antincendio
Calcolo in excel del rischio sismico delle costruzioni secondo dm 7 marzo 2017
valutazione-dei-rischi-nelle-confezioni-e-pronto-moda.html
Sicurezza e agilità: quale tutela per lo smart worker?
Linee guida per la classificazione delle classi di rischio sismico
Ingegneria Sismica Strutture e Rischio Sismico 
Libretto uso manutenzione immobili
La salute e la sicurezza negli ambienti di studio e ricerca
meccanismi di esodo in caso di emergenza Nell’ambito della prevenzione incendi
INAIL:La contaminazione microbiologica delle superfici negli ambienti lavorativi
Analisi delle cause di rottura di materiali metallici
Contributo del sistema prevenzionistico aziendale all’attività del medico competente
patologie da movimentazione manuale dei carichi
INAIL: uso delle piattaforme di lavoro mobili in elevato nei cantieri temporanei o mobili
Piani di rimozione amianto 2017
differenza tra soggetto delegato e preposto e i residui obblighi datoriali
INAIL:esposizione ad amianto nel comparto rotabili ferroviari
La promozione della salute quando e dove si lavora (WHP)
La salute e la sicurezza sul luogo di lavoro sono affare di tutti
Slides 2017 moduli sicurezza per la formazione del volontariato di Protezione Civile
sistemi di comando delle macchine secondo le norme EN ISO 13849-1 e EN ISO 13849-2
ponteggi metallici fissi di facciata 2017
Prevenzione e gestione dei rischi psicosociali sul lavoro
La manutenzione dei veicoli metro ferroviari
verifiche Impianti elettrici nei locali medici
Riduzione del rischio nelle attività di scavo
Clima e salute un tema del presente e del futuro
introdotto limite a lungo termine per esposizione a Formaldeide
Linee di indirizzo per i lavoratori in autostrada
Manuale dell’Ente Bilanterale Nazionale del Turismo (EBNT)
disciplina dello stress lavoro-correlato per gli esercizi pubblici
Criteri di valutazione del rischio fotobiologico
le approvazioni di progetto degli impianti antincendio 
Sicurezza degli ascensori
Tabella dei contenuti e della durata dei corsi di formazione e aggiornamento in materia di sicurezza
Valutazione dei rischi e caratteristiche soggettive
Cosè la Riunione Periodica prevista all'art.35 del D.Lgs 81/08
Rischio cancerogeno, linee guida  2017 ULSS del Veneto
Responsabilità dell’ingegnere nell’esercizio di una professione
tutela della salute e sicurezza nel settore delle energie rinnovabili
Il metodo Niosh per la valutazione del rischio da movimentazione manuale dei carichi
Responsabilità civili e penali del R.S.P.P
Prestazioni professionali gratuite, il quadro normativo di riferimento
Corso di Radioprotezione e RadioBiologia
Linea guida Cnpi sul Fascicolo del fabbricato
Circolare Inps n. 2/2017 Unità produttiva
Valutazione rischio chimico e nuovi VLEP, la Direttiva europea 2017/164
checklist per il rischio chimico 
Linee guida per la classificazione del rischio sismico -Otto classi di Rischio Sismico, dalla A+ alla G
check list in excel con 160 punti di verifica sugli agenti chimici pericolosi e cancerogeni e mutageni.
Agenti chimici, quarto elenco valori indicativi esposizione professionale
Allergia da animali da laboratorio (LAA)
FAQ del Ministero sulla bonifica amianto negli edifici pubblici FAQ del Ministero
Il Rischio Biologico all’interno dei luoghi di lavoro dovuto ai microorganismi trasportati dall’aria
collana “Il sistema di sorveglianza Infor.MO degli infortuni mortali e gravi
Salute e sicurezza in agricoltura
Revisione 2017 Manuali Haccp
RFId (Radio-Frequency Identification) in applicazioni di sicurezza
Contenitori-distributori mobili carburanti liquidi 9000 lt
Linee di indirizzo Inail in merito alle malattie di origine professionale 
Algoritmo di valutazione del rischio biologico inail
Attività a rischio specifico: istruzioni operative di sicurezza Uni Padova
Salute e Sicurezza nella raccolta differenziata dei rifiuti
La Cartella Sanitaria e di Rischio del Lavoratore
Workshop nazionale  Piani della Prevenzione 
Focus Campi Elettromagnetici
FAQ uso in sicurezza PLE
Salute e sicurezza in ambito marittimo e portuale
I procedimenti Penali per i Tumori Professionali
patentino per l'acquisto e l'impiego dei prodotti fitosanitari
rischi presenti nei centri fitness e nei centri benessere
Prorogati i termini per l'abilitazione all'uso delle macchine agricole

Notizie prevenzione e sicurezza settore Edilizia:

Prezzario Regionale 2017 Friuli Venezia Giulia
Atti Seminario XVI Corso di aggiornamento ECM 
Regolamento recante la disciplina semplificata della gestione delle terre e rocce da scavo
Guida regione Toscana – Il rischio di temperature elevate nei cantieri edili
download dei moduli Modulistica edilizia unificata
Utilizzo come protezione collettiva in sommità
Faq Cantieri Edili
fattori di rischio e le misure preventive per il rischio cadute dall’alto
Palchi per spettacoli ed eventi similari - Leggi, norme e guide. Inail 2017
Come trattare i costi della manodopera e della sicurezza nella contabilità dei lavori pubblici
linee di indirizzo della Regione Lombardia per la sicurezza nei cantieri
L'uso delle piattaforme di lavoro mobili in elevato nei cantieri temporanei o mobili
Prezzari Oneri sicurezza Marche 2017 Excel
ponteggi metallici fissi di facciata
Riduzione rischio nelle attività di scavo
La responsabilità delle figure di cantiere previste dal D. Lgs. 81
Bonifica da ordigni Bellici
Corso Tecnica e Sicurezza dei Cantieri
La sicurezza nei cantieri temporanei o mobili e i contratti pubblici
parametri minimi di sicurezza da adottare per tutto il personale che opera lungo l’autostrada
Fornitura Calcestruzzo preconfezionato in cantiere
esempio di calcolo corrispettivo a base gara per l'affidamento dei contratti pubblici di servizi attinenti all'architettura e all'ingegneria
adempimenti connessi alla gestione della sicurezza tra operatori di gru interferenti.
DUVRI e PSC possono essere compresenti?
Il rischio da sovraccarico biomeccanico in edilizia
Verifiche periodiche delle attrezzature di sollevamento cose e persone
Lavori di costruzione vicino, dentro e sopra l'acqua
Decreto per il calcolo dei corrispettivi professionali
Informazioni importanti sull’Uso e sulla Manutenzione di Funi Metalliche 
soggetti delle stazioni appaltanti
Adempimenti relativi a DVR, DUVRI, PSC e POS
Quando il cantiere deve considerarsi concluso
Manuale per l’autista di autobetoniera e della centrale di betonaggio
Forme associative fra le imprese
Quaderni Sicurezza Cantiere 2016 Inail
Linea guida ATECAP-ANCE con le procedure di sicurezza per la fornitura del calcestruzzo in cantiere
Redazione del POS per la mera fornitura di calcestruzzo
Sicurezza lavori su fune
Le definizioni, la normativa, le autorizzazioni, la documentazione e il PIMUS
Terre e rocce da scavo, il nuovo testo unico
Gli oneri di sicurezza aziendali vanno sempre indicati
Il Ponteggio metallico nei cantieri temporanei e mobili
La gestione degli appalti Il ruolo del Coordinatore per la Sicurezza
Montaggio e manutenzione di impianti solari
Dispositivi di protezione individuale anticaduta
tutela dalle cadute dall'alto
Il progetto sicurezza in edilizia 
Utilizzo dpi 3 categoria per lavori in quota.
Linea guida per lo svolgimento dell'incarico di coordinatore per la sicurezza in fase di esecuzione
Lavori in quota e prevenzione cadute dall'alto
Procedure di controllo per Apparecchi di sollevamento materiali
rischio caduta dalle coperture
Realizzazione di un impianto solare termico su tetto a falde inclinate
Gestione delle opere provvisionali, di protezione (Ponteggi)
Uso delle forche di sollevamento in edilizia
procedure, le istruzioni operative e i moduli del Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro
Adempimenti a cui il datore di lavoro deve ottemperare per la gestione delle attrezzature classificate come SC e SP
Schede per la definizione di piani per i controlli di “apparecchi di sollevamento materiali di tipo trasferibile e relativi accessori di sollevamento
Schede per la definizione di piani per i controlli di “apparecchi di sollevamento materiali di tipo mobile e relativi accessori di sollevamento”
Recinzione di cantiere e protezione di terzi.
Psc Piano sicurezza e coordinamento
Trabattelli classificazione, manutenzione
Calcolo in excel compenso Csp Cse
Modelli Semplificati di Pos, Psc,Pss, Pss e Fascicolo dell'Opera
Guida pratica per lavorare sicuri in cantiere Lavoratori Autonomi
Delega Sicurezza al Capocantiere
Imbracatura di carichi 
Gli obblighi documentali di committenti, imprese e coordinatori
Check List Macchinari di Cantiere
Gru interferenti di proprietà di differenti imprese
Dal Cpt di Torino le schede macchinari e attrezzature e relative check list
Il Lavoratore autonomo in edilizia
Linee Guida Coordinatori sicurezza Cantieri
Uso della ple nei cantieri
Schede Sicurezza Edilizia in word
Risorse e servizi online offerti su Testo Unico Sicurezza dot com:

Tutte le news pubblicate dal 2010 ad oggi
Modelli in word di Documento Valutazione dei Rischi
Modelli in word di Documenti specifici per l'edilizia
Excel a supporto della sicurezza
Modello di Piano Emergenza ed evacuazione in word
Modelli di Duvri in word
Materiale didattico per la formazione
Tutto Excel, calcolo dei rischi specifici
Newsletter Professional
Testo unico sicurezza Aggiornato